Giorno: marzo 5, 2013

Buon compleanno “Riccetto” (5 marzo 2013)


lucio

Ieri il compleanno di Lucio Dalla, oggi un altro Lucio ne avrebbe compiuto  70 tondi, il cosidetto “Riccetto” ai suoi esordi,  per la sua folta  e particolare chioma riccia, Lucio Battisti.

Solare e socievole Lucio Dalla,  chiuso e tormentato e malinconico Lucio Battisti che dalla seconda metà degli anni ’70 in poi, fino alla morte, avvenuta il 9 settembre del 1998, a soli 55 anni,  è stato un dei più grandi e amati cantanti e la sua musica  è rimasta nella memoria collettiva del Paese, ispirando generazioni di cantautori venuti dopo di lui, da De Gregori a Ligabue, da Jose Feliciano a Gianna Nannini. Noto per la sua insofferenza verso il mezzo televisivo, divenne quasi un esiliato del palcoscenico, facendo parlare di sé solo attraverso le sue canzoni e i suoi dischi: invisibile e vincente, così nacque la leggenda…

Maria De Filippi non ci sta!


C_0_articolo_398196_listatakes_itemTake_1_immaginetake-thumb

Maria De Filippi non ci sta! Stanca delle critiche contro il suo programma Amici di Maria, ha deciso di controbattere dalle pagine di facebook, e prende lo spunto, cogliendo la palla al balzo, dalle dichiarazioni rilasciate al Corriere della Sera dal “professore” più famoso d’Italia, Roberto Vecchioni, che in risposta alle polemiche suscitate dalla sua presenza in qualità di insegnante ad Amici ha detto :

Per molti è stato uno scandalo pazzesco, per me un’occasione meravigliosa per dire ai ragazzi che la canzone viene da molto lontano, ha tutta una preistoria, una vita, una esistenza”. Tutto comincia con la mia decisione di andare a Sanremo nel 2011 e con l’idea che io non avevo niente a che fare lì. Ho capito che era una presunzione e una forma di alterigia pensare che alcune canzoni sono per pochi e altre per molti. Maria De Filippi è stata intelligente, mi ha fatto capire molte cose. Pensavo fosse tutto costruito ai fini della gara, credevo che questi programmi portassero i ragazzi solo a combattere per arrivare a una vittoria di Pirro. Invece non è così: c’è attenzione e preparazione. Poi è successo di tutto. “nsulti su Facebook, 600 messaggi: ma dove vai? Mi hanno mandato affan… quasi tutti. Poi almeno la metà, poco dopo, ha capito. Ho avuto coraggio e non sono per niente pentito”. “Se sono snob gli intellettuali? “E’ il pericolo più grave dell’intellettualismo. E’ una sconfitta dell’intelligenza”. “Amici di Maria è una possibilità per i ragazzi. De Filippi propone spettacolo, perché ci vuole anche quello, e un po’ di lotta, che mi pare una imitazione piuttosto consona della realtà“.

Sembrano lontani i tempi in cui Vecchioni criticava i talent,  ma in fondo, è  buona regola non sputtare nel piatto in cui si mangia.

Ma tanto basta, perchè la  De Filippi bacchetti  i “detrattori” con queste parole:

Il maestro Vecchioni è ad Amici da un po’ di tempo. Non mi sono espressa prima sulla sua partecipazione al programma perché in linea di massima non mi piace mettermi da sola le medaglie o dire cose tipo guardate che meraviglia le sue lezioni. Lo spio dai monitor, vedo i ragazzi commuoversi quando lui parla e io per prima scopro piano piano cosa vuol dire davvero scrivere una canzone.. La snoberia di cui parla Vecchioni appartiene sempre agli stessi. A chi non riesce ad avere successo e allora trova in quello che fa l’alibi della qualità. A chi si è costruito una piccola nicchia di persone che parlano sempre delle stesse cose, invitando sempre le stesse persone, così da dare l’immagine di una realtà che a loro piace ma che non è reale. A chi finge di scrivere per onestà intellettuale in continuazione articoli su argomenti che magari non gli interessano, ma lo fa cercando di convincerti che fa figo saperne. E poi però scopri che dietro a tutto questo ci sono solo interessi economici non dichiarati perché questo non fa certo parte dell’essere intellettuale. Grazie Maestro di esserci e di aver iniziato da qui questa piccola battaglia per me importante“.

Insomma tra le parole mielose di Vecchioni e la bacchetta di Maria,   i “detrattori” si saranno convinti della bontà e degli scopi filantropici del Programma a tutela della musica e della sua qualità?

Viste le  novità di quest’anno al serale di Amici, tra Miguel Bosè ed Emma Marrone direttori artistici, il reclutamento strategico di Gabry Ponte  in qualità di giudice super partes, l’amica Mara Venier  richiamata dalla Rai con l’offerta allettante di 50mila euro a puntata e l’immancabile Alessandra Amoroso, in un  ruolo ancora da definire… francamente non fanno ben sperare nella bontà dell’imparzialità del  giudizio finale,  e questo… nonostante le parole rassicuranti del “Professore”. Insomma ci sono buone probabilità che ancora una volta vinca il “preferito” di Maria.