Mese: gennaio 2014

Valerio Scanu con #Sui nostri passi va ospite da Maria De Filippi ad Amici per presentare il nuovo album #Lasciami Entrare.


Un nuovo percorso per me che riparte da dove tutto è cominciato, vi aspetto sabato alle 14.10 su Canale 5 #AMICILASCIAMIENTRARE

Valerio Scanu  che recentemente  abbiamo rivisto in televisione dopo un lungo periodo di assenza  a L’Arena ospite di Massimo Giletti e a La Vita in Diretta ospite di Paola Perego  impegnato in dibattiti e polemiche sulle ragioni che l’hanno portato a “distaccarsi” dalla sua casa discografica e a scegliere la strada dell’autoproduzione, forse più difficile, ma è certo, di maggior soddisfazione, in piena campagna promozionale del suo nuovo disco “Lasciami Entrare”, Sabato 1° gennaio,  sarà ospite del programma Amici di Maria de Filippi su Canale5.  Un passaggio che i suoi numerosissimi fan  auspicavano potesse esserci, infatti a Maria De Filippi il cantante ha sempre riconosciuto  il merito della sua popolarità ottenuta grazie  alla spinta televisiva del suo Programma leader nel lancio di talenti, gratitudine spesso espressa e inserita  nei ringraziamenti finali a conclusione dei suoi concerti come nella frase contenuta nel comunicato della sua Pagina Ufficiale sopra riportata per  anticipare la notizia dell’ospitata “Un nuovo percorso per me che riparte da dove tutto è cominciato “, poche semplici parole che  racchiudono però un significato ben più profondo da cui emerge l’importanza da lui attribuita al programma e quindi a  Maria De Filippi  e  che vanno oltre le apparenze di uno sterile spettacolo televisivo.

A Maria il merito di averlo lanciato, a  Valerio  il merito  di essere “sopravvissuto” ad un percorso non sempre facile grazie alla sua caparbietà e determinazione, al suo credere in sè, al supporto del suo pubblico che l’ha sempre sostenuto e gli è stato vicino nelle  scelte anche difficili ma necessarie a dare una svolta al suo percorso artistico. C’è voluto oltre un anno e mezzo di intenso lavoro e sperimentazione musicale ma alla fine il risultato ha soddisfatto tutti, artista, addetti ai lavori, pubblico, critica e ora ne siamo certi anche Maria De Filippi.

Sui Nostri Passi  e Lasciami Entrare sono rispettivamente i titoli del singolo e dell’album di Valerio Scanu che alla luce del suo ritorno ad Amici  suonano vagamente profetici, il disco senza passaggi in radio sta ottenendo ottimi risultati anche di vendita e ha raggiunto le vette di iTunes in Italia risultando anche tra i più venduti su iTunes in Europa.

E intanto  l’hashtag #AMICILASCIAMIENTRARE   imperversa sul social.

Girard-Perregaux si congratula con Nile Rodgers, Vincitore di 3 GRAMMY®alla 56a edizione dei GRAMMY® Awards


NancyHunt_NileRodgers (1)[2]_lr

Los Angeles, California – Domenica sera, alla 56a edizione dei GRAMMY® Awards, il produttore musicale leggendario Nile Rodgers ha vinto 3 premi GRAMMY®: Album dell’Anno, Brano dell’Anno e migliore interpretazione Duo/Gruppo Pop per il suo lavoro con i Daft Punk  e Pharrell. Le performance dal vivo della serata hanno visto il gruppo musicale sul palco insieme a Stevie Wonder, con l’interpretazione della canzone hit ascoltato ovunque quest’anno, GET LUCKY.

Nile Rodgers e x Girard-Perregaux collaborano dallo scorso settembre da quando con l’evento CHANGING WATCH a New York, Girard-Perregaux ha deciso di sostenere la We Are Family Foundation  di Rodgers, abbracciandone la missione, ossia coltivare i giovani filantropi visionari del futuro. Un evento simile si è poi svolto anche a Parigi, dove Girard-Perregaux ha omaggiato Nile Rodgers insieme a due giovani di talento che il programma della fondazione sostiene da anni.

A marzo 2014, Girard-Perregaux lancerà un orologio ad edizione speciale della linea Shadow Hawk dedicata propriamente a Nile Rodgers ed alla sua We Are Family Foundation in occasione della serata di gala con cui la fondazione celebrerà il proprio anniversario. Dell’evento che si svolgerà a New York si darà presto annuncio. L’orologio è un’occasione per celebrare ancora una volta e ancor più la mutua amicizia, ammirazione e sostegno che lega Rodgers alla Maison svizzera. Durante la sua performance ai GRAMMY® Awards, Nile indossava un Girard-Perregaux 1966 Equazione del Tempo.

Ad anticipare la serata di Gala del We Are Family Foundation ed il lancio dell’orologio Shadow Hawk WAFF ad edizione speciale, Girard-Perregaux ha creato un mix speciale dei suoi più celebri brani con un messaggio di presentazione dell’artista che si può ascoltare qui:

https://soundcloud.com/nilerodgersproductions/nile-rodgers-for-girard-perregaux-supermix

Radio “sorde” e omertose ma Valerio Scanu esordisce al primo posto su I-tunes col suo Album “Lasciami entrare”


valerio

Esordio col botto su I-tunes di Valerio Scanu col nuovo album Lasciami Entrare, prodotto con propria etichetta discografica, NatyLoveYou. 1° in Italia, 2° a Malta e 2° in Slovenia conquista il primo posto anche su Google Play nonostante il cantante non goda dell’appoggio  delle radio (fatta eccezione per alcune radio locali) insensibili alle numerose richieste dei fan e nonostante il disco, uno dei migliori in circolazione al momento attuale (cit. Paolo Giordano),sia molto radiofonico. 

Ma come si fa ad arrivare ad essere “suonati”dai network?

 affinché un nuovo brano venga programmato, bisogna fare un investimento di almeno sei spot pubblicitari quotidiani che possono arrivare a costare anche settantamila euro per quindici giorni (questo solo per una radio) e comunque spesso la folle spesa può non bastare (soprattutto per le etichette indipendenti che non hanno merce di scambio con dischi di artisti stranieri). I palinsesti musicali vengono fatti al 99% dai direttori artistici ( i gusti degli speaker non contano oramai quasi più niente) che decidono autonomamente se il brano in questione sia o no adatto allo standard della emittente e quindi non mandarlo in onda (o programmarlo pochissimo, magari in orari di basso ascolto, tanto per accontentare chi ha speso in inutile pubblicità). Ovviamente il clientelismo e la corruzione diventano, come si può immaginare, altissimi e spessissimo vengono chiesti altri soldi sotto banco o parti di edizione Siae. Raramente può capitare che un direttore artistico decida di mandare in onda un brano gratuitamente, forse perché quell’artista gli è simpatico o l’addetto alla promozione è un suo caro amico e lo ha pregato per giorni in ginocchio, ma comunque quel bonario favore assomiglia fortemente a quello che ogni tanto fa ai suoi sudditi un boss o un padrino. E secondo voi tutto questo meccanismo di ricatti, più o meno leciti, non sono gli stessi che usa la mafia? E perché i moltissimi che sanno non hanno il coraggio di denunciare pubblicamente tanti abusi?  ….continua….

Sopra riportato lo stralcio di un articolo pubblicato tempo fa  dal sito “Idea Suoni e Immagini” titolato : Music Control eccovi servita la Mafia radiofonica“una disamina sul  sistema radiofonico e discografico su cui forse bisognerebbe riflettere…(per  l’articolo completo: (http://www.ideasuono.it/web/?p=47)

Anteprima album:

https://itunes.apple.com/it/album/lasciami-entrare/id794404671

Tra gli altri appuntamenti, come annunciato con un  tweet domani  30 gennaio, Valerio Scanu sarà ospite di Paola Perego a La Vita In Diretta:

Domani in studio a @vitaindiretta con @peregopaola su Rai 1 alle 15.20 #LAVITAINDIRETTALASCIAMIENTRARE pic.twitter.com/zFgLFvXfTN

— ValerioScanu (@Valerio_Scanu) 29 Gennaio 2014

L’artista  è attualmente impegnatissimo tra INstore e ospitate,  con la promozione del suo disco in giro per l’Italia e dopo gli INstore di Torino, Milano e oggi, Roma, che hanno avuto un grande riscontro di pubblico e di vendite,  Venerdì 31 alle ore 17.00 – sarà a Nola (NA)  – Libreria Mondadori, poi ancora:

• Domenica 2 ore 17.00 – INStore – a  Bologna – Mondadori Multicenter

• Domenica 2 ore 21.00 – OSPITE TV – a Roxy Bar – Roxy Bar Tv

• Mercoledì 12 ore 21.00 – OSPITE TV – a Insieme -Antenna Sicilia

Altri INstore  a Palermo, Cagliari e Olbia.

CUTRADIO: Launch party


logo

Venerdì 31 gennaio dalle 18.30 all’1.00 si svolgerà al Cantiere Bovisa in via Carnevali 26 a Milano il launch party di Cutradio, nuova web radio fatta da chi ama la musica per chi la musica la ama davvero e che da febbraio inizierà una rinnovata programmazione con trasmissioni live e nuovi Dj.

Cutradio è stata ideata nel 2013 da Davide Oreste Pandini e Alberto Rossetti.
Si sono affiancati nel giro di breve tempo Steve Di Rico, Enrico Lamperti, Sergio Furlan e lo studio Sunny Side.

Partecipano al progetto una ventina tra dj e musicisti. In questa pagina web tutti i profili di chi seleziona la musica tutti i giorni su Cutradio:

www.cutradio.it/dj

Cutradio nasce con l’obiettivo di rendere protagonista la musica e la passione per tutti i suoi generi che i Dj
della radio selezionano personalmente, con pazienza e dedizione, per raggiungere le orecchie dei propri ascoltatori e utenti.
Un modo innovativo per vivere questa esperienza svincolato dalle logiche commerciali.

L’evento, durante il quale alcuni dei dj della radio si alterneranno alla consolle con brevi show e dj-set di diversi generi musicali, propone anche una performance dal vivo di Mauro Sabbione (che ha suonato con Litfiba, Matia Bazar e altri).

L’obiettivo della serata è anche il fundraising per il lancio del progetto Cutradio, che ha al centro garantire il più ampio panorama delle scene musicali passate, presenti e future.

Cutradio è il lato chiaro delle idee. Il lato chiaro della musica. Nella sua migliore essenza

Entrata: Tessera Soci 5 euro + Ingresso 10 euro (include 2 consumazioni e buffet)

Venerdì 31 gennaio dalle 18:30
Cantiere Bovisa, Via Carnevali, 26 – Milano

Per info:
www.cutradio.it
info@cutradio.it
materiale stampa (comunicato stampa, invito, ogo della radio)

NATHALIE ACCENDE IL LIAN CON L’ORCHESTRA OPERAIA


.

Appuntamento al Lian Club lunedì 3 febbraio ore 22,30 con Nathalie

Lungotevere dei Mellini 7, sotto Ponte Cavour

natalie

Torna l’appuntamento del lunedì al Lian Club con la musica fuori dagli schemi. La factory, creata dall’Orchestra Operaia diretta dal maestro Massimo Nunzi e da Lisa Maisto e Antonello Aprea direttori del locale, è pronta a un nuovo incontro. Dopo l’esordio di successo di lunedì 13 gennaio con Niccolò Fabi e la sorpresa della straordinaria voce di Petra Magoni, lunedì 3 febbraio sarà la volta di Nathalie.

Un’ulteriore occasione per il laboratorio sperimentale di creare nuove sonorità proponendo al pubblico musica libera da logiche commerciali, al di fuori dei circuiti tradizionali e istituzionali. Un lungo cammino che accompagnerà la stagione del Lian fino a giugno e che vedrà l’ensemble esibirsi ogni volta con artisti provenienti da generi musicali e esperienze diverse. Un vero e proprio “scambio di conoscenze”, il cui risultato sarà la produzione di arrangiamenti del tutto originali.

A salire sul palco in occasione del quarto appuntamento  Nathalie, cantautrice che mescola atmosfere  intimistiche e rock. Dopo tanti anni di gavetta sui palchi dei locali romani e italiani, Nathalie nel 2010 ha raggiunto il grande pubblico partecipando a X Factor 4, portando in finale il brano “In punta di piedi”, da lei composto, e  vincendo il programma. Nel 2011 ha partecipato al Festival di Sanremo nella categoria dei Big, con la sua “Vivo sospesa”, che dà il titolo al suo primo album  di inediti.

Nel settembre 2013 è uscito il nuovo album “Anima di Vento”,  in cui sono presenti duetti e collaborazioni con Franco Battiato (nel brano “L’essenza”), Raf (in “Sogno d’estate”) e la cantautrice statunitense Toni Childs (ne “La verità”). Il lavoro è prodotto artisticamente da Francesco Tosoni e masterizzato negli Abbey Road Studios di Londra da Geoff Pesche. Impegnata dall’autunno 2013 in una serie di concerti in Italia e Svizzera, Nathalie sta attualmente preparando il tour primaverile.

L’Orchestra Operaia prosegue dunque nello sviluppo e nell’affinamento di un progetto unico in Italia che mira ad uscire dai canonici spazi dedicati alla musica sinfonica per esibirsi su un palcoscenico inconsueto come quello del Lian Club.

Il prezzo del biglietti è di 5 euro

L’appuntamento è alle 22,30 Lungotevere dei Mellini 7, apertura delle porte ore 20. Come da tradizione del Lian, ai concerti si affianca anche l’aperitivo, il cocktail bar e la buona cucina aperta fino alle 3, con Eat@Lian by Roma Restaurant. E un ricco menù, elegantemente inserito all’interno delle copertine di vecchi lp, che propone antipasti, primi sfiziosi, carne e pesce di qualità ma anche pizza e dessert

www.facebook.com/lianofficial – Per info e prenotazioni: 3476507244 / 3383612653

DA MASSIMO GILETTI SI PARLA DI SANREMO SENZA TALENT: UN’ “ARENA”… SENZA SPARGIMENTI DI SANGUE O QUASI (26/01/2014)


GIL

Domenica, nell’ultimo segmento dell’ ”Arena”, trasmissione “leader” per ascolti della domenica pomeriggio, una volta accantonate le diatribe politiche, le evasioni fiscali milionarie e i vaticini di qualche “visionaria” bosniaca, l’argomento conclusivo in scaletta era decisamente più sfizioso e rilassante, l’assenza dei vincitori dei “talent”, usciti nell’arco del 2013, a Sanremo 2014. Su uno schermo si sono succedute le immagini dei trionfi, nelle rispettive edizioni, di “ex-talent” in gara tra i “big”: Marco Carta con “La forza mia” (2009), Emma Marrone “Non è l’inferno” (2012), Marco Mengoni “L’essenziale” (2013) e infine Valerio Scanu “Per tutte le volte che” (2010). E in rappresentanza dell’intera categoria, l’ospite in studio è stato proprio il cantante di La Maddalena, Giletti ha voluto ironizzare sul suo brano sanremese “E’stato un tormentone … Hai mai fatto l’amore in tutti i laghi?” Valerio, un po’ teso, ma sorridente, ha detto che preferisce farlo nel mare. Il conduttore, misurato, con la consueta professionalità che lo contraddistingue, per entrare nel vivo della discussione, gli ha chiesto il motivo per cui abbia innescato, recentemente, una polemica contro il sistema discografico italiano, Valerio, contenuto e nel contempo incisivo, ha raccontato che le “majors”, in particolare quella di cui ha fatto parte fino a poco tempo fa (ndr la Emi), attingono ai “talent”, dove trovano ragazzi già dotati di visibilità e con un loro pubblico, in grado di “fruttare” sul mercato, li spremono e poi, invece di farli crescere, li mettono da parte. Attorno a lui (purtroppo!) tante sue e nostre vecchie conoscenze, il giornalista Mario Luzzatto-Fegiz, t-shirt giovanilistica con la scritta “Odio i talent” (ma se per anni non ha campato d’altro! ndr), meno ostile del previsto, che ha lanciato la prima sassata “Siete dei prodotti in divenire, come una torta che lievita … uno ne assaggia un po’, ma poi il mal di pancia è assicurato”, seduti all’opposto, a fungere da “controparte”, il giornalista e critico  Paolo Giordano e la ex-giudice di “talent”, oltre che produttrice discografica, Mara Maionchi, che, forse, sentendosi punta sul vivo dall’argomento per lei, “spinoso” del dibattito, in quanto discografica, è stata particolarmente astiosa e acida nelle sue uscite, citando esempi di colleghi di Valerio che ce l’hanno fatta “La crescita di un artista è fatta dalla squadra e Emma e Mengoni ne hanno intorno davvero ottime … Il successo è un gioco di squadra”, con “sollevazione” immediata di Klaus Davi, che, benchè si cercasse di coprire la sua voce,  ha giustamente obiettato che se altri “talentati” vanno avanti è unicamente perché alle spalle hanno le case discografiche e chi li produce che ci “investono” dicendo poi chiaramente “ … lui no”,  l’argomento  viene comunque  sfumato nell’immediato per non sollevare polveroni fa intendere Giletti   e La Maionchi, con un atteggiamento sempre più “petulante” (la credevamo più simpatica), ha ricordato a Valerio di averlo “provinato” quando aveva 17 anni per “X-Factor” e di avergli consigliato di “finire la scuola”  e intanto sono partite immagini del vincitore proprio di quella trasmissione, Michele Bravi, che ora sostiene di voler studiare Filosofia (ma perché non Musicologia o affini?) all’università. Ma  cos’era?  un tentativo di far  apparire Valerio ignorante? Ci ha provato la signora Maionchi…ad esaperarlo, conoscendo  la notoria impulsività, ha tentato di portarlo  a compiere qualche mossa azzardata (l’intenzione di suscitare reazioni, sembra, ci fosse tutta), uno scatto irritato,  qualche espressione irriverente che sarebbe stata giudicata poi “sacrilega” dall’opinione pubblica, ai danni del venerabile “mostro sacro” Maionchi, invece il cantante con pacatezza e con una semplice considerazione che guadagna l’applauso del pubblico  la mette in buca “Io non mi sento non acculturato, sono più quelli che hanno successo che lo basano sulle esperienze di vita… non penso che Vasco Rossi sia laureato in Lettere e filosofia, l’ultimo disco me lo sono scritto e autoprodotto” per poi ribadire: “Me ne sono andato io dalla casa discografica, non mi hanno mollato! E’ stata mia la scelta… io credo in me stesso a differenza di un percorso precedente”. Scampato pericolo, quindi Valerio  è cresciuto e , memore di passate esperienze di cui porta tuttora i lividi, non è caduto nell’insidioso trabocchetto e ha sempre risposto a tono, rispettoso dell’”anzianità” di servizio (e non solo!) degli interlocutori, con spiccato buon senso e la maturità che sta acquisendo, via via, da unico imprenditore di se stesso. Inutili e di dubbio gusto, altre provocazioni, qua e là, della Maionchi “Io ci sarò ancora quando tu non ci sarai più” (vedremo, l’impegno per “esserci” ancora a lungo, Valerio ce lo sta mettendo tutta!), che lasciano sospettare che ci possa essere del “personale” nei suoi confronti e in effetti, scartabellando negli archivi, si scopre che la signora, quando era ad “Amici”, è stata “tutor” di un concorrente Gerardo Pulli, a cui la sua etichetta discografica “Non ho l’età”, ha pubblicato un ep, distribuito dalla Emi, (guardate i casi della vita!) ex-casa discografica di Scanu ed ecco che ora i conti tornano. E comunque Valerio, da Giletti, ha stravinto su tutta la linea, lo dimostrano anche i sonori applausi in sala dopo la messa in onda del video del suo nuovo singolo “Sui nostri passi”, estratto dal cd “Lasciami entrare”, uscito oggi e primo su Itunes, anche senza radio ma questo…è un altro discorso!

val

Valerio Scanu è opportuno precisare non ha attaccato i Talent show che ha sempre dichiarato di  riconoscere come valida rampa di lancio per chi  vuole emergere o farsi notare nel panorama musicale e non attacca neppure le case discografiche, è in malafede chi scrive il contrario, fa semplicemente  il punto su una situazione che è nota da tempo e denunciata a più riprese da vari artisti anche di grande esperienza che infatti ora si autoproducono  lasciando alle case discografiche la sola distribuzione….e sono tanti! Questo va detto  perchè fra i tanti problemi che affliggono la crisi discografica, succede che i direttori artistici sono stati i primi a essere licenziati. Non producevano, non portavano soldi nelle casse e sono stati mandati a casa col risultato che sono subentrati manager che puntano al bilancio economico e magari non sanno neppure chi sia l’artista, non conoscono la musica che devono produrre. Emblematica è l’esperienza che racconta nel libro Masini quando in una major si è trovato davanti come responsabile un ex manager di una grande azienda di prodotti di bellezza bravissimo magari a far quadrare i conti, ma non sapeva da che parte cominciare parlando con Masini. Per questo sempre più artisti stanno preferendo le piccole etichette, proprie o indipendenti. Almeno lì si sentono in famiglia, coccolati, possono parlare dei loro problemi artistici e sanno che chi li ascolta li comprende… esattamente come Valerio Scanu adesso.

 

Toc Toc…#”LasciamiEntrare”… Valerio Scanu


val

Valerio Scanu si sta rivelando una fonte inesauribile di notizie, curiosità mista ad interesse è quello che questo giovane artista ispira, riservato nella sua intimità, non disdegna critiche e denuncie verso un “sistema” e una prassi discografica  che ha penalizzato se stesso, penalizza altri e la musica in sè. Valerio Scanu non ci sta, non ha permesso che stretegie commerciali di un business spietato lo relegassero alla panchina destinata a chi, dopo essere stato spremuto fino alla l’ultima goccia, da Majors impietose,  viene parcheggiato per far posto ad altri prodotti “freschi” ancora da spremere in un ricambio repentino che non permette crescita e qualità ed esclusivamente a vantaggio di  un business selvaggio che porta alla luce solo prodotti discografici “prescelti”. Lui, consapevole del suo talento e nel rispetto del suo talento in  cui crede fermamente, previdente e acuto osservatore, se n’è accorto per tempo e anticipando le mosse  e i tempi ha deciso di camminare con le sue gambe, finalmente libero di esprimere il suo concetto di musica per lungo tempo soffocato e prevaricato da scelte editoriali di una casa discografica distratta e disinteressata a lui e al suo futuro musicale. Lasciami Entrare è il suo primo disco di inediti in autoproduzione, in uscita domani 28 gennaio, è il disco di esordio  di  Valerio Scanu come autore, produttore e  discografico con la “indipendente” Naty Love You  con la quale ha già sperimentato l’uscita di un disco “Valerio Scanu live in Roma“, una raccolta di brani estratti dal suo primo concerto di Natale all’Auditorium Parco della Musica a Roma nel 2012. Il nuovo disco è  un progetto nuovo, fresco, che si avvale della collaborazione di professionisti del panorama musicale come Luca Mattioni e Mario Cianchi. Un nuovo album con cui  si apre un nuovo capitolo della “storia” del  suo percorso già costellato in passato  da premi e riconoscimenti, come la vittoria della 60ma edizione del Festival di Sanremo, quale più giovane vincitore a soli 19 anni, un disco che racchiude in sè   un progetto ambizioso che per la prima volta vede un ex talent nella triplice veste di cantante, autore e produttore che lo distacca definitivamente dal passato e dalle origini  a cui comunque resta il merito di aver portato alla luce un così bel talento.

valerio

Anteprime: http://www.cubomusica.it/www/album?id=5124052

MARIA DE FILIPPI: NESSUN ADDIO AL “BISCIONE” E LA “SFIDA” DEL SABATO SERA CON MASSIMO RANIERI.


mariad

Intervistata dal settimanale “Vero” (n. 3 23/01/2014), testata generalmente molto benigna verso di lei, Maria De Filippi ha voluto fare chiarezza, una volta per tutte, su quella che era già data da più parti come una drastica “svolta” alla sua carriera, ossia l’imminente allontanamento da Mediaset, le voci si erano fatte, da qualche tempo, insistenti, anche a seguito del trasferimento della striscia pomeridiana di “Amici”, in onda tutti i giorni, su un’altra rete, Real Time; la conduttrice, senza troppo scomporsi, ha così replicato “Non c’era nulla di vero. Penso fosse una voce forzata da qualcuno, o perché nel periodo natalizio non c’erano grosse notizie ….”. C’è inoltre da rilevare che il riscontro, in termini di pubblico, dello “speciale” di “Amici”, trasmesso a partire dalle 14.10 tutti i sabati da Canale5, è inferiore al previsto, eppure, anche a questo proposito, Maria è parsa tranquilla “Non sono preoccupata per gli ascolti del sabato…” e accenna all’introduzione, all’interno di esso, di qualche novità “Ci sarà la possibilità da casa di dire il proprio parere in diretta, ma non è fatto per motivi di –audience-, è fatto per capire i gusti del telespettatore e non solo quelli dei prof…” Quasi nessuno ne fa parola, ma anche il “Music Summer Festival”, condotto l’estate scorsa da Simone Annicchiarico e Alessia Marcuzzi non ha fatto, per così dire, il “botto”, la “signora”, pure in questo caso, non se ne preoccupa “E’un’idea su cui bisogna lavorare ancora. Può migliorare …”

massimo-ranieri

Toni trionfalistici, da parte del cronista di “Vero”, in merito all’attesa “sfida” del “prime time” del sabato sera, che contrappone il collaudato prodotto defilippiano “C’è posta per te” (Canale5), giunto alla sedicesima edizione, che, ci viene detto, ha realizzato, nella puntata di esordio di quest’anno (11/01/2014), “numeri esorbitanti”, con 5 milioni e 549mila telespettatori per uno “share” del 24,38% e il varietà “Sogno e son desto” (Rai1), un “one man show” che mette in scena per tre ore di seguito o poco meno un Massimo Ranieri, un tempo “o’ scugnizzo”, ancora, alla bellezza di 63 anni, straordinariamente frizzante e scattante, che si misura con brani del suo repertorio, sfoderando l’”artiglieria pesante”, da “Vent’anni” a “Perdere l’amore” e poi indimenticabili classici della canzone napoletana, duetti inediti con colleghi del calibro di Francesco De Gregori, Fiorella Mannoia, Patty Pravo, da mozzare il respiro, la sua intensa interpretazione de “La cura” di Battiato, fra gli ospiti anche lui e ancora, “di tutto, di più”, intermezzi recitati, cambi d’abito in diretta, danze sfrenate con i ragazzi del corpo di ballo (fra i quali si può individuare l’ ex “amiciano” Adriano Bettinelli) e tanti ricordi d’infanzia e della carriera come “cantattore”, dove si mischiano cinema, teatro, tv, “tournées” all’estero, in studio, continue “standing ovations”, con un pubblico dall’euforia “straripante”. E la prima delle tre serate di questo spettacolo “revival”, che insegue nostalgia, sogno, ma anche disincanto, “coraggio” e “valori che stanno tentando di sottrarci” (ndr lo dice Ranieri stesso su “Telesette”), è dovere d’informazione sottolinearlo, pur non avendo vinto il confronto con la controprogrammazione di Canale5, è riuscita a ottenere, dettaglio che dev’essere sfuggito a “Vero”, visto che non ne fa menzione, ben 5 milioni e 19mila telespettatori, per uno share del 21,01%, risultati tutt’altro che disprezzabili, se si considera che lo “show” musicale “vecchio stile” generalmente, raduna attorno al video, tendenzialmente, una fascia di utenti che ha vissuto i fasti della televisione ancora dell’era del bianco e nero e onore al merito a Massimo Ranieri, che pur non appartenendo alla categoria dei “presenzialisti” ad oltranza in video, infatti le sue apparizioni sono piuttosto “centellinate”, quando si mostra nuovamente sulla scena, può vantare una risposta così imponente e calorosa da parte del pubblico.

[Articolo a cura di Fede]

Valerio Scanu ospite all’Arena di Giletti e giudice a Drag in Talent


Duplice appuntamento con  Valerio Scanu domenica 26 gennaio:

Alle ore 14 su Rai1 ospite di Massimo Giletti a L’Arena il cantante presenterà il nuovo progetto discografico in autoproduzione  in uscita il 28 gennaio e  anticipato dal singoloSui nostri passi

arena

e poi ancora   alle ore 21:30 su Italia1 , Valerio affiancherà Ivana Spagna e Guendalina Canessa in qualità di giudice/ospite della prima puntata di  Drag in Talent,  nuovo talent show condotto da Mauro Coruzzi in arte Platinette e inserito all’interno  di Lucignolo:

La notizia è stata annunciata  con un tweet dalla stessa Platinette;

I possibili vincitori dei GRAMMY secondo Spotify


22 Genanio 2014

Ecco i possibili vincitori dei GRAMMY

secondo Spotify

  • Macklemore & Ryan Lewis, Imagine Dragons e Lorde porteranno a casa i premi principali, in linea con i dati di streaming su Spotify

  • Lo scorso anno Spotify aveva previsto correttamente i vincitori dei premi Canzone dell’Anno e Album dell’Anno 2013

Spotify ha analizzato i dati sui brani e gli album più ascoltati per pronosticare chi tra gli artisti in nomination vincerà gli attesissimi Grammy Awards, in programma la prossima domenica.

Le previsioni principali riguardano:

  • Record of the Year: Radioactive (Imagine Dragons)

Nessuna indecisione in questa categoria – la hit degli Imagine Dragons vanta un terzo di streaming in più rispetto al successo dell’estate di Robin Thicke, che ottiene il secondo posto su Spotify.

  • Album of the Year: The Heist (Macklemore & Ryan Lewis)

The Heist ha il 40% di ascolti in più dei Daft Punk con Random Access Memories, e più di 3 volte la somma degli streaming degli altri candidati messi insieme

  • Best New Artist: Macklemore & Ryan Lewis

Questa coppia è nettamente la favorita, battendo Kendrick Lamar del 70% e il nuovo arrivato Ed Sheeran di quasi il triplo del numero di streaming.

  • Best Pop Solo Performance: Royals (Lorde)

La gara per il Miglior Solista Pop è già chiusa, con Mirrors di Justin Timberlake e Roar di Katy Perry che combattono per il secondo posto.

  • Best Pop Duo/Group Performance: Get Lucky, Daft Punk Feat. Pharrell Williams & Nile Rodgers

Daft Punk sono stati fortunati, con il 20% di ascolti in più per questa hit rispetto alla seconda classificata Blurred Lines.

I numeri non mentono: nel 2013, Spotify aveva predetto con precisione che “Somebody That I Used to Know”  di Gotye avrebbe vinto il grammofono dorato come Canzone dell’Anno e che i Mumford & Sons avrebbero portato a casa il premio come Album del’Anno con “Babel.”

Note

E’ possibile ascoltare la playlist complete qui:

Grammy Nominations

Pronostici divisi per le categorie dei GRAMMY, ordinati in ordine crescent in base agli ascolti su Spotify

  • Record of the Year

  1. Imagine Dragons, Radioactive

  2. Blurred Lines, Robin Thicke feat. T.I. and Pharrell

  3. Locked out of Heaven, Bruno Mars

  4. Royals, Lorde

  5. Get Lucky, Daft Punk Feat. Pharrell Williams & Nile Rodgers

  • Album of the Year

  1. The Heist, Macklemore & Ryan Lewis

  2. Random Access Memories, Daft Punk

  3. Good Kid, M.A.A.D. City, Kendrick Lamar

  4. Red, Taylor Swift

  5. The Blessed Unrest, Sara Bareilles

  • Best New Artist

    1. Macklemore & Ryan Lewis

    2. Kendrick Lamar

    3. Ed Sheeran

    4. James Blake

    5. Kacey Musgraves

  • Best Pop Solo Performance

    1. Royals, Lorde

    2. Mirrors, Justin Timberlake

    3. Roar, Katy Perry

    4. When I Was Your Man, Bruno Mars

    5. Brave, Sara Bareilles

  • Best Pop Duo/Group Performance

    1. Get Lucky, Daft Punk Feat. Pharrell Williams & Nile Rodgers

    2. Blurred Lines, Robin Thicke feat. T.I. and Pharrell

    3. Just Give Me a Reason, Pink feat. Nate Ruess

    4. Suit & Tie, Justin Timberlake & Jay-Z

    5. Stay, Rihanna feat. Mikky Ekko