Day: febbraio 9, 2014

Valerio Scanu: Recensione di Roberto Graziani al disco “Lasciami Entrare”


valerio

Valerio Scanu col suo album “Lasciami Entrare” si piazza sotto il primo posto di Bruce Springsteen, senza passaggi in radio e nonostante  l’ormai noto boicottaggio della Feltrinelli, che è valso al cantante la solidarieà da più parti, personaggi legati al mondo della musica e dello spettacolo e perfino di alcuni detrattori e che ci si augura possa concludersi  nel migliore dei modi, magari con una civile  stretta di mano. accogliendo l’invito di Red Ronnie il 23 febbraio prossimo al Roxy Bar, dipanando  il dubbio di  inquietanti manovre  e l’ombra di “embargo” voluto  a carico del cantante, che andrebbero  e, questa volta tirati in ballo a ragione, contro la cultura e i valori tipici della Feltrinelli nel superare  i limiti del principio deontologico della sua stessa esistenza.

Il disco à prodotto dalla NatyLoveYou, etichetta discografica di cui il cantante è titolare, che compete egregiamente con le maggiori etichette  discografiche  conquistando il primo posto  in classifica tra le  indipendenti. Un  ritorno nel panorama musicale quello  di Valerio Scanu che si attesta un successo su tutta la linea in continuità ad un  percorso già ricco di “stellette” che si è cercato e si cerca di ignorare per comodo e pregiudizio, ma che emerge prepotentemente grazie alla forte determinazione del cantante e di chi gli sta intorno, uno Staff di giovani professionisti,  a fare quadrato con lui nella  consapevolezza di sostenere un vincitore per definizione. Una gavetta iniziata da giovanissimo fatta di estenuanti serate di “piano bar”, piazze, partecipazioni a musical di compagnie locali, partecipaioni a selezioni canore anche all’estero per arrivare alla vittoria di ” Bravo Bravissimo” di Mike Bongiorno e poi della 60ma edizione del  Festival di Sanremo nel 2010 a soli 19 anni, passando per Amici  di Maria De Filippi che l’ha visto, col suo secondo posto, vincitore morale.

valerio

Lasciami Entrare è il suo primo album di inediti in autoproduzione da lui definito il disco di “svolta” che si discosta dai suoi precedenti lavori e che ha richiesto un periodo di lavorazione di oltre un anno e mezzo. Riportiamo volentieri, ritendola meritevole di giusta divulgazione,  una  bella recensione del critico musicale Roberto Graziani :

Per una migliore lettura cliccare sul testo:

grazizni-ew