The Voice of Italy” (28/05/2014): esce Daria Biancardi e con lei anche … “the Voice”


The Voice 2: le pagelle del secondo Live. Daria Biancardi, la perfezione diventa emozione

Si stenta a crederci, eppure è accaduto: Daria Biancardi, talento di notevole spessore, è stata eliminata alla semifinale di “The Voice of Italy” (28/05/2014), già svantaggiata dal punteggio attribuitole dal suo “coach”, Piero Pelù, inferiore a quello del contendente della sua stessa squadra, Giacomo Voli, non è riuscita a risollevarsi nemmeno con il televoto del pubblico a casa, che fra il ragazzo con lunga chioma sciolta, giubbotto di pelle e aria da “rocker” maledetto anni ’70 d’oltreoceano, voce apprezzabile, non lo si nega, ma non certo strepitosa e la madre di famiglia appena sotto la quarantina, dall’aspetto comune, rotondetta e un po’ “forte” di taglia nei “punti nevralgici” ma che in gola ha un’orchestra sinfonica, ha optato decisamente per il primo; colpa delle “quote rosa”, di solito numericamente rilevanti nelle “sfide al telecomando” dei “talent”, conquistate dall’aspetto “intrigante” del giovanotto o piuttosto dei votanti appassionati di “rock”, genere che è proprio del “team” Pelù, forse più propensi a vederlo rappresentato “al maschile”, visto che da noi è sempre stato così anche fra i “big” e la Nannini è una “mosca bianca”? Nelle valutazioni e nei verdetti dei telespettatori, in generale, comunque, non si sa mai quanta parte abbia la considerazione delle effettive e oggettive capacità di un aspirante artista rispetto ad altri fattori che vi prescindono del tutto, ma come spiegarsi lo scandaloso “voltafaccia” del “tutor”, Piero Pelù? Daria Biancardi, alle “Blind Auditions”, con il pezzo “I have nothing” (“hit”di Whitney Houston) ha letteralmente mandato in delirio lo studio, con il pubblico impazzito che continuava ad applaudire durante l’esecuzione e i quattro insegnanti che si sono girati tutti con le loro poltroncine, estasiati, “El Diablo” per primo, dopo aver sussurrato alla Carrà “Questa è una bomba!” e alla cantante “Non ti posso descrivere la quantità di orgasmi … musicali che ho provato …”, senza contare le innumerevoli volte che, in seguito, ne ha lodato la “varietà timbrica”, la “versatilità”, la capacità di “soffiare e spingere”, le interpretazioni mozzafiato, la voce “black”, graffiante come i suoi unghioni “ad artiglio”, ma mercoledì, tutto ad un tratto, ha preferito a tutto questo i “virtuosismi impegnativi” di Giacomo Voli, lodevole, a suo parere, per lo sforzo fatto nel cercare “la tonalità giusta per le proprie caratteristiche” in un brano degli Skunk Anansie, ma allora a che gioco giochiamo?Che qualche casa discografica si sia già accaparrata gli elementi in odore di “scrittura”?Tutto porta a pensarlo, se funziona come l’anno scorso. E come la mette Pelù con alcune sue recenti affermazioni, volte a esaltare l’eccellenza di “The Voice of Italy” rispetto a trasmissioni canore similari, più condizionate dalla ricerca del “personaggio” che delle qualità artistiche intrinseche dei concorrenti?Le “Blind Auditions”, dove chi giudica deve solo ascoltare, senza vedere chi canta, come è stato spiegato, dovevano avere il vantaggio, in teoria, di non discriminare i partecipanti in base all’età, al sesso, all’aspetto fisico ecc., privilegiando unicamente le voci e invece i criteri selettivi, alle ultime battute, come si vede, sostanzialmente non differiscono da quelli dei programmi da cui si sono prese le distanze.  Dispiace sinceramente per Daria, voce internazionale, vent’anni di gavetta alle spalle, una lunga permanenza a New York, dove si è esibita in molti locali, riscuotendo un lusinghiero successo, a dimostrazione, una volta di più, del suo valore, considerando che all’estero, paesi anglosassoni in testa,la tendenza è a premiare, preferibilmente, il “prodotto locale”. E non mancano i commenti infiammati, per lei, su “You Tube”: “Una spanna sopra gli altri”, “Fuoriclasse”, “Vulcano palermitano” e una sequela di “fantastica”, “grandiosa”, “meravigliosa”. La Carrà stessa, rimasta sbalordita al termine della sua superba interpretazione di “Listen”, ai “Knockout”, si era lasciata sfuggire, contro l’interesse del suo stesso “team”, il seguente commento “E’ lei – the Voice -!” Magari il pronostico si fosse avverato, purtroppo è prevedibile che dovremo sorbirci una “finale” poco adrenalinica e dall’esito probabilmente fin troppo scontato, con “Sister Act”, alias suor Cristina, fenomeno mediatico del momento, che parte già in “pole position” e con buon distacco dagli avversari, vedremo ugualmente come andrà a finire e …. così sia.

15 comments

  1. Peró patty pravo … Ma che cavolo di canzone è? … Che bastardi … Tutto per favorire la suora.. Sei sempre la migliore DARIA … Siamo in Italia e purtroppo le cose vanno così … ..

  2. @Ale e @Maria Grazia: ciao e benvenute!i 50 milioni di visualizzazioni di “Sister-AX”, a quanto pare, non sono sfuggiti a Rai2 …
    E’vero, hanno fatto cantare a Daria un pezzo non nelle sue corde, io me la ricordo in “Listen”: mi ha letteralmente stesa, straordinaria.

  3. Io vedevo Daria alla finale, ma si è fidata dell’uomo sbagliato ………alla prossima che parteciperà a The Voice of Italy consiglio di scegliere Raffaella Carrà ……….è più obiettiva !!!!!!
    Pelù sei una delusione :-((((((((

    1. Hanno commesso un grande errore, una vergogna abissale, Daria Biancardi è la migliore di lì dentro, anche degli stessi coach, loro ne sono perfettamente consapevoli, evidentemente alla voce hanno preferito il look, che sia da pseudopirata rocker o da suora..tra l’altro quest’ultima, dicono scartata ai provini di Amici e X factor, presentatasi in abiti normali.

    2. Assolutamente d’accordo! Ha sbagliato a scegliere Pelu’, che ha fatto cantare a Daria due canzoni fuori dalle sue corde (secondo me lo ha fatto apposta…), mentre al suo avversario ha fatto cantare Jeeg Robot! E poi ti raccomando il conduttore: per l’avversario ha chiesto 4 pareri ai giudici, per Daria NESSUNO….squallida pantomima!

  4. Pelù stavolta hai toppato alla grande!! Qui a Palermo Daria era già un mito prima di partecipare a “the voice ..” La verità è che state facendo di tutto per fare vincere la suora…

  5. sono d’accordo quasi su tutto, Giacomo sarà pure bravo, ma rispetto a Daria, non so, per me c’è un divario abbastanza netto: Daria ha un controllo e un timbro pazzeschi, mi dispiace che non le abbiano dato brani che la valorizzassero veramente, ho visto delle sue esibizioni su yt da brivido. Non mi piace l’andazzo che ha preso questo programma, vedo cose che non mi convincono per nulla, per me un’altra uscita scandalosa è stata quella di Stefano, anche lui poco valorizzato dal suo coach durante i live con brani inadatti (tranne una volta), ma che comunque è dieci spanne sopra la sua avversaria, Giorgia, molto ma molto acerba, e di cui ho scoperto da alcuni video precedenti a The Voice che ha un timbro naturale completamente diverso da quello che mostra (si vede soprattutto in un video in cui canta Royals di Lorde con il suo gruppo), cioè quel graffiato non è solo forzato, è proprio costruito per risultare più particolare, eppure continuano ad esaltarla per l’originalità del timbro, io mi sento presa in giro… Infine, tornando a Daria, basta pensare che che l’inedito che Giacomo presenterà in finale è stato scritto da Pelù…odio queste cose…

  6. Io credo che affinché ci saranno Giudici che non sanno nemmeno apprezzare chi veramente ha del talento,allora siamo alla frutta. Daria secondo me ed io per lavoro l’ho ascoltata una sola volta,credo abbia veramente un estensione ed una grinta minimo tre volte agl’altri,ma anche a chi doveva giudicarla,facciamo una cosa semplicissima,proviamo a far cantare per esempio lo stesso pezzo a Noemi che per me ha le adenoidi e Daria e vi renderete conto voi stessi il tasso di divario che c’è tra loro.Io faccio Jazz,ho un locale Jazz e suono con i Jazzisti,e vi posso assicurare che era già tutto previsto,Daria non poteva mai vincere,è troppo brava per vincere in questo mondo di mediocri. E ve ne dico un’altra,non vince nemmeno suor clitoride.

      1. Se dovrà essere i pubblico a decidere dovrebbe essere lei a vincere se non altro per un fatto di numeri e quindi di consensi…decine di milioni di visualizazioni..

  7. Tutti questi talent show si reggono sullo spettacolo e laddove c’è spettacolo di vero c’è poco tutta fa parte di un piano preordinato, poi certo, c’è chi la fa più sporca…ma cambiando l’ordine degli addendi il risultato non cambia…E’ triste ma è così…I più bravi stanno al palo vince chi incuriosisce maggiormente e Cristina la suorina fa audience e fa sciogliere J-Ax… tutto il resto è contorno.

  8. Ciao a tutti!Daria, meritatamente, vediamo, è molto apprezzata, continuate a scriverci e magari segnalateci (c’è la voce “contatti”) le novità che la ineriscono, l’importante è continuare a parlarne, siete d’accordo?

    Cari saluti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...