Giorno: luglio 2, 2014

Valerio Scanu: Tutti ad Ascona col Vblog17 !


Valerio Scanu

Valerio Scanu Martedì 1 luglio 2014 ha invitato i suoi fan a “viaggiare” nel tempo con lui  pubblicando  il 17mo Vblog dedicato ad Ascona prima tappa del  “Lasciami Entrare European Tour Live”, il tour europeo che lo porterà ancora a Londra l’11 Ottobre e a Saint Moritz il 20 Dicembre  per la terza edizione del suo concerto di Natale. Ad  Ascona,  in Svizzera, il cantante si è esibito in   due concerti  al Teatro del Gatto il 7 e l’8 Giugno scorsi. Nel Video, Valerio direttamente dal suo negozio di scarpe e accessori “Dalidà” di Via Margutta a Roma, presenta,  anticipa e racconta  il susseguirsi delle immagini  che, sapientemente  “condensate” raccolgono  i “ricordi” di due serate “speciali” e ricche di sorprese all’insegna di quella musica fatta ancora di empatia, cose semplici e tanto cuore … e noi c’eravamo!

Buona visione

Intervista ad Alessandro Errico: E.. che il futuro la smetta di essere una minaccia e ritorni a essere una promessa.


Music Star’s Blog vi propone un’interessante intervista  ad Alessandro Errico pupillo di Maria De Filippi nel lontano 1996 e ospite fisso dell’allora talk show “Amici”, di cui recentemente abbiamo parlato (http://wp.me/p2K1pn-2vv)  leggetela attentamente…

Ciao Alessandro, hai fatto parte degli ospiti fissi del talk show Amici di Maria De Filippi agli esordi quando si parlava di problematiche legate all’universo giovanile, pensi che il tuo percorso sarebbe stato diverso se avessi avuto modo di partecipare al talent show così come inteso oggi dalla stessa De Filippi?

Inevitabilmente sì. Cambiando la forma si cambia il contenuto, senz’altro se avessi partecipato a un “Talent show” piuttosto che a un “Talk show” avrei avuto un percorso diverso. Sta di fatto che io sono figlio di una generazione che i Talent non li conosceva, che pensava che in televisione si dovesse essere “più veri del vero” e che la musica non fosse l’ancella dello spettacolo ma avesse una sua dignità, che fare musica insomma fosse un modo per dire delle cose e non per “esserci” a prescindere. Partecipare a un Talent in un certo senso implica donarsi totalmente a questo scopo e mettere tra parentesi quelle cose da dire (se uno le ha ovviamente) quindi sì… insomma… a me tutto questo non è successo e quando stava per succedere, ero già altrove.

Hai partecipato alla quarantaseiesima edizione del Festival di Sanremo con successo certificando oro il tuo disco “Il mondo dentro me”, cosa è capitato poi?

Nulla di che, ho fatto un altro Sanremo ma poco tempo dopo l’uscita del secondo disco (Esiste che) ho capito che per salvarmi l’anima dovevo fermarmi e respirare.

Conclusa la tua avventura con la Sugar di Caterina Caselli su cosa ti sei orientato? Hai inciso ancora?

Per parecchio tempo no. Avevo bisogno di fare tabula rasa perché mi sentivo come un foglio pieno di scarabocchi che dovevo riportare al suo grado zero, puro. Non una bella immagine, è vero, peraltro anche abbastanza fuori fuoco perché non è che uno si può cancellare come in quel film geniale e bellissimo, Eternal sunshine of a spotless mind. Però per un po’ ho messo la penna al chiodo, ho letto e studiato senza scrivere una parola “originale” fino a che non ho avuto la possibilità di rimettermi in gioco totalmente con un progetto sperimentale e avanguardista come i SoneTsenZ. Con loro in un certo senso ho ricominciato a scrivere più che altro per capire cosa ero diventato nel frattempo, quanto in là potessi spingermi con le parole e con la musica.

Come è cambiata la musica oggi? Quanto serve avere talento e quanto serve avere invece buone conoscenze?

Hemingway diceva che il genio è 1% inspiration (ispirazione, talento) e 99% perspiration (traspirazione, sudore, fatica). Sicuramente in questa formula manca il “fattore C” che conta sempre tanto, e forse anche quelle che chiami “buone conoscenze”. Però è chiaro che il talento è solo la scintilla che può accendere una fiammella o appiccare un incendio e questo dipende da cosa c’è dentro (o dietro) il talento.

Hai partecipato a diversi festival di Sanremo, nel 2014 hai presentato un brano che ha incuriosito, “Il mio paese mi fa mobbing”, una sorta di canzone denuncia a nostro parere che hai voluto “donare” al Presidente Napolitano, con una serenata sotto le finestre del Quirinale. Hai saputo per caso se il Presidente  ha gradito l’omaggio?

Ah sì… s’è anche affacciato alla finestra e come Giulietta ha detto “Ohimé!”

A quali artisti t’ispiri per la tua musica?

L’elenco sarebbe infinito e probabilmente non sarebbe di soli musicisti in senso tradizionale. Mi ha insegnato più cose ad esempio Sanguineti sulla musicalità delle parole che mille cantautori… o anche Carmelo Bene sulla capacità di modulare la voce che un milione di cantanti.  Poi è chiaro che vivendo in una perenne colonna sonora musicale sono influenzato da quello che sento ma non saprei dirti da cosa in particolare. Buckley padre e figlio, Beatles, De André, Radiohead, Steven Wilson… lasciamo stare che già ho i sensi di colpa per quelli che dimentico…

Come definiresti il successo?

60% sudore, 10% talento, 10% conoscenze, 10% culo… il restante 10% è un mistero come l’ingrediente segreto della Coca-Cola e ne sa qualcosa la Pepsi… senza quello il risultato fa’ sempre un po’ schifo (almeno per me).

Con Maria De Filippi hai ancora contatti?

Non la sento da un po’ perché? Vuoi il suo numero?

Oggi dai talent secondo te escono talenti o più che altro prodotti discografici “predefiniti”?

Entrambi. Talenti a cui vengono cuciti addosso prodotti discografici che spesso li ammazzano (artisticamente parlando). In fondo, se ci pensi, al “contenuto” di quei talenti si arriva sempre alla fine, prima in un Talent c’è lo spettacolo, il discorso intorno alla musica poi, solo se arrivi in fondo, canti una canzone scritta dallo stesso autore che scrive per altri mille.

Progetti imminenti?

L’11 luglio, il prossimo concerto in Liguria. Per me un concerto è una cosa totalizzante da cui come per un libro o un film devi uscire diverso da come sei entrato (e vale per chi mi ascolterà come per me). Se alla fine resti uguale si vede che non ne è valsa la pena, tanto valeva che te ne stavi a casa. Chi ci sarà, voglio che venga letteralmente travolto, che viva una cosa diversa, totalizzante appunto. Come per me dev’essere la musica.

Cosa ti aspetti dal futuro?

Che la smetta di essere una minaccia e ritorni a essere una promessa.

Grazie ad Alessandro e al suo Ufficio Stampa per la gentile disponibilità.

“VOGLIO VIVERE COSÌ” KANTINA 27 FEUT. MACC: Il cambiamento parte da te stesso…Né in cima né in coma


Voglio vivere così (feat. Macc) - Single, Kantina27O sei un vincente o sei uno che vive da morto. Mentre per battere ogni crisi bisogna credere in se stessi ed avere il Coraggio di cambiare. Il cambiamento parte da te stesso, dal fatto di essere te stesso! Uno che vuole vivere così ! Col Sole In fronte ! 
Ne in cima ne in coma. Ma bene con se stesso, ecco perché ho fatto questo singolo con il bel Punk dei KANTINA. Fottetevene di chi vi vuole o in cima o in coma. Siate felici di quello che siete ! Scegliete quello che fate! Certo io Vi chiedo pubblicità, ma non so neanche perché canto! Del Successo non me ne fotte un cazzo. Non me ne fotte un cazzo delle conseguenze. Della Programmazione. Voglio Vivere bene l’attimo, Il Sole in fronte, Il resto serve solo a farci stare in cima o in coma! (Fabio Macchitella)