EUGENIO FINARDI – venerdì 7 novembre live a Torino al Csoa Askatasuna (Torino)


EUGENIO FINARDI

 fin

VENERDÌ 7 NOVEMBRE TAPPA SPECIALE  DEL FIBRILLANTE TOURLIVE  A TORINO AL CSOA ASKATASUNA con uno spettacolo unico e irripetibile, dopo oltre 50 date in meno di un anno.  Un concerto totalmente rock, senza respiro e senza nemmeno un pezzo lento.

Al CSOA ASKATASUNA (Corso Regina Margherita, 47 – apertura porte ore 20.00 – inizio concerto ore 22.00 – biglietto: 8 €) Eugenio Finardi e la sua band porteranno sul palco una scaletta inedita, con brani come “Scimmia” e “La C.I.A.”, che non venivano eseguiti dal vivo dal 1978.   

In scaletta si mischieranno i grandi classici rock del repertorio del cantautore e alcuni brani dell’album “Fibrillante”(prodotto da Max Casacci dei Subsonica) di cui, proprio il 7 novembre, Eugenio Finardi e la sua band festeggeranno la fine delle registrazioni.

Un modo di guidare sia i fan più affezionati che le nuove generazioni in un’incursione in più di 40 anni di musica, ripercorrendo successi vecchi e nuovi in una veste più grintosa che mai.

Ad accompagnare Finardi nel suo show energico e sorprendente, è la band con cui ha scritto e registrato “Fibrillante”:Giovanni “Giuvazza” Maggiore alla chitarra, Marco Lamagna al basso, Claudio Arfinengo alla batteria e Paolo Gambino alle tastiere.

Da novembre, oltre alla prosecuzione del “FIBRILLANTE TOUR” che farà tappa il 22 novembre a Foligno – Perugia (Supersonic Music Club); il 20 dicembre a Palermo (Festambiente); il 2 gennaio a Sauze D’Oulx – Torino (Teatro d’Ou); il 24 gennaio a Bari (Teatro Forma); il 29 gennaio a Londra (Dingwalls), partirà anche lo spettacolo teatrale “PAROLE & MUSICA” con la prima tappa il 14 novembre a Bosco Chiesa Nuova – Verona (Teatro Vittoria), seguita il 4 e il 9 dicembre rispettivamente a San Marino (Teatro Titano) e Galatina – Lecce (Anfiteatro Comunale).

Dopo aver dedicato gli ultimi quindici anni all’esplorazione di diversi generi musicali, spaziando abilmente dal blues al folk, fino al fado e alla classica contemporanea, Eugenio Finardi ritrova il piglio agguerrito e incendiario e torna alle sonorità di forte impatto e ai contenuti di grande impegno che hanno contraddistinto i suoi primi album Cramps come “Sugo” e “Diesel”.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...