Giorno: maggio 19, 2016

Ricordo di MARCO PANNELLA da parte di FRANCESCO DE GREGORI


pannella

 

Tanti anni fa, in occasione di uno dei suoi digiuni, lo chiamai e gli dissi che ero preoccupato per lui. Mi rispose con voce tonante ” non preoccuparti, occupatene!”.

Questo è il ricordo che oggi, nel dolore per la sua scomparsa, mi resta di Marco Pannella. Una lezione di vita e di coerenza.

Francesco De Gregori

ZUCCHERO CONDUTTORE A RADIO2: DAL 21 MAGGIO SARA’ LA VOCE DI ‘HIT PARADE’


 

 hitUno dei più grandi bluesman del mondo, l’artista che ha venduto 60 milioni di dischi in tutto il mondo, da sabato 21 maggio indosserà le cuffie per diventare conduttore radiofonico a Radio2: sarà Zucchero Sugar Fornaciari il protagonista delle nuove puntate di Hit Parade, il programma in onda ogni weekend alle 13.00 su Rai Radio2.

Il “dj” Zucchero – che ha appena pubblicato l’album ‘Black Cat’, già ai vertici delle classifiche, che sarà presentato a settembre live all’Arena di Verona in anteprima mondiale – nelle puntate di Hit Parade, accompagnerà gli ascoltatori in unviaggio musicale straordinario, un’autentica ‘playlist’ della propria vita, in cui troveranno spazio racconti e aneddoti sui più grandi musicisti contemporanei. La prima puntata sarà dedicata alle cinque pietre miliari da cui Zucchero è stato più ispirato, tra cui i Beatles e Joe Cocker. “Quando ascoltai per la prima volta ‘Across The Universe’ dei Beatles – spiega il bluesman – fu come una visione: prima ero più vicino ai Rolling Stones, dopo quel momento mi avvicinai sempre di più alla band di Liverpool”. Di Joe Cocker, Zucchero racconta: “lo vidi per la prima volta a Woodstock e fu come essere folgorato da una raggio di sole: fino ad allora avevo ritenuto il blues, il soul e il R&B patrimonio assoluto degli afroamericani. Ma dopo aver ascoltato Cocker pensai che anche per me c’era qualche speranza”. Nel corso di Hit Parade Radio2, un’intera puntata sarà composta dai duetti più celebri dell’artista, tra cui quello con B. B. King. Con lui dovevo registrare ‘Let the Good Times Roll’, a New York. Io venivo da un concerto ad Atlantic City e ritardai molto, pensavo di non trovare più nessuno ad aspettarmi alle tre di notte. Invece quando arrivai trovai B.B. King addormentato sul divano, senza scarpe, ad aspettarmi. E alle 5 di mattina iniziammo a registrare”. Più avanti ci sarà spazio anche per Ray Charles (“grazia, dolore, malinconia, trasgressione: la sua voce e’ la somma di tutte queste emozioni e lui è il più grande cantante della storia”) e per un inedito Dustin Hoffman, che una volta raggiunse Zucchero a Capri per dichiararsi suo fan sfegatato e cantargli, in ginocchio al porto dell’isola campana il suo “ho bisogno d’amore per Dio”

Tutte le playlist degli artisti che hanno condotto Hit Parade, le foto e i video del backstage del programma, saranno disponibili sul sito internet www.hitparade.rai.it insieme alle puntate in podcast.

Redazione

“Er.Do.Ni – la Casa degli Inediti” un progetto di tre giovani Autori a disposizione della Musica: INTERVISTA


Il mondo musicale è davvero ricco di talenti, di idee e di progetti interessanti come quello di tre giovani Autori che decidono di unire la propria forza creativa e le loro potenzialità per la creazione di brani inediti  rivolti  a Cantanti, Band e Interpreti, che vogliono realizzare i propri progetti musicali come per esempio: EP, LP, Singoli, Canzoni per Concorsi Canori e Festival. Nasce così ‘Er.Do.Ni, la Casa degli Inediti’  il cui acronimo corrisponde alle iniziali dei tre giovani Autori: Eros, Domenica e Nicodemo che in questa intervista che ci hanno gentilmente rilasciato raccontano chi sono, come nascono e come nasce il loro progetto:

Brevemente, chi siete e da dove venite e come “nasce” la vostra vena autorale?

Il nostro Team Autori Er.Do.Ni – La casa degli Inediti è formato da Eros Pancrazi, Autore e Compositore di Roma – Domenica Borghese, Autrice di Enna e Nicodemo Caligiuri, Autore, Compositore e Arrangiatore di Cirò Marina. Siamo tutti regolarmente iscritti alla S.I.A.E.

Siamo persone semplici, con un forte richiamo verso la musica e tutto ció che la riguarda. Ognuno di noi ha maturato varie esperienze di collaborazioni e di progetti musicali; la nostra vena autorale nasce da una predisposizione innata verso la creatività musicale e non solo, coltivata e curata negli anni attraverso lunghe sessioni di ascolto di brani e di dischi di grandi Artisti, abbiamo studiato, e continuiamo a studiare per migliorare il nostro stile e la nostra tecnica, su libri e testi di canzoni del passato e attuali. Veniamo da tre percorsi formativi differenti, ed é proprio la fusione di queste diversità artistiche che arricchisce la creazione dei nostri brani rendendoli unici.

Come siete arrivati a creare Er.Do.Ni – La casa degli Inediti?

Nel 2015 ci siamo conosciuti e confrontati su idee musicali e abbiamo iniziato a fare un discorso progettuale e col passare dei mesi tutto é venuto da sé; abbiamo fissato degli obiettivi definendo la nostra modalità di lavoro, consolidando la volontà di collaborare insieme nella denominazione Er.Do.Ni al fine di racchiudere il nostro progetto e nel novembre del 2015 abbiamo creato la pagina ufficiale su facebook Er.Do.Ni – La casa degli Inediti.

Ogni inedito è opera di una collaborazione congiunta fra di Voi? Come arrivate all’inedito “finito”?

Ogni inedito nasce in maniera differente. Domenica Borghese si occupa esclusivamente della parte letteraria, Nicodemo Caligiuri ed Eros Pancrazi sono autori e compositori, quindi le possibilità sulla stesura di ogni singola canzone sono molteplici. Un brano può nascere da un’esigenza discussa in gruppo, partendo dal testo, oppure da una musica di Nicodemo o di Eros testualizzata da Domenica; o da un testo di Eros musicato da Nicodemo, e così via… Nella creatività lasciamo spazio ad ogni possibilità.

Quali sono le difficoltà che avete incontrato nella realizzazione del progetto?

La difficoltà maggiore è sicuramente la lontananza tra noi, se fossimo tutti della stessa città e potessimo avere degli incontri creativi frequenti, sicuramente sarebbero nate molte più opere, ma nonostante questo la tecnologia ci aiuta a collaborare in maniera sana e costruttiva anche a distanza.

Altre difficoltà con cui ci scontriamo ogni giorno sono, purtroppo, quelle di trovare tra gli interpreti, gente disinteressata e poco determinata, che non capisce la portata e il valore della possibilità che viene offerta, a ciascuno, facendosi affiancare da noi che ci mettiamo a disposizione per tutto il percorso artistico, non solo in quello creativo ma anche di quello tecnico e promozionale. É stancante e deludente notare come non venga compreso il valore di ciò che facciamo, tutto a vantaggio di chi poi ci mette voce e faccia sul disco. Abbiamo anche appurato che molti cantanti non comprendono il potenziale dei brani mandati in ascolto con dei provini voce e chitarra, quindi non arrangiati di proposito, per creare gli arrangiamenti successivamente, studiando lo stile e il genere migliore sia per l’interprete sia per gli inediti stessi.

Come avviene la ricognizione degli interpreti e quali i loro vantaggi a prendere parte al progetto?

Selezioniamo gli interpreti facendoci mandare del materiale audio e video per valutare vocalità e prestanza (più che presenza) scenica, ovvero mimica e capacità di immedesimazione nel testo e di interpretazione sia vocale che gestuale. I vantaggi di chi prende parte al progetto sono sicuramente la visibilità, e soprattutto la possibilità di essere seguiti in un piano promozionale di immagine e di prodotto. É sottinteso che il prodotto in sé é un altro vantaggio, infatti, sia esso un Singolo, un EP o LP, l’interprete che prende parte al progetto ha in affidamento un repertorio di inediti personale e unico.

A cosa mira esattamente il progetto musicale indipendente? Come pensate di “arrivare” al pubblico in questo momento di “saturazione” del mercato discografico?

Questo progetto mira ad instillare una nuova ottica di collaborazione nel mondo indipendente. Vogliamo sottolineare che la forza stà nell’unione creativa di un team che vede coinvolte varie figure professionali che lavorano con entusiasmo (noi autori, arrangiatori, video maker, grafici), e non nella struttura piramidale delle Major, che molte Etichette Indipendenti scimmiottano. Pensiamo di arrivare al pubblico proponendo semplicemente il nostro estro, che contiene il nostro entusiasmo, i nostri sacrifici, le nostre aspirazioni; cercando di rimanere il più possibile noi stessi, artisticamente e umanamente, lavorando sempre insieme con umiltà e rispetto reciproco. Vogliamo essere un punto di riferimento per tutti i Cantanti che desiderano realizzare i loro progetti musicali rimanendo autentici, sia come individui sia nelle idee e tematiche da affrontare nei vari brani. Noi non siamo dei personaggi e non vogliamo crearne di nuovi, né lavorare con artisti che puntano più al successo attraverso la loro immagine costruita su misura per incuriosire e attirare l’attenzione.

Che ne pensate del mondo “Autorale” odierno? Si dice che ci sia povertà di grandi penne, quale il vostro pensiero?

In questo periodo storico musicale in Italia sta trovando molto più spazio la figura dell’autore, e crediamo che, al contrario di quel che si dice, siano presenti penne di grande valore, anche se spesso poco considerate dalle grandi Etichette, che si affidano sempre ai soliti 7/8 autori più conosciuti.

Il problema risiede nel fatto che il pubblico di oggi ricerca leggerezza, é aduso alla semplicità, all’essenzialità del concetto, e di conseguenza gli autori (in un sistema che ragiona sul fattore dei profitti e della visibilità ad essi rivolta) che vogliono lavorare o farsi notare, devono adattarsi alla “fonte”  della domanda per conformare la loro offerta. Grandi penne ce ne stanno ancora oggi come in passato, ma in questo tempo storico i riflettori sono puntati altrove.

Ringraziamo per l’intervista il team di autori Er.Do.Ni che può essere contattato inviando  una e-­mail a: info.erdoni@libero.it 

Per conoscere tutte le novità e le iniziative Er.Do.Ni potete  iscrivervi alla loro Pagina ufficiale Facebook: https://www.facebook.com/infoerdoni 

Redazione