Month: aprile 2017

MARIA DE FILIPPI: “Non so se Milly è davvero ossessionata dall’Auditel … “Pensavo vincesse già con la semifinale, ma non è accaduto. Sono certa che accadrà con la finale”.


mariad

Maria De Filippi risponde alla domande di Domenico Naso in una intervista per Il Fatto Quotidiano. Flemmatica, precisa e concisa  passa  dal caso Morgan alla sfida con Ballando con le Stelle, dal web “tarocco” al rapporto dettagliato del rapporto che la lega a RTL e al suo presidente Suraci, per finire a raccontare le dinamiche televisive. Riportiamo alcune parti interessanti della intervista “fiume” che spiegano il suo concetto su alcuni accadimenti che hanno recentemente animato i social e che la riguardano:

Su MorganMorgan per me non è un dente. La scelta di Morgan nasce l’anno scorso, da una provocazione che lui fa su Chi dopo Sanremo: “Chissà se Maria avrà mai il coraggio di invitarmi in un suo programma a cantare…”. E a questo punto sono io che lo cerco, vado a cena con lui e Rudy Zerbi che è suo amico, e oggettivamente rimango affascinata. Mi piaceva il suo modo di ragionare. Abbiamo parlato di tante cose e la mattina dopo lo chiamo chiedendogli di rivederci e lo inserisco nel serale dandogli il ruolo secondo me più giusto per lui, una sorta di giudice che poteva dire la sua sulle canzoni che cantavano i ragazzi o dare delle prove speciali. Finisce l’esperienza con soddisfazione di entrambi e a giugno lui mi chiede di fare il direttore artistico. Alla fine dico sì. È stata una mia scelta.

La rifarei mille volte. Sono un’istintiva, non mi preoccupo di quello che dice la gente. Nella stessa situazione la rifarei. Quando dico che è stato un mio fallimento, lo dico perché secondo me Morgan in un talent potrebbe dare moltissimo, ma nel ruolo di direttore artistico non è andata così quindi sì, è stato un fallimento per tutti e due. Per me perché non sono riuscita a fare emergere le chiavi secondo me più importanti di Marco, per lui perché sono sicura che sia dispiaciuto quanto me.

Su Morgan a BallandoQuando ho saputo che era a Ballando ho pensato: meglio così, perché lavora. E penso che per lui sia importante. 

Alla domanda “Lei al posto di Milly l’avrebbe invitato?” risponde: No, avrei aspettato un’occasione diversa e non avrei neanche giocato sull’equivoco della “verità”.

Sul concetto di “web tarocco”: …ho visto che fa figo essere in tendenza, avere tanti like e tanti commenti. Ma bisogna vedere se sono commenti che rispondono alla verità o sono fatti da un esercito di persone che deve commentare. Non è il massimo quando il web diventa tarocco, non porta niente a nessuno.   È come avere tanti like che poi non corrispondono alla verità. Questo web tarocco mi fa un po’ tristezza, soprattutto perché lo sport preferito in questo momento sembra essere il ricattino: vado sul web e sparo contro ma se mi arruoli smetto.

A proposito dell’articolo durissimo di Aldo Grasso su Milly Carlucci e sulla sua presunta ossessione degli ascolti che la porterebbero a fare dispetti alla De Filippi:  Grasso lo leggo sempre. Penso di detenere un record: so tutti gli articoli che scrive. Penso sia partito dal teaser sulla “verità” che creava l’equivoco sul caso Morgan. Non so se Milly è davvero ossessionata dall’Auditel: lei dice che Ballando non è paragonabile a C’è posta perché C’è posta è partito prima, che non è paragonabile ad Amici perché Amici è partito dopo. Quindi, se dovessi giudicare da quello che dichiara, direi che non è così attenta agli ascolti. Ripeto: giudicando da quello che dichiara. Dell’articolo mi è dispiaciuto il pezzo su di me. Da cinque anni a questa parte, ad Amici, cerco di non cavalcare le polemiche con la giuria. Ma quando ho letto quel pezzo ho capito di stare ancora sulle scatole a Grasso.

Sulla collocazione di Amici in palinsesto al sabato sera?
La scelta di mandare in onda il programma al sabato è di Publitalia. È una collocazione che non amo e credo che durante la settimana sarebbe più adatto. Sono tre anni che ci provo ma non ce la faccio perché Publitalia vende il pacchetto “De Filippi” per tutti i sabati, tutto l’anno. Spero che prima o poi il sabato sera andrà in onda qualcun altro…

Sulle frecciate contenute nella lettera scritta in occasione del rientro di Emma ad Amici:

C’era un accenno polemico a chi prende Amici in un modo diverso da quello che è. Amici c’è da sedici anni e di ragazzi ne sono passati tanti. C’è chi ha avuto la fortuna di realizzarsi come cantante (i ballerini quasi tutti) e chi no. D’altra parte, i cantanti non nascono come funghi. E non è un caso che i grandi nomi della musica italiana siano ancora, da decenni, sempre gli stessi: Laura Pausini, Giorgia, Tiziano Ferro. Già che ci sono dentro anche Mengoni, Amoroso, Emma, Noemi e Annalisa è un risultato enorme. Amici non può essere una onlus. È un programma televisivo che per un anno, e in questo ha più fortuna di X Factor perché c’è una parte oggettivamente scolastica, ti dà tutti gli strumenti per realizzarti. Ma tu devi avere qualcosa in più per farti scegliere dalla gente. Hai talento, ovviamente, altrimenti non saresti entrato, ma deve esserci l’unicità di quel talento. È come quando ricevi i commenti tarocchi sul web. Ti possono esaltare ma lo sai che sono tarocchi. Quando vai in mezzo alla gente non l’hai mica pagata, e al concerto non fai sold out.

Sui rapporti con le radio, come è nata la collaborazione con RTL e Suraci

Dico tutta la verità, non ho nessun problema e sfido chiunque a smentirmi. Siamo ai tempi di Alessandra Amoroso con Immobile, tempi in cui nessuna radio passava i pezzi dei ragazzi di Amici. Io chiamo Linus pregandolo di sentire il disco di Alessandra. Linus ascolta e mi dice: “Non mi piace”. Chiamo Rds nella persona di Eduardo Montefusco, perché Maurizio aveva lavorato per loro e lo conoscevo. Gli chiedo di ascoltare i pezzi e mi risponde che non sono in linea con l’EarOne. Le radio non passavano un ragazzo di Amici neanche sotto tortura perché secondo loro non funzionavano. Consideravano i talent come i discografici di allora: la feccia della feccia. Arriviamo all’edizione con Emma. Al serale sono invitati anche i giornalisti e tra loro c’è Luca Dondoni (giornalista de La Stampa e conduttore di un programma su RTL, ndr) che durante il programma smanetta con il cellulare e mi dice: “Mi ha scritto Suraci e ha intenzione di passare ‘Calore’ di Emma”. Il primo passaggio avviene, dunque, su RTL. L’anno successivo io impazzisco, per gusti personali, per i Modà e li invito ad Amici. Non so che i Modà sono della casa discografica di Suraci ma da lì si crea un rapporto: Emma finisce a Sanremo con i Modà, poi Emma discute con Suraci e per un po’ di tempo RTL passa solo i Modà e non Emma nonostante il pezzo lo abbiano cantato insieme. Prima che Suraci si avvicini ad Amici, cerco di instaurare un rapporto con 105 e facciamo una sorta di accordo che prevede che passi gli inediti dei ragazzi. Il problema è che più che gli inediti, mandavano in onda le interviste a me. Suraci si presenta proponendo gli inediti dei ragazzi abbinati a un concorso e io dico sì. A questo punto, Suraci ha la possibilità di passare i brani di Amici. Fine. Ma tra me e Suraci non c’è mai stato un contratto o un euro, niente di tutto ciò. Adesso che Piersilvio ha preso 105, Mediaset si è spostata su 105 e ovviamente anche Amici. Questa è la storia vera. Non c’è nulla in mezzo. Del tipo che Suraci non ha mai fatto un regalo di Natale a me e io non l’ho mai fatto a lui. Zero.

Differenza tra sistema Rai e sistema Mediaset
È completamente diverso. Mi è sembrato che a Mediaset ci sia più libertà di contenuto. È anche giusto, visto che la Rai è servizio pubblico e dunque c’è una struttura burocratica che a Mediaset non c’è. Anche solo i passaggi che devi seguire per fare una cosa sono molto di più rispetto ai passaggi che dobbiamo fare noi. (non immagina un suo futuro in Rai, dichiara di stare bene dove si trova ndr)

Cosa si aspetta  dallo scontro finale con Milly Carlucci e con l’ultima puntata di Ballando con le stelle
Io penso che debba vincere Ballando, visto che è la finale. Così magari Milly è felice. Anzi no, visto che lei i dati non li guarda. Pensavo vincesse già con la semifinale, ma non è accaduto. Sono certa che accadrà con la finale.

Redazione

Riccardo Scamarcio contro il pubblico: “Rompete il caz*o”


riccardo scamarcio-6.png

Insomma, va detto che la verità al pubblico non sempre è gradita soprattutto se urlata.E’ capitato a Riccardo Scamarcio che a Bari per per ritirare il premio Gassman per il film “Pericle il nero” ha inveito contro il pubblico. Scamarcio risentito forse dall’insuccesso del  film ritenuto importante e per il quale ha ricevuto il premio al festival barese si è sfogato col pubblico:
Voi rompete il caz*o.Voi volete interagire con lo spettacolo, applaudite… Ma che cazzo applaudite? Capisco che è una vostra esigenza partecipare. Ma dovete stare zitti. Sono provocazioni estreme per dire che lo spettacolo è uno spettacolo se vi sorprende. Tutti vogliono gratificare, fare per il pubblico, è tutto per il pubblico. Infatti mi sto facendo un culo così per voi” .

Alle sue parole  dure e provocatorie, sono seguiti i fischi e  gli insulti del pubblico ma l’attore ha continuato  il suo monologo che è diventato sempre più acceso quando il pubblico ha fatto qualche osservazione. “Voi siete diventati i protagonisti nello spettacolo. C’è una forma di accondiscendeza di spettacolo – tutto per il pubblico. Ma io dico: ‘E no, ognuno ha il proprio mestiere. Se no venite qui e fatelo voi sto cazzo di spettacolo’. Basta con ste cose di dare ragione al pubblico. Il pubblico ha torto a prescindere. La città è malata. Finalmente mi fischiate contro. Che se ne frega. Non venite a teatro. Anzi, ma che cazzo siete venuti a fare qua, per sentire cosa?!?”.

Tra gli insulti che sono volati  c’è  chi prova a fargli qualche domanda. E proprio mentre Scamarcio dice al microfono:”stavo scherzando, stavo solo facendo un discorso in generale”, una donna seduta tra il pubblico fa una domanda  che lo fa imbestialire. “Perché sei venuto qui a parlare di te e hai voluto strafare?”, risponde  “Voglio strafare perché mi assumo la responsabilità di quello che dico. Lei non mi dà la linea di quello che devo dire. Io sono libero e dico quello che voglio, quando voglio e come cazzo voglio. Io in questo Paese sono libero, in pochi dicono quello che pensano. Di questo si dovrebbe preoccupare“.

Redazione

28/04/2017 – 21:20 #RAI1: I MIGLIORI ANNI Conduce Carlo Conti con Anna Tatangelo – OSPITI: Brooke Shields, Fiorella Mannoia, Pupo, Gigliola Cinquetti, Solenghi e Lopez


i-migliori-anni-con-anna-tatangelo-740x350
I Migliori Anni” torna venerdì 28 aprile con un’esplosiva prima puntata e riporta in prima serata su Rai1 alle 21.20 l’emozionante sfida tra decenni ideata e condotta da Carlo Conti, affiancato anche in questa edizione dalla splendida Anna Tatangelo. 
Ad inaugurare l’ottava edizione di questo varietà tra i più amati del piccolo schermo, un ricco parterre di ospiti internazionali: dagli Stati Uniti arriveranno Brooke Shields, bellezza statuaria del cinema a stelle e strisce, la regina della hit mondiale Ring My BellAnita Ward e i Cock Robin, interpreti di Just Around The Corner e The Promise You Made, mentre direttamente dal Regno Unito sbarcheranno gli OMD per travolgere il pubblico con la loro mitica Enola Gay.
A fare gli onori di casa, nello spazio dedicato a “Il Mio Sanremo”, una fuoriclasse forte di 5 presenze al Festival: Fiorella Mannoia, che farà rivivere le emozioni, le esperienze e le canzoni dei suoi Festival.
Pupo, con il suo ricco e intramontabile repertorio, sarà il protagonista del “Jukebox”,  spazio fisso dedicato alle grandi hit di sempre.
L’appassionante viaggio nella storia della musica proseguirà con il talento indiscusso della bravissima Gigliola Cinquetti. A rappresentare gli anni ’70 saranno gli Homo Sapiens, mentre gli anni ’80 porteranno sul palco le note pop jazz di Sergio Caputo. Per gli anni ’90 ospite Alessandro Canino con il brano Brutta, mentre Massimo Lopez e Tullio Solenghi ripercorreranno insieme a Carlo Conti imomenti più emozionanti della loro intensa carriera. 
Spazio speciale alla memoria collettiva del pubblico a casa con i “Noi che…”, tante frasi legate ai propri ricordi condivise utilizzando Internet e i profili social del programma. E, in più, via web il pubblico da casa potrà contribuire a riempire i “carrelli dei decenni”, una bacheca di video, foto, oggetti e ricordi con cui scrivere insieme il racconto di “Cosa resterà dei Migliori Anni”. Gli adulti si riapproprieranno con più orgoglio del proprio tempo e i giovani potranno invitare genitori e nonni a “frugare in cantina”, per cercare tesori nascosti. Complicità, gioco, scoperte, incontro tra generazioni sull’onda della memoria: tutto questo è la grande tradizione de “I Migliori Anni”.
E, anche per questo, in studio sarà presente la Giuria dei 100 ragazzi tra i 18 e i 20 anni, cui spetta il compito di rappresentare il programma sui social e di decretare, in ogni puntata, il decennio vincitore.
Le atmosfere del passato saranno anche rievocate dalle coreografie firmate da Fabrizio Mainini e dalle musiche dell’Orchestra diretta dal Maestro Pinuccio Pirazzoli.
I Migliori anni è presente su Twitter @RaiMiglioriAnni e all’interno del nuovo portale RaiPlay, con la pagina dedicata: http://www.raiplay.it/programmi/imigliorianni.
Redazione

MORGAN “Torno da Maria solo se mi fa cantare l’Ave, o Maria, e se mi chiedono scusa in modo corale”


morgtap

A Morgan a seguito del suo abbandono di Amici per le contestazioni della squadra Bianca di cui era coach, è stato consegnato nella puntata di ieri, mercoledì 26 aprile,  il Tapiro d’Oro da parte di  Striscia la Notizia. Intervistato da Valerio Staffelli, ha spiegato: “Non si può invitare una persona a casa propria, sapendo chi è, e poi sputargli in faccia. Quando non ti fanno parlare e suonare è un lager, perché nel regime la musica e la libertà di parola sono vietate. Ovunque si impedisca di parlare e fare arte è, dunque, un regime totalitario. Io sono comunista“.

Alla battuta ironica di Staffelli sull’audience: “Però, signor Morgan, la curva degli ascolti è scesa quando lei è entrato”  Morgan ha risposto apparentemente risentito: “Ma cosa sta dicendo?! A lei è scesa la curva!”.

Ha anche parlato della sua ultima partecipazione al programma di Milly Carlucci, Ballando con le stelle in onda su Rai uno : “è stata davvero una bella esperienza e soprattutto sono riuscito a parlare“.

Infine Morgan ha detto che tornerebbe ad Amici ma a certe condizioni:  “Torno da Maria solo se mi fa cantare l’Ave, o Maria, e se mi chiedono scusa in modo corale“.

Una possibilità remota per adesso… o no?

Redazione

28 APRILE: nella Giornata Mondiale per le vittime dell’Amianto,Casalemonferrato ospita il concerto gratuito di Ermal Meta


ermal-meta

Nella Giornata Mondiale per le vittime dell’Amianto, Casale Monferrato, il comune devastato dall’amianto, ha bisogno di rinascere e la musica può dare una grande mano. Nel settembre 2016 ci fu il concerto di Roberto Vecchioni per inaugurare il Parco Eternot. Ora tocca a Ermal Meta, che è arrivato terzo all’ultimo Festival di Sanremo con “Vietato Morire”. Il 28 aprile è la Giornata Mondiale delle Vittime d’Amianto, il giorno prima, il 27,  Meta farà un concerto gratuito per la città, in Piazza Castello, un evento dal titolo Ermal Meta per Casale – La città capace di rinascere.

«Il concerto di Ermal Meta è una partecipazione generosa al dolore della nostra città ma soprattutto alla nostra volontà di essere capaci di guardare al futuro», ha spiegato il sindaco di Casale Monferrato, Titti Palazzetti, che si augura per la sua città «Un futuro sereno, frutto della cooperazione di tutti i cittadini di buona volontà». Anche Daria Carmi, assessore a Cultura e Turismo, ha voluto ringraziare Ermal Meta: «Siamo veramente felici che Ermal Meta abbia dimostrato interesse per la nostra storia e deciso di contribuire nel processo di trasformazione della memoria in costruzione di valori positivi quali la voglia di vivere, il rispetto per le persone e per l’ambiente, il diritto alla salute».

 

AMICI16 ANTICIPAZIONI: RENATO ZERO quinto giudice – OSPITI: ARISA E LOREDANA BERTE’ – ESCE: COSIMO


amici-16-studio-serale-squadre-bianca-blu-29-aprile

Amici16 sesto appuntamento: Il quinto giudice che affiancherà Ermal Meta, Ambra Angiolini, Eleonora Abbagnato e Daniele Liotti sarà Renato Zero che ritorna ad Amici dopo l’esperienza dell’edizione del  2015, rimasta nella memoria per i battibecchi con Emma anche in quella edizione  direttore artistico.

Tra gli ospiti alcuni ritorni, infatti ci saranno Arisa e Loredana Berté  che ha ricoperto nelle scorse edizioni il ruolo di giudice. Ritorna anche, dopo essere stato ospite nella quarta puntata,  Roberto Saviano, che già nella quarta puntata era salito sul palco di Amici con un monologo sul cyberbullismo e sulla libertà di pensiero dedicato alla poetessa Anna Achmatova.

Dalle anticipazioni in rete si scopre  anche il nome dell’eliminato della serata: Cosimo Barra dei blu che nel ballottaggio con Shady, cantane della Squadra Bianca, ha la peggio ed esce da Amici

Considerato che a restare in gioco dopo l’uscita di Cosimo restano due ballerini  Andrea e Sebastian è probabile che già nella settima puntata verrà incoronato il vincitore della categoria danza.

Redazione

Pennelli Di Vermeer – Ho perso il pelo (Radio Date: 28-04-2017)


pennelli_di_vermeer_ho_perso_il_pelo.jpg___th_320_0ESCE VENERDÌ NELLE RADIO E OGGI SU YOUTUBE

“HO PERSO IL PELO”

IL SINGOLO CHE ANTICIPA IL NUOVO ALBUM DEI
PENNELLI DI VERMEER

IN USCITA NEL PROSSIMO AUTUNNO.

CON QUESTO ALBUM, ATTUALMENTE IN LAVORAZIONE PER LA SOTER LABEL, LA POLIEDRICA BAND CAMPANA, CHE SIN DAGLI ESORDI SI E’ ESPRESSA ATTRAVERSO IL ROCK ED IL TEATRO-CANZONE, IL POP E IL PROGRESSIVE, RAGGIUNGE IL PRIMO DECENNALE DI CARRIERA NEL QUALE HA RACCOLTO NUMEROSI PREMI E CONSENSI, ANCHE GRAZIE AD UNA LUNGA ATTIVITA’ LIVE.

‘HO PERSO IL PELO’, registrato presso lo studio LavaLab di Giovanni Vicinanza per l’etichetta Soter, è la canzone che apre la nuova stagione artistica di una band musicalmente trasversale, che ha attraversato e contaminato generi (progressive, teatro-canzone, concept-rock) e che approda adesso a un sound dove le atmosfere easy rock riecheggiano nella chitarra elettrica graffiante suonata dalla voce e autore Pasquale Sorrentino, e nelle morbide armonie vocali di Stefania Aprea (chitarra acustica). Al basso, la new entry Michele Matto mentre a picchiare su cassa e rullante ci pensa lo storico batterista Marco Sorrentino.

L’uscita in radio è accompagnata dal lancio di un videoclip, disponibile su youtube al seguente link: (www.youtube.com/watch?v=IUwfiA2X9T0&feature=youtu.be ), realizzato da Danilo Marraffino della AUDIOVIDEOLIVE, prodotto dall’Associazione Culturale ‘BEQUIET – Palco libero ai cantautori’, il format fondato da Giovanni Block, del quale i Pennelli di Vermeer sono fra i principali protagonisti.

Il testo descrive la sincera analisi di una persona che pur avendo attraversato varie crisi, fra tentazioni e contraddizioni, pur facendo ‘i conti’ con i propri errori, non perde la voglia e la passione di continuare a vivere senza maschera e ricorrendo ad una ‘leggerezza’ con cui poter affrontare i disagi imposti da situazioni di vita non sempre consone alla propria natura.

Da maggio è in partenza un tour di concerti nei quali sarà possibile ascoltare sia i vecchi brani, sia il nuovo singolo e, in anteprima, le nuove canzoni dell’album in fase di completamento.
Le date saranno comunicate sulla pagina Facebook della band.

Redazione

 

BALLANDO CON LE STELLE: Morgan riconfermato anche per la finale di sabato 29 Aprile.


1493136616-ballando-stelle-puntata-22-aprile-779x445-2.jpg

La questione del “divorzio” di Morgan (ex coach della squadra bianca) da Amici 16 di Maria De Filippi  continua a tenere banco  e questa volta ad esprimersi è proprio la conduttrice di Ballando con le Stelle, Milly Carlucci che in una intervista al settimanele Chi spiega perchè ha voluto fortemente Morgan ospite alla semifinale (e adesso anche alla finale)  di Ballando con le Stelle, fugando ogni dubbio su ipotetici “sgambetti” alla diretta avversaria e regina di Mediaset.

Smentita la versione che vedeva nel reclutamento dell’ex Bluvertigo un sgarbo alla De Filippi  Milly Carlucci  in barba al chiacchiericcio social sull’artista  spiega il motivo per cui l’ha invitato:  «Se ho invitato Morgan per fare uno sgarbo alla De Filippi? No, è andata diversamente. Morgan è un personaggio interessante e originale, che ha già partecipato al nostro programma ed è assolutamente perfetto per come abbiamo voluto riscrivere Ballando, modernizzandolo alla dodicesima edizione» e poi.. «Battere Maria non è mai stato il nostro obiettivo, anche se è accaduto. Questa sfida tra noi in realtà non esiste».

Ancora sconosciuto il ruolo che rivestirà il cantante nel prossimo e ultimo appuntamento del 29 aprile di Ballando con le stelle.

Redazione

Redazione

ALBA PARIETTI scatenata sul suo social contro la Lucarelli “bulletta da tastiera e video”


alba-parietti-e-selvaggia-lucarelli_1291633

Alba Parietti reduce di #Ballando con le Stelle, scatena l’inferno attaccando #Selvaggia Lucarelli, con  due  messaggi postati oggi  sulla sua pagina  social, ricchi  di epiteti  “pesanti” e di considerazioni “dure” nei confronti del suo compagno Lorenzo Biagiarelli.

Discutere con la Lucarelli è’ mettere merda in un ventilatore . Dopo la trovi dappertutto. Allora questa è’ ultima volta, che pubblico qualcosa che riguarda la Lucarelli, che sostiene io parli di lei e la sputtani in continuazione ,quando è’ evidente a tutti che è’ esattamente il contrario. Lei vive di questo . Sa’ fare solo questo. In quanto provoca e insulta con proseliti del suo stesso bieco livello ….Per cosa io dovrei farmi aiutare ? A cosa si riferisce ? Non mi risulta Giletti abbia mai detto che ero ridicola , ne nessun altro. Si permetterebbe all’Arena …. sopratutto …Massimo mi adora ed è’ un grandissimo signore . Confermo solo una cosa , lei si, è’ ossessionata dall’essere il nulla , vorrebbe essere e non è’ famosa solo per atti scorretti , volgari e macabre battute sue e del suo degno fidanzato che scherza su bambini morti e persone gravemente malate, indagata e sotto processo, denunciata , calunniatrice , cafona , capace solo di infangare le persone con insulti, mitomane, megalomane , bugiarda . Senza nessuna competenza ne carriera da tutelare, ne professione se non la delatrice , sputtanatrice, bulletta da tastiera e video. Sputtanatrice inoltre senza nessun titolo ,ne curriculum di persone ,con una carriera di grandissimo peso e rispetto. Se il post si riferisce a qualsiasi ipotetica malattia …. ” il farmi aiutare” vorra’ dire , da un avvocato ,perché sinceramente dopo 35 anni di onoratissima e fantastica carriera, questa zecca ,sanguisuga inutile che si attacca a rompere gli zebedei . Ah proposito , dopo averla vista per la prima volta a figura intera, all’Arena ho finalmente capito il motivo della sua acidità …. 😊

“Questi sono i post del fidanzato di Selvaggia , postati sulla pagina di bulli che lei stessa poi ha fatto chiudere, peccato che uno dei bulli fosse lui. Sabato intanto che lei litigava con me lui scriveva contro di me e pubblicava. Ecco chi è’ la raffinata penna dell’associazione a delinquere detta da me ” la coppia degli acidi” . Selvaggina e il fidanzato che fa’ simpatiche , macabre battute su bambine morte ammazzate e Pier Giorgio che ha sofferto e lottato per i diritti civili e umani di noi tutti. Chi parteggia per lei,scrive per lei è’ esattamente come lei. Sono fiera di non piacere a questo tipo di persone. Qualsiasi discussione con la Lucarelli ,equivale a mettere della merda davanti a un ventilatore.”

paroetto.jpg

Redazione

E’ uscito “We Are All Mad Here” album di debutto dei Six Impossible Things!


E’ uscito “We Are All Mad Here”, l’album di debutto dei Six Impossible Things.

six

“We Are All Mad Here” è il primo album del duo indie punk Six Impossible Things.

Il disco prodotto da Mario Percudani (Hungryheart, Smokey Fingers) è composto da 11 brani che mantengono intatta la loro struttura unica di quando sono stati scritti con chitarra e voce, arricchiti da arrangiamenti per pianoforte e archi, chitarre elettriche e armonie vocali di stampo west coast.

L’album si divide tra momenti acustici e punk rock senza mai abbandonare i testi sognanti che caratterizzano l’intero lavoro. 

Tracklist

01 I Don’t Know
02 Our Own World
03 Why The World Has Gone Mad?
04 The Right Way
05 Memory
06 Nightmare
07 Smiles
08 Words
09 Miss You
10 Hopeless
11 Children Forever

Line Up:


Nicole Fodritto: Voce

Lorenzo Di Girolamo: Chitarra/ Voce

Web: Six Impossible Things website

Social: Facebook

Label: Tanzan Music

Il Videoclip – “Memory”

Redazione

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: