Day: maggio 19, 2017

ZUCCHERO “SUGAR” FORNACIARI: il “BLACK CAT WORLD TOUR” sbarca in OCEANIA! Stasera in concerto ad AUCKLAND e nei prossimi giorni live anche a SYDNEY, MELBOURNE, ADELAIDE e PERTH!


ZUCCHERO “SUGAR” FORNACIARI

Dopo il successo dei live in NORD AMERICA

e dei primi 5 concerti all’ARENA di VERONA

IL “BLACK CAT WORLD TOUR” SBARCA IN OCEANIA:

 

Oggi, venerdì 19 maggio, live ad AUCKLAND

Domenica 21 maggio SOLD-OUT il concerto all‘OPERA HOUSE di SYDNEY

icona della città e di tutta l’Australia e patrimonio dell’umanità!

Lunedì 22 maggio a MELBOURNE

Mercoledì 24 maggio ad ADELAIDE

Venerdì 26 maggio a PERTH

IN PREVENDITA I BIGLIETTI PER LE 5 DATE DI SETTEMBRE ALL’ARENA DI VERONA:

21-22-23-24-25 SETTEMBRE

               

Il “BLACK CAT WORLD TOUR” di ZUCCHERO “SUGAR” FORNACIARI sbarca in Oceania!

Dopo il grande successo ottenuto in Nord America e in Italia, con le prime cinque date del 2017 realizzate dall’1 al 5 maggio all’Arena di Verona, da oggi, venerdì 19 maggio, Zucchero realizzerà 5 concerti tra Nuova Zelanda e Australia. Questa sera sarà infatti in concerto ad Auckland e nei prossimi giorni porterà live i suoi più grandi successi in Australia, nelle città di Sydney, Melbourne, Adelaide e Perth.

Tra gli appuntamenti australiani è già Sold Out il concerto previsto domenica 21 maggio nella prestigiosa venue dell’OPERA HOUSE di Sydney, una delle più grandi opere architettoniche del ventesimo secolo, icona della città e di tutta l’Australia e dal 2007 patrimonio mondiale dell’Unesco.

Il “Black Cat World Tourdi Zucchero, partito lo scorso 15 marzo da San Diego, dopo la Nuova Zelanda e l’Australia, continuerà anche in Giappone, Nord Africa ed Europa e tornerà nuovamente in Italia, all’Arena di Verona, per gli ultimi 5 concerti che si terranno dal 21 al 25 settembre.

Sono in prevendita su TicketOne.it e nei circuiti di vendita abituali i biglietti per le ultime 5 date italiane di settembre (21-22-23-24-25 settembre).

RTL 102.5 è la radio media partner ufficiale dei concerti italiani di Zucchero nel 2017.

Dopo i “10 + 1” straordinari show all’Arena di Verona del 2016 e le 10 date del 2017 arrivano a quota 21 i CONCERTI tenuti da ZUCCHERO nel prestigioso anfiteatro veneto in soli 12 mesi: un RECORD ASSOLUTO!

Durante i live Zucchero, accompagnato da una super band di musicisti internazionali, presenterà sul palco il suo ultimo progetto discografico, “Black Cat”, e i suoi più grandi successi, portando in scena uno spettacolo ricco di intense e vibranti emozioni.

È attualmente disponibile nei negozi il vinile “Black Cat Live“, con le registrazioni di tutte le canzoni di Black Cat” eseguite dal vivo all’Arena di Verona il 25 settembre 2016.

Dopo la messa online dei video dei brani “L’anno dell’amore(giovedì 13 aprile), “Ten More Days” (giovedì 20 aprile) e “Hey Lord(giovedì 27 aprile), “Fatti di sogni” (giovedì 4 maggio), “La tortura della luna” (giovedì 11 maggio), “Love Again” (giovedì’ 18 maggio) il prossimo giovedì, 25 maggio, sarà pubblicato sui canali ufficiali di Zucchero l’ultimo video musicale, ancora inedito, di “Black Cat”.

Il disco “BLACK CAT(certificato Doppio Platino da FIMI/GfK Italia) è prodotto da tre grandi nomi del panorama internazionale, T Bone Burnett(Elvis Costello, Elton John, Tony Bennett e altri), Brendan O’Brien (Bruce Springsteen, Pearl Jam, Bob Dylan e altri) e Don Was (The Rolling Stones, Iggy Pop, Bob Dylan e altri), e si compone di 13 brani dalle nervature rock-blues. L’album annovera, anche, la collaborazione artistica di Bono, che in seguito alla tragedia avvenuta al Bataclan di Parigi ha scritto con Zucchero il brano “Streets Of Surrender (S.O.S.)”, la partecipazione alle chitarre di Mark Knopfler, che suona sia nel brano “Streets Of Surrender (S.O.S.)” sia nel brano “Ci si arrendee il contributo artistico di Elvis Costello che ha scritto la versione inglese del brano “Love Again“, dal titolo “Turn the world down” (canzone presente solo nelle versioni estere di “Black Cat”).

 

Redazione

 

#MUSICA Chris Cornell: la moglie Vicky, chiede gli esami tossicologici “…Quando abbiamo parlato al telefono, prima del concerto…Ho notato che biascicava e mi sembrava diverso”.


cornell

Intanto è stata confermata dal medico legale la morte per suicidio di Chris Cornell, 52 anni, celebre cantante dalla potente voce malinconica e simbolo del rock anni Novanta insieme a Nirvana e Pearl Jam, componente del gruppo dei Soundgarden. E’ stato trovato senza vita nella sua stanza d’hotel a Detroit nella notte tra il 17 e il 18 maggio, poco dopo aver concluso un concerto con il suo gruppo. «A mezzanotte – ha detto un rappresentante della polizia locale – abbiamo ricevuto una chiamata dal MGM Grand Casino Hotel. Un amico della famiglia si è recato sul posto su richiesta della moglie di Cornell, il quale è stato trovato senza vita sul pavimento del bagno». Poche ore il medico legale ha confermato che Cornell si è tolto la vita impiccandosi.

La notizia del suicidio del 52enne ha spiazzato i familiari e le persone più vicine a Cornell. Ma forse un segnale di quanto stava per accadere poteva essere colto.il fotografo ufficiale dell’ultimo concerto tenutosi a Detroit, Ken Settle, ha raccontato che c’era “qualcosa di strano e minaccioso” nel comportamento del cantante. Durante l’ultimo show,  Cornell era particolarmente euforico rispetto agli spettacoli precedenti in cui sembrava sempre più “concentrato, introspettivo, assorto e perso in se stesso”. E poi rivela Settle, c’è quella frase detta alla fine del concerto: “Sono davvero dispiaciuto per la prossima città“. Il fotografo spiega che non ha mai pensato a quello che stava per accadere: “Io pensavo volesse dire che lo show della prossima città non poteva essere paragonabile allo show visto a Detroit. Adesso, suona davvero in maniera diversa”. Un messaggio che nessuno è stato in grado di cogliere.

E’ di qualche ora fa la notizia che la moglie ha chiesto l’esame tossicologico: “La morte di Chris è una perdita che va oltre le parole e che ha creato un immenso vuoto nel mio cuore, che non potrà mai essere colmato“. Con queste parole, Vicky Cornell, la moglie del celebre musicista ha aperto un comunicato stampa riportato da Pitchfork. “Come è stato già detto da tutti coloro che lo conoscevano, Chris era un marito e un padre devoto. Era il mio miglior amico e il suo mondo girava attorno alla sua famiglia, prima di tutto, e poi alla musica”. 

Chris Cornell: la moglie chiede un esame tossicologico
Vicky Cornell ha quindi raccontato come si sono svolti i fatti che hanno portato alla morte di Chris, rendendo espliciti i suoi dubbi sulle cause del suicidio: “È tornato a casa per la festa della mamma, per passare un po’ di tempo con noi, poi è ripartito mercoledì, il giorno del concerto, dopo aver passato un po’ di tempo con i suoi figli. Quando abbiamo parlato al telefono, prima del concerto, abbiamo deciso che saremmo andati in vacanza durante il Memorial Day e abbiamo parlato di altri cose che avremmo voluto fare. Ho notato che biascicava e mi sembrava diverso. Quando mi ha detto che forse aveva preso una o due pasticche in più di Ativan, ho chiamato la sicurezza  e ho chiesto che andassero a controllare come stesse. Quello che è successo è inspiegabile e spero che i prossimi risultati medici ci forniscano delle informazioni aggiuntive. So che amava i suoi bambini e che non avrebbe mai voluto fargli del male, togliendosi intenzionalmente la vita. Le esternazioni di amore ed il supporto dei suoi fan, degli amici e della famiglia, significano davvero molto per noi, più di quanto possiate immaginare. Vi ringrazio per questo e per aver capito quanto sia difficile questo momento per noi”.

La famiglia è convinta che se Chris si è davvero tolto la vita, lo ha fatto senza essere capace di intendere, e che le droghe o altre sostanze abbiano influenzato le sue azioni“, si legge in un altro comunicato diffuso dai famigliari del cantante: “Senza i risultati degli esami tossicologici, non possiamo sapere cosa sia accaduto a Chris o se qualche sostanza abbia contribuito al suo decesso.

Seattle, la sua città saluta Chris Cornell

cornell

Redazione

#MUSICA: MARCO CARTA INSTORE TOUR – LE DATE


marco carta

Si scaldino i motori, l’instore tour è alle porte! Non vedo l’ora di mettermi in viaggio, e voi?”.

Così Marco Carta ha annunciato il via del suo Instore Tour, firmacopie che parte proprio dalla sua città, Cagliari, il 26 maggio per proseguire il 27 a Roma, il 28 ad Alghero, il 29 a Varese e Milano, l’1 giugno a Palermo, il 2 a Salerno e Napoli, il 3 a Foggia e Brindisi, il 4 a Villacidro (Medio Campidano), il 5 a Firenze e Bologna e il 7 a Genova e Torino. Qui tutte le date:

 

marco tour

l’album dal titolo,  Tieniti Forte in uscita il 26 maggio, che segna il ritorno di Marco Carta sulla scena musicale, è stato anticipato dal   singolo, Il meglio sta arrivando” a firma di  di Davide Simonetta, Raige e Luca Chiaravalli rilasciato il 21 aprile scorso.

Come informa lo stesso cantante dalla sua pagina social una sorpresa esclusiva é riservata a chi preordinerà    “Tieniti forte” su iTunes:

“Preordinando il mio nuovo album su iTunes (http://apple.co/2qLcihA) potete ricevere una sorpresa esclusiva!

Vi svelo come: fate uno screenshot della ricevuta del preorder e inviatelo all’indirizzo warnermusicitalyofficial@gmail.com entro le 22:30 del 25 maggio, indicando nell’oggetto della mail “Marco Carta preorder”.
E poi aspettate fiduciosi… 🎁

Redazione