Giorno: ottobre 19, 2017

“Quello che vuoi” il nuovo singolo di Zibba in uscita il 27 di ottobre


 

unnamed (30)Il 27 ottobre esce “Quello che vuoi” il nuovo singolo di Zibba,  l’inizio di un nuovo percorso, anticipando la pubblicazione di “Le Cose”, ottavo album del cantautore. Una canzone d’autore dai toni scuri, con un sound assolutamente black e un mantra da ripetere all’infinito. “Questa canzone è quella che mi ha dato l’idea del disco. L’idea del suono che avrebbe dovuto avere. Racconta molte cose dietro poche semplici frasi. Racconta la malinconia e l’amore come se fossero la stessa cosa”. Zibba

 

Redazione

EROS RAMAZZOTTI: il 17 novembre esce “EROS DUETS” (Sony Music Italy), l’album che celebra i più importanti duetti della carriera dell’artista.


EROS RAMAZZOTTI

Eros Duets_Copertina Album_b

IL 17 NOVEMBRE ESCE EROS DUETS

L’album che celebra i più importanti duetti della carriera dell’artista 

Il 17 novembre esce in Italia, in formato cd e vinile, EROS DUETS” (Sony Music Italy), l’album che celebra i più importanti duetti della carriera di EROS RAMAZZOTTI.

Il disco sarà disponibile nei negozi tradizionali, in digital download e su tutte le piattaforme streaming.

Sempre il 17 novembre uscirà in tutto il mondo la versione internazionale.

EROS DUETS” contiene 15 tra i brani più famosi di Eros Ramazzotti eseguiti con alcuni dei più importanti artisti internazionali e non: Tina Turner, Nicole Scherzinger, Giorgia, Anastacia, Ricky Martin, Cher, Andrea Bocelli, Carlos Santana, Patsy Kensit, Take 6, Ornella Vanoni, Antonella Bucci, Raf, Luciano Pavarotti e The Chieftains.

Il tutto è arricchito da un booklet di 36 pagine.

Questa la tracklist della versione italiana dell’album: Cose della vita (Can’t stop thinking of you)”, Eros Ramazzotti & Tina Turner; “Fino all’estasi”, Eros Ramazzotti & Nicole Scherzinger; “Inevitabile”, Eros Ramazzotti & Giorgia; “I belong to you (il ritmo della passione”), Eros Ramazzotti & Anastacia; “Non siamo soli”, Eros Ramazzotti & Ricky Martin; “Più che puoi”, Eros Ramazzotti & Cher; “Musica è”, Eros Ramazzotti & Andrea Bocelli; “Fuoco nel fuoco”, Eros Ramazzotti & Carlos Santana; “La luce buona delle stelle”, Eros Ramazzotti & Patsy Kensit; “Un attimo di pace”, Eros Ramazzotti & Take6; “Solo un volo”, Eros Ramazzotti & Ornella Vanoni; “Amarti è l’immenso per me”, Eros Ramazzotti & Antonella Bucci; “Anche tu”, Eros Ramazzotti & Raf; “Se bastasse una canzone”, Eros Ramazzotti & Luciano Pavarotti; “Un’emozione per sempre”, Eros Ramazzotti & The Chieftains.

Redazione

 

 

DECIBEL: per ENRICO RUGGERI, SILVIO CAPECCIA e FULVIO MUZIO è arrivato il tempo di festeggiare questo incredibile 2017 con due appuntamenti live esclusivi…


 

“DECIBEL PARTY”

È TEMPO DI FESTEGGIARE CON 2

APPUNTAMENTI LIVE ESCLUSIVI

IL 24 OTTOBRE AL LE ROI DI TORINO E

IL 6 NOVEMBRE AL FABRIQUE DI MILANO 

È arrivato per i DECIBEL il tempo di festeggiare questo incredibile 2017!

Per l’occasione, non poteva mancare una grande festa: con il “DECIBEL PARTY”, il 24 ottobre al LE ROI di Torino e il 6 novembre al FABRIQUE di Milano, la band infatti terrà i suoi ultimi due concerti della stagione.

Saranno due party durante i quali il pubblico sarà chiamato a diventare protagonista, con varie indicazioni che Enrico Ruggeri e soci daranno al momento opportuno…Sarà un continuo alternarsi tra brani storici e canzoni del fortunato album “Noblesse Oblige”.

Sul palco, oltre a ENRICO RUGGERISILVIO CAPECCIA e FULVIO MUZIO ci saranno Paolo Zanetti (chitarre) Fortu Sacka (basso) e Alex Polifrone (batteria). Non mancheranno ospiti legati alla band e a un periodo storico più attuale che mai, per un concerto VERO, senza sequenze pre-registrate e suoni virtuali. Un appuntamento unico e imperdibile!

I biglietti per il 24 ottobre al Le Roi di Torino e per il 6 novembre al Fabrique di Milano

sono disponibili in prevendita su Ticketone e nelle prevendite abituali

Intanto, è in rotazione radiofonica “Universi Paralleli”, il nuovo singolo dei DECIBEL estratto da “Noblesse Oblige”, l’album uscito a marzo e che ha segnato la reunion dello storico gruppo

Redazione

Tony Maiello: Venerdì 20 OTT_ il nuovo singolo “L’amore che conosco”


newtime

tony

“L’amore che conosco”,
il nuovo singolo in radio a partire dal 20 ottobre

Venerdì 20 ottobre esce in radio “L’amore che conosco”, disponibile in digital download dal 13 ottobre (etichette discografiche “Il Branco” e “Selection”)terzo singolo di TONY MAIELLO, scritto dallo stesso cantautore con Davide Simonetta ed Enrico “Kikkoz” Palmosi. Prodotto da Enrico “Kikkoz” Palmosi. Mix e masteringMarco D’Agostino (96Khz di Milano). Il singolo sarà accompagnato dal videoclip.

L’amore che conosco si trova negli sguardi, negli attimi di vita che condividiamo con le persone – racconta l’artista che quest’estate è stato tra i protagonisti del Wind Summer Festival-. È il primo e l’ultimo pensiero del giorno. Se in un primo momento la tecnologia ha accorciato le distanze, subito dopo ha imposto una sorta di filtri alle nostre relazioni. “L’amore che conosco”, per questo, vuole anche essere un modo per far riflettere, per ricordarci che è sempre meglio parlarsi da vicino anziché scriversi su whatsapp, che le videochiamate non sostituiranno mai le passeggiate e gli abbracci sotto la luna”.

Tony Maiello è nato a C/mare di Stabia in provincia di Napoli il 15 marzo 1989. Nel 2008 partecipa alla prima edizione di X Factor e arriva fino in finale pubblicando successivamente il suo primo singolo “Mi togli il respiro”, distribuito fisicamente daSony/BMG. Nel 2009 viene messo sotto contratto dall’ etichetta discografica indipendente “Non ho l’età” della Maionchi e nel maggio dello stesso anno pubblica il suo primo EP dal titolo “Ama Calma” con distribuzione Edel. Il primo singolo estratto è stato l’omonimo brano “Ama Calma” uscito nell’ estate del 2009. Segue il singolo“Fidati di me”. Nel 2010 partecipa a Sanremo Giovani trionfando nella categoria“Nuove proposte” con il brano “Il linguaggio della resa” scritto dallo stesso Tony. Oltre al singolo del brano sanremese, viene pubblicato anche l’omonimo album. Il 9 aprile 2010 è stato pubblicato il secondo singolo dall’album, intitolato “Come gli altri”.Segue il singolo in inglese “Echo” con Brooke Borg. Il 22 giugno inizia una collaborazione con l’etichetta discografica Rosso al tramonto e pubblica il singolo intitolato “Chi ha inventato i sentimenti”, seguito da un altro singolo intitolato “Farsi del male x sempre”. Il 6 novembre 2015 esce “Simili” il nuovo album di Laura Pausini e all’interno del disco c’è il brano “200 note” scritto da Tony Maiello. L’ 11 marzo esce il nuovo singolo di Francesco Renga intitolato “Guardami amore”scritto da Tony Maiello e inoltre – all’ interno dell’album – ci sono altri due brani scritti dallo stesso Tony, tra i quali “Scriverò il tuo nome”, la title track del nuovo album di Francesco. Per Giorgia scrive la hit “Credo” contenuto all’interno dell’album “Oro Nero”.

Redazione

MIRIAN TREVISAN SI SCHIERA CON ASIA ARGENTO: … mi hanno detto: “hai potenzialità (dicevano bellezza ma intendevano la f@@a) e non la sfrutti, sei un pazza”…


Il caso “Bob” Weintein ha aperto il vaso di Pandora e se da una parte alcuni del mondo dello spettacolo si schierano contro Asia Argento rea di aver denunciato “fuori tempo” la “violenza” subita dal regista (e poi in seguito anche da altri in Italia ndr), cercando di sminuire una “pratica” del sistema dello showbiz comunque facilmente intuibile e racchiusa nella voce “compromessi” di cui quel sistema è notoriamente pregno, Miriana Trevisan, ex ragazza di Non è la Rai ed ex velina di Striscia la Notizia, ricollegandosi al caso del regista americano, dà ragione ad Asia Argento e confessa amaramente che anche in Italia vige lo stesso, sporco sistema e lo spiega in un lungo articolo su Linkiesta.

Basta un articolo e le parole diventano fuoco e ti svegli una mattina con il sapore amaro in bocca e la consapevolezza che quello stesso attacco l’hai subito anche tu. E non solo tu. Il problema è che, quando accade, non lo riconosci perché è invisibile mentre sei convinta di essere stata tu, l’invisibile”.

E poi: “Forse perché scappare, imparare a essere trasparente, fare silenzio o avere un milione di dubbi e di incertezze pensi che ti possa aiutare. E se poi cerchi la perfezione fuori da te stessa ti specchi in persone talmente abituate a convivere con atteggiamenti di sottomissione e maschilismo tanto da considerarla una consuetudine: finisci tu per diventare l’inconsueta”. 

Compi le tue scelte e rischi di impazzire da sola nella tua stanza, nella confusione che forse “deve essere davvero così” e che non sei adatta o non sei all’altezza e non hai bisogno di addormentarti il cervello (e la coscienza) con droghe o alcool: ti ripeti “datti da fare, studia, cerca di parlare l’italiano correttamente, impara a cantare e sfilare e recitare ma per favore non perderti nella confusione”. Invece in certi ambienti in confusione ci vai, eccome. A vent’anni, da sola, con un po’ di bulimia, un po’ di anoressia, qualche libro di filosofia. Chissà se sono salva. Ti dici: dai, sono salva. Poi arriva l’anziana cialtrona truccatrice delle star che mentre ti prepara ti dice “Miriana, tu non capisci, è il mondo che va così”.

E il dubbio ti viene, eccome. E se ti viene reagisci scappando. E se scappi “non fai pubbliche relazioni”, ti dicono.”

“Ti fai le feste ma eviti gli incontri, prendi il taxi per tornare a casa piuttosto di qualche auto di lusso; fai finta di non avere capito di essere stata invitata sullo yacht finché alla fine non ti invitano più davvero. Molte delle mie colleghe negli anni del mio lavoro in televisione mi hanno detto la stessa cosa: “hai potenzialità (dicevano bellezza ma intendevano la figa) e non la sfrutti, sei un pazza”, “ci sono calciatori e produttori che sbavano per te: dopo te la lavi ed è tutto come prima”. Consigli dati come se fossi stata un’aliena. Poi ti succede di uscire da un camerino, dopo un’imbarazzante chiacchierata con un mostro sacro della televisione, e una sua dolce collaboratrice ti dice: “hai ancora il rossetto, non ti vedremo più” e con un sorriso di pena ti congeda”.

Quindi conclude: “E se poi ti fai prendere dall’entusiasmo per una promessa di un ruolo in un film, che quasi ci credi di essere tu, proprio tu, quella giusta per quel personaggio, poi  “dobbiamo parlarne più intensamente nel mio albergo, ho una suite”, ti dice il regista italiano osannato nel mondo. E tu ancora provi a convincerti: che male c’è, io sono la prescelta, devo solo studiare e studiare, dare arte in forma di bellezza, che ci vuole. E invece no. È tutto un buio di parole, parole buie, che entrano solo in vicoli bui. Lo spiraglio, per alcuni di loro, l’unico spiraglio è la figa. Mi proponevano anche la soluzione: il fidanzato giusto, dicevano. Ma il chiodo per me è stato sempre troppo stretto, io scivolo come sapone di Marsiglia. Io, l’aliena, ho pensato che lui mi dovesse piacere, che dovesse profumare di pulito”. 

 “Quando vai avanti così inevitabilmente ti isoli. Come un chiodo, sì, ma l’unico di una parete vuota, immensa. Una parete che qualcuno chiama arte ma io ne ho dipinta una mia, piena d’amore, che chiamo dignità”.

Redazione

#RAI2: LA MIA PASSIONE Sette storie per sette talenti. Da giovedì 19 ottobre


giorgia

“La mia Passione”, un programma di Marco Marra  scritto con  Silvia d’Ortenzi e Antonio Carbone e introdotto dalla storica Michela Ponzani, parte da giovedì 19 ottobre alle 23.05 su Rai3. Una serie di sette interviste realizzate da Marra a personaggi che hanno eccelso nella loro arte o professione, seguendo una vocazione che ne ha fatto vite esemplari. Sette incontri, sette anatomie del successo, sette racconti di sé. Interviste come grandi lezioni di motivazione, esempi di esistenze straordinarie, dove la distanza della fama dell’intervistato si accorcia a tal punto da mostrare un’intimità inaspettata in cui tutti si possono riconoscere.

Nella prima puntata, in onda alle 23.05, Marco Marra incontra Giorgia. Un destino già nel nome, scelto dal padre Giulio e ispirato dalla famosa canzone di Ray Charles.
La passione e il talento di Giorgia per la musica nasce quasi da bambina, ascoltando proprio i mostri sacri della musica afro-americana del jazz e del soul.E’ al Sanremo del 1995 che nasce la stella. La cantante si aggiudica il primo posto con “Come Saprei” e da quel momento la sua carriera è inarrestabile.
Oggi l’aria da adolescente un po’ intimorita, dagli abiti composti, non c’è più per lasciare spazio a una donna sicura di sé, con un look ed un’immagine in continua trasformazione. Quasi 25 anni di una carriera formidabile, confermata dallo straordinario successo del suo ultimo Album “Oronero”, e da un tour che ha registrato ovunque il sold out. Marco Marra l’ha incontrata in uno dei locali che l’hanno vista nascere, Il Big Mama a Roma.

Redazione