[COMUNICATO STAMPA] Ministro Fontana – Gay è Famiglia_Imma Battaglia_Marilena Grassadonia


L'immagine può contenere: una o più persone e testo

<< Le persone come il Ministro Fontana osservano il mondo con le lenti deformate dei pregiudizi che vorrebbero riportare l’Italia indietro di decenni, a quando esisteva un solo modello di famiglia. Gli basterebbe toglierle per un attimo per capire che l’Italia, quella reale, è cambiata e che oltre alle famiglie composte da un papà e una mamma ce ne sono altre, tantissime altre, in cui i figli crescono con un solo genitore single o con due mamme e due papà. Che gli piaccia o meno, chi ha il compito di governare il Paese ha il dovere di guardarle in faccia, tutte quante >>. #FamiglieArcobaleno #GV18 #WelcomeHome

 
E’ chiaro il messaggio al neo insediato Ministro Lorenzo Fontana, pubblicato dai canali ufficiali del Gay Village di Roma, accompagnato da una campagna grafica a cura dei CUT, immediatamente pubblicata nel giorno in cui i maggiori quotidiani e siti di informazione titolano “Le Famiglie Arcobaleno non esistono”. Una dichiarazione quella di Fontana che fa insorgere la comunità, pronta a non cedere di un passo sui diritti ottenuti ma anzi, a dichiarare battaglia per la conquista di nuovi per la tutela dei figli delle coppie omogenitoriali e delle Famiglie Arcobaleno, che al contrario di quanto dice il nuovo ministro, esistono e sono in migliaia! 
 
“Come fa un ministro della Repubblica ad affermare che noi e i nostri figli non esistiamo, quando non solo i nostri bambini sono perfettamente inseriti nella società, nella scuola, tra i loro coetanei, ma decine di sentenze della Corte Costituzionale, della Cassazione e sempre più comuni che riconoscono i nostri figli alla nascita, certificano che noi esistiamo a tutti gli effetti, anche giuridicamente, per lo Stato italiano”, con queste parole Marilena GrassadoniaPresidente di Famiglie Arcobaleno commenta le dichiarazioni di Fontana, seguita a ruota da Imma Battaglia, pronta a scendere in campo, come afferma all’ANSA: “Sui diritti acquisiti non si arretra. Sulle nostre libertà e sul rispetto delle nostre vite non faremo passi indietro e siamo pronti alle barricate. Il movimento italiano lgbt è molto critico nei confronti del nuovo governo, in particolare con il nuovo arrivato Fontana, a cui l’aggettivo omofobo è il minimo che si possa dire, dopo tali dichiarazioni. Il Ministro Fontana deve capire che anche Gay è Famiglia!”.

One comment

  1. Premetto che non sono omofoba e che non ho mai dispensato facili giudizi di matrice moralistica e “rétro” sul mondo “gay”, c’è libertà, mi risulta, di riconoscere come propria l’identità sessuale che si vuole, ma a queste stesse persone chiedo se sono disposte ad assumersi l’enorme responsabilità formativa ed educativa di un bambino, favorendone l’equilibrata crescita e sviluppo psichico, intellettuale, affettivo, proponendogli un modello di famiglia così “atipico” che lo costringerà ancora piccolo (in età scolare) a confrontarsi bruscamente e (potrebbe darsi) traumaticamente con una società che in prevalenza si configura come non aderente a questi schemi. Esistono studi di settore che dimostrano che i bambini appartenenti a queste famiglie “omo” non hanno conseguenze di nessun genere nei delicati passaggi della loro vita evolutiva?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...