Giorno: agosto 28, 2018

#MUSICA: Dagli U2 a Ghali, da J-Ax a Baglioni scopriamo i protagonisti che in  autunno animeranno gli spettacoli dal vivo nei palazzetti


 Dagli U2 a Ghali, da J-Ax a Baglioni: un autunno pieno di concerti

 

Quasi terminata la sbornia dei concerti e festival estivi, ci si prepara a un cartellone autunnale pieno di appuntamenti da non perdere per gli appassionati di musica. Tra gli eventi più attesi il ritorno degli U2, e i festeggiamenti per i 50 anni di carriera di Claudio Baglioni e quelli per i 40 anni dall’uscita dell’album “Sotto il segno dei pesci” di Antonello Venditti. Atteso il primo tour dei palasport di Ghali e il ritorno senza Fedez di J-Ax.

 

Già sold out da mesi, l’eXPERIENCE + iNNOCENCE Tour riporterà dalle nostre parti gli U2, con 4 date al Forum di Assago a Milano (l’11, il 12, il 15 e il 16 ottobre).

Claudio Baglioni spegne 50 candeline sulla torta della sua carriera e torna a esibirsi dal vivo. E lo fa prima con tre anteprime all’Arena di Verona, dal 14 al 16 settembre, poi con “Al Centro tourdal 16 ottobre fino al 24 novembre.

Festeggiamenti in vista anche per Antonello Venditti, che celebra i 40 anni di “Sotto il Segno dei Pesci” il 23 settembre all’Arena di Verona e il 21 dicembre al Palalottomatica di Roma.

Archiviata l’esperienza con l’amico e sodale Fedez, J-Ax si riprende la dimensione solista con 5 date al Fabrique di Milano (15, 16, 17, 21 e 22 ottobre), per festeggiare i 25 anni di carriera.

Tra i rapper, protagonisti assoluti nell’ultimo anno, assisteremo al primo tour nei palasport di Ghali, dal 20 ottobre, e Gemitaiz, impegnato nei club dal 9 novembre.

Tra i giovanissimi, attesi i protagonisti degli ultimi talent: i Maneskin, esplosi a “X Factor”, saranno prima al Milano Rocks, il 6 settembre, e poi dal 10 novembre impegnati nel loro tour nei clubIrama, trionfatore ad “Amici”, partirà il 24 novembre. Mentre per Ultimo, che si è affermato tra le Nuove Proposte del Festival di Sanremo, sono già sold out le due date al Palalottomatica (1 e 2 novembre) e quella ad Assago (il 4).

Al via da Milano l’8 settembre il World Wide Tour di Laura Pausini, annunciato dopo l’uscita dell’album “Fatti Sentire”, che porteranno la regina del pop made in Italy per 25 appuntamenti nei palazzetti italiani.

Dopo la febbre da stadio dell’estate non rinunciano alla dimensione live Cesare Cremonini (che ha già annunciato 20 date nei palasport a partire dal 3 novembre) con “Cremonini Live 2018” e i Negramaro (15 date, dal 15 novembre) con “Amore Che Torni Tour Indoor 2018″.

Pronti a tornare sul palco delle arene al chiuso anche i TheGiornalisti, che dal 19 ottobre faranno conoscere al pubblico il nuovo progetto discografico “Love”, in uscita il 21 settembre. [F.te TgCom24]

Redazione

MAURIZIO COSTANZO SPEGNE 80 CANDELINE E SI CONFESSA DALLA A ALLA Z


Giornalista, scrittore, autore, critico, direttore artistico di teatri, e imprenditore, Maurizio Costanzo, nato a Roma il 28 agosto 1938, compie oggi Ottant’anni.  In una intervista rilasciata a Repubblica, che riportiamo integralmente, 80 anni di vita e carriera  riassunti dalla A alla Z;

A – Amici. “Sono stato legatissimo a Alberto Sordi e a Vittorio Gassmann, che mi confidava le sue malinconie. Paolo Villaggio era un genio. “Gli amici alla mia età sono sempre meno”.

B – Bignè. “Una volta a San Giuseppe ne ho mangiati 24. C’è mancato poco che finissi in ospedale”.

C – Cani. Una passione, da sempre, per i bassotti. Cassio un’istituzione, Ugo, Filippa, poi i pastori tedeschi e altri amici pelosi: “Gli animali, sanno consolarti nei momenti difficili”. Però l’unico gatto della sua vita, Filippo, gli tiene compagnia nello studio del quartiere Prati. Casa off limits.

D – De Filippi. “Maria è una donna attenta, precisa, io sono abbastanza cialtrone, anche sulla mia salute. Se non avessi avuto questo cane pastore vicino non so come sarebbe andata. Mi dispiace dirlo perché non voglio darle soddisfazione, però è così: mi ha salvato da me stesso.  Quando l’ho incontrata, per la prima volta nella mia vita ho pensato: ‘Ecco, questa è la persona che stringerà la mia mano mentre morirò'”.

E – Esagerazioni. Si considera “bulimico di tutto”. Scrittore, giornalista, conduttore, critico, sceneggiatore, autore di canzoni e anche attore: dopo le sit com Orazio, il cinema: tre minuti nelle vesti di Dio nel film 3+1 giorni per innamorarsi di Franesca Pontellini.

F – Figli. Tre: Saverio e Camilla, avuti da Flaminia Morandi. Gabriele, 27 anni, lo ha adottato con Maria De Filippi. “Come padre sono stato assente e sono meglio adesso: con Saverio e Camilla ci vediamo tutti i giovedì a pranzo, è il nostro appuntamento fisso”.

G – Genitori. “M’incuriosiscono i legami, il non detto. Un medico ospedaliero mi ha detto che le persone, in punto di morte, anche se hanno figli, mogli e mariti, invocano il padre e la madre. Torniamo alle radici. Da adulto ho ripensato spesso ai miei”.

H – Hobby. “Sono fortunato, perché ho fatto del mio unico hobby il mio lavoro”.

I – Interviste. “La chiave del nostro mestiere è la curiosità: faccio all’ospite le stesse domande che porrei se non ci fosse la telecamera accesa. L’intervista alla quale sono affezionato di più è il faccia a faccia con Maria: è stato un confronto molto vero e ha fatto record”.

L – Lettera. A14 anni scrive una lettera a Indro Montanelli (“Vorrei conoscerla”), che resta colpito e lo invita ad andarlo a trovare in via della Mercede, nella redazione romana del Corriere della Sera. Non va a scuola per incontrarlo. “Mi spiegò che se davvero avevo la passione di fare il giornalista dovevo cominciare il prima possibile”. Così fu.

M – Mafia. Aveva condotto molti speciali sulla mafia, anche in collegamento con Michele Santoro. Il 14 maggio 1993 scampa a un attentato: un’autobomba viene fatta esplodere in via Ruggero Fauro a Roma, a pochi passi dal teatro Parioli, mentre era in macchina con la moglie. “Con Maria ci salvammo perché quel giorno avevamo cambiato l’auto. Il sicario, non riconoscendola, pigiò il pulsante in ritardo. Per Maria fu uno choc, è stata male per anni. Io ho avuto l’impressione di rinascere perché mi ero salvato”.

N – Nonno. Ha quattro nipoti. “Faccio il nonno a modo mio, non li porto ai giardini, per capirci. Brando, il bambino di mia figlia Camilla, viene dietro le quinte del Costanzo show: mi fa impressione perché vedo il Dna”.

O – Offese. “Non ho più rapporti con Celentano che si offese quando definii qualunquiste una delle sue uscite,  né con Nanni Moretti che si stupiva che fossi un simbolo della lotta alla mafia. Per il Mlleggiato mi dispiace, per Moretti non me ne frega niente”.

P – P2. Il suo nome fu trovato nella lista degli iscritti alla Loggia P2 (vedi Licio Gelli), tessera 1819, data di iscrizione 26 gennaio 1978. Confessione passata alla storia a Giampaolo Pansa: “Sono stato un cretino”, Enrico Deaglio lo definisce: “Il primo pentito della P2”. Nel 2015 parlando sempre della P2, Costanzo spiega: “L’ho fatto per dare retta a un paio di persone che conoscevo, ero confuso. Dopo non mi sono più iscritto neanche alla bocciofila”.

Q – Quinte. Dietro le quinte è nervoso e scaramantico. Nessuno può essere vestito di viola.  “Per anni prima del Costanzo show al Parioli speravo che ci fosse un incendio. Una volta, giuro, dissi al direttore di Rete4: ‘Ti do 500mila euro se non mi fai fare il programma’. Però poi l’emozione ti tiene vivo”.

R – Romano e romanista. “Può cambiare tutto, ma il tifo è per la vita”. Un’autentica passione per Francesco Totti (“il vero ottavo re di Roma”), a cui consigliò di scrivere il libro di barzellette.

S – Silvio. “Quando Berlusconi decise di scendere in campo gli dissi che mi dispiaceva molto. Lo apprezzavo come editore, ma gli spiegai che non l’avrei votato come politico”.

T – Torta. Quella che Marina Ripa di Meana gli tirò in faccia durante una memorabile puntata di Bontà loro. Lui non le rivolgerà più la parola per quindici anni. Pace fatta la rinvita a S’è fatta notte: “Io e te abbiamo tolto la scena a Pannella”, ricorda, “stavo parlando con lui della fame nel mondo”.

U – Ubiquità. Va in onda su Canale 5 e anche su Rai1 dove conduce S’è fatta notte, talk con ospiti. “Senza la televisione non so se saprei vivere”.

V – Vacanze. Allergico all’idea delle ferie, da qualche anno passa il mese di agosto nella villa di Ansedonia. “Maria nuota va a cavallo gioca a tennis. Io penso che lo sport faccia male”.

Z – Zucchero. Vietato da Maria, come i carboidrati. Lui ironizza: “Sto sempre a dieta. Se uno mangia un piatto di spaghetti vicino a me ingrasso io”.

Redazione