Giorno: settembre 6, 2018

#Cinema: morto a 82 anni lʼattore Burt Reynolds


Burt RaynoldsBurt Reynolds, il carismatico protagonista di film come “Deliverance” , “ The Longest Yard” e “ Smokey” e “The Bandit”, è morto all’età di 82 anni.

L’attore, tra gli altri famoso per film come “Boogie Nights-L’altra Hollywood” “Un tranquillo weekend di paura”, ha avuto un arresto cardiaco mentre si trovava nella sua abitazione ed è poi morto questa mattina al Giove Medical Center in Florida. Con lui c’era la famiglia. Il suo manager, Erik Kritzer, ne ha dato notizia a The Hollywood Reporter .

Redazione

 

06/09/2018 – 23:45 #RAI2: STRACULT LIVE SHOW Secondo appuntamento dal Festival di Venezia


Secondo appuntamento dedicato al Festival di Venezia per Stracult Live Showgiovedì 6 settembre alle 23.45 Fabrizio Biggio, Andrea Delogu e Marco Giusti racconteranno le curiosità e i protagonisti della kermesse lagunare.

Tra questi Luca Guadagnino e Dakota Johnson per “Suspiria”, Jacqueline Bisset protagonista di “Magic Lantern” di Amir Naderi, Saverio Costanzo e le giovanissime attrici de “L’amica geniale”, Toni Servillo con il suo lungometraggio “Il teatro a lavoro”, Giorgio Panariello e Fiorella Mannoia protagonisti del corto di Rolando Ravello “Roba da grandi”, Roberto Minervini e il suo documentario “What you gonna do when the world’s on fire” e numerosi altri.

Stracult Live Show proseguirà poi dal 13 settembre con la nuova stagione e il consueto appuntamento del giovedì in diretta dagli studi Rai di Saxa Rubra.

#XFactor12, Asia Argento non ci sarà: le parole dei dirigenti in conferenza stampa e quelle di Manuel Agnelli


 © ANSA

La dodicesima edizione di X Factor prende il via oggi 6 settembre, con le puntate registrate riguardanti le fasi di selezione e in cui Asia Argento, al centro delle polemiche dopo le accuse di molestie a lei rivolte da Jimmy Bennett, farà ancora parte della giuria assieme a Mara Maionchi,  Manuel Agnelli e Fedez.  Non ci sarà invece per le puntate live. 

Queste le parole dei dirigenti nella conferenza stampa di ieri, poi riportate in un comunicato ufficiale:

 “Di comune accordo con Asia Argento –  Sky Italia e FreemantleMedia Italia hanno deciso di interrompere la collaborazione per tutelare i concorrenti rispetto a una vicenda che è estranea a loro e al programma è che distoglierebbe l’attenzione dal vero fulcro di X Factor, la musica è il talento“.

E queste  le parole  di  Manuel Agnelli  in netto contrasto:

“Sono addolorato perché sono amico di Asia – esordisce senza troppi preamboli – e sono convinto del fatto che in un modo o nell’altro Asia sia una persona facilmente attaccabile, molto fragile e con un sacco di scheletri nell’armadio. Anche io ce li ho. Tutta questa vicenda ha raggiunto dei vertici di distorsione pericolosi, perché il New York Times non può essere un tribunale. Non c’è un’accusa, non c’è un’indagine, non c’è un processo, non c’è una condanna. Non ci può essere una condanna pubblica così netta e mostruosa. Per me è stato uno schifo a livello di comunicazione“.

“Sono addolorato anche come professionista – aggiunge poi – perché Asia, e lo dimostrerà nelle puntate di casting, ha fatto molto bene. Era una giudice molto forte e alla giuria faceva bene. Questa era una delle giurie migliori con le quali io abbia mai lavorato e la migliore degli ultimi anni. Sarebbe stato interessante per me avere lei al tavolo, dal punto di vista musicale avrei potuto portare avanti un discorso molto chiaro, perché la sua posizione non era lontanissima dalla mia. Sono davvero triste per questa vicenda”.

Redazione