Giorno: dicembre 4, 2018

05/12/2018 – 10:30 RAI RADIO2: “RADIO2 SOCIAL CLUB” E “NON E’ UN PAESE PER GIOVANI” In arrivo il “Raffaella Carrà day”


raffaella carràMercoledì 5 dicembre sarà un giorno speciale per Rai Radio2. Due programmi cult della rete, ‘Radio2 Social Club’ e ‘Non è un paese per giovani’, dedicheranno le loro puntate alla più grande show girl italiana di tutti i tempi, Raffaella Carrà, attesa ospite in studio.
Il pretesto sarà l’imminente uscita del nuovo album ‘Ogni volta che è Natale’, un augurio di buone feste in anticipo, in un progetto ambizioso che sprona ad aprire gli occhi e spalancare i cuori con il consueto ottimismo dell’artista a guardare oltre le luci e i flash delle Feste, ma l’occasione sarà perfetta per un ritratto a tutto tondo, e tante sorprese. Luca Barbarossa e Andrea Perroni dalle 10.30 alle 12.00, Giovanni Veronesi e Massimo Cervelli dalle 12.00 alle 13.30, condurranno due puntate disegnate ad hoc per Raffaella Carrà, in diretta dalla Sala B di Via Asiago a Roma e aperte ad un pubblico di fortunati ascoltatori che potranno prendere parte tenendosi in contatto con le frequenze di Rai Radio2 e i social di @RaiRadio2
Il ‘Raffaella Carrà Day’ sarà anche in streaming su RaiPlayRadio.it/Radio2, sulla app di RaiPlay Radio e con contenuti speciali e dirette sulle pagine facebook, instragram e twitter di @RaiRadio2.
Redazione

[COMUNICATO STAMPA] FABRIZIO CORONA: SALVINI E LA ISOARDI STANNO ANCORA INSIEME. IL 17 ESCE MIO NUOVO GIORNALE CON SCOOP STREPITOSO SU DI LUI (VIDEO)


Corona a ruota libera ospite di Un Giorno da Pecora: Tra 3 o 4 anni faccio mio movimento politico, lo chiamerò ‘Corona List’. Non sono molto diverso da Saviano 

Il 16 dicembre presenterò da Giletti il mio giornale, un mensile online che si chiamerà ‘Corona Magazine‘, ed il 17 avrò uno scoop strepitoso su Matteo Salvini”. A Un Giorno da Pecora, su Rai Radio1, Fabrizio Corona ha rivelato l’imminente nuovo progetto editoriale ed il suo punto di vista su Matteo Salvini e, in generale, sulla situazione politica del Paese.

Lo scoop del suo giornale sarà sul Salvini uomo o sul Salvini politico?Su Salvini uomo che è uguale a dire Salvini politico: le due cose coincidono”.

Salvini e la Isoardi si sono davvero lasciati o sono ancora insieme?Stanno ancora insieme, si”.

Non si sono mai lasciati quindi?Li ci sono tutta una serie di gelosie dovute al lavoro che fa lui e alla vita che fa lei: vorrebbe stare più tempo con Salvini ma lui non c’è mai”.

Salvini l’ha inserita nella lista dei ‘testimonial al contrario’ che non saranno presenti alla manifestazione leghista dell’8 dicembre. “Salvini nella comunicazione è il più bravo. Ha messo nomi de mondo dello spettacolo, come Salmo, il cui disco è in cima alle classifiche. Ha messo quelle persone influenti nei loro campi, così fanno parlare, fanno notizia e comunicazione. Lui mette una foto invece di investire sulla pubblicità: è un grande genio della comunicazione”.

Lei conferma, comunque, alla manifestazione non ci sarà…Non lo so, faccio una capatina magari se il magistrato mi dà il permesso…”

E la scelta di inserirla tra gli ‘indesiderati’ porterà più gente in piazza?No, ma è una cosa che fa parlare”. Scusi – ha incalzato il conduttore – ma se basta far parlare avrebbe potuto mettere anche la foto di uno come Totti.Ma Totti chi se lo caga ora”. Prego? “Con tutto il rispetto per il capitano ovviamente, io parlo a livello di comunicazione, non è una roba che fa parlare”.

Insieme a lei, tra gli ‘sgraditi’ alla manifestazione di sabato c’è anche Roberto Saviano. “Io non mi sento molto differente da Saviano – ha detto Corona a Rai Radio1 – soprattutto da un profilo culturale”.

Qual è la cosa che le piace meno di Salvini?Fa solo populismo e non ha contenuti. Troppo facile andare in un campo con la ruspa e farsi la foto oppure annunciare una flat tax e non farla mai. Sono robe troppo scontate”.

Se potesse, per chi voterebbe oggi?Per nessuno. Voterò per me stesso quando comincerò a fare politica tra 3 o 4 anni”.

Si candiderà?Farò un movimento ideologico dove porterò le mie idee”.

E come si chiamerà?Corona List”, ha concluso l’ex paparazzo a Un Giorno da Pecora.

VIDEO / CLICCA QUI PER F. CORONA A UN GIORNO DA PECORA: 

https://wetransfer.com/downloads/

cfaf5032c15f0fc46181b8a4e81d437420181204153803/

950914046f01669d4aa160ab7fe6478920181204153803/681fbf

da Redazione Un giorno da pecora 

[COMUNICATO STAMPA]”CAPODOGLIO 216″ IL NUOVO SINGOLO DI BUCHA – DA VENERDI 7 DICEMBRE IN RADIO E DIGITAL STORE


BUCHA 

Foto BUCHA_10.jpg
“CAPODOGLIO 216”

DA VENERDI 7 DICEMBRE IN RADIO E DIGITAL STORE
(SB Management)

Capodoglio 216 è indecisione, è crisi, è voglia di scappare ma senza sapere bene verso dove, è  solitudine ma anche voglia di stringersi e baciarsi quando i riflettori si spengono. Il brano è prodotto da Xavier Pompelmo, mixato da Mirko Cascio e masterizzato da Daniele Sinigallia

Il capodoglio sono io quando nuoto nel mare del dubbio, è mia madre quando torna stanca dal lavoro, è un qualsiasi essere umano quando si sente schiacciato dal lavoro, dai rapporti, dalla depressione – racconta Bucha. Il capodoglio gira solo nei mari freddi, non gli interessa ne del pubblico o ne di sentirsi al centro dell’attenzione, ma spera che se gli prometti che ci sarai domani, tu possa mantenere la promessa, anche solo per passare una serata a vedere documentari sull’Africa”.
Bucha è l’alter ego fico di Giorgio, un giovane/vecchio nato e cresciuto nel quartiere Monteverde di Roma, precisamente a metà fra la casa del buon Pasolini e la statua di Garibaldi del Gianicolo. “La cosa che mi piace di più fare è perdermi, nei miei pensieri, nelle vie di una città, nei corridoi di un museo, nelle gambe di una donna o nelle note di un brano. Sono uno dei più bravi scrittori della mia generazione, ma sono molto pigro, indaffarato e non mi applico molto, ho iniziato a fare musica perché volevo sentirmi meno solo, ma l ho fatta quasi sempre da solo. Non mi piacciono i gruppi o i film sui supereroi, il mio artista preferito è Califano”. 
Capodoglio 216 è accompagnato da un videoclip ideato da Bucha con la regia di Marco Aquilanti e che lo stesso Bucha racconta così:
“Il video è nato da un mio viaggio, da un paio di confronti con il mio produttore, volevo raccontare la storia di un ragazzo, uno qualsiasi che non si sente bene con il suo corpo, con i suoi vestiti con i suoi silenzi, che si guarda spesso allo specchio senza capirsi, senza riconoscersi, che corre dietro un pallone come corre dietro alla vita e alla felicità, che non sa parlare con suo padre e che ha voglia di evadere, di togliersi i suoi vestiti e mettersene altri, che siano quelli della sorella, che siano quelli della donna, non importa, quel trucco sugli occhi quel rossetto sulle labbra non sappiamo se sono i segnali di un suo cambiamento sessuale o sono semplicemente un gioco, uno scherzo, ma non importa neanche questo, quello che conta è che lui sorride, quello che conta è ballare, non pensarci troppo su, quello che conta è che sembra felice, e quando vediamo qualcuno felice non dovremmo domandarci perché lo è, cosa lo ha portato o non lo ha portato ad esserlo prima, dovremmo solo cercare di esser felice per lui ed imparare ad esser felici anche noi stessi. Per la regia affidato a Marco Aquilanti perché lui è un’appartenente della comunità’ LGBT e volevo trattare questa tematica con la cura e il rispetto che merita”.
Biografia:
Giorgio Di Mario, in arte Bucha, (classe ’95) dopo gli ottimi feedback ricevuti per l’uscita del suo EP “Fango” (2014), è riuscito a non tradire le aspettative, realizzando nel 2015 un nuovo EP di grande spessore “Schegge”, che gli ha dato la possibilità di ottenere numerosi riconoscimenti e vantare esperienze di tutto rispetto. A Marzo del 2015, grazie al brano “Un altro po” viene premiato da Hip Hop Tv Italy con l’Hip Hop Tv Pass e in seguito vince il contest “One Shot Game 2015” organizzato da Honiro Label. A Settembre del 2016, viene invitato a “La lingua batte” su Rai Radio3, per far conoscere le sue canzoni e per parlare dei suoi testi in una puntata dedicata all’italiano dei giovani. Inoltre, sempre nel mese di Settembre, grazie al brano “Limiti”, un pezzo molto maturo con un chiaro messaggio antirazzista, ha avuto la possibilità di partecipare al concorso per autori “Genova Per Voi” organizzato da Universal e patrocinato della regione Liguria. Dopo varie serate lungo lo stivale, il giovane si ripresenta al suo pubblico con un nuovo brano “Il piccolo principe”, prodotto da LGND un giovanissimo producer bresciano e supervisionato da Bosca, storico beatmaker della scena italiana, che vanta collaborazioni con artisti del calibro di Fabri Fibra, Bassi Maestro, Dargen D’amico ecc. Il brano ottiene ottimi feedback, il ragazzo comincia sempre di più a farsi notare all’interno del circuito musicale, appaiono i primi articoli su giornali come Sette Magazine, La stampa, Rock.it e altri di settore. Dopo una serie di nuovi singoli e un periodo di silenzio dovuto alla scrittura del suo primo disco ufficiale, Bucha tira fuori un nuovo singolo “Rotazione” che in poco meno di un mese supera gli oltre 70.000 stream su Spotify e viene inserito in varie playlist, il giovane seguito da Davide Bastanimotion si appresta a tirar fuori il primo singolo ufficiale del disco “Rivoluzione”, un titolo che fa presagire la volontà dell’artista di cambiare le carte in gioco. Intanto Bucha sta preparando il suo nuovo album. ” Sarà formato da 8-9-10 tracce, non lo so ancora dipende da come mi sento.
Redazione

[COMUNICATO STAMPA] LAURA PAUSINI e BIAGIO ANTONACCI insieme in un imperdibile tour negli stadi, al via il 26 giugno 2019 dallo Stadio San Nicola di Bari.


Laura Pausini e Biagio Antonacci_foto di Cosimo Buccolieri (1)

25 anni fa, l’inizio di una grande amicizia…

nel 2000, la prima collaborazione artistica…

da sempre si erano ripromessi di vivere una nuova avventura insieme…

…e ora sono pronti a scendere in campo

cid:image001.png@01D488EB.3EF7B420

INSIEME IN UN IMPERDIBILE TOUR NEGLI STADI

al via il 26 giugno 2019 dallo Stadio San Nicola di Bari!

#LB2019

L’avevano promesso a milioni di fan e ora sono pronti a scendere in campo: LAURA PAUSINI e BIAGIO ANTONACCI saranno protagonisti insieme, nell’estate 2019, di un imperdibile tour nei principali stadi italiani con 10 appuntamenti live che si preannunciano indimenticabili!

Il fischio di inizio è previsto per il 26 giugno allo Stadio San Nicola di Bari.

Data dopo data, le due icone della musica pop emozioneranno il loro pubblico con duetti inediti, i loro grandi classici e le loro più recenti hit, senza ovviamente dimenticare il loro primo singolo insieme, “Il coraggio di andare”, attualmente in radio.

Queste tutte le date del tour, prodotto e organizzato da Friends & Partners: il 26 giugno allo Stadio San Nicola di Bari, il 29 giugno allo Stadio Olimpico di Roma, il 4 luglio allo Stadio di San Siro a Milano, l’8 luglio allo Stadio Artemio Franchi di Firenze, il 12 luglio allo Stadio Dall’Ara di Bologna, il 17 luglio allo Stadio Olimpico di Torino, il 20 luglio allo Stadio Euganeo di Padova, il 23 luglio allo Stadio Adriatico di Pescara, il 27 luglio allo Stadio San Filippo di Messina e il 1 agosto alla Fiera di Cagliari.

I biglietti in prevendita per il tour saranno disponibili in esclusiva dalle ore 13.00 di oggi, lunedì 3 dicembre, alle ore 13.00 di martedì 4 dicembre per la due “fan base degli artisti (per gli iscritti al fanclub ufficiale di Laura Pausini – www.laura4u.com – e per gli iscritti alla newsletter di Biagio Antonacci – www.biagioantonacci.it). Dalle ore 14.00 di martedì 4 dicembre saranno, invece, disponibili sul sito di TicketOne e dalle ore 11.00 del 6 dicembre nei punti vendita abituali (si potranno acquistare massimo 4 biglietti ad utente per ogni stadio).

RTL 102.5 è media partner del tour.

Laura Pausini e Biagio Antonacci nel mondo della musica, non solo hanno trovato il successo, ma anche un’amicizia che dura da 25 anni.  

La prima collaborazione tra le due star della musica italiana risale al 2000, quando Biagio Antonacci scrive per Laura Pausini il brano “Tra te e il mare”, contenuto nell’omonimo album della cantante. Nella tappa milanese, tenutasi il 2 dicembre 2001 al Mediolanum Forum, per la prima volta Laura Pausini duetta con Biagio Antonacci. Nel 2004 Biagio scrive per Laura il brano “Vivimi” contenuto nell’album “Resta in ascolto”, disco pubblicato anche nella versione spagnola “Escucha”. Con questa versione Laura Pausini nel novembre 2005 vince il Latin Grammy Award nella categoria Miglior Album Pop Femminile e, nel 2006, si aggiudica il Grammy Award nella categoria Miglior Album Pop latino dell’anno allo Staples Center di Los Angeles e il Billboard Latin Music Award per la categoria Album Pop latino femminile dell’anno. Sempre nel 2006 Biagio Antonacci conquista due “ASCAP Latin Music Award” come autore di “Viveme”, versione spagnola di “Vivimi” (testo e musica di Biagio Antonacci adattato in lingua spagnola da Laura Pausini e Ignacio Ballesteros).

Questo è stato solo l’inizio di una grande amicizia e stima reciproca che li ha portati a collaborare varie volte negli anni – Biagio ha scritto per Laura anche “Lato destro del cuore”, “È a lei che devo l’amore” e “Tornerò (con calma si vedrà)”, brani contenuti nell’album “Simili” del 2015 –  e che ora li vede insieme, per la prima volta, in questo emozionante tour, anticipato da “Il coraggio di andare” di Laura Pausini in duetto con Biagio Antonacci.

Il coraggio di andare, brano scritto da Tony Maiello (testo firmato a quattro mani con la stessa Pausini, musica di Maiello, Salvati, Palmosi, Rettani), già in radio e disponibile in digitale, sarà contenuto in “Fatti sentire ancora (Atlantic/Warner Music), la special edition di Laura Pausini in uscita venerdì 7 dicembre.

Redazione

 

A Domenica In Amanda Lear rivela il mistero sulla sua natura: uomo o donna?


amanda lear-9

Finalmente rivelato l’arcano  sull’ambiguità sessuale che da anni accompagna il personaggio di Amanda Lear. A rivelarlo la stessa Amanda nel corso dell’intervista a cura di Mara Venier nella puntata di domenica 3 dicembre a Domenica In su Rai1:

Questa ambiguità mi ha aiutato tantissimo perché si parlava solo di me – ha spiegato a Mara Venier Per provocazione sono stata io a cavalcare l’onda, con la mia voce particolare in effetti si poteva credere che io fossi un uomo e ci ho giocato molto. Mi serviva pubblicità e l’abbiamo ottenuta. Ancora oggi ne parlano, quindi figurati quanto ha funzionato”.  

In vena di rivelazioni, La Lear ha anche spiegato perchè preferisce gli uomini giovani

“Hanno un’ingenuità che mi piace. Preferisco che non siano ricchi perché poi fanno gli splendidi e sono boriosi. Invece un ragazzo normale lo porto al ristorante, posso godermi le piccole cose“.

Amanda si professa single, ma gli uomini di certo non le mancano:

“Sono loro a venire da me, non io ad andare da loro”“

 

Redazione

[COMUNICATO STAMPA] E’ nata Musplan.com piattaforma per il booking di live music emergente


È nata Musplan.com, la piattaforma digitale e social che porta nuova linfa vitale al settore della musica emergente dal vivo, in modo innovativo, creando interazioni semplici e personalizzate tra artisti, promoter ed i live club o i festival. Completata la registrazione su Musplan, si entra a far parte di una community in cui ogni membro ha la propria pagina personale dove mettere in vetrina le proprie esperienze e caratteristiche artistiche e professionali. Ed è possibile collegarsi e comunicare con altri utenti registrati (in modo sicuro e privato) per organizzare eventi dal vivo “su misura”, in base alle proprie esigenze.
I promoter possono creare una proposta di evento live, associandolo un live club, od un festival, e dove oltre a definirne tutte le caratteristiche salienti, potrà invitare e selezionare gli artisti piu’ in linea con la proposta dell’evento.
Gli artisti potranno creare il proprio live tour in modo semplice ed economico, rispondendo alle proposte dei promoter o contattando e proponendosi spontaneamente ai promoter ed ai live club più adatti alle esigenze e caratteristiche ad esempio: secondo il proprio genere musicale, la distanza geografica ed il corrispettivo per la prestazione.
Facilitiamo il processo di trasformazione del settore musicale emergente, oggi in forte crescita. Semplificando i passaggi tradizionalmente richiesti per l’organizzazione degli eventi, si possono evitare infinite intermediazioni, ed aumentare il numero di performance effettuate. È un’importante vetrina per farsi conoscere e lavorare in maniera più trasparente e rapida. La piattaforma coadiuva anche la promozione dei live, anche grazie ad un algoritmo che da maggiore visibilità agli artisti più attivi e più apprezzati dal pubblico dei propri concerti dal vivo. Inoltre Musplan aiuta sia gli artisti che i promoter (ma anche i fan) durante la fasi ricerca, suggerendo le proposte più in linea con le proprie aspettative.
Musplan è una fonte di idee ed innovazione al servizio degli artisti e degli attori del settore della musica emergente, creando soluzioni semplici ed intuitive.
Sei pronto ad entrare anche tu nella nuova era musicale? Non attendere oltre, registrati adesso e prova Musplan, è gratuito!

Redazione