Month: Maggio 2019

C.S._LIGABUE: in radio il nuovo singolo “POLVERE DI STELLE”| Online il video del brano. Al via il 14 giugno dallo Stadio San Nicola di Bari lo “START TOUR 2019”!


LIGABUE

IN RADIO IL NUOVO SINGOLO

“POLVERE DI STELLE”

luciano ligabue_foto di ray tarantino_b

ONLINE ANCHE IL VIDEO DEL BRANO

estratto dall’ultimo ALBUM D’INEDITI

 “START”

AL VIA IL 14 GIUGNO DALLO STADIO SAN NICOLA DI BARI

 “START TOUR 2019”

Da venerdì 24 maggio, é in radio “POLVERE DI STELLE”, il nuovo singolo di LIGABUE estratto da “START”, dodicesimo disco d’inediti della sua carriera, già certificato platino (dati diffusi da FIMI/GfK Italia) e disponibile nei negozi tradizionali, in digital download e sulle piattaforme streaming.

E’  online anche il video di “Polvere di stelle”, per la regia di Paolo Monico e la produzione di CrossMediaFilms (Marco Salom). Il video è visibile al seguente link: https://youtu.be/PS_oZP_xRL0.

Questa la tracklist del disco “START” (Zoo Aperto/F&P Music Hub/Warner Music), prodotto da Federico Nardelli: “Polvere di stelle”, “Ancora noi”, “Luci d’America”, “Quello che mi fa la guerra”, “Mai dire mai”, “Certe donne brillano”, “Vita morte e miracoli”, “La cattiva compagnia”, “Io in questo mondo”, “Il tempo davanti”.

Il 5 giugno Ligabue verrà premiato all’Arena di Verona, in occasione dei Music Awards.

Mancano ormai 3 settimane allo “START TOUR 2019” che vedrà LIGABUE in concerto nei principali stadi d’Italia con un grande show, a partire dallo Stadio San Nicola di Bari il 14 giugno!

Con lui sul palco LUCIANO LUISI (tastiere, cori), MAX COTTAFAVI (chitarre), FEDERICO POGGIPOLLINI (chitarre elettriche, cori), DAVIDE PEZZIN (basso) e IVANO ZANOTTI (batteria, percussioni).

Queste le date del tour, prodotto da Riservarossa e Friends & Partners: 14 giugno allo STADIO SAN NICOLA di Bari; 17 giugno allo STADIO SAN FILIPPO di Messina; 21 giugno allo STADIO ADRIATICO di Pescara; 25 giugno allo STADIO ARTEMIO FRANCHI di Firenze; 28 giugno allo STADIO SAN SIRO di Milano; 2 luglio allo STADIO OLIMPICO di Torino; 6 luglio allo STADIO DALL’ARA di Bologna; 9 luglio allo STADIO EUGANEO di Padova; 12 luglio allo STADIO OLIMPICO di Roma.

I biglietti per le date dello “START TOUR 2019” sono disponibili su TicketOne.it, nei punti vendita e nelle prevendite abituali (info su www.friendsandpartners.it).

Redazione

C.S._Su SKY UNO la puntata dedicata a ULTIMO di “LA MIA MUSICA”, il nuovo format di BILLBOARD ITALIA che racconta a tutto tondo i protagonisti della musica italiana


 

OGNI SABATO SU SKY UNO ALLE ORE 16.00

IL NUOVO FORMAT DI BILLBOARD ITALIA

“LA MIA MUSICA”

6 PUNTATE MONOGRAFICHE

DEDICATE AI PROTAGONISTI DELLA MUSICA ITALIANA

Oggi la seconda puntata con ULTIMO

La mia musica_Ultimo (2) b

Oggi, Sabato 25 maggio andrà in onda su Sky Uno (canale 108, digitale terrestre canale 455), alle ore 16.00, la seconda puntata di “LA MIA MUSICA”, il nuovo format di BILLBOARD ITALIA che racconta attraverso un’intervista a tutto tondo i protagonisti della musica italiana come nessuno ha mai fatto finora!

Questo nuovo episodio monografico è dedicato a ULTIMO. Il cantautore ha raccontato l’emozione della sua veloce ascesa, il rapporto con i fan, l’amore per Roma e il desiderio di prendersi una pausa dopo la pubblicazione del nuovo album “Colpa delle favole” (disco di platino), il tour tutto esaurito nei principali palazzetti italiani e il concerto allo Stadio Olimpico del 4 luglio, già sold out. Ma la puntata, ricca di sorprese, vedrà Ultimo non solo esibirsi live con il suo grande successo “Colpa delle favole”, ma anche cucinare.

Stefano Fisico, infatti, conoscendo il suo amore per il cibo, lo ha raggiunto nel concept store Love It di Milano con la nuova SEAT Arona, il SUV creato a Barcellona, e insieme hanno cucinato un filetto alla Rossini!

“La mia musica” va in onda su Sky Uno (canale 108, digitale terrestre canale 455) ogni sabato pomeriggio alle ore 16.00. Il protagonista di ogni monografia ha raccontato se stesso, le passioni e la propria produzione musicale, testimoniata da video di repertorio, video inediti o performance ad hoc.

Ogni puntata è sempre disponibile anche on demand, visibile in mobilità su Sky Go e in streaming su NOW TV.

Di seguito i 6 protagonisti della prima stagione: Ligabue (18 maggio) Ultimo (25 maggio), Fedez (1 giugno), Arisa (8 giugno), Eros Ramazzotti (15 giugno) e Andrea Bocelli (22 giugno).

Billboard Italia, grazie all’ormai consolidato host Stefano Fisico, accompagna così gli spettatori alla scoperta dei loro idoli, che sono stati raggiunti in location inedite grazie al main partner SEAT.

Billboard Italia è un affermato hub creativo e produttivo multipiattaforma, che dà voce agli artisti e mostra al pubblico l’innovazione che sta attraversando la scena musicale italiana.

Billboard è arrivato in Italia nel novembre 2017, con l’obiettivo di creare una piattaforma multimediale capace di avvicinare il mondo dell’industria discografica, delle major, degli indipendenti, delle radio e degli artisti al grande pubblico. Oggi è una grande famiglia che unisce massima competenza a semplicità di comunicazione, in cui gli artisti si sentono a casa loro. A portare in Italia Billboard è stata Parcle Group, media company di Milano. La sua esperienza nella realizzazione di contenuti si unisce a un’autentica passione per lo sviluppo di nuove tecnologie digitali. L’approccio data-driven di Parcle rappresenta la chiave per la pianificazione di soluzioni di advertising su misura per i bisogni di ogni specifico brand.

Redazione

C.S._FUORI OGGI “Siamo Stati L’America” Il primo album di CANNELLA Per Honiro Rookies e il videoclip del singolo “Maggio”


FUORI OGGI

“Siamo Stati L’America”

Il primo album

di

CANNELLA 

E da oggi online il video del singolo “Maggio”

Per Honiro Rookies

https://lnk.to/SiamoStatiLAmerica

Esce oggi , venerdì 24 Maggio, su tutte le piattaforme streaming e in digital download “Siamo Stati l’America”, il primo album di Cannella per Honiro Rookies.
“Siamo Stati L’America” è  un progetto che ha preso vita oltre due anni fa in maniera del tutto indipendente  – così Cannella racconta il suo primo album. E’ un disco intimo, dentro c’é tutto il mio mondo, la mia quotidianità, la mia città e le persone che mi circondano.  Spero che ascoltarlo sia un po’ come affacciarsi sulla mia vita, che poi é
una vita come tante altre ed é facile rispecchiarcisi. L’ho scritto con sincerità, non ho sentito la necessità di romanzare il mio vissuto, la semplicità con cui vengono raccontate le cose è sicuramente il punto di forza  di “Siamo Stati l’America” ed è anche, l’aspetto di cui vado maggiormente fiero. 
In questi due anni  – continua Cannella – ho chiuso alcuni capitoli della mia vita e se ne sono aperti altri, ho avuto modo di vivere tanto, di trovarmi in situazioni che mi hanno fatto male ma senza le quali non avrei scritto certe canzoni, quest’album si può dire che racchiude un po’ tutto. Ho avuto la possibilità di essere notato da Honiro, la mia attuale etichetta, di lavorare con persone che hanno creduto nel progetto tanto quanto me, di prendere parte a una manifestazione come Sanremo Giovani e spero tante altre cose ancora.
Le produzioni sono state lavorate da Matteo Costanzo e Prod by Enemies, che hanno valorizzato le canzoni nel migliore dei modi senza calpestare le mie idee e le mie influenze, sono riusciti a capirmi e a capire le mie esigenze musicali. Mi sono sempre fidato delle loro iniziative e della loro creatività ed il risultato ci ha lasciato tutti soddisfatti, sono stati dei compagni di squadra indispensabili. 
Questa la tracklist di “Siamo Stati l’America”:
Campo Felice, Di Cuore, Chiara, Siamo Stati L’America, Nei Miei Ricordi, Spazzolino, Maggio, Rose Rosse, Stupida Che Sei, Val Di Fassa, Venerdì (Live sul GRA).
Campo Felice 
Campo Felice la scrissi in un periodo in cui ascoltavo molte canzoni Folk, ero fissato con le robe acustiche, in particolar modo con Feeling Whitney di Post Malone e diverse canzoni di Bon Iver e Damien Rice. Nel brano ci sono tanti elementi che rimandano al mondo folk/ indie folk, ricordo che prima di registrare le chitarre con Matteo Costanzo ci siamo sentiti tutti i brani che stavo ascoltando in quel periodo, volevo che entrasse nel viaggio tanto quanto me e sono contento di come sia venuta fuori. Campo Felice, inoltre, é la traccia che apre il disco, é una scelta insolita perchè spesso con la canzone di apertura si punta a dare la giusta carica, io invece ho voluto fare il contrario.
Di Cuore 
Di Cuore é il pezzo per cui provo più simpatia, è una canzone triste che ho scritto col sorriso, non emerge solo l’aspetto ironico ma é sicuramente una delle poche volte in cui non mi prendo troppo sul serio. Era un periodaccio e volevo provare a parlare con leggerezza delle mie disgrazie, anche con un po’ di autoironia e sono contento di esserci riuscito. É una canzone che mi ha sempre dato sollievo, anche per come si conclude forse, la trovo liberatoria.
Chiara 
Chiara é un brano che si concentra su una figura esterna a me, di solito le mie canzoni parlano sempre di cose che mi riguardano in prima persona, questa volta no. Chiara é un nome casuale, mi piaceva come suonava e quindi l’ho scelto, la persona alla quale
mi sono ispirato si chiama diversamente. Non è una storia né un racconto, mi sono semplicemente fermato ad osservare ed ho descritto una persona, con i suoi aspetti negativi e quelli positivi, i dettagli impercettibili e le cose più facili da notare, le ombre e le luci, é un ritratto che cerca di essere più fedele possibile alla realtà. Chiara è un brano che a livello di sound rimanda molto alla musica inglese a cavallo tra gli anni novanta e il duemila, di quel periodo amo tantissimo i primi lavori dei Coldplay, che a loro volta sono un po’ figli dei Radiohead, gli Oasis, gli U2, tutti gruppi che ascolto molto e che hanno influenzato la mia musica e questo brano.
Siamo Stati l’America 
Siamo Stati l’America é la title track del disco, un pezzo che si discosta da tutti gli altri a livello di sound, non ci sono strumenti suonati, solo synth. É stato uno degli ultimi che ho scritto, la mia prima collaborazione con Prod by Enemis con i quali ho lavorato direttamente in studio, di solito io scrivo per fatti miei e in studio arrangiamo, stavolta musica e parole sono nate contemporaneamente durante una sessione. É un brano esplosivo al contrario degli altri, penso che dia un valore aggiunto al progetto per la diversità, appunto. Il titolo é la frase chiave, il filo conduttore che lega un po’ tutti i brani del disco, l’amore che non é altro che una guerra e noi siamo stati l’America, la nazione guerrafondaia per eccellenza. Non poteva che essere il titolo dell’album.
Nei Miei Ricordi 
Nei Miei Ricordi è forse la canzone a cui sono maggiormente affezionato, quest’anno mi ha permesso di esibirmi sul palco di Sanremo Giovani, é uno di quei brani che sono felice di aver scritto io. Inizialmente era una canzone piano e voce prodotta da Costanzo, poi sono subentrati anche qui i Prod By Eneimes ed é stata trasformata in quello che é attualmente. Nella sua semplicità l’ho sempre ritenuta una perla del mio repertorio, mi piace tantissimo il gioco di tempi che uso nel ritornello, parlando al futuro di cose che potevo fare solo in un tempo passato, nei miei ricordi appunto, è esattamente come mi sentivo in quel momento, confuso, ancorato alle cose passate. Ho espresso a parole uno stato d’animo difficile da spiegare, non era scontato che ci riuscissi.
Spazzolino 
Spazzolino é la canzone che nel disco non doveva esserci, l’ho scritta a giochi fatti, avrei potuto tenerla per un eventuale progetto futuro ma così non è stato. Il titolo non doveva essere spazzolino, si chiamava “Niente di me”, poi un mio amico scherzando mi ha detto di chiamarla così ed io l’ho fatto veramente.  É un brano che mette in risalto degli aspetti di me che nel quotidiano tendo a nascondere: la paura della solitudine, di perdere qualcosa che hai sempre dato per scontato, il bisogno di una figura che mi dia attenzioni. Chi mi conosce sa quanto io tenda a dare un’immagine di me completamente opposta, é un brano che mette in risalto le mie debolezze.
Maggio 
Maggio é il pezzo più estivo del disco anche se c’é un contrasto netto tra il sound ed il contenuto del brano. L’ho scritta in uno dei momenti più brutti della mia vita ma ho scelto di arrangiarla così, forse per allontanare un po’ quel dolore. Quando parte mi mette subito allegria, se mi soffermo sulle parole sicuramente mi rimanda a quel periodo però adoro il fatto che la produzione sia tutto l’opposto. Non sono un amante della musica raggae, ma qui sicuramente ci sono anche delle sonorità che rimandano a quel mondo lá, é un genere di musica che mette di buon umore, ti fa muovere, quindi mi sembrava la scelta più giusta per quello che avevo in mente. É nata come un esperimento ma ad oggi penso sia una delle canzoni più azzeccate del disco.
Rose Rosse 
Rose Rosse è un altro brano che non parla di me in prima persona, però in questo caso c’é molto di me. É uno storytelling che ha come protagonista una ragazza che soffre di ansia e attacchi di panico, si impegna per un futuro che non sa se realmente vuole, ha problemi in casa e non si sente capita dalla famiglia, quindi passa molto tempo da sola. Ci sono tante cose in comune con la mia storia, solo che parlarne in terza persona mi é venuto più semplice, é come se avessi raccontato buona parte della mia vita vissuta peró da una ragazza immaginaria. In generale mi riesce sempre meglio scrivere di donne, non so per quale motivo. La produzione é cambiata tante volte, alla
fine ne ho scelta una minimale che accompagna la narrazione senza interferire troppo.
Stupida che sei 
Stupida che sei é un brano leggero, fresco ed orecchiabile, di quelli che ogni tanto ci vogliono per spezzare. Parla di una relazione partita un po’ per caso, tra sbronze e sesso in camere d’albergo, di un rapporto preso alla leggera che diventa qualcosa di più, cosa che spesso succede senza rendersene conto. Quando dó della stupida ad una ragazza innamorata in realtà sono preso quanto lei, evito il confronto perché definire le cose mette paura e non é così necessario, mi fa comodo sentire meno responsabilità.
Val Di Fassa 
Val Di Fassa é la canzone più triste del disco, ha un sound molto originale, nel ritornello Matteo Costanzo ha inserito di sua iniziativa delle chitarre bellissime e quando le ho sentite me ne sono innamorato, in Italia di cose così non se ne trovano facilmente. Il brano é un viaggio introspettivo, mi sono completamente lasciato andare, magari ho scritto anche qualcosa di troppo, cose che ad oggi vedo in maniera differente, dettate dal momento. É una fotografia di quel periodo, stavo veramente così e sicuramente avevo una visione dei fatti alterata, ero schiavo di un legame nocivo che non sapevo neanche perché stessi portando avanti. Ad oggi risentirla mi fa bene, mi fa tenere a mente che é meglio stare da soli anziché male in due.
Venerdì 
Venerdì a livello di testo é una di quelle che ho più a cuore, l’ho sempre paragonata ad un quadro pieno di colori e sfumature, ho utilizzato molte immagini e quando la sento mi riporta sempre a quel periodo, uno dei più strani della mia vita. Ci ho messo tanto a scriverla, é stata la prima volta che ho lasciato una canzone in sospeso e l’ho scritta un po’ alla volta, é stata una grande fatica ma anche di grande aiuto, probabilmente per i temi molto personali che ho toccato. Il brano inizialmente era stato prodotto, poi in un secondo momento abbiamo girato un video in cui la suonavamo live sul GRA, una versione nata per essere caricata solo su Youtube ma che alla fine ho inserito nel disco, scartando quella prodotta.
Link video “Maggio”  : https://youtu.be/d8_Tu34fRSw

#RAI1: “Ballando con le stelle” La maratona della semifinale|Ospiti Massimo Giletti e Francesca Piccinini


(none)

 

Venerdì 24 maggio alle 20.35, il dance show di Rai1, condotto da Milly Carlucci, giungerà ad un momento cruciale: “la maratona della semifinale”. Pochi passi separano le coppie in gara dalla finalissima del 31 maggio. Lo scorso sabato si è tenuta la “staffetta del ripescaggio”, ma solo stavolta sarà possibile scoprire l’atteso risultato del ballottaggio tra le coppie composte da Ettore Bassi – Alessandra Tripoli e Manuela Arcuri  –  Luca Favilla. 
Durante la diretta, non mancheranno le performance di Robozao, con la sua “Robozao dance”, mentre a bordo pista Roberta Bruzzone e Alberto Matano, il custode del tesoretto, saranno sempre pronti a regalare curiosità sui concorrenti in gara. Per questa prima tappa della semifinale, hanno accettato l’invito della conduttrice di Rai1 due personaggi amati dal pubblico: Massimo Giletti e Francesca Piccinini, entrambi nella veste di “Ballerini per una notte”. Lui sarà al fianco di tre ballerine e si cimenterà in una coreografia realizzata ad hoc. Lei, campionessa del volley femminile, è pronta per una nuova sfida. Affronterà, infatti, un vero e proprio “tour de force”, imparando in poche ore una scatenatissima “salsa”, da eseguire durante la diretta del programma. L’esibizione verrà valutata dalla Giuria, presente in studio. Il punteggio, così ottenuto, sarà molto utile a una delle coppie in gara aiutandola a migliorare la classifica finale. Due ospiti molto amati, quindi, per dare il via all’appassionante appuntamento di Rai1 e alla prima tra le tante sfide, tutte a passo di danza, tra: Suor Cristina – Team Oradei (Stefano Oradei, Giulia Antonelli e Jessica De Bona) vs Milena Vukotic – Simone Di Pasquale; Nunzia De Girolamo – Raimondo Todaro vs Enrico Lo Verso – Samanta Togni; Lasse Lokken Matberg- Sara Di Vaira vs Angelo Russo – Anastasia Kuzmina; Dani Osvaldo – Veera Kinnunen vs la coppia vincitrice del ballottaggio iniziale. Le loro esibizioni saranno sottoposte alla temutissima valutazione della Giuria in studio composta da: Carolyn Smith, Guillermo Mariotto, Ivan Zazzaroni, Fabio Canino e Selvaggia Lucarelli. I Vip in gara nelle loro performance saranno accompagnati dal ritmo della Big Band, guidata da Paolo Belli, che come sempre farà la colonna sonora per l’intera serata.
Le coppie composte da Kevin e Jonathan Sampaio – Lucrezia Lando, Marco Leonardi – Mia Gabusi; Antonio Razzi – Ornella Boccafoschi e Marzia Roncacci – Samuel Peron sono state eliminate dalla gara nelle puntate precedenti.
 

Redazione

C.S._A “Ciao Darwin” la sfida è Umani Vs Mutanti


Venerdì 24 maggio, in prima serata su Canale 5, decimo e ultimo appuntamento con l’ottava edizione di “Ciao Darwin”, che ha ottenuto un ottimo riscontro di pubblico.

La sfida di questa settimana del programma condotto da Paolo Bonolis con Luca Laurenti sarà Umani vs Mutanti. A capitanare le due squadre, rispettivamente, Claudia Ruggeri e il Ken Umano.

Grande successo per Padre Natura, apparso a sorpresa nella scorsa puntata: Filippo Melloni, 23 anni e grande appassionato di sport, è uno studente di Medicina di Cento (FE) e dopo la laurea aspira a specializzarsi in Dermatologia.
Chi vestirà il ruolo di Madre Natura nell’ultima puntata?

 

Redazione

C.S._PAMELA PRATI, AVV. TAORMINA: IERI RINUNCIATO ALL’INCARICO PERCHÉ È UNA GAZZARRA, CALTAGIRONE E’ FANTASIA; PRATI COMPLICE? NON LO POSSO DIRE; ELIANA? POCO CONVINCENTE (VIDEO)


Risultati immagini per avv. taormina

Carlo Taormina, avvocato di Pamela Prati fino a ieri, a Un Giorno da Pecora, su Rai Radio1, oggi ha raccontato il suo punto di vista sulla delicata vicenda del matrimonio, vero o presunto, della showgirl con Mark Caltagirone. “Ho rinunciato al mio mandato perché vedo tanta confusione, tante chiacchiere e supposizioni, cose intricate e non sempre chiare”. Lei che idea si è fatto di questa vicenda?All’inizio Pamela Perricciolo mi rappresentava le cose con una certa serietà”. Avrà chiesto alla Prati e alle sue manager se esistesse davvero Mark Caltagirone…”Più volte. E la risposta è sempre stata positiva. Ma io non ho mai visto nemmeno una foto, non l’ho mai visto e conosciuto, e l’evoluzione dei fatti ha dimostrato che questo signore probabilmente è una fantasia”. A suo avviso la Prati ha creduto, almeno per un periodo, che Mark Caltagirone esistesse?La prima volta che è stata da me – ha spiegato a Un Giorno da Pecora – era molto preoccupata, anche perché aveva un’esclusiva con ‘Verissimo’. Io ho visto anche il contratto e posso dire che era tutta cosa vera. Poi però l’ho trovata progressivamente in difficoltà”. Secondo lei la Prati è più complice o più vittima?Complice è una parola grossa e non lo posso dire. La ragione della mia rinunzia è che la cosa era diventata una tale gazzarra non adeguata alla presenza di un avvocato”. Perché tutto questo sarebbe stato organizzato?So che periodicamente queste cose accadevano, anche negli anni passati e tanti personaggi importanti sono caduti nella stessa trappola”. E’ una truffa, dunque, secondo lei?Io ho rappresentato alla Prati di stare attenta, perché la truffa non c’è soltanto quando prendi i soldi ma anche quando hai quando una qualsiasi utilità. Ad esempio, ho fatto presente che il contratto in esclusiva con ‘Verissimo’ era un’utilità”. Ha visto l’intervista alla Michelazzo ieri da Barbara D’Urso?A me è sembrata molto poco convincente, penso che una presa in giro non possa durare dieci anni”. Come sta emotivamente Pamela Prati?Assolutamente serena e tranquilla, fino ad un certo punto. Poi credo che abbia avvertito qualcosa che non andava e si sia comportata di conseguenza”.

VIDEO / CLICCA QUI PER C. TAORMINA A UN GIORNO DA PECORA: https://wetransfer.com/downloads/e7be3cc1c5bd947aedc6395faf6862bc20190523141751/cb2dbbd5cc8f8f4352a531661185716920190523141751/9668ad?utm_campaign=WT_email_tracking&utm_content=general&utm_medium=download_button&utm_source=notify_recipient_email

Redazione  Un giorno de pecora

C.S._FRANCESCO RENGA: lunedì 27 maggio in concerto all’ARENA DI VERONA e giovedì 13 giugno al TEATRO ANTICO di TAORMINA | In autunno al via “L’ALTRA METÀ TOUR” nei teatri italiani


FRANCESCO RENGA

renga

VERONA e TAORMINA LIVE 2019

 

2 SPECIALI ANTEPRIME

Lunedì 27 maggio all’Arena di Verona e

Giovedì 13 giugno al Teatro Antico di TAORMINA

 

per presentare al pubblico per la prima volta

 “L’ALTRA METÀ 

AL VIA IN AUTUNNO NEI TEATRI D’ITALIA

L’ALTRA METÀ TOUR

A MAGGIO 2020 LIVE IN EUROPA!

Mancano solo pochi giorni agli speciali appuntamenti live previsti lunedì 27 maggio all’Arena di Verona giovedì 13 giugno al Teatro Antico di Taormina in cui FRANCESCO RENGA presenterà per la prima volta live al pubblico il suo nuovo e ottavo disco di inediti “L’Altra Metà”. 

«Ritrovarvi tutti a Verona e Taormina sarà la nostra festa.

Voi portate il vostro amore e l’entusiasmo… così ce li scambiamo»

Due prestigiose anteprime, uno spettacolo coinvolgente ed emozionante, una scaletta tutta nuova in cui troveranno spazio anche le indimenticabili hit del repertorio di Francesco … tutto questo e molto altro ancora faranno di questi 2 show un’esperienza unica e irripetibile!

Per VERONA E TAORMINA LIVE 2019, Francesco sarà accompagnato sul palco dai musicisti Fulvio Arnoldi (chitarra acustica e tastiere), Vincenzo Messina (pianoforte e tastiere),Stefano Brandoni (chitarre), Heggy Vezzano (chitarre), Phil Mer (batteria) e Gabriele Cannarozzo (basso). I biglietti per gli show sono in prevendita sul sito di TicketOne e nei punti vendita e prevendita abituali.

L’album “L’altra metà”, prodotto da Michele Canova Iorfida, è composto da 12 brani dal sound e dal linguaggio contemporaneo.  Il nuovo album rappresenta l’altra metà della vita, della storia, della musica di Francesco Rengaun altro capitolo, caratterizzato da nuove consapevolezze e forme, sonore e linguistiche.

Attuale e variegata anche la scelta degli autori con cui Francesco ha collaborato per la scrittura del nuovo disco: Paolo Antonacci, Bungaro, Cesare Chiodo, Daniele Conti, Simone Cremonini, Antonio Di Martino, Matteo Grandi, Daniele Lazzarin (Danti), Leo Pari, Flavio Pardini (Gazzelle), Rakele, Edwyn Roberts, Luca Serpenti, Davide Simonetta, Patrizio Simonini, Ultimo, Lorenzo Urciullo (Colapesce), Fortunato Zampaglione, Michele Zocca.

Questa la tracklist de “L’ALTRA METÀ”: “Aspetto che torni”, “L’unica risposta”, “Bacon”, “Finire anche noi”, “L’odore del caffè”, “Meglio di notte”, “Dentro ogni sbaglio commesso”, “Improvvisamente”, “Sbaglio perfetto”, “Prima o poi”, “L’amore del mostro”, “Oltre”.

Dall’11 ottobre, invece, Francesco sarà protagonista sui palchi dei più prestigiosi teatri italiani. Queste le date del tour, prodotto e organizzato da Friends & Partner:

11 ottobre  MILANO – Teatro degli Arcimboldi

12 ottobre  MILANO  Teatro degli Arcimboldi

14 ottobre  CREMONA  Teatro Ponchielli

15 ottobre  FIRENZE  Teatro Verdi

16 ottobre  FIRENZE  Teatro Verdi

23 ottobre  BERGAMO  Teatro Creberg

24 ottobre  BERGAMO  Teatro Creberg

31 ottobre  MONTECATINI (PT)  Teatro Verdi

3 novembre  ROMA  Auditorium Parco della Musica

4 novembre  ROMA  Auditorium Parco della Musica

5 novembre  CESENA  Nuovo Teatro Carisport

12 novembre  GENOVA  Teatro Carlo Felice

15 novembre  ATENA LUCANA (SA)  Gran Teatro Paladianflex

16 novembre  AVELLINO  Teatro Carlo Gesualdo

18 novembre  NAPOLI  Teatro Augusteo

19 novembre  NAPOLI  Teatro Augusteo

21 novembre  BARI  Teatro Team

22 novembre  BARI  Teatro Team          

23 novembre  CROTONE  Pala Milone

1 dicembre  LUGANO  Pala Congressi

5 dicembre  VARESE  Teatro Openjobmetis

7 dicembre  TRIESTE  Teatro Rossetti

10 dicembre  BOLOGNA  Europauditorium

12 dicembre  TORINO  Teatro Colosseo

13 dicembre  TORINO  Teatro Colosseo

14 dicembre  PARMA – Teatro Regio

17 dicembre  BOLOGNA  Europauditorium

 

I biglietti per le date del tour teatrale sono disponibili sul sito di TicketOne e nei punti vendita abituali. Radio partner degli appuntamenti live italiani è RTL 102.5

A maggio 2020, Francesco Renga si esibirà anche all’estero con una serie di appuntamenti live nelle principali città d’Europa, tra cui Londra, Parigi e Madrid. Queste le date del tour europeo, prodotto e organizzato da Friends & Partners:

10 maggio  ZURIGO  Volkshaus

13 maggio  BRUXELLES  La Madeleine

15 maggio  PARIGI  La Cigale

16 maggio  LONDRA  Shepherd’s Bush

18 maggio  MADRID  Teatro Nuevo Apolo

Redazione

C.S._AL BANO: CON ROMINA ANNI FAVOLOSI, POI LA NOTTE E ORA C’E’ GRANDE RISPETTO; IN VITA MIA MI SONO UBRIACATO TRE VOLTE, L’ULTIMA NEL 1984, ERO CON UN AMICO E C’ERA ANCHE MIA MADRE (VIDEO)


Al Bano: 'Romina Power? Abbiamo avuto anni favolosi e poi la notte buia del divorzio'

“Con Romina ho conosciuto la bellezza di anni favolosi e poi è arrivata anche la notte, talmente buia da arrivare al divorzio. Ora ha vinto il sostantivo rispetto, siamo nella fase del grande rispetto: quando un uomo e una donna diventano padre e madre non devono mai sgarrare”. Al Bano Carrisi, ospite di Un Giorno da Pecora, su Rai Radio1, risponde così alla domanda dei conduttori sulla splendida e tormentata relazione con Romina Power. Questo sembra essere un momento di grandi ritorni: anche Stefano De Martino si è riavvicinato a Belen Rodriguez. “Dove c’è l’amore c’è sempre il miracolo”. E’ possibile che l’amore ritorni?In questo caso è tornato”. Al Bano poi ha raccontato delle uniche tre volte della sua vita in cui ha alzato troppo il gomito, ubriacandosi. “E’ successo tre volte in tutto. La prima a 15 anni, era Carnevale e mi misero del sale nel bicchiere. Poi successe una seconda volta a Londra, a casa di un discografico, che mi fece provare tanti tipi di vini e di grappe”. E come reagì a tutti quegli assaggi? “Finché si camminava all’aperto andava bene. Appena arrivato in hotel la camera ha iniziato a girare…” E l’ultima volta? “Era a Pasquetta, nel 1984, ero con un amico e mia madre. Volevo far ubriacare questo mio amico, che non pensavo fosse un esperto di vini. Ma il risultato fu che io mi sono ubriacato e lui no…” E poi non le è è più capitato di alzare troppo il gomito? “No, onestamente non sono per bere tanti alcolici, ne bevo uno ogni tanto. Magari un bicchiere di buon vino si, ma altrimenti non mi piace molto”, ha concluso a Un Giorno da Pecora Al Bano.

VIDEO / CLICCA QUI PER AL BANO CARRISI A UN GIORNO DA PECORA RADIO1: https://wetransfer.com/downloads/123c79e6d4ccd5ef513f248f8413b7e220190522145548/c3b5c56ca1859c47057f78c9042d363720190522145548/b79be4

Redazione Un giorno da pecora

Su #Canale5 secondo appuntamento con “ALL TOGETHER NOW “


Giovedì 23 maggio, in prima serata su Canale 5, secondo appuntamento con “All Together Now”, lo show  musicale, prodotto da Endemol Shine Italy e  condotto da Michelle Hunziker e J-Ax in veste di presidente di un’incredibile giuria composta da ben 100 personaggi variopinti e competenti che formano un vero e proprio Muro Umano.

Dopo l’ottimo esordio della prima puntata, questa settimana nuovi ospiti arriveranno nello studio di “All Together Now”: Fabio Rovazzii LegnanesiGabriele Cirilli e Jessica Notaro.

Oltre ai giudici, ci saranno i protagonisti della gara: i concorrenti cantanti, selezionati nei mesi scorsi da Roberto Cenci, direttore artistico e regista del programma. Tutti si  sottoporranno al giudizio del coloratissimo Muro. Chi di loro arriverà a contendersi il premio da 50 mila euro?

All Together Now” è anche digital: su Mediaset Play (sito, app gratuita per tutti i sistemi operativi, smart tv abilitate) sarà possibile seguire le puntate in diretta streaming, rivedere i momenti più divertenti e conoscere meglio giudici e cantanti grazie a una serie di video inediti. I profili social di Mediaset Play, inoltre, coinvolgeranno gli utenti con curiosità, foto e backstage esclusivi. Radio 101 è l’emittente radiofonica partner del programma.

 

Redazione

C.S._Il Commissario Montalbano “La piramide di fango”


(none)
Giovedì 23 maggio alle 21.25 Rai1 ripropone l’episodio del “Commissario Montalbano” dal titolo La piramide di fango, con  Luca Zingaretti, Cesare Bocci, Peppino Mazzotta, Angelo Russo, Teresa Mannino, Tony Laudadio, Mimmo Mignemi, Roberto Nobile, Davide Lo Verde, Marcello Perracchio e con la partecipazione di Sonia Bergamasco. Viene trovato il cadavere di un uomo, ucciso con un colpo di arma da fuoco. Si tratta di Gerlando Nicotra, contabile dell’impresa edile che gestisce il cantiere dove è morto. Numerosi indizi convincono ben presto Montalbano del legame di questo caso col tentato omicidio di un muratore, Saverio Piscopo. Malgrado i tentativi di depistaggio, il commissario, riuscirà a smascherare falsi testimoni, false prove, false confessioni, sino a far crollare quella “piramide di fango” fatta di sangue, corruzione e malaffare.
Redazione