Day: novembre 17, 2020

CS_È DISPONIBILE IL NUOVO NUMERO DI BILLBOARD ITALIA – nel magazine interviste e speciali con Maneskin, Róisín Murphy, Future Islands, Speranza e molti altri


È DISPONIBILE IL NUOVO NUMERO DI
BILLBOARD ITALIA
(consultabile in formato cartaceo e sull’APP)

Apple IOS
Google Android
I Måneskin e la loro rock education sono i protagonisti del nuovo numero, dove raccontano il loro ritorno. E ancora, contenuti speciali e interviste con Róisín Murphy, Future Islands, Katie Melua, Speranza, Izi, Maldestro e molti altri.
DOWNLOAD COVER E FOTO HD

www.billboard.it
Måneskin e la loro rock education sono i protagonisti del numero di novembre di Billboard. Lo potete consultare sulla APP esclusiva, scaricabile in tutti gli store digitali dove è anche possibile prenotare la propria copia cartacea.

Che cosa significa oggi avere una rock education? Significa essere cresciuti dai propri genitori con una cultura improntata al rock degli anni ’70 ma anche essere rispettosi ed educati. E questo non per forza vuol dire inseguire i falsi miti di sesso-droga e rock’n’roll, come loro hanno tenuto a specificare. Damiano, Victoria, Thomas e Ethan sono tornati da pochissimo con un nuovo, clamoroso singolo, “Vent’anni” che anticipa il futuro album che uscirà nel 2021. In una lunga intervista con la condirettrice Silvia Danielli hanno raccontato le loro ansie, le loro ispirazioni e i loro obiettivi, ciò che hanno vissuto in questi 3 intensissimi anni.

Il numero è inoltre ricco di contenuti e speciali, che spaziano dalle proposte internazionali a quelle italiane.
Il direttore Tommaso Toma intervista una delle più effervescenti icone della musica elettronica: Róisín Murphy, che da poco ha fatto uscire un album acclamatissimo dalla critica, “Róisín Machine”. E scoppiettante è anche il risultato del loro incontro via Zoom, si parla di Mina, post punk e disco music in piena pandemia.E poi il ritorno dei Future Islands con un album carico di citazioni new wave e sempre caratterizzato dalla potente voce del loro cantante Samuel T. Herring che viene intervistato da Federico Durante.

Il caporedattore ha incontrato, inoltre, Katie Melua, tornata con un elegante album impreziosito dall’accompagnamento della Georgian Philharmonic Orchestra.
E poi tante altre interviste con: Speranza, Izi, Marie Davidson, Maldestro e tanti altri.

Vinicio Capossela recensisce in esclusiva per Billboard Italia uno dei capolavori della musica italiana anni ’90: “Sanacore” degli Almamegretta.

Dardust racconta il suo rapporto con la musica di Brian Eno.

Il musicologo Maurizio Corbella, in esclusiva per Billboard Italia spiega la bellezza dell’ampio boxset a firma del grande Ennio Morricone e del suo collaboratore Bruno Nicolai, “Dimensioni Sonore: Musiche per l’Immagine e l’Immaginazione”.

E poi sarà possibile leggere un bell’articolo di Federico Guglielmi sui White Stripes. Si riparla di loro grazie a un atteso Best Of. Una ricca History of Music dedicata ai Beastie Boys sempre redatta dalla puntuale penna di Alberto Campo. E chicca finale è il sorprendente Portrait Of dedicato all’astro nascente del nu-soul più raffinato, Gabriel Garzón-Montano.
Redazione

CS_Su Rai2 il docu-reality “Il Collegio”


Le pagelle di metà corso e la prima gita fuori porta

(none)

Quarto appuntamento con “Il Collegio”, martedì 17 novembre alle 21.20, il docu-reality di Rai 2, che continua ad appassionare un pubblico di giovanissimi under 15, affascinati dalle avventure della Classe 1992 alle prese con le regole di Preside e Professori.
Al Collegio inizia una settimana importante, alla fine della quale saranno consegnate le pagelle di metà corso. Solo chi riuscirà a conseguire la media della sufficienza potrà andare avanti e indossare una nuova tenuta: l’ambita giacca rossa. Per alcuni studenti naturalmente la preoccupazione di fallire è alta, soprattutto per i più emotivi.
Non mancheranno piacevoli momenti di aggregazione e leggerezza, come quando, per la prima volta, gli studenti saranno impegnati nella realizzazione di un vero e proprio videoclip sulle note della celebre hit di Luca Carboni “Ci vuole un fisico bestiale”.
Arriva poi il momento di un’altra esperienza inedita: la classe 1992 uscirà dal Collegio per una gita fuori porta. Meta dell’escursione è la scoperta di Anagni e dello storico palazzo di Bonifacio VIII.
Intanto bussano alla porta del Collegio due potenziali nuovi studenti, chi sono?

Redazione

CS_Gli ultimi episodi di “Gli orologi del diavolo”


Su Rai1 con Giuseppe Fiorello e Claudia Pandolfi

(none)

Quarto e ultimo appuntamento con “Gli orologi del diavolo”, la serie tv interpretata da Giuseppe Fiorello, Claudia Pandolfi e Nicole Grimaudo, in onda su Rai1 martedì 17 novembre alle 21.25, che racconta  la vicenda realmente accaduta a Gianfranco Franciosi e liberamente ispirata all’omonimo libro.
Nel primo episodio, a Madeira, il maltempo ritarda l’operazione e accresce l’ansia e la tensione di Marco che esplode quando scopre che suo padre è in punto di morte e lui non può tornare. Il giorno della partenza arriva. Marco riceve le coordinate per raggiungere Aurelio in pieno oceano. L’operazione congiunta tra Italia e Spagna scatta immediatamente e la nave con quattro tonnellate di droga viene requisita, ma Aurelio riesce a fuggire. Tornato in Italia, Marco assiste alla morte del padre e, pur di sfuggire alla sicura vendetta di Aurelio, è costretto assieme a Messia e ai figli di quest’ultima a finire sotto protezione.
Dopo l’ennesimo trasferimento in una nuova località, la crisi tra Messia e Marco esplode. Marco, pur di liberare la donna e la sua famiglia da quella schiavitù, la scaccia fingendo di non amarla più. Solo e, ormai, sull’orlo della follia, viene salvato da Messia che torna per lui. Insieme, decidono di rinunciare alla protezione. Tornati in paese, cercano di vivere una normalità impossibile, circondati dall’affetto dei loro cari. Ma il desiderio di vendetta di Aurelio è forte e capace di spazzare via tutto ciò a cui Marco tiene di più. Solo grazie all’aiuto di Jacopo, suo fratello, Marco riuscirà a salvarsi e a far arrestare Aurelio. L’incubo è finito per sempre. Forse.

Redazione