Day: giugno 19, 2021

CS_”Verissimo – Le storie”


Sabato 19 giugno, alle ore 16.00, appuntamento con “Verissimo- Le storie”, le più belle interviste realizzate in questa stagione da Silvia Toffanin e tanti nuovissimi contributi.

In questa puntata, tra gli incontri inediti, Silvia Toffanin intervisterà l’attore Pierre Cosso, idolo delle teenager degli anni ‘80 grazie al film “Il tempo delle mele”, al fianco di Sophie Marceau.

Inoltre, il pubblico potrà rivedere le interviste a: Ornella VanoniEmma con Alessandra AmorosoElisa IsoardiEnrica Bonaccorti Cristiano Malgioglio.

Redazione

Euro2020, Rai1: super weekend con gli Azzurri, Ronaldo e la Roja


Sabato la supersfida Portogallo-Germania, domenica Italia-Galles

(none)

Con la certezza dell’approdo agli ottavi, ma con l’obiettivo del primo posto nel girone A, per garantirsi l’ottavo del 26 giugno a Wembley contro la seconda del gruppo C – obbligatorio non perdere – gli Azzurri di Roberto Mancini torneranno in campo domenica pomeriggio, 20 giugno, alle 18.00, allo Stadio Olimpico di Roma, contro il Galles di Gareth Bale che, invece, dovrà difendere il secondo posto dal tentativo di aggancio della Svizzera, impegnata contemporaneamente a Baku contro la Turchia. Italia-Galles (diretta Rai1, telecronaca di Alberto Rimedio e Antonio Di Gennaro, interviste di Alessandro Antinelli, Aurelio Capaldi e Andrea Riscassi, studio esterno con Enrico Varriale e Claudio Marchisio, presentation con Paola Ferrari, Luca Toni e Marco Tardelli) arriverà in conclusione di un weekend di calcio straordinario, che sabato 19, sempre su Rai1, vivrà, in successione, due momenti tanto appassionanti quanto delicati.
Alle 18.00, in diretta da Monaco di Baviera, con il racconto di Stefano Bizzotto e Katia Serra, per la seconda giornata del gruppo F, la Germania cercherà di riprendersi dallo shock della sconfitta all’esordio contro la Francia, ma di fronte troverà il Portogallo di Cristiano Ronaldo, che con un successo blinderebbe il primo posto nel raggruppamento di ferro dell’Europeo.
Alle 21, invece, nella fornace della “Cartuja”, conclusione del secondo turno per il gruppo E: dopo lo 0-0 all’esordio contro la Svezia per la Roja e la clamorosa sconfitta contro la Slovacchia per Lewandowski e compagni, Spagna-Polonia è già uno spareggio. La telecronaca del match, in diretta da Siviglia, sarà di Dario Di Gennaro e Andrea Agostinelli.

Redazione

CS_FOO FIGHTERS: il 17 luglio in occasione del Record Store Day debuttano in una nuova travolgente veste dance anni ’70 con la band alter-ego The DEE GEES annunciando il vinile in edizione limitata “HAIL SATIN”


FOO FIGHTERS

Il 17 LUGLIO in occasione del

RECORD STORE DAY

debuttano in un’inedita veste dance anni ‘70

con la band alter-ego

The DEE GEES

annunciando il vinile in edizione limitata

HAIL SATIN

I FOO FIGHTERS debuttano in una nuova travolgente veste dance anni ’70 con la band alter-ego The DEE GEES annunciando “HAIL SATIN”, un vinile in edizione limitata in uscita il 17 luglio in occasione del Record Store Day.

Interamente registrato presso il quartier generale dei Foo Fighters, lo Studio 606 West di Northridge a Los Angeles, l’LP “Hail Satin” avrà un packaging appositamente in mylar traslucido dai colori dell’arcobaleno e si candida a diventare il party record di un’estate anni ‘70.

Nel lato A Grohl, Hawkins, Mendel, Smear, Shiflett e Jaffee immortalano la disco music dei Bee Gees, interpretando fedelmente i successi dei fratelli Gibb dei Dee Gees “You Should Be Dancing“, “Night Fever”, “Tragedy” e “More Than A Woman“, più “Shadow Dancing” di Andy Gibb.

Nel lato B il rock torna a impossessarsi degli studi 606 con la carica live delle canzoni dell’ultimo album “MEDICINE AT MIDNIGHT”.

Tracklist:

Side A — The DEE GEES:

You Should Be Dancing

Night Fever

Tragedy

Shadow Dancing

More Than a Woman

Side B — LIVE at 606:

Making A Fire

Shame Shame

Waiting on a War

No Son of Mine

Cloudspotter

Redazione

IMANY – Voodoo Cello è il nuovo album dell’artista e modella francese originaria delle Comore, in uscita il 3 settembre 2021


IMANY

La cantautrice francese annuncia il nuovo album
 VOODOO CELLO
in uscita il 3 settembre 2021

Una voce e 8 violoncelli che testimoniano l’accettazione del sacro fuoco femminile non come un dominio,
ma bensì come una forza da non sottovalutare.
Per comprendere, una volta per tutte, che
non c’è niente che una donna non possa fare

Il 15 luglio live sul palco di Umbria Jazz
Per info visita: www.umbriajazz.it

Link album pre-order

Nadia Mladjao può fare qualsiasi cosa.
Si è ritagliata un posto in una grande famiglia delle Comore, dove è sempre riuscita a dire la sua.
Si è fatta le ossa come modella a New York prima che il richiamo della musica fosse troppo forte per essere ignorato e che la portasse a scegliere il nome d’arte Imany.
Ha pubblicato due album, The Shape of a Broken Heart (2011)contenente la bellissima You Will Never Know e The Wrong Kind of War (2016), che mescolavano soul e folk con incredibile brio.
Ha scritto un successo, “Don’t Be So Shy“, come inno al potere femminile per il film Sous les jupes des filles, diretto da Audrey Dana.
Imany ha anche rotto i tabù sull’endometriosi mentre combatteva a fianco dell’associazione ENDOmind, un viaggio intrapreso ispirata dalla propria esperienza personale, riconoscendo anche pubblicamente –  in occasione dei premi Victoires de la Musique – la responsabilità dell’artista e dei messaggi di cui è portatore.

Imany torna oggi circondata da otto violoncellisti per un album di cover che è riuscita perfettamente a fare tutto suo, dal titolo Voodoo Cello, in uscita il 3 settembre 2021 via ThinkZik! e anticipato dal singolo “Wonderful Life“.

Il disco si preannuncia come una vera sfida: una sola voce e 8 violoncelli, un capriccio? Niente affatto.
Imany è stata attratta per la prima volta dagli archi quando ha sentito gli ammalianti tributi del Vitamin String Quartet quasi dieci anni fa. Per questo suo nuovo progetto, Imany sentiva che i violoncelli insieme a un semplice accompagnamento vocale sarebbero stati più che sufficienti. Prima di questo nuovo viaggio artistico, Imany si è dedicata a diversi progetti e tour, ha partorito il suo secondogenito e ha purtroppo subito un esaurimento. Questo stop forzato l’ha costretta al riposo e le ha concesso il tempo di dedicarsi a questa sfida.
Otto violoncelli sono una moltitudine di possibilità tra note basse e alte: “Sometimes, you get the impression they’re brass instruments or electric guitars… Like they’re haunted.” .
Ha così voluto lanciare una sorta di incantesimo su questo strumento affascinante lavorando a una serie di cover usando una serie di cover. Come una sorta di voodoo. E, poiché “Voodoo Child” di Jimi Hendrix suona così bene, l’album è stato chiamato Voodoo Cello.

A 40 anni, Imany è più sicura di sé e pronta a rischiare: “Since I’d managed to become a mother without putting aside my work, I decided to stop doubting. To accept the sacred feminine fire, not as a domination, but as a force to be reckoned with. What counts is what makes sense. And there’s nothing a woman can’t do.” .
Voodoo Cello ne è la prova: un album cantato, registrato, arrangiato e prodotto dalla stessa Imany e senza bisogno di altro che dei violoncellisti.
L’idea di una donna che si è fatta da sé?
It’s all a bit crazy!”, ammette “The tracking is very complex: eight identical instruments, it’s technically quite difficult.” .

Le canzoni sono state scelte tra i grandi classici fino a quelle più recenti: “What makes a good cover is when the song becomes your own. I approach the song with voice and guitar, find the key that suits me, I change the tempo… and I listen to the lyrics. I can’t sing words I don’t believe in.” .

“Eight cellos means eight souls speaking to us,” confessa Imany. “You either love it or hate it… It’s metaphysical!” .
L’incantesimo è lanciato, siamo tutti sedotti.

Redazione