1 maggio

“ROTTE INDIPENDENTI”: DOPO SKY ARTE HD, ROLLING STONE ANNUNCIA L’APPRODO SUL WEB DEL DOCUMENTARIO PRODOTTO DA SONNE FILM


lalto

Il Mei, in collaborazione con L’Altoparlante, pubblica le quattro puntate della mini serie di Sky Arte sugli albori della musica indipendente italiana e lo annuncia tramite il sito del Rolling Stone.

Clicca qui: http://www.rollingstone.it/musica/news-musica/rotte-indipendenti-la-storia-della-cultura-alternativa-italiana/2017-01-03/

La serie “Rotte Indipendenti” è un viaggio all’interno degli ultimi 30 anni della scena musicale indipendente italiana, che ha rinnovato il mercato musicale italiano, realizzata su idea di Giordano Sangiorgi del MEI – Meeting delle Etichette Indipendenti, la storica manifestazione indie che ha celebrato i suoi 20 anni di attività, e Giangiacomo De Stefano, curata poi dallo stesso insieme a Lara Rongoni per la SonneFilm.

Il Meeting delle Etichette Indipendenti, per il suo ventennale, racconta con quattro documentari le città che hanno fatto dell’underground una realtà musicale internazionale. Il progetto, realizzato da Giangiacomo De Stefano e Lara Rongoni, parte da una domanda: “Che cosa significa essere indipendenti?”. La risposta è un’esplosione di musica e di luce: quelle che fanno da sfondo alle più interessanti ed esaltanti esperienze italiane, dagli anni ‘70 ai primi 2000. Bologna: l’avanguardia culturale. Torino: le contraddizioni di una città industriale trasformata. Roma: l’asprezza di una città autoreferenziale. Milano: centro di grande visibilità mediatica.

La serie, realizzata grazie al contributo della Film Commission Regione Emilia-Romagna, SeacoopNuovo Imaie, lo scorso giugno è andata in onda su Sky Arte per quattro mercoledì consecutivi ed è stata poi presentata ufficialmente al #NuovoMei2016 , a Faenza dal 23 al 25 settembre, con molti dei suoi protagonisti, nella giornata conclusiva, con il supporto della Siae, partner storico della kermesse faentina.

Al link le quattro puntate sul sito del Mei.

www.sonnefilm.com
www.meiweb.it

Redazione

CONCERTO PRIMO MAGGIO SU RAI3 DALLE 15 alle 24 conduce CAMILA RAZNOVICH, tra gli ospiti J-AX, KILLA, NESLI, NOEMI, BRITTI e tanti altri…


BUON PRIMO MAGGIO A TUTTI

1m

È tutto pronto per il CONCERTO DEL PRIMO MAGGIO che, come di consueto ogni anno dà appuntamento per il giorno della Festa dei Lavoratori, in Piazza San Giovanni in Laterano a Roma (dalle ore 15.00 a mezzanotte). Quest’anno, a condurre, alla sua prima esperienza sul palco del concertone, CAMILA RAZNOVICH.

Sullo storico palco si festeggia il 25esimo anniversario della manifestazione e, oltre alla protagonista assoluta, la buona musica, ci saranno alcuni tra i conduttori che in questo quarto di secolo hanno animato il CONCERTO DEL PRIMO MAGGIO: VINCENZO MOLLICA (dal 1991 al 1994); CARLO MASSARINI (1990); PAOLA MAUGERI (1998 – 2002); ENRICO SILVESTRIN (1998);FRANCESCO PANNOFINO (2012); DARIO VERGASSOLA (2014); PAOLO ROSSI (1995 – 2007); ANTONIO CORNACCHIONE (2005).

La musica, come mai prima, sarà rappresentata in tutta la sua varietà: dal rock al folk, dal pop al rap, dall’indie al reggae, dal metal all’elettronica! Questi tutti gli artisti che si esibiranno sul palco del CONCERTO DEL PRIMO MAGGIO: GORAN BREGOVIC, J-AX, BLUVERTIGO, PFM, ALEX BRITTI, LACUNA COIL, EMIS KILLA, IRENE GRANDI, LO STATO SOCIALE, ENZO AVITABILE & ALPHA BLONDY, ENRICO RUGGERI, NESLI, NOEMI, PAOLA TURCI, JAMES SENESE & NAPOLI CENTRALE, ALMAMEGRETTA, LEVANTE, GHEMON, SANTA MARGARET,MARIO VENUTI & MARIO INCUDINE, ALESSIO BERTALLOT, KUTSO,TERESA DE SIO, DELLERA & NIC CESTER, DANIELE RONDA & FOLKLUB con MIMMO CAVALLARO, YLENIA LUCISANO, MED FREE ORKESTRA, TINTURIA, TARANTOLATI DI TRICARICO, OTTO OHM E SANDRO JOYEUX, JOHN DE LEO.

Il CONCERTO DEL PRIMO MAGGIO, organizzato dalle società iCompany e Ruvido Produzioni, è promosso da CGIL, CISL e UIL. Il tema a cui è dedicata l’edizione 2015 è “LA SOLIDARIETÀ FA LA DIFFERENZA. INTEGRAZIONE, LAVORO, SVILUPPO. RISPETTIAMO I DIRITTI DI TUTTI, NESSUNO ESCLUSO.”

La manifestazione musicale andrà in onda, in diretta televisiva dalle ore 15.00 a mezzanotte su Rai 3 e sul canale 501 HD. La regia è affidata a Cristian Biondani con gli autori Luciano Federico e Casimiro Lieto. RaiRadio2 dalle 13.45 partirà con una diretta speciale di “Un Giorno da Pecora”, il programma condotto da Claudio Sabelli Fioretti e Giorgio Lauro, che racconteranno a modo loro, tra musica e politica, la giornata dedicata alla festa del Lavoro. Dalle 16.30 Radio2  accompagnerà gli ascoltatori in Piazza San Giovanni grazie ad uno ‘Speciale Primo Maggio Radio2’, condotto da Filippo Solibello e, nel ruolo di inviato da Marco Ardemagni. Ad una festa che è ormai diventata tradizionalmente anche della musica, non poteva mancare la conduttrice di ‘Rock and Roll Circus’ Carolina Di Domenico, che a partire dalle 21.00, proseguirà lo ‘Speciale Primo Maggio Radio2’ raccontando in diretta tutto il meglio del ‘Concertone’.

Sul palco a San Giovanni si esibiranno anche BAMBOO, LA RUA e NIGGA RADIO, le 3 band finaliste del contest 1MNEXT, dedicato agli artisti emergenti.

Il vincitore assoluto del contest verrà proclamato durante la giornata ed avrà la possibilità di avviare una stretta collaborazione con l’organizzazione del Primo Maggio affinché l’esibizione in Piazza San Giovanni sia solo l’inizio di un importante percorso di crescita e visibilità.

Info 1MNEXT su www.primomaggio.net/1mnext

 

EUGENIO FINARDI direttore artistico del concerto in Piazza Maggiore a Bologna il 1° Maggio


1° Maggio 2015 in piazza Maggiore a Bologna

EUGENIO FINARDI

(in collaborazione con ARCI Bologna) 

DIRETTORE ARTISTICO DEL CONCERTO

IN PIAZZA MAGGIORE 

organizzato da CGIL, CISL e UIL

TANTE LE SORPRESE SUL PALCO DEL #PRIMOMAGGIOBOLOGNA:

dal CONTEST per band emergenti #BOLOGNAPALCOAPERTO

 alla conduzione di LUCA BOTTURA

al ricordo di FREAK ANTONI  degli Skiantos

 1maggio

“Una giornata per celebrare il LAVORO,

da tutelare,

da trovare,

da creare”

(Eugenio Finardi)

Il 1° maggio, sul palco allestito in Piazza Maggiore a Bologna, si alterneranno le esibizioni degli artisti invitati da Eugenio Finardi  e gliinterventi sul tema del lavoro, svolti in chiave ironica e graffiante sotto la guida dell’autore satirico  e “conduttore suo malgrado”  Luca Bottura, una delle voci di Radio Capital, bolognese doc e perfetto rappresentante dello spirito emiliano, insieme rigoroso, operoso e irriverente.

Con lui (già autore di  Maurizio Crozza, Geppi Cucciari, Enrico Bertolino, nonché conduttore di Lateral su Radio Capital) è nata l’idea di dedicare la serata a Freak Antoni degli Skiantos, che sarà ricordato dal palco con ospiti a sorpresa e tributi musicali.

Si esibiranno sul palco di Piazza Maggiore, dalle 17.30 in poi: Anansi, Bianco, PieroDread, Kutso e lo stesso Eugenio Finardi (il quale, accompagnato dalla sua band, chiuderà la serata col suo concerto  “FIBRILLANTE”).

Al via da subito anche l’iniziativa “BOLOGNA PALCO APERTO”, voluta da Eugenio Finardi e ARCI Bologna per permettere a giovani artisti e band emiliani di candidarsi a suonare sul palco del Primo Maggio in Piazza Maggiore (modalità di partecipazione sull’evento facebook “Bologna Palco Aperto – Suona sul Palco del Primo Maggio!” )

Due quindi le linee guida seguite da Eugenio Finardi nel comporre il programma artistico e musicale della manifestazione:

  • •        il lavoro, fondamento della Costituzione Italiana  e cardine della dignità di ogni essere umano, sarà come sempre il tema portante della manifestazione e l’oggetto di riflessione e interventi sul Palco, con gli ospiti che verranno annunciati
  • •        lo spirito ribelle e irriverente, caratteristica che accomuna Finardi (che a partire dal brano “Musica Ribelle” ne ha fatto il suo manifesto) al popolo dell’Emilia Romagna, terra fatta di persone operose, concrete e “ribelli” nel senso più autentico del termine.

Eugenio Finardi commenta così l’incarico ricevuto da CGIL CISL E UIL Bologna in collaborazione con ARCI BOLOGNA:

«Sono felice di curare il programma musicale del Primo Maggio,  in una città che da sempre ho amato e in cui mi sono rispecchiato: i bolognesi sono un popolo di lavoratori col raro dono di mischiare concretezza, pragmatismo, solidarietà e il più genuino  temperamento artistico. L’Emilia Romagna è il simbolo di un forte senso identitario e cooperativo; questa terra ha visto nascere molti tra i più grandi e più diversi artisti della storia musicale d’Italia, da Giuseppe Verdi a Massimo Riva (chitarrista di Vasco), da Luciano Pavarotti fino a  Lucio Dalla, passando per il grande (e forse non abbastanza riconosciuto) Freak Antoni degli Skiantos. E’ lui che desideriamo ricordare dal palco. L’iniziativa BOLOGNA PALCO APERTO infine, chiama a raccolta le band della zona invitandole a candidarsi a suonare sul palco del Primo Maggio in Piazza Maggiore un loro brano e una cover degli Skiantos».

#PRIMOMAGGIOBOLOGNA

#BOLOGNAPALCOAPERTO

#EUGENIOFINARDI

#FIBRILLANTE