album

24/02/2017 -Michele Bravi esce il nuovo album, Anime di Carta: “Le canzoni di questo disco non sono 13 canzoni ma sono il racconto della mia vita degli ultimi tre anni”.


michele-bravi

Il diario degli errori è il brano che Michele Bravi ha presentato a #Sanremo2017 che si è piazzato quarto nella classifica del Festival e che occupa il sesto posto nella classifica Fimi/GFK. Il brano è contenuto nell’album “Anime di Carta” in uscita  oggi 24 febbraio che racconta gli ultimi tre anni della vita del cantante.

Michele dopo la partecipazione a Sanremo sembra risorgere dalle ceneri di un periodo buio post XFactor che ha richiesto riflessione, analisi e tempo come  racconta nelle dichiarazioni rilasciate  nel corso dell’incontro con la stampa

mic.jpg

 “Questo per me è un disco importante. Questo è stato un percorso intenso, diverso dal percorso standard post-talent. Ho preso scelte difficili ma Sanremo mi serviva per dimostrare quanto fossero state giuste le mie scelte sbagliate. Ho iniziato a scrivere le prime cose di questo disco tre anni fa e solo a dicembre sono riuscito a finire quelle canzoni iniziate tre anni fa”.
“E’ stato anche un percorso umano. Il lavoro e la vita personale si sono incontrate spesso. Ho iniziato a pensare a me stesso… ho perso una persona importante a cui tenevo e c’ho scritto un disco. E’ stata una seduta di psicanalisi con me stesso. Ho capito che siamo tutti Anime di Carta. La carta è quel materiale accessibile a tutti, un pezzo di carta ce l’hai sempre vicino, quindi non è un qualcosa di ricercato ma lì ci puoi scrivere la tua storia. Ci si può accartocciare, si può prendere fuoco, si può diventare un’origami bellissimo”.
“A vent’anni non posso parlare di queste cose? Il punto è proprio questo. La mia prima storia è stata a vent’anni ed è stata una storia perfetta. Non mi sono posto problemi perché ci sono andato a braccia aperte, come si va la prima volta. Dopo la prima scottatura, ci si rende maggiormente conto. Avevo trovato una persona che mi illuminava. E questo disco è quella luce. Sono contento di aver potuto dimostrare che quelle scelte sbagliate erano giuste e spero di poter continuare a scrivere questo diario degli errori. Sono arrivato ad una fase di serenità, anche se non sembra (si commuove, ndr)”.
 “Ho fatto delle enormi cavolate, sono stato uno stronzo e ho sbagliato. Dalle scelte sbagliate spero di imparare ancora. Prima ero più stabile ed energico. Ora sono più emotivo ma perché ho tolto ogni filtro. Queste di questo disco non sono 13 canzoni ma sono il racconto della mia vita degli ultimi tre anni”.
L’intervista a Vanity Fair (in cui fa coming out, ndr) è stata solo un’anticipazione di quello che si sentirà nel disco. Avevo bisogno di dire le cose come stavano, senza filtri. C’è anche un pezzo che parla di sesso orale con una ragazza. Avevo bisogno di togliermi quella sovrastruttura. Canto quello che vivo e vivo quello che canto. Spero anche che questo disco divida. Spero che ci siano tanti a cui questo disco faccia schifo perché questo significherà che sono riuscito a raggiungere le persone che mi interessavano”.
Il tour:A maggio sarò a Milano e Firenze con un’anteprima. Anche nel concetto dal vivo mi piacerebbe parlare di spettacolo. Ci sarà un filo conduttore. Mi sto dedicando a queste due date. Non ci sarà una normale band ma ci saranno musicisti specifici. E sul palco ci sarà una rivisitazione del concetto di carta. Ho il timbro interessante, questo disco mi ha permesso di vestirlo bene e coccolarlo”.
Non è un album di rivincita:  “Ho capito che non me ne frega un cavolo. Ho imparato a capire le regole del mercato discografico. Quando mi hanno stracciato il contratto, era giusto. Non ho ritenuto giusto l’atteggiamento di quella persona di merda che mi voleva far sentire morto. Non è una rivincita, questo è un inizio. Il primo disco era un debutto nella discografia e chiedevo ai grandi autori ‘cosa può diventare Michele?’. Il secondo disco era più mio. Ma questo è il mio primo vero disco perché sento di poter dire che queste canzoni posso cantarle solo io. Me lo sono sudato tanto”.
“Ho un rapporto particolare con gli autori, infatti mi odiano tutti. Ho chiamato personalmente degli autori e prime di iniziare a scrivere, ho iniziato a frequentare queste persone. Noi ci vedevamo, pomeriggi su pomeriggi, anche solo per parlare o perché c’era la voglia di prendere un caffè insieme, senza dover scrivere nulla per forza. Non riesco a sedermi al tavolino con una persona solo perché so che scrive delle hit. Non funziona così. Ci sono anche autori impensabili per il pop, da Contessa de I Cani in poi… ma umanamente ci siamo trovati bene”.
“Mi sono incontrato con questi autori. Faccio l’esempio di Federica Abbate. Ci sono incontrati a cena per la prima volta a marzo. Ci siamo messi a parlarci, poi abbiamo iniziato a condividere pezzi e consigli. Un giorno, dopo una chiacchierata sulla fine della mia storia, si è presentata a casa mia con Il Diario degli Errori. E’ nato su di me e mi aveva capito come un’amica vera. Quel pezzo era perfetto così, non ho cambiato una parola”.
Sanremo è andato bene (i voti delle giurie erano ottimi): “Non ho visto percentuali o cose. So solo che sono arrivato quarto perché ero davanti alla tv. Senza presunzione, sapevo di avere un pezzo importante e sapevo che quella canzone meritava una platea ampia. Se è piaciuta alle varie giurie sono contento, però riconosco il merito alla canzone perché quello è il Festival della canzone. Ha vinto il pezzo, non io. Lo metto nel mio diario delle vittorie… anche se partivo sotto zero”.

Perché anche le canzoni in inglese? “E’ una scelta lucida. Non voglio rinnegare il vecchio disco, però il fatto di aver cantato in inglese mi sono reso conto che mi faceva nascondere dietro qualcosa. Era una protezione o un filtro. Io penso in italiano, la mia lingua. Se ti devo dire ‘vaffanculo’, te lo dico in italiano perché in inglese non avrebbe la stessa forza”

Hai delle influenze particolari? “Ascolto di tutto. Ho approfondito tanto la musica elettronica. Da lì ad ispirarmi mi sembra di mancare loro di rispetto”.

Pausa sarà il nuovo singolo?Non ne ho idea. Mi tiro indietro sulle scelte discografiche”.

 Mi piacerebbe duettare con Chiara. Io e lei ci facciamo già delle cantate infinite”.

 
 Redazione
 
 
 

Laura Pausini, 200 note è il nuovo singolo scritto da Tony Maiello: GUARDA IL VIDEO


 

laura-pausini


Il nuovo singolo di Laura Pausini è il quinto estratto dall’Album “Simili” tre volte disco di platino si intitolo 200 note e parla di un amore delicato.L’autore è Tony Maiello, concorrente della prima edizione di X Factor e vincitore di Sanremo tra le nuove proposte nel 2010. Maiello intervistato da Sorrisi aveva rivelato: “”200 note” l’ho scritta nel 2011, era un brano pronto per essere proposto a Sanremo tra i Big dopo la mia vittoria dell’anno prima. Non lo volevo dare a nessuno, tenendolo nel cassetto e aspettando un’occasione che alla fine non è mai arrivata. Ho inviato poi dei miei brani all’attuale manager di Laura, Fabrizia Cerciello. Mi sono arrivati dei complimenti ma mai avrei creduto che qualcosa di così bello potesse accadere” e poi ancora: “Il giorno di Pasqua (del 2015) è mi arrivata la notizia che il brano era stato scelto. Sono scoppiato in lacrime perché sono passato dalla resa alla rinascita con un brano che per me rappresenta tutto, le mie gioie e i miei dolori. Abbiamo lavorato a distanza, poi con Laura ci siamo incontrati e abbracciati. Dopo quel momento davvero brutto, di perdizione e in qualche modo anche di depressione, qualcosa è cambiato”.

Redazione

Il nuovo singolo di Tiziano Ferro insieme a Carmen Consoli, estratto dall’album ‘Il Mestiere Della Vita’. ‘Il Conforto ‘ – GUARDA IL VIDEO


 

 tiz

Ieri Venerdì 13 Gennaio è uscito il video de ‘Il Conforto‘, il nuovo singolo di Tiziano Ferro insieme a Carmen Consoli, estratto dall’album ‘Il Mestiere Della Vita’. Il videoclip girata da Gaetano Morbioli, ha ottenuto oltre 50mila visualizzazioni online in pochissimo tempo.

Tiziano ha descritto il pezzo così “una ballad dalla produzione atipica, elettronica, priva di elementi acustici nel corpo di arrangiamento. E il canto segue queste direttive“. E sul rapporto con Carmen Consoli “Carmen, racconta Tiziano, mi segue come se avessimo cantato insieme per dieci anni. La sintonia è stata immediata e meravigliosa“.

Mercoledì 11 gennaio Carlo Conti ha annunciato che Tiziano Ferro tornerà da super ospite nella prima serata del Festival di Sanremo, martedì 7 febbraio 2017 ma stavolta avrà accanto a sè anche Carmen Consoli.

I due artisti presenteranno il brano sul palco del Festival di Sanremo il 7 febbraio 2017.

Redazione

AMORE AMOR è il primo singolo estratto dal nuovo album di ROBERTA GIALLO, una ballad d’amore ricca di forza e dal sapore antico – VIDEO


ROBERTA GIALLO

roberta-giallo

“AMORE AMOR” È IL SINGOLO ESTRATTO DALL’ALBUM “L’OSCURITÀ DI GUILLAUME”

Una canzone “archetipica”, una ballad senza tempo che racconta l’amore alla maniera dei miti e delle favole.

«Tolte le sovrastrutture, tolto ogni ragionamento “cervellotico”, tolto l’imbarazzo che si può provare nel raccontare l’amore, ho scritto il pezzo “ispirata e basta”, mentre “le parole sgorgavano distillate e pure dalla mia bocca”, cogliendo forse l’eco della voce di uno spirito antico, che desiderava cantare un sentimento eterno, nella sua semplicità, ma anche nella sua forza devastante, perché l’amore illumina e devasta, gioca coi contrasti. La parola “amor” porta con sé quel residuo di arcaicità che desideravo evocare, dando a questa canzone una collocazione atemporale». Roberta Giallo

Guarda qui il video: 

Sul disco da cui è tratto il singolo, l’artista riferisce: «“Amore amor” anticipa il disco che uscirà a gennaio, “L’Oscurità di Guillaume”, un disco che “non comprende tutte le parti di me”, ma sicuramente racconta un capitolo preciso della mia vita che merita di essere dato, così come la canzone è un capitolo dell’album, ovvero il capitolo “più luminoso e roseo”, quello senza insidie… momento in cui il sentimento ci spinge “oltre”, al di là della temporalità, per lasciarci sospesi nel senza tempo, spazio dove vagano i sentimenti eterni».

BIO

Roberta Giallo è cantautrice, autrice, performer teatrale, pittrice e scrittrice.

Nata a Senigallia il 26 dicembre 1982 a 5 anni comincia a studiare pianoforte, a 11 anni scrive la sua prima canzone. Nel 2002 si trasferisce a Bologna dove si laurea e si specializza con lode rispettivamente in Filosofia Morale e in Scienze Filosofiche. Le sue esperienze artistiche sono numerose: nel 2006 apre i concerti di Sting, Carmen Consoli, Edoardo Bennato, Alex Britti. Negli anni a seguire collabora con Lucio Dalla, Samuele Bersani, Valentino Corvino, gli Archè String Quartet, gli Gnu Quartet, l’orchestra Musicomio, l’orchestra del teatro Massimo di Palermo; i produttori Mauro Malavasi, Marcello Corvino, Francesco Migliacci; il giornalista e saggista Federico Rampini. Collabora con Lucio Dalla alla   realizzazione del video della canzone “La leggenda del prode Radames“, del suo ultimo disco “Questo è Amore“, della colonna sonora del film “Il cuore grande delle ragazze” di Pupi Avati; con Samuele Bersani collabora come corista nel disco “Nuvola numero nove“, nel singolo “la fortuna che abbiamo”. Samuele Bersani duetta con Roberta nel brano inedito “Voce al Bene” di cui Roberta è autrice. Nel 2010 scrive testo e musica del brano “Mettici più Verve” interpretato da Simona Molinari. Nel 2014 partecipa al teatro Zelig di Milano alla manifestazione “Ci vuole orecchio” presentata da Gioele Dix, rappresentando la canzone d’autore di Bologna; lo spettacolo vede la partecipazione di Luca Carboni, Pilar, i Divanofobia, Luciano Ligabue, Pupi Avati e molti altri. Tra il 2014 e il 2015 è ospite ai programmi di Luca Barbarossa, Serena Dandini, Carolina Di Domenico e Pierluigi Ferrantini in onda su radio Rai 2, e ai noti programmi televisivi di Red Ronnie. Nel corso della sua carriera vince i premi “Un Certain Regard” per la migliore esibizione live di Musicultura 2013, per due volte consecutive la borsa di studio per autori al CET di Mogol, il Festival del Mediterraneo, il Soleada Festival, il Cornetto Free Music Festival promosso dall‘Algida, etc.

Dal 2014 al 2016 è stata in tour con diversi spettacoli di teatro, tra cui: “All you need is love – l’Economia spiegata con i Beatles” di e con Federico Rampini in cui canta e interpreta le canzoni dei Beatles suonando piano e ukulele, accompagnata dal Maestro Valentino Corvino, al festival “Le idee di Repubblica”, al Teatro Massimo di Palermo, etc. “La favola della canzone Italiana” di Ernesto Assante e di Gino Castaldo, in cui reinterpreta i grandi classici della musica italiana al Théâtre des variétés di Montecarlo. “Trip of a dreaming soul”, di cui Roberta è autrice, regista e interprete al Youth Square Y-Theatre di Hong Kong. Roberto Roversi – Una voce r/esistenziale” in cui interpreta la versione integrale, mai eseguita prima di allora, de “La canzone di Orlando” scritta dal poeta Roberto Roversi e Lucio Dalla. Sempre nel 2016 idea e presenta la rassegna sui cantautori intitolata “Martedì in Giallo” svolta al prestigioso Bravo Caffè di Bologna.

Presenta il singolo “Start” in anteprima durante una partita della Serie A Tim. Si fa notare sul palco di Laigueglia al Tenco Ascolta, organizzato dal Club Tenco, ospiti della serata Luca Barbarossa e molti altri. Nel 2014 ha pubblicato il suo primo EP “Di Luce propria”, che raggiunge la 1° posizione dell’alternative chart di iTunes. Nei due anni successivi ha pubblicato i singoli “Animale” e “Start“, che per diverse settimane è nelle prime 3 posizioni delle classifiche dei brani autoprodotti più suonati dalle radio italiane.

Redazione

 

MUSICA: Prossime USCITE DISCOGRAFICHE (album) a cura di PAROLE & DINTORNI (Ufficio Stampa)


Comunicato stampa relativo alle uscite discografiche (album) da settembre a novembre.

30 SETTEMBRE:               

IMANY – “The Wrong Kind of War” (Time Records)

 PREMIATA FORNERIA MARCONI – “Marconi Bakery 1973-1974” (Sony Music Italy)

7 OTTOBRE:  

ENZO AVITABILE – “Lotto infinito”  (Sony Music Italy)

PELLEGATTA – “Tre minuti di sbagli” (Adesiva Discografica)

14 OTTOBRE:   

NUOVA COMPAGNIA DI CANTO POPOLARE – “50 anni in buona Compagnia” (Foxband)

EMIS KILLA – “Terza Stagione” (Carosello Records)

NICCOLÒ AGLIARDI – “Braccialetti Rossi 3” (Carosello Records)

21 OTTOBRE:

GIULIA MAZZONI – “Room 2401”  (Sony Music Italy)

THEGIORNALISTI – “Completamente Sold Out” (Carosello Records)

28 OTTOBRE:     

GIORGIA – “Oronero” (Sony Music ItalEUGENIO FINARDI – “40 anni di Musica Ribelle” (Universal Music Italia)

11 NOVEMBRE:               

LITFIBA – “Eutòpia”  (Sony Music Italy)

18 NOVEMBRE:               

LUCIANO LIGABUE – “Made in Italy” (Warner Music Italy)

 

Redazione

NEK, ARRIVANO SINGOLO E ALBUM


 nek

Unici” è il titolo del nuovo singolo e del nuovo album di Filippo Nek Neviani. Il singolo sarà in radio e in vendita nei digital store da venerdì 16 settembre, mentre il nuovo album di inediti, il tredicesimo della sua carriera, uscirà il 14 ottobre. “Viviamo in un mondo tanto fantastico quanto atroce, che ci bersaglia di nozioni, informazioni, fatti, opinioni ed ipotesi. L’unicità di un abbraccio o di un panorama riesce a stupirmi più di ogni tecnologia o filosofia. Quando l’amore esplode nella quotidianità di una cassa toracica diventiamo l’eccezione: Unici”. Con queste parole Nek ha presentato poco fa sui suoi social network il nuovo brano, scritto insieme ad Andrea Bonomo e Luca Chiaravalli. L’album conterrà anche “Uno di questi giorni”, il singolo uscito a maggio e stabile per tutta l’estate ai vertici delle classifiche dei brani più trasmessi in radio.

Redazione

MUSICA: AMORE, VITA E PACE SECONDO RAPHAEL GUALAZZI


E’ disponbile in preorder fisico e digitale, su Musicfirst.it e iTunes, “Love Life Peace“, il nuovo album di Raphael Gualazzi, in uscita il 23 settembre su etichetta Sugar. Su iTunes, nella versione digitale, subito disponibili come instant gratification i brani “L’estate di John Wayne”, “Pinzipo”, canzone composta per la colonna sonora della serie tv di successo “Tutto può succedere”, e l’omonima “Love Life Peace”. Le copie fisiche, in cd e vinile, disponibili su musicfirst.it sono tutte autografate dall’artista. “Love Life Peace” nella versione CD uscirà in un esclusivo packaging in 3D che riproduce un pianoforte componibile che come un puzzle tridimensionale si unisce e si incastra in tutte le sue parti.

Torneranno i cinema all’aperto e i riti dell’estate
le gonne molto corte
tornerà Fellini e dopo un giorno
farà un film soltanto per noi

Torneranno i figli delle stelle
non scoppieranno guerre
le facce un po’ annoiate su riviste patinate
ed anche John Travolta per ballare con te

Quello che resta del sole, te lo porto a casa
Stasera ho voglia di cantare, gridare e di abbaiare come un cane

Quello che resta da dire, lo diremo domattina
Stasera ho voglia di cantare, di gridare, di ballare in riva al mare

Torneranno i cinema all’aperto e i dischi dell’estate
le celebri banane di Andy Warhol tornerà
Lupin e farà un colpo eccezzionale per noi

Torneranno i figli delle stelle sui tuoi sedili in pelle
le penne stilo in mano e le vacanze in treno
forse anche Pertini per un poker con John Wayne

Quello che resta del sole, te lo porto a casa
Stasera ho voglia di cantare, di gridare e poi ricominciare

Quello che resta da dire, lo diremo domattina
Stasera ho voglia di cantare, di gridare, di ballare in riva al mare

Quello che resta del sole, te lo porto a casa
Stasera ho voglia di cantare, di gridare di abbaiare come un cane

Quello che resta da dire, lo diremo domattina
Stasera ho voglia di cantare, di gridare, di ballare in riva al mare

Stasera ho voglia di cantare, di gridare e poi ricominciare!

Redazione

CLASSIFICA FIMI/Gfk: negli album primo Sergio con Big Boy – nei singoli in Top10 debutto di Valerio Scanu alla 7a p. con Io Vivrò (senza te)


La classifica Fimi/GfK  di questa settimana (6 giugno 2016) ci racconta che nella TopTen degli  album al primo posto staziona stabile Sergio Silvestre con Big Boy,  sale di una postazione Elodie con Un’altra vita  mentre la terza posizione vede l’esordio di Lele con Costruire. A seguire Nitro con Suicidol post mortem  (4) e Marco Carta con Come il mondo alla 5a posizione.  Dall’1 al  6  Arianna Grande con Dangerous Woman;  mentre  scende di due posizioni Zucchero  con Black Cat  che troviamo alla 7 posizione. Dopo Lele altra new entry all’8a posizione, i Pooh con The Collection 5.0; mentre Annalisa con Se avessi un cuore scivola dal 4 al 9 posto. Giù anche  J-Ax & Friends che perde due posizioni e questa settimana occupa il  decimo posto.

Per quanto riguarda la classifica dei singoli diciamo subito che parla straniero salvo la presenza di J-Ax  & Fedez con Vorrei ma non posto che troviamo alla 2a posizione, riconquista  la prima posizione Alvaro Soler con Sofia,  dopodiche’ a sollevare le sorti della musica italiana ci pensa Valerio Scanu  con Io Vivrò senza te, il secondo singolo tratto dall’Album #Finalmente Piove e cover di Mogol Battisti presentata all’ultima edizione del Festival di Sanremo, che nonostante una scarsa programmazione radiofonica  debutta alla 7a posizione. 

Per trovare un brano italiano bisogna poi  scendere al 16 posto dove troviamo Alessandra Amoroso con Comunque andare, poi Sergio al 19° con Big Boy, Briga al 24° con Baciami  La Ferreri Baby K ancora al 37° con Roma-Bangkok  ed Elodie al 38° con Un’altra vita.

Redazione

 

 

 

Esce anche in Italia il nuovo album dei Rüfüs, Milano la prima tappa del tour europeo


ref

Esce anche in Italia il nuovo album dei Rüfüs, Milano la prima tappa del tour europeo

Esce anche in Italia Bloom, il secondo album degli australiani Rüfüs.  Tyrone Lindqvist, James Hunt e Jon George saranno in Italia il 10 marzo a Milano, prima data del toureuropeo, del quale la doppia tappa londinese è già sold out.

Dopo il clamoroso boom in Australia, dove hanno addirittura sorpassato nelle vendite una star come Adele, il trio di Sydney è pronto a conquistare anche il pubblico di casa nostra.Già con il primo singolo Like an Animal, hanno destato l’attenzione delle radio italiane entrando nella Top 50 Earone, ora con la pubblicazione di Bloom accompagnato dal nuovo singolo Say A Prayer For Me puntano a confermare il loro successo.

Say A Prayer For Me colpisce subito con il suo irresistibile ritornello, il videoclip diretto da Toby & Pete, già apprezzati per le loro precedenti collaborazioni con Flume e Chet Faker, ruota su un alternarsi di luci misteriose e effetti visivi che avvolgono la band, all’interno di un’oscura foresta.

Bloom pubblicato il 26 febbraio su etichetta d:vision/Energy Production, racchiude la migliore produzione tra suoni indie dance, che strizzano l’occhio a una raffinata electro. La storia dei tre musicisti comincia con il loro primo EP omonimo del 2011, ma, il vero successo arriva nel 2013 grazie all’album Atlas, che li catapulta al numero uno della classifica album in Australia. Questo traguardo conferisce al trio il titolo di Best Independent Dance Electronic Album ai prestigiosi ARIA Awards 2014, più svariate nomination al seguito: Best Independent Album, Best Indie Dance Single, Best Dance Release e Best Live Act.

per la Redazione: Gianluca Basciu

MANU CHAO E ROY PACI NEL NUOVO ALBUM DEI DUBIOZA KOLEKTIV. ESCE IL 5 FEBBRAIO “HAPPY MACHINE”


MANU CHAO E ROY PACI NEL NUOVO ALBUM DEI DUBIOZA KOLEKTIV

manu1

ESCE IL 5 FEBBRAIO “HAPPY MACHINE”

GUARDA IL VIDEO DEL SINGOLO “FREE MP3”

Esce il 5 febbraio 2016 “Happy Machine”, settimo esplosivo album dei bosniaci Dubioza Kolektiv che vede la partecipazione di ospiti d’eccezione come Manu Chao e Roy Paci per cantare insieme l’insurrezione culturale contro la tecnocrazia europea.

Il primo singolo “Free mp3 (The Pirate Bay Song)” è un attacco giocoso e, al tempo stesso, tagliente all’asfissiante cultura del diritto d’autore. Un omaggio a Edward Snowden DI WikiLeaks che nel video – 3 milioni e mezzo di visualizzazioni su youtube in poche settimane –  si traduce in una carrellata iconoclasta di tutte le icone pop contemporanee, da Obama a Kim Kardashian, da Miley Cyrus a Porn Hub.

Sono proprio i loro video e gli stratosferici numeri sui social network ad aver trasformato in fenomeno pop questi irriverenti rocker che mettono alla berlina i miti del nuovo capitalismo e il fallimento dell’Europa.

I testi – cantati in inglese, spagnolo e nel dialetto indiano punjabi – affrontano con ironia corrosiva gli avvenimenti più importanti degli ultimi 2 anni, dalle proteste di Gezi park a Instanbul all’arresto del fondatore di Pirate Bay; dalla crisi dei profughi siriani alla risposta europea al problema dei migranti. Senza escludere il divertissement finale, la cover di 24.000 baci di Adriano Celentano cantata e suonata insieme a Roy Paci.

La solita balkan music? Assolutamente no. Piuttosto un’esplosiva combinazione di diversi generi che raggiunge un’alchimia straordinaria. Nello shaker musicale dei Dubioza Kolektiv si trovano ritornelli orecchiabili e attitudine punk, influenze indo-pakistane e accenni elettronici. Ne viene fuori un cocktail in perfetto equilibrio fra contemporaneità e tradizione, ironia feroce e impegno politico, condito da un’energia che fa tremare i palcoscenici dei grandi festival internazionali come dei centri sociali o i club in provincia.

Al nuovo album seguirà un lungo tour internazionale che partendo dalla Bosnia si estenderà in tutta Europa fino ad arrivare agli Stati Uniti, con la partecipazione al festival multimediale SXSW che si tiene ogni anno a Austin, Texas. In Italia arrivano subito: il 26 febbraio all’Hiroshima Mon Amour diTorino, il 27 al Tendone Carnevale di Trieste, il 3 marzo al Leoncavallo di Milano, il 4 marzo all’Estragon di Bologna e il giorno seguente al Flog di Firenze.

Scordatevi l’universo mainstream fatto di sex symbol, ostentazione dei soldi, egocentrismo, spogliarelliste e industria della moda. Questi sono i Dubioza Kolevtiv, anarchici purosangue.

manu.jpg

Tracklist

  1. ALL EQUAL feat. BEE2
  2. NO ESCAPE (FROM BALKAN)
  3. FREE.MP3 (THE PIRATE BAY SONG)
  4. ONE MORE TIME
  5. BOOM! feat. DŽAMBO AGUŠEV
  6. RED CARPET feat. MANU CHAO
  7. RIOT FIRE feat. BENJI WEBBE
  8. ALARM SONG
  9. HAY LIBERTAD feat. LA PEGATINA
  10. 24,000 BACI feat. ROY PACI

Prime date in Italia

26/02 Torino Hiroshima Mon Amour
27/02 Trieste Tendone Carnevale
3/03 Milano Leoncavallo
4/03 Bologna Estragon
5/03 Firenze Flog

La band

  • ·Almir Hasanbegovic – vocals
  • ·Adis Zvekic – vocals
  • ·Brano Jakubovic – keys/sampler
  • ·Vedran Mujagic – bass
  • ·Senad Suta – drums
  • ·Mario Sevarac – saxophone
  • ·Jernej Savel – guitar
  • ·Dragan Jakubovic – sound technician

Redazione