comunicati

CS_Nota Stampa Area SanremoTIM 2020


Si è svolta nel week end appena trascorso la seconda e conclusiva tornata di audizioni al Palafiori di Sanremo. I circa 450 iscritti (Abruzzo 11, Basilicata 5, Calabria 16, Campania 32, Emilia Romagna 27, Friuli Venezia Giulia 4, Lazio 51, Liguria 20, Lombardia 58, Marche 9, Molise 2, Piemonte 28, Puglia 35, Sardegna 6, Sicilia 34, Toscana 41, Umbria 4, Veneto 31, Stranieri 6) si sono esibiti nei due week end scorsi. La commissione artistica di valutazione composta da Vittorio De Scalzi, Gianmaurizio Foderaro, Rossana Casale, Erica Mou e G-Max, è attualmente al lavoro per decretare i concorrenti che accederanno alle finali del 21/22 novembre (nel rispetto dei Dpcm governativi e delle ordinanze locali) i cui nomi verranno resi noti a breve.Tra gli otto vincitori del concorso, la commissione Rai sceglierà, durante la serata di AmaSanremo, che andrà in onda su Rai Uno il 17 dicembre, i due partecipanti alle Nuove Proposte del Festival di Sanremo 2021.
Redazione

CS_Il 26 luglio a Villa San Pietro il progetto speciale “Scavi… Storie di Miniera” di Mariangela Sedda e con le musiche si Mauro Palmas


MARE E MINIERE 2020
XIII EDIZIONE
 
Il 26 luglio a Villa San Pietro il progetto speciale “Scavi… Storie di Miniera” di Mariangela Sedda e con le musiche si Mauro Palmas. L’evento è in collaborazione con L’Officina delle Idee
 
Domenica 26 Luglio 2020 ore 20,30
Villa San Pietro, Tomba dei Giganti, Loc. Perda ‘e acutzai
 
Scavi… Storie di Miniera
di Mariangela Sedda
 
Musiche originali di Mauro Palmas
Con 
Simonetta Soro, voce narrante
Mauro Palmas, liuto cantabile
Silvano Lobina, basso
Domenica 26 luglio alle ore 20.30Mare e Miniere prosegue il suo programma a Villa San Pietro presso la Tomba dei Giganti in località Perda ‘e acutzai con il progetto speciale “Scavi. Storie di Miniera”. Simonetta Soro (voce narrante), Mauro Palmas (liuto cantabile), e Silvano Lobina (basso), proporranno un recital di grande suggestione su musiche originali dello stesso Palmas e testo di Mariangela Sedda. L’idea produttiva nasce dall’esigenza di rappresentare sotto forma di concerto le vicende e le storie umane della gente di miniera. La vicenda è ancorata solidamente alla storia delle miniere sarde, alla descrizione minuziosa dei territori negli anni in cui le miniere furono protagoniste di benessere e sviluppo economico. Lo spettacolo si articola attraverso brevi scene, presentate da una narratrice ormai adulta come una sorta di memoria collettiva, che raccontano storie di miniera attraverso le vicende umane e i cambiamenti che gli anni e il lavoro hanno prodotto nelle comunità dagli anni trenta fino agli anni cinquanta, al culmine dello sviluppo delle città minerarie. Sullo sfondo la grande Storia filtrata attraverso la quotidianità di piccole esistenze. I flash – back accendono singole storie individuali, storie comuni, private, che fanno rivivere il clima di quegli anni. Ogni ricordo si porta dietro storie di lavoro, di lotte, di amori e di feste, che hanno riempito di vita e di fervore villaggi oggi desolati dall’abbandono. La musica, strettamente legata alla narrazione e che di quel mondo cattura suoni, voci e sentimenti, renderà possibile il dialogo tra realtà diverse, transitando fra tradizione e innovazione e incontrando tempi musicali che daranno vita a vividi orizzonti sonori. L’evento è realizzato in collaborazione con l’Officina delle Idee.
In conformità con le norme di sicurezza anti-Covid, per partecipare è necessario inviare richiesta all’indirizzo mareminiere@gmail.com indicando nome, cognome, recapiti telefonici e di posta elettronica. Nella risposta di avvenuta prenotazione saranno specificati in dettaglio luogo e orari.
LA RASSEGNALa rassegna: Mare e Miniere 2020 è organizzato da Elenaleddavox con il contributo di Fondazione di Sardegna, della Regione Autonoma di Sardegna – Assessorato della Pubblica IstruzioneBeni Culturali, Informazione, Spettacolo e Sport – dei comuni coinvolti e con la media partnership di Blogfoolk e del Giornale della Musica

CS_NOTA INFORMATIVA / IL VOLO: posticipati al 2021 i concerti del trio internazionale previsti questa estate all’Arena di Verona e al Teatro Antico di Taormina


A causa del perdurare dello stato d’emergenza dovuto alla pandemia di Covid-19, vengono posticipati al 2021 i concerti de IL VOLO previsti questa estate all’Arena di Verona e al Teatro Antico di Taormina.

Di seguito le nuove date:

29 agosto 2021 all’Arena di Verona  (recupero della data del 30 agosto 2020)

30 agosto 2021 all’Arena di Verona (recupero della data del 31 agosto 2020)

4 settembre 2021 al Teatro Antico di Taormina (recupero della data del 4 settembre 2020)

5 settembre 2021 al Teatro Antico di Taormina  (recupero della data del 5 settembre 2020)

I biglietti acquistati rimangono validi per le date corrispondenti del 2021.

Tutte le informazioni sui biglietti sono disponibili su www.friendsandpartners.it/elenco-concerti-spettacoli-annullati-o-rinviati.

Ulteriori info su www.friendsandpartners.it e www.ticketone.it.

Redazione

CS_COVID-19 E LA CRISI DEL SETTORE MUSICALE: la necessità di un intervento mirato per salvare una filiera | 10 proposte per salvare la musica in Italia


COVID-19 E LA CRISI DEL SETTORE MUSICALE

LA NECESSITÀ DI UN INTERVENTO MIRATO PER SALVARE UNA FILIERA

10 proposte per salvare la musica in Italia 

Milano, 20 aprile 2020 – Le principali associazioni che rappresentano l’intera filiera imprenditoriale della musica, dal live alle case discografiche, e gli editori musicali, hanno trasmesso oggi al Presidente del Consiglio Conte e ai Ministri dei beni Culturali e dell’Economia, Franceschini e Gualtieri, una serie di interventi evidenziando lo stato di crisi dell’intero comparto e la necessità di misure urgenti. Un settore che, secondo i dati di Italia Creativa raccolti da EY, vale quasi cinque miliardi di euro, occupando oltre 169 mila persone.

Le associazioni firmatarie, AFIAnemAssomusicaFEMFIMI e PMI hanno descritto una situazione drammatica che potrebbe protrarsi per lunghi mesi, soprattutto con riferimento al blocco degli eventi.

Con il decreto del 4 marzo 2020 il Governo ha sospeso le manifestazioni, gli eventi e gli spettacoli di qualsiasi natura. In seguito sono state chiuse, prima a livello locale poi a livello nazionale, tutte le attività commerciali inclusi ovviamente anche gli esercizi attivi nel commercio di musica registrata.

L’impatto di tali interventi è subito emerso nella sua magnitudine. Secondo le stime di Assomusica, a fine stagione estiva ammonteranno a circa 350 milioni di euro le perdite per il solo settore del live. A questo danno vanno aggiunte poi anche le perdite legate all’indotto, che l’Associazione stima in circa 600 milioni di euro. A livello di economia del lavoro, solo per gli eventi di musica popolare contemporanea lavorano circa 60 mila persone: famiglie e imprese che necessitano di uno sforzo e un supporto finanziario straordinario e duraturo da parte delle Istituzioni.

A questo si sono ben presto aggiunti i danni relativi al mancato versamento dei diritti d’autore e connessi, in relazione alla mancata attività dal vivo e alla chiusura degli esercizi commerciali, discoteche, palestre ed altri luoghi di aggregazione. Il potenziale danno, per gli autori e per gli editori musicali, è stimato da Siae in termini di mancati incassi per diritto d’autore, per il 2020, a causa del lockdown e delle sue conseguenze in circa 200 milioni di euro, una cifra destinata a crescere esponenzialmente in base alla durata dell’emergenza sanitaria e in base alle tempistiche di graduale riapertura delle diverse attività. Le vendite di prodotto fisico (CD e vinili) sono crollate di oltre il 70% tra marzo e aprile (dati FIMI) e anche il digitale, a causa della contrazione di novità in uscita (per l’impossibilità di presentare novità e per la chiusura delle sale di registrazione) non è in grado di compensare il declino generale. Si prevede un durissimo contraccolpo con oltre 100 milioni di mancati ricavi solo nel 2020. Drammatici anche gli effetti sul lavoro. Il fermo delle attività ha prodotto in poche settimane effetti catastrofici sull’occupazione del settore con centinaia di migliaia di musicisti, tecnici, ecc. di fatto senza attività e con prospettive potenzialmente tragiche dal punto di vista economico.

Gli interventi richiesti (allegati a questo comunicato sotto le lettere A e B), coprono interventi urgenti a fondo perduto, manovre fiscali e azioni operative atte a dare certezza alle attività.

ALLEGATI:

A)

https://mail.google.com/mail/u/0?ui=2&ik=6061abbb29&attid=0.1&permmsgid=msg-f:1664500945942555257&th=17197eca9b352a79&view=att&disp=inline

B)

https://mail.google.com/mail/u/0?ui=2&ik=6061abbb29&attid=0.2&permmsgid=msg-f:1664500945942555257&th=17197eca9b352a79&view=att&disp=inline

Redazione

C.S._PAOLO VALLESI FUORI OVUNQUE “COME BRINA D’AGOSTO”


PAOLO VALLESI

paolo vallesi

“COME BRINA D’AGOSTO”

disponibile in digital download e sulle piattaforme streaming

(Joe&Joe distr. Believe digital)

E’ uscito ovunque, sulle piattaforme streaming e in digital download è disponibile il nuovo singolo di PAOLO VALLESI “COME BRINA D’AGOSTO”  prodotto da Pio Stefanini su etichetta Joe&Joe e distribuito da Believe Digital.
«Un pezzo scritto in collaborazione con due Amici/Autori – Marco Ciappelli e Francesco Sighieri –  che a parer mio è perfetto da ascoltare in Autunno – racconta Paolo Vallesi -, quando le passioni gli incontri e gli amori vissuti in Estate lasciano il posto alla vita ed agli impegni di tutti i giorni, ed il loro ricordo è, appunto, come brina d’Agosto destinata a sciogliersi presto.
È un altro brano che si aggiunge ad un progetto che porto avanti da un anno a questa parte. Dopo “Ritrovarsi ancora” che ho lanciato dal palco di “Ora o mai più”, questo è il secondo singolo che anticipa un po’ l’album completamente di inediti che uscirà nei primi mesi del 2020 al quale sto lavorando tra un concerto e l’altro ».
Redazione

C.S._IL MONDO DELLO SPETTACOLO FESTEGGIA I 60 ANNI DI RAF


raf

Sono tanti i personaggi del mondo dello spettacolo che ieri, domenica 29 settembre, hanno contribuito al video-messaggio di auguri in occasione del 60° compleanno di RAF.

Il video racchiude gli auguri di: Saturnino, Fiorello, Umberto Tozzi, Franco e Andrea, Stefano Senardi, Corrado Fortuna, Corrado Guzzanti, Marco Marzocca, Lorella Cuccarini, Jovanotti, Laura Pausini, Biagio Antonacci, Massimo Bagnato, Lillo Petrolo, Pio e Amedeo, Renato Zero, Barbara D’Urso, Vincenzo Mollica, Tommaso Paradiso, Salvatore Cafiero, Combass, Gabriele Blandini, Daniele Leucci, e la famiglia Gabriella Labate, Bianca Riefoli e Samuele Riefoli.

Il montaggio con tutti i contributi è stato postato ieri sera sui profili social dell’artista: https://www.facebook.com/watch/?v=2409274752663560

Questo il commento che RAF ha riservato alla sorpresa che gli hanno riservato amici e colleghi: “Che dire? Mi avete lasciato senza parole amici. Un immenso grazie ad ognuno di voi…mi avete fatto emozionare. Un grazie gigante e un brindisi dedicato a tutti voi che mi avete scritto sui social, a tutti gli amici, a quelli nuovi e a quelli di sempre, ai miei #aficionados fedeli e preziosi e alla mia famiglia  #bsg . Ed ora si fa festaaaaaa Yeahhhhhhhahahahhah. #iltempoesolouninvezionestupida”

Redazione

C.S._La notte del 4 “Original Sicilian Style”


unnamed (49).jpg

 LA NOTTE DEL 4 “ 

**

Original Sicilian Style 

Sono in molti oggi a considerare la festa di Sant’Agata, patrona della città di Catania, una mera abitudine profana, uno showbusiness.
Ma cos’è veramente, per i catanesi, la devozione a Sant’Agata e cosa rappresenta davvero l’ormai celebre festa?

Lo cantano gli Original Sicilian Style nel loro pezzo “La notte del 4”, una ballata che descrive nei dettagli il periodo delle celebrazioni. La calca della gente che si ammassa sulla via Etnea, le notti insonni e le lacrime dei devoti che fino all’ultimo, stremati, seguono la loro protettrice nel suo percorso.

Nel brano, gli OSS spiegano come non è sufficiente allontanarsi dalla città, dai fuochi, dalla cera, per riuscire a sentirsi liberi da questa tradizione. Prima o poi, infatti, si verrà colti da un’impellente necessità, perché «si può scappare ma prima o poi si deve tornare».

C.S._Il Mei e gli indipendenti ed emergenti di Audiocoop, AIA, It-Folk e Rete dei Festival: grande soddisfazione per l’apertura della Rai a tutti i protagonisti del settore ad un tavolo sulla musica e sul prossimo Festival di Sanremo 2020.


Il Mei e gli indipendenti ed emergenti di Audiocoop, AIA, It-Folk e Rete dei Festival: grande soddisfazione per l’apertura della Rai a tutti i protagonisti del settore ad un tavolo sulla musica e sul prossimo Festival di Sanremo 2020. Tutte le prime proposte.

Ieri si è svolto il primo positivo incontro indetto dalla Rai per un Tavolo sulla Musica in Rai e sul prossimo Festival di Sanremo.

“Abbiamo espresso il più forte apprezzamento per la novità espressa dalla nuova Dirigenza Rai per questo importante Tavolo per la Musica in Rai e sul prossimo Festival di Sanremoche si apre per la prima volta, dando pari dignità anche alle centinaia e centinaia di piccole etichette discografiche indipendenti ed emergenti che fanno scouting ogni giorno, e quindi saremo al fianco di questo modello di consultazione per uscire dal tradizionale circuito di scouting e lavorare ad una opera di svecchiamento del prossimo Festival di Sanremo e della musica in Rai, mettendo al centro i giovani  e tutte le nuove tendenze musicali che, attraverso principalmente i circuiti della musica indipendente ed emergente e grazie al lavoro e agli investimenti quotidiani delle startup produttive più giovani, oggi sfiorano il 40% del mercato”dichiara Giordano Sangiorgi, patron del MEI – Meeting delle Etichette Indipendenti, presente al Tavolo, manifestazione citatissima in molti interventi come positivo e virtuoso elemento di scouting da 25 anni.
“Un’opera di svecchiamento che deve trovare strade nuove nello scouting” ha dichiarato il promoter Christian Perrotta della Rete dei Festival “Ad esempio utilizzando durante il periodo che va da aprile ad ottobre il ricco circuito dei contest live per emergenti presenti in tutta Italia, lì dove muovono i primi passi gli artisti di qualità che partono dalla gavetta del live, che possono trovare spazi in Rai attraverso il circuito radio e la piattaforma web lavorando così a un nuovo modello di circuitazione dello scouting che permetta di conoscere l’artista non solo attraverso una semplice audizione ma attraverso un suo progetto più ampio in occasione di un confronto live con il pubblico e un incontro coi nuovi mezzi di comunicazione con il pubblico più giovane. La ricca Rete dei Festival, che raduna oltre 100 contest per emergenti e  presente in tutta Italia con contest di altissimo livello qualitativo in ambito pop, rock, canzone d’autore, folk, jazz e tanti altri generi per questo è completamente a disposizione”.
“Tutto questo senza dimenticare la tradizione innovativa che ci ha reso noti in tutto il mondo. Infatti, il 70esimo Festival di Sanremo potrebbe essere l’occasione per intitolare il Teatro Ariston a Domenico Modugno, l’artista di Sanremo piu’ rappresentativo nel mondo e che con Volare ancora rappresenta un volano della musica italiana all’estero e puo’ essere di grande supporto sul mercato internazionale” aggiunge Giordano Sangiorgi. 
 
“Serve infatti una formula che sia fotografia del mercato odierno allargando lo stesso modello anche sugli ospiti italiani e sui giovani, aprendosi a tutti gli stili e i generi capaci di abbracciare principalmente i teenager ma senza dimenticare la necessità di realizzare un format televisivo popolare che coinvolga tutte le generazioni e si applichi a tutte le diversità musicali presenti nel nostro paese, con uno sguardo reale e concreto al mercato internazionale e recuperando  modelli anche di nicchia che possono però imporsi all’estero” ha proseguito Marco Mori per AudioCoop, che rappresenta oltre 150 piccole etichette indipendenti italiane ogni giorno alle prese con lo scouting, segnalando “come il MEI di Faenza, che torna per la sua 25esima edizione dal 4 al 6 ottobre a Faenza, abbia sempre intercettato per primo i nuovi talenti poi apparsi sul proscenio di Sanremo e su altri palchi televisivi poco dopo”. Mentre per i grandi big della musica italiana realizzare, con il Festival di Sanremo, una vetrina che li possa celebrare, in tale importante contesto, con premi alla carriera e altri riconoscimenti di rilievo che valorizzino il loro contributo alla storia della musica e della canzone italiana.
“Assolutamente da apprezzare l’approccio che vede lavorare tutti insieme prima al metodo, poi al concept, poi alla direzione artistica e infine ai nomi per il prossimo Festival di Sanremo”conferma Enrico Capuano, storico musicista dell’Associazione Italiana Artisti guidata da Renato Marengo come proposto dalla Rai “mettendo al centro il progetto, il racconto di Sanremo e poi i nomi e ragionando insieme  su alcune questioni centrali: la selezione dei cantanti e il meccanismo di gara che deve togliere la competizione per valorizzare la qualità e parificando giovani e big e creando una forte anteprima televisiva per i giovani nei mesi precedenti dopo più percorsi tra i quali uno legato al mondo del live capace anche di raccontare le nuove generazioni che producono la nuova cultura musicale del nostro paese; le giurie e le votazioni che devo avere la capacità di essere sempre mixate intrecciando competenza e pubblico allargandole il più possibile nell’area degli esperti, per potere finalmente acquisire anche nuove competenze musicali, e ampliando il più possibile il voto anche alle più giovani generazioni utilizzando ad esempio, oltre ai tradizionali meccanismi,  anche un App per votare oltre al Televoto” conclude l’artista reduce da un tour di successo in Canada.
“Da confermare i duetti che vedano big ed emergenti insieme con nuovi progetti e nuove reinterpretazioni dei brani della musica italiana e magari lavorare insieme anche dopo il Festival di Sanremo a tour con progetti che abbiamo oltre a una forza sul mercato della discografia e dello streaming anche una forza sul mercato del live capace di guardare anche in modo nuovo e concreto al mercato estero” aggiunge Giordano Sangiorgi.
Inoltre, Giuseppe Marasco, coordinatore di It-Folk, ritiene indispensabile una parita’ di trattamento tra tutte le associazioni nella partecipazione degli artisti al Festival di Sanremo e tutto il settore della piccola produzione indipendente ed emergente.
Infine, Giordano Sangiorgi del MEI dopo che si è recentemente tenuto un appuntamento itinerante per gli Stati Generali della Musica Emergente a Roma, Milano e Napoli che ha coinvolto oltre 400 operatori del settore, che saranno sentiti e coinvolti anche sul prossimo Festival di Sanremo 2020 in un percorso partecipativo, è pienamente soddisfatto dell’impostazione fornita al Tavolo di Lavoro dall’Amministratore Delegato Fabrizio Salini, dalla Direttrice di Rai Uno Teresa De Santis, dal Direttore della Comunicazione Rai Marcello Giannotti, dal Capo Struttura Rai per Sanremo Claudio Fasulo e dalla Direttrice di Rai Radio Due Paola Marchesini, di proseguire tale tavolo di lavoro anche su tutti gli altri programmi ed eventi musicali presenti nel palinsesto della Rai per aumentare la ricchezza di proposte mixate ad alti numeri di attenzione e di ascolto, senza dimenticare sempre di voler parlare innovando al massimo numero di utenti, permettendo così a tutte le musiche popolari contemporanee del nostro paese di poter trovare uno spazio adeguato in questo nuova progettualità Rai  trasparente, da vero servizio pubblico nei confronti della musica per attirare nuovo pubblico e nuove platee di ascoltatori attraverso nuovi programmi e nuovi palinsesti musicali più ricchi.  “Un buon primo passo che speriamo prosegua in questa direzione, facendo vedere anche da subito in modo concreto una nuova direzione, mentre al MEI 25 faremo un punto su questi importanti lavori”.

[COMUNICATO STAMPA] SOLETERRE: si aggiunge anche EMIS KILLA tra le experience dell’asta dei sogni “Dreaming night for children”! sulla piattaforma di Charity Stars!


 

  emisSI AGGIUNGE ANCHE EMIS KILLA TRA LE EXPERIENCE DELL’ASTA DEI SOGNI “Dreaming night for children”: Due ingressi gratuiti per il concerto del 12 dicembre a Roma e un esclusivo meet & greet. Disponibile da oggi  al link: www.charitystars.com/soleterreonlus   

Soleterre_Dreaming Night for Children_foto di Giulia Bellezza

DREAMING NIGHT FOR CHILDREN”

QUESTE LE EXPERIENCE GIÀ ANNUNCIATE:

 PIO E AMEDEO, THEGIORNALISTI, MAURIZIA CACCIATORI,

DEMETRIO ALBERTINI e FRANCESCO TOLDO, MARCO BERRY,

THESHOW, ALDO COPPOLA, la NAZIONALE ITALIANA

e le squadre del MILAN e dell’INTER

i fondi ricavati sostengono il Programma Internazionale per l’Oncologia Pediatrica (PIOP) 

L’obiettivo di Soleterre è raccogliere 40mila euro

IL 12 DICEMBRE AL BOGA’S SPACE DI MILANO ASTA BENEFICA FINALE

con NATASHA STEFANENKO, ROSARIO PELLECCHIA e ENZO GIRALDO

Dreaming Night_Soleterre

L’asta dei sogni del nuovo progetto “DREAMING NIGHT FOR CHILDREN”, organizzato dalla Fondazione SOLETERRE e donato da Action Agency, continua ad arricchirsi con nuove experience! Ai nomi già annunciati, si aggiunge l’artista EMIS KILLA che propone per l’asta due ingressi gratuiti per il concerto del 12 dicembre a Roma e un esclusivo meet & greet.

L’experience con Emis Killa è disponibile sulla piattaforma di chiarity star a partire da oggi, venerdì 7 dicembre.

Queste le experience al momento attive:

–       Una pizza con il duo comico PIO E AMEDEO;

–       Due ingressi per il concerto del 12 dicembre a Roma di EMIS KILLA con esclusivo meet & greet con l’artista  NUOVA EXPERIENCE

–       l’ingresso ad uno dei concerti dei THEGIORNALISTI con un esclusivo meet & greet con TOMMASO PARADISO;

–       una giornata a Coverciano con la NAZIONALE ITALIANA;

–       assistere ad una partita di pallavolo con la campionessa azzurra MAURIZIA CACCIATORI;

–       un pomeriggio di allenamento con DEMETRIO ALBERTINI e FRANCESCO TOLDO;

–       partecipare ad uno dei prossimi video dei THESHOW;

–       una suggestiva serata all’insegna della magia con ospite a cena il celebre illusionista MARCO BERRY;

–       incontrare i giocatori della squadra dell’INTER e assistere ad un allenamento tecnico;

–       un’esperienza di relax con un trattamento hair terapy presso Coppolino, il nuovo spazio per bambini creato da ALDO COPPOLA;

–       una giornata all’interno della caserma dei vigili dei fuoco di Milano;

–       scendere in campo con i giocatori della squadra del MILAN allo Stadio San Siro di Milano;

–       accompagnare in campo i giocatori dell’EMPOLI FC durante la partita EMPOLI – INTER.

L’asta online “Dreaming night for children” è disponibile sulla piattaforma di charity stars al seguente link: www.charitystars.com/soleterreonlus

L’asta si concluderà il 12 dicembre con una speciale serata a MILANO presso il Boga’s Space (Via Giordano Rota – angolo via Seprio),una villa situata nel centro di Milano, realizzata all’inizio degli anni ’20, che per l’occasione sarà allestita al fine di ricreare un’atmosfera onirica. Madrina della serata la storica testimonial NATASHA STEFANENKO, affiancata da ROSARIO PELLECCHIA, voce del programma radiofonico “105 Friends” di Radio 105, dall’attore e presentatore ENZO GIRALDO.

Per partecipare alla serata è necessario versare una quota pari a 150 euro, destinata interamente a sostenere la causa.

Il “Fashion For Children” è un’iniziativa a sostegno del Programma Internazionale per l’Oncologia Pediatrica (PIOP), attualmente attivo in 5 Paesi, compresa l’Italia (Ucraina, Marocco, Costa d’Avorio e Uganda).

Fino ad oggi in 10 anni sono stati raccolti oltre 150.000 euro attraverso l’organizzazione di una cena di gala con asta benefica e un charity shop, resi possibili grazie alla storica collaborazione con Acqua group e a donazioni di prodotti da parte di un numero sempre crescente di aziende socialmente responsabili. L’obiettivo della Fondazione Soleterre è raccogliere attraverso il nuovo progetto“Dreaming Night For Children” la cifra totale di 40.000 euro utili per sostenere famiglie in difficoltà durante il periodo terapeutico.

«Esiste qualcosa di più drammatico rispetto alla comunicazione di una diagnosi di cancro per il proprio figlio? Sì, purtroppo – spiega Damiano Rizzi, presidente di Soleterre  Si tratta di una diagnosi che arriva in un momento in cui la famiglia non può sostenere le spese per curare il bambino. Questo accade spesso sia in Italia sia all’estero. In modi differenti, agendo sulla dimensione economico-sociale che determina la qualità delle cure. Per questo motivo i fondi raccolti dall’evento del 12 dicembre saranno destinati in particolare ai nuclei familiari indigenti sostenuti da Soleterre. Se un sogno è simile a un pensiero libero da cui nascono realtà che sembravano prima impossibili, allora grazie ai fondi raccolti anche le famiglie più in difficoltà potranno curare i loro figli senza unire l’umiliazione alla difficoltà del percorso terapeutico. Servono 40 mila euro in pochi giorni. Un sogno? Speriamo sia una bella realtà!».

L’iniziativa “Dreaming Night for CHILDREN” sostiene il Programma Internazionale per l’Oncologia Pediatrica (PIOP), in particolare in Italia il ricavato sarà destinato al POLICLINICO SAN MATTEO di PAVIA, nello specifico al reparto di Oncoematologia Pediatrica. Nel corso degli anni, infatti, Soleterre ha realizzato diverse raccolte fondi contribuendo nelle attività di supporto psicologico ai bambini oncomalati e alle loro famiglie, alla supervisione psicologica del personale medico, alla formazione dei volontari e ai lavori di ristrutturazione e alla riqualificazione degli spazi ospedalieri.

Il PIOP è un intervento multidisciplinare, attivo dal 2010, con azioni che includono educazione alla salute, diagnosi precoce, sostegno psico-socio-educativo, accoglienza e networking a favore di oltre 10.000 beneficiari tra bambini malati, familiari e personale sanitario nei 5 Paesi in cui Soleterre opera (Italia, Ucraina, Marocco, Costa d’Avorio e Uganda).

Redazione

22/11/2018 – 21:25 # RAI1: L’ALLIEVA 2 L’apostolo americano


Quinto appuntamento con la fiction “L’allieva 2″, in onda su Rai1 giovedì 22 novembre alle 21.25, interpretata da Alessandra Mastronardi e Lino Guanciale.
Nel primo episodio dal titolo L’apostoIo americano, tra Alice e Claudio sembra essere tornato il sereno. La morte di uno studente americano dedito ad aiutare i senzatetto, farà incontrate nuovamente l’allieva ed Einardi. ancora interessato a lei. L’improwiso ritorno di Arthur, però, rimetterà tutto in gioco.
Nel secondo intitolato Talento mortale, un misterioso malore provoca la morte di una giovane oboista e il sopralluogo compiuto da Conforti e Alice in un lussuoso studio di registrazione porta l’allieva a riflettere su pulsioni umane come la gelosia, l’invidia per il talento e l’ambizione sfrenata. In Istituto, intanto, viene comunicato il vincitore del concorso per Baltimora.
Redazione