Cristiano De Andrè

“CHE TEMPO CHE FA?” A SANREMO 2014: MALGIOGLIO INDIGNATO, I SUPEROSPITI, I “BIG” … IN AZERBAIGIAN … E GLI “EX TALENT”?”


sanremo-20141-520x292

Il settimanale “Nuovo” (n. 52 02/01/2014), con una breve inchiesta, ha cercato di “tastare il polso” del gradimento e delle reazioni espressi a botta calda da pubblico e “addetti ai lavori” a proposito del prossimo festival della canzone italiana, il 64esimo per la precisione (18 – 22 febbraio 2014), a pochi giorni di distanza dalla lettura della lista dei partecipanti da parte del conduttore Fabio Fazio e l’autore dell’articolo, a dire il vero, non sembra abbandonarsi a entusiasmi spontanei o toni favorevolmente sorpresi. Ecco chi sono i “big-per-modo-di-dire” che “non convincono” pienamente: Francesco Sarcina, Frankie Hi-Nrg Mc, Giuliano Palma, Renzo Rubino, Riccardo Sinigallia, Raphael Gualazzi, Perturbazione, Cristiano De Andrè, Giusy Ferreri, Francesco Renga, Ron, Antonella Ruggiero, Arisa e Noemi.

Naturalmente, Fazio difende a spada sguainata le sue scelte, dicendo di aver voluto creare un “mix” di “classico e contemporaneità”, scommettendo su pezzi che possano interessare le radio e promettendo “superospiti” internazionali (uno fra tutti, Justin Bieber) e non, per accendere di mondanità le serate della Riviera dei Fiori. Nell’articolo si evidenzia che potrebbe rivelarsi un errore da scontare a caro prezzo l’aver volutamente trascurato l’ ”anima nazional-popolare della kermesse” e quelli che ne sono sempre stati gli interpreti “storici”, infatti proprio alcune “(ex)star di Sanremo” sono impegnate in questi giorni in una serie di esibizioni a Baku, in Azerbaigian, dove sono acclamatissime; qualche nome?Al Bano, Toto Cutugno, Ricchi e Poveri, Pupo, Tony Esposito, Fiordaliso, Ivana Spagna

Il più accanito detrattore del “cast” di cantanti di Sanremo 2014 è Cristiano Malgioglio -professa la sua stima solo per Francesco Renga e Giusy Ferreri-, che rifarebbe interamente alla sua maniera, ammettendo in gara “Rettore, Alice, Oxa, Mango”, più qualche appartenente a quello che definisce “Jurassic Park di successo”, come anche, udite, udite “Giovani artisti provenienti dai talent show (che?non aveva sempre sostenuto il contrario?… come rimangiarsi la parola impunemente)”, mentre su Antonella Ruggiero orfana dei “Matia Bazar” è impietosamente crudele “In versione solista è un’artista fuori mercato”; qualche altro parere: il giornalista Dario SalvatoriI big in gara hanno bisogno del rilancio … a me piacerebbe il contrario, ovvero che il festival potesse trovare forza e giovamento da determinati artisti …”, il paroliere Paolo Limiti “(ndr si riferisce all’edizione 2013) … Quei brani facevano letteralmente schifo. A febbraio 2014 accenderò la tv, ma se nei primi venti minuti ascolterò canzoni orrende, giuro che spegnerò tutto …”, Iva ZanicchiQuando ho letto la lista dei big, in relazione a qualcuno, la prima cosa che ho detto è stata –E chi è questo?- Non avrei escluso gli allievi dei talent, perché ormai –Amici-, -XFactor- e –The Voice- sono una realtà”, le fa eco un’altra cantante, Emanuela VillaI ragazzi dei talent portano un gran numero di telespettatori”, certo, come dimenticare la forza dirompente e liberatoria del televoto, in cui è specializzata soprattutto questa tipologia di pubblico, che sarà quindi privato della soddisfazione impagabile di potersi “sfogare” con la digitazione rabbiosa, nervosa e compulsiva, a mezzo apparecchi fissi e mobili, di numeri telefonici e codici in grado di far volare il più in alto possibile i propri beniamini?come dire “no televoto (a dire il vero ci sarà, ma si può, ragionevolmente, prevederne, quantitativamente, un crollo), no party”.

Tra gli esclusi di quest’anno, nella sezione ”Sanremo Giovani”, la “ex-amiciana” Claudia Casciaro che parla di “Pregiudizio verso chi viene dai talent … Tanti sono convinti che i ragazzi dei talent non siano credibili”, più accomodante il collega Luca Napolitano (ndr finalista ad “Amici8”), che dice di comprendere la volontà di Fazio di ritornare a un Sanremo “pre-talent” “E’solo la prima volta che vengono esclusi i partecipanti dei talent, in particolare di –Amici- (ndr vero è che Noemi e la Ferreri, presenti al festival, si sono fatte conoscere a –XFactor-, stessa categoria di provenienza –talent-, ma ormai ne sono considerate, a tutti gli effetti, affrancate, a differenza di altri), io dico di metterlo alla prova …” e continua “Non succede nulla se per un’edizione mancano –Amici-, -The Voice- e –XFactor-, in particolare i partecipanti degli ultimi anni” a chi avrà alluso il giovane cantautore napoletano? Il 2008, quando nella “scuola” della De Filippi vinse Marco Carta, poi rivelazione di Sanremo 2009 è troppo lontano? E il 2009 quando arrivò secondo Valerio Scanu, poi affermatosi, a sua volta, a Sanremo 2010? Il 2010, quando prevalse Emma Marrone, poi “laureata”, come i predecessori, a Sanremo, nel 2012? Marco Mengoni, primo a “XFactor” nel 2009 e a Sanremo 2013? Non è difficile capire, a questo punto, perché gli “ex-talent” siano avversati su così tanti fronti.

[Articolo a cura di Fede]

Festival di Sanremo la lista dei nomi fatta da “scelte non televisive”…


fabio-fazio-getty-618x350
Il 18 dicembre è stata resa pubblica la lista degli ammessi alla nuova edizione del Festival di Sanremo 2014 e a quanto pare  non si è dato spazio alla popolarità del televoto ed è evidente l’assenza degli  “Amici di Maria” in questa edizione. Con un tweet Fabio Fazio parlando della nuova edizione del festival ha usato ancora l’aggettivo “contemporaneo” e ha parlato di scelte “non televisive” che tuttavia rispettano “il senso della musica oggi”. Ecco la lista degli ammessi e relativi brani:

Noemi: Bagnati dal sole e Un uomo è un albero

Arisa: Lentamente e Controvento

Raphael Gualazzi feat. Bloody Beetroots (conosciutissimi all’estero e nei festival europei di musica elettronica sono delle star da migliaia di persone combinati per l’occasione con le venature jazz di Gualazzi): Liberi o no e Tanto ci sei

Perturbazione: L’unica e L’Italia vista dal bar (alzi la mano chi li conosce ma è una delle rock band più interessanti degli ultimi anni)

Cristiano De André: Invisibili e Il cielo è vuoto

Renzo Rubino: Ora e Per sempre e poi basta (L’anno scorso arrivò secondo tra i giovani con la bellissima canzone su un amore gay).

Frankie Hi-Nrg: Pedala e Un uomo è vivo
( patriarca dell’hip hop italiano)

Giuliano Palma: Così lontano e Un bacio crudele

Riccardo Sinigallia: Prima di andare via e Una rigenerazione

Antonella Ruggiero: Quando balliamo e Da lontano

Giusy Ferreri: L’amore possiede il bene e Ti porto a cena con me,(cantante  in cerca di nuova identità insieme a Noemi)

Francesco Renga: A un isolato da te e Vivendo adesso

Francesco Sarcina (senza Le Vibrazioni): Nel tuo sorriso e In questa città

Ron: Un abbraccio unico e Sing in the rain

Pertanto al Festival ci saranno tre vincitori di Sanremo come Ron, Francesco Renga e Antonella Ruggiero, un personaggio legato alla canzone d’autore come Cristiano De Andrè, Noemi, ormai considerata interprete di qualità, due personaggi in cerca di una nuova identità come Arisa e Giusy Ferreri, un talento emergente come Renzo Rubino, promosso tra i Big dopo la felice esperienza tra i Giovani dello scorso anno e un cultore del reggae e del soul in chiave pop come Giuliano Palma.

Se può incuriosirvi questi alcuni dei nomi degli esclusi: Alex Britti- Bianca Atzei, Dolcenera, Fabi-Silvestri-Gazzè, Nina Zilli, Enrico Ruggieri, Violante Placido & Roberto Dell’Era (Afterhours), Mango, Alice, Annalisa, Il Cile, Antonio Maggio, Solange & Alessandro Canino, Anna Oxa, Moreno….

Beh…alcune esclusioni indubbiamente stupiscono, non resta quindi che aspettare l’ascolto dei brani per giudicare  le “scelte” di Fazio e aspettare che trapeli qualcosa sugli “Ospiti”per escludere completamente la presenza di “star” di marchio defilippiano dal palco del Festival che in un modo o nell’altro riescono sempre a calcarlo. Che dite?

Concerto del 1° Maggio a Roma con Geppy Cucciari


Geppy cucciari

Geppy Cucciari guiderà la maratona del concerto del primo  Maggio di Piazza San Giovanni a Roma, nove ore di intrattenimento per un evento di grande fascino che ogni anno raccoglie migliaia di appassionati di musica provenienti da tutte le parti d’Italia. Nonostante problemi di badget  e varie polemiche, la manifestazione radunerà anche stavolta volti noti dello spettacolo e gruppi emergenti per tutti i gusti, dal rock italiano al folk dalle sonorità balcaniche, dall’etno-dub al pop.  Tra gli ospiti, il ritorno di  “Elio e le storie tese”, e poi ancora  Max Gazzè, Marta Sui Tubi, Africa Unite, Motel Connection, i Ministri, Management del Dolore Post Operatorio e Marco Notari, Enzo Avitabile e i Bottari, Cristiano De Andrè, molti dei quali voluti fortemente da Marco Godano, direttore artistico del concerto.