Cristiano Malgioglio

CRISTIANO MALGIOGLIO su Baye Dame squalificato dal GF15: “…scena raccapricciante… pagina da cancellare” e a Bobby Solo consiglia “…la vita vola, vieni da tua figlia”.  


malgi.png

Cristiano Malgioglio, opinionista del Grande Fratello 2018, in una intervista rilasciata al settimanale Spy è ritornato a parlare della squalifica di Dame Baye dal reality e ribadisce la sua idea  pur non provando molta simpatia per la Nizar, condanna senza appello l’accaduto: “E’ stato da condannare, una scena raccapricciante. È stata una pagina da cancellare”

Il paroliere poi parlando  della sua vita privata ha rimarcato di non aver mai nascosto la propria sessualità: “Non ci vuole una zingara per capire che sono gay, e non faccio nulla per nasconderlo. Una volta Pieraccioni mi ha proposto di interpretare un camionista rumeno in un suo film e sa che cosa gli ho risposto? “Ma no, dammi un paio di tacchi e fammi fare il travestito!”, ha raccontato Malgioglio. Nella sua vita nonostante i successi non sono mancate le sofferenze, ma in Tv preferisce mostrare leggerezza e quindi  la parte più ironica e divertente di se stesso. «In tv non faccio vedere il mio lato sofferente perché voglio divertirmi. La vita è nulla, un passaggio, ed è molto bello questo mio lato, questa forma di ironia, ho passato una vita a combattere, adesso posso giocare», ha concluso.

Nell’intervista ha poi lanciato un frecciatina a  Bobby Solo che lo ha attaccato pesantemente accusandolo di interpretare un ruolo per il quale è pagato. Malgioglio ha ripetuto quello già detto anche in diretta dallo studio del reality in risposta all’ostinazione del cantante di non voler riabbracciare la figlia Veronica, concorrente del GF15, che si dispera impotente e dice:“Capisco che lui abbia avuto momenti di impopolarità ma non è colpa mia e non mi piace che dica che sono pagato per fare la farsa perché io non faccio il gossip, io amo il mio lavoro e mi sacrifico, penso che al mio posto lui avrebbe detto le stesse cose. Dài, Bobby, non siamo più giovani, la vita vola, vieni da tua figlia”.

Redazione

#SANREMO RISPONDE ALL’APPELLO DI MALGIOGLIO E DEDICA UN “PREMIO SPECIALE” A MILVA


Cristiano Malgioglio ha vinto la sua battaglia. Il noto cantautore aveva fatto un appello alla direzione generale, al direttore di Rai1 Teodoli e naturalmente a Baglioni perchè fosse” dedicato” un premio speciale a Milva motivando la richiesta non solo perchè la ‘pantera di Goro“, così era chiamata, ha portato   la canzone italiana nel mondo, ha lavorato con i più grandi, da Morricone a Theodorakis, si è esibita nei teatri più importanti del mondo, ma e soprattutto perchè  è stata la donna che ha fatto in assoluto più festival di tutte.

Malgioglio, tra l’altro, si era offerto di ritirare il premio per lei e in alternativa aveva prospettato la possibilità che a ritirare il premio fosse la figlia dell’artista Martina Corgnati, considerato che Milva  si è ritirata dal mondo musicale e dalla vita “pubblica” per problemi di salute.

«Sono contento e sono commosso: la mia grande battaglia è stata vinta», ha dichiarato Cristiano Malgioglio a TV Sorrisi e Canzoni: «Ho sentito Milva al telefono. Ed è stata un’immensa gioia anche per lei, un’artista assoluta che ha una brillante carriera internazionale, tra teatro con le sue interpretazioni di Brecht, e la musica — prosegue Malgioglio ribandendo poi le motivazioni del suo appello —. La cosa davvero bella ed emozionante è che sul palco a ritirare il premio ci sarà Martina Corgnati, la figlia di Milva. Sarà molto tenero ed è giusto che succeda tutto all’Ariston, perché Milva, la “pantera di Goro”, detiene il record di Festival».

Redazione

Appello di Cristiano Malgioglio: Sanremo premi Milva


Risultati immagini per un premio speciale per milva

Cristiano Malgioglio, ospite alla Vita in diretta su Rai1 lancia un appello:  Un premio speciale al festival di Sanremo per Milva.

Voglio rivolgere un appello alla direzione generale, al direttore di Rai1 Teodoli e naturalmente a Baglioni: dare un premio speciale a Milva – ha detto Malgioglio -, una donna che ha avuto la fortuna di portare la canzone italiana nel mondo, ha lavorato con i più grandi, da Morricone a Theodorakis, si è esibita nei teatri più importanti del mondo. Ed è la donna che ha fatto in assoluto più festival di tutte. Sappiamo che si è ritirata per problemi di salute. Vado io a ritirare il premio, o la figlia Martina”.

Redazione

GRANDE FRATELLO VIP: Tutti contro Cristiano Malgioglio accusato di essere privilegiato.


Ora che Simona Izzo è uscita, gli “inquilini” della casa del Grande Fratello  hanno puntato gli occhi su un altro Vip: Cristiano Malgioglio, accusato di essere un privilegiato per  il fatto di continuare a dormire da solo a Tristopoli  (il vagone ferroviario che in questa edizione ha sostituito il più tradizionale tugurio)Il cantautore di Racca, nel tentativo di difendersi, ha specificato che per lui  più che un privilegio è una necessità imprescindibile per via di un problema di salute, già reso noto fin dal suo ingresso che l’ha traumatizzato e che lo costringe a seguire i suoi ritmi  (Malgioglio è stato colpito da melanoma della pelle, una delle forme più temibili di tumore  ndr)

 Daniele Bossari  nel corso della cena di ieri sera si è fatto “ambasciatore” dei malumori della “Casa” e quindi  portavoce delle rimostranze del gruppo: “Sono passati quattordici giorni da quando sei andato a dormire dall’altra parte, quindi vorremmo capire se questa cosa continuerà, perchè in base alle regole del gioco potrebbe essere un vantaggio”.

A rincarare la dose gli interventi di Ignazio Moser, che ha ribadito come il dormire da soli sia un enorme aiuto, e Cecilia Rodriguez, che ha osservato come l’esigenza della privacy all’interno della Casa appartenga indistintamente a tutti: “Io non riesco più neanche ad andare in bagno per via della presenza della telecamera”. Malgioglio ha reagito irritato:  “Io prima di andare di là vi ho chiesto se per voi andava bene, e mi avete detto di sì, non potete tirarvi indietro ora. […] Io ho bisogno di andare a dormire a un certo punto, ho un metabolismo differente dal vostro. Vengo da una questione di salute che conoscete benissimo, dunque non rompete le scatole”  e poi ancora dopo  l’intervento di Giulia de Lellis che già in passato l’aveva accusato di alterare i ritmi della “Casa” e che ieri sera l’ha ulteriormente accusato di “fare poco” e di essere “spento”  Cristiano ha perso le staffe e   ha chiesto di essere nominato: “Siete voi che passate tutto il tempo a fare trucco e parrucco […] Io non sto più bene, voglio andare a casa”. 

Redazione 

 

CRISTIANO MALGIOGLIO: da venerdì 23 giugno in radio il nuovo singolo-tormentone “O MAIOR GOLPE DO MUNDO (MI SONO INNAMORATO DI TUO MARITO)”


CRISTIANO MALGIOGLIO
Da venerdì 23 giugno in radio il nuovo singolo
“O MAIOR GOLPE DO MUNDO
(MI SONO INNAMORATO DI TUO MARITO)”
Da venerdì 23 giugno sarà in rotazione radiofonica “O MAIOR GOLPE DO MUNDO (MI SONO INNAMORATO DI TUO MARITO)(Malgioglio Records/distribuzione Artist First), il nuovo singolo di Cristiano Malgioglio. Il brano, originariamente portato al successo negli anni ’70 dal duo brasiliano Deny e Dino e di cui Malgioglio ha adattato parte del testo in italiano, è già disponibile in digital download e su tutte le piattaforme streaming.

Il singolo anticipa il nuovo album di Cristiano Malgioglio di prossima pubblicazione, in cui l’artista reinterpreta pezzi storici di grandi autori sudamericani che lo hanno influenzato e brani della nuova generazione di artisti brasiliani.

 Redazione

“CHE TEMPO CHE FA?” A SANREMO 2014: MALGIOGLIO INDIGNATO, I SUPEROSPITI, I “BIG” … IN AZERBAIGIAN … E GLI “EX TALENT”?”


sanremo-20141-520x292

Il settimanale “Nuovo” (n. 52 02/01/2014), con una breve inchiesta, ha cercato di “tastare il polso” del gradimento e delle reazioni espressi a botta calda da pubblico e “addetti ai lavori” a proposito del prossimo festival della canzone italiana, il 64esimo per la precisione (18 – 22 febbraio 2014), a pochi giorni di distanza dalla lettura della lista dei partecipanti da parte del conduttore Fabio Fazio e l’autore dell’articolo, a dire il vero, non sembra abbandonarsi a entusiasmi spontanei o toni favorevolmente sorpresi. Ecco chi sono i “big-per-modo-di-dire” che “non convincono” pienamente: Francesco Sarcina, Frankie Hi-Nrg Mc, Giuliano Palma, Renzo Rubino, Riccardo Sinigallia, Raphael Gualazzi, Perturbazione, Cristiano De Andrè, Giusy Ferreri, Francesco Renga, Ron, Antonella Ruggiero, Arisa e Noemi.

Naturalmente, Fazio difende a spada sguainata le sue scelte, dicendo di aver voluto creare un “mix” di “classico e contemporaneità”, scommettendo su pezzi che possano interessare le radio e promettendo “superospiti” internazionali (uno fra tutti, Justin Bieber) e non, per accendere di mondanità le serate della Riviera dei Fiori. Nell’articolo si evidenzia che potrebbe rivelarsi un errore da scontare a caro prezzo l’aver volutamente trascurato l’ ”anima nazional-popolare della kermesse” e quelli che ne sono sempre stati gli interpreti “storici”, infatti proprio alcune “(ex)star di Sanremo” sono impegnate in questi giorni in una serie di esibizioni a Baku, in Azerbaigian, dove sono acclamatissime; qualche nome?Al Bano, Toto Cutugno, Ricchi e Poveri, Pupo, Tony Esposito, Fiordaliso, Ivana Spagna

Il più accanito detrattore del “cast” di cantanti di Sanremo 2014 è Cristiano Malgioglio -professa la sua stima solo per Francesco Renga e Giusy Ferreri-, che rifarebbe interamente alla sua maniera, ammettendo in gara “Rettore, Alice, Oxa, Mango”, più qualche appartenente a quello che definisce “Jurassic Park di successo”, come anche, udite, udite “Giovani artisti provenienti dai talent show (che?non aveva sempre sostenuto il contrario?… come rimangiarsi la parola impunemente)”, mentre su Antonella Ruggiero orfana dei “Matia Bazar” è impietosamente crudele “In versione solista è un’artista fuori mercato”; qualche altro parere: il giornalista Dario SalvatoriI big in gara hanno bisogno del rilancio … a me piacerebbe il contrario, ovvero che il festival potesse trovare forza e giovamento da determinati artisti …”, il paroliere Paolo Limiti “(ndr si riferisce all’edizione 2013) … Quei brani facevano letteralmente schifo. A febbraio 2014 accenderò la tv, ma se nei primi venti minuti ascolterò canzoni orrende, giuro che spegnerò tutto …”, Iva ZanicchiQuando ho letto la lista dei big, in relazione a qualcuno, la prima cosa che ho detto è stata –E chi è questo?- Non avrei escluso gli allievi dei talent, perché ormai –Amici-, -XFactor- e –The Voice- sono una realtà”, le fa eco un’altra cantante, Emanuela VillaI ragazzi dei talent portano un gran numero di telespettatori”, certo, come dimenticare la forza dirompente e liberatoria del televoto, in cui è specializzata soprattutto questa tipologia di pubblico, che sarà quindi privato della soddisfazione impagabile di potersi “sfogare” con la digitazione rabbiosa, nervosa e compulsiva, a mezzo apparecchi fissi e mobili, di numeri telefonici e codici in grado di far volare il più in alto possibile i propri beniamini?come dire “no televoto (a dire il vero ci sarà, ma si può, ragionevolmente, prevederne, quantitativamente, un crollo), no party”.

Tra gli esclusi di quest’anno, nella sezione ”Sanremo Giovani”, la “ex-amiciana” Claudia Casciaro che parla di “Pregiudizio verso chi viene dai talent … Tanti sono convinti che i ragazzi dei talent non siano credibili”, più accomodante il collega Luca Napolitano (ndr finalista ad “Amici8”), che dice di comprendere la volontà di Fazio di ritornare a un Sanremo “pre-talent” “E’solo la prima volta che vengono esclusi i partecipanti dei talent, in particolare di –Amici- (ndr vero è che Noemi e la Ferreri, presenti al festival, si sono fatte conoscere a –XFactor-, stessa categoria di provenienza –talent-, ma ormai ne sono considerate, a tutti gli effetti, affrancate, a differenza di altri), io dico di metterlo alla prova …” e continua “Non succede nulla se per un’edizione mancano –Amici-, -The Voice- e –XFactor-, in particolare i partecipanti degli ultimi anni” a chi avrà alluso il giovane cantautore napoletano? Il 2008, quando nella “scuola” della De Filippi vinse Marco Carta, poi rivelazione di Sanremo 2009 è troppo lontano? E il 2009 quando arrivò secondo Valerio Scanu, poi affermatosi, a sua volta, a Sanremo 2010? Il 2010, quando prevalse Emma Marrone, poi “laureata”, come i predecessori, a Sanremo, nel 2012? Marco Mengoni, primo a “XFactor” nel 2009 e a Sanremo 2013? Non è difficile capire, a questo punto, perché gli “ex-talent” siano avversati su così tanti fronti.

[Articolo a cura di Fede]

Cristiano Malgioglio: Belen inciderà un brano scritto da me…


belen

Belen incidera’ in spagnolo Femmina Bella brano scritto Da me per la mitica Marcella Bella. Versione pop dance. . A presto. Kisssssssss.

— Cristiano Malgioglio (@InfoMalgioglio) November 14, 2013

Con questo Twitt Cristiano Malgioglio annuncia l’esordio musicale della showgirl argentina   canterà in spagnolo in versione riarrangiata “pop dance”.

Sono sicuro che Femmina Bella sia una canzone molto adatta a Belen – a me lei piace tantissimo, è bella carismatica e ha anche una voce interessante. Certo non è Maria Callas o Giuni Russo, ma ha un timbro sensuale, molto più di altre cagne che invece si sentono delle cantanti. Ci siamo sentiti recentemente e mi ha detto di ‘aspettare ancora un po’, ha paura delle critiche”.

Chissà a quali cagne si riferisce…esclusa Emma per la quale ha una smisurata ammirazione e alla quale recentemente  aveva anche immaginato di affidare  l’interpretazione di alcuni brani della grandissima Giuni Russo, chi potrebbe  essere?  Il termine comunque di chiunque si tratti …non ci piace.

Valerio Scanu e Malgioglio pace fatta?


Malgioglio e Valerio Scanu?  E..si, sono proprio loro i due personaggi della foto

In quale occasione si siano incontrati non si sa, una cena? un incontro casuale fra amici? Di fatto non ha importanza la foto dimostra che l’incontro è avvenuto e che pace è stata fatta e quel  “chissà chissà..”  ha acceso molte “lampadine” nella testa dei fan.  Non stiamo a ricordare la  querelle che ha coinvolto i due nomi, è superata a quanto pare  e diciamo invece che  Il 21 di settembre  Cristiano Malgioglio artista controverso, dalle diverse sfaccettature e personaggio televisivo  che ha scritto  brani intriganti  per interpreti  importanti della musica italiana tra cui Mina, Ornella Vanoni, Patty Pravo, Milva, Rita Pavone, Giuni Russo, Franco Califano e diversi brani del disco “Ti avrò” di Adriano Celentano, si è raccontato in una intervista-spettacolo di Vladimir Luxuria dal palco del Gay Village. Durante la serata è stato proiettato un video inedito sulla grande indimenticabile Giuni Russo, uscito in concomitanza con la raccolta di 12 brani della grande interprete, grazie alla gentile concessione di Maria Antonietta Sisini, manager e  compagna di vita dell’interprete siciliana.
Che sia stata l’ammirazione comune per Giuni Russo ad avvicinare i due? E’ risaputo infatti che come Malgioglio anche Valerio Scanu è  un grande estimatore della cantante scomparsa, tanto che nel suo tour live acustico, versione estiva,  ha voluto omaggiarla interpretando un suo brano di particolare intensità “Morirò d’amore“, nella convinzione che: “L’ artista che dura nel tempo non è chi rimane in video più a lungo, chi invade le copertine dei giornali, chi viene trasmesso alla radio ripetutamente ed interrottamente, l’artista vero è chi riesce ad entrare e soprattutto rimanere nel cuore della gente. Questo è il segreto per durare nel tempo, andando anche oltre la vita stessa ed è proprio per questa ragione che ho scelto di ricordare in ogni tappa del mio tour Giuni Russo“.

Cristiano Malgioglio da una parte e Valerio Scanu attualmente una delle più belle voci del panorama italiano dall’altra, decisamente controcorrente per scelte stilistiche musicali  lontane dagli standard  attuali idonei a conquistare velocemente le vette delle classifiche e pronto invece a cogliere sonorità attingendo dal patrimonio artistico della musica italiana al quale appartengono Giuni Russo e Mia Martini da lui scelte per essere interpretate. In breve “Parole” e “Voce” un connubio che sta a “Musica” e che se fosse preso in considerazione… potrebbe fare davvero la differenza nel panorama musicale italiano e allora… chissà, chissà…