cronaca

CS_A “Chi l’ha visto?” i casi di Denise Pipitone e Barbara Corvi


Su Rai3 le richieste di aiuto e le segnalazioni di persone in difficoltà

(none)

Potrebbe essere Denise Pipitone la ragazza che ha fatto un appello alla televisione russa e che dice di essere stata rapita quando era piccola? Forse una suggestione dovuta alla somiglianza, ma la giovane donna ha la stessa età che avrebbe oggi Denise. L’appello della ragazza verrà mostrato nella puntata di “Chi l’ha visto?” in onda mercoledì 31 marzo alle 21. 20 su Rai3. E poi il caso di Barbara Corvi, scomparsa nel 2009 da Amelia (Terni): è stato arrestato con l’accusa di omicidio il marito Roberto Lo Giudice che davanti alle telecamere del programma aveva sempre detto che sua moglie si era allontanata volontariamente. Come sempre, nel corso della puntata, gli appelli, le richieste di aiuto e le segnalazioni di persone in difficoltà.

Redazione

CS_L’omicidio di Bolzano e la scomparsa di Khrystyna a “Chi l’ha visto?”


  Su Rai3, con Federica Sciarelli

(none)

Documenti esclusivi, nuove ricostruzioni e tutte le ultime novità su Benno Neumair e l’omicidio di Bolzano in diretta a “Chi l’ha visto?”, mercoledì 24 marzo alle 21.20 su Rai3. E poi il mistero della scomparsa di Khrystyna che viveva in una villetta in provincia di Pisa con il suo fidanzato. Si indagava per omicidio e ora il colpo di scena: Francesco, il vicino di casa che aveva detto all’inviata della trasmissione di non sapere nulla sulla scomparsa della ragazza, è stato arrestato e accusato di omicidio. E come sempre gli appelli, le richieste di aiuto e le segnalazioni di persone in difficoltà.

A “Chi l’ha visto?” il caso Benno e la scomparsa di Stefano e Alessandro


Su Rai3 con Federica Sciarelli

(none)

Ancora novità esclusive su Benno Neumair a “Chi l’ha visto?”, mercoledì 17 marzo alle 21.20 su Rai3. E poi la storia di Stefano e Alessandro, i due ragazzi scomparsi dalla stessa zona a poche settimane di distanza: sono davvero loro quelli fotografati insieme da una telespettatrice del programma? C’è un legame tra queste due scomparse? Potrebbero essere stati plagiati da qualcuno? E naturalmente gli appelli, le richieste di aiuto e le segnalazioni di persone in difficoltà. 

Redazione

A “Chi l’ha visto?” il caso dei coniugi di Bolzano|Con Federica Sciarelli, su Rai3


(none)

Benno, il figlio della coppia, è indagato insieme all’amica con la quale ha passato la notte. Tutte le ultimissime novità a “Chi l’ha visto?” in onda mercoledì 27 gennaio, alle 21.20, su Rai 3. Si tornerà poi a parlare dell’influencer che aveva fatto finta di scomparire: Algero Corretini, in arte “fratellì”, è stato arrestato perché ha picchiato la sua fidanzata. E come sempre gli appelli, le richieste di aiuto e le segnalazioni di persone in difficoltà.

Redazione

CS_Al via la dodicesima stagione di “Quarto Grado”


Venerdì 11 settembre, in prima serata, su Retequattro, torna l’atteso appuntamento con “Quarto Grado”, arrivato quest’anno alla 12esima edizione. Gianluigi Nuzzi, con Alessandra Viero, e la squadra del programma in onda sulla rete di Sebastiano Lombardi, riprendono a indagare su episodi attuali di nera e cold case che attendono da troppo la verità.

Al centro della prima puntata dell’approfondimento a cura di Siria Magri, inchieste sulla morte di Viviana Parisi e del piccolo Gioele e sul caso di Willy Monteiro.
I contorni della vicenda della donna e di suo figlio, di soli quattro anni, restano ancora poco chiari: omicidio-suicidio, incidente o «incontro sfortunato»?
Agghiacciante per modalità e aggravato dall’ombra del movente razziale, il dramma del ragazzo di 21 anni di Colleferro (Roma), ucciso di botte nella notte tra il 4 e il 5 settembre. Intanto, il gip di Velletri ha convalidato l’arresto per concorso in omicidio preterintenzionale per i fratelli Gabriele e Marco Bianchi, Mario Pincarelli e Francesco Belleggia.

Redazione

“Quarto Grado” conferma inoltre l’intervento di esperti e ospiti: tra questi, Luciano Garofano, Alessandro Meluzzi, Massimo Picozzi, Carmelo Abbate, Grazia Longo e Sabrina Scampini.

Si rinnova, infine, lo stretto rapporto tra “Quarto Grado” ai suoi telespettatori: una community online molto attiva – i quartograders -, che ogni venerdì posta in diretta via social.

#Rai3: Speciale Amore Criminale Storia di Camilla


(none)

In occasione della “Giornata Internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne” domenica 24 novembre, alle 21.25, Rai3 presenta uno Speciale di Amore Criminale, condotto da Veronica Pivetti e dedicato al ricordo di Camilla, uccisa dal suo ex compagno a 35 anni, vicino Bologna.

Camilla nasce ad Acquaviva delle Fonti (in provincia di Bari) ma si trasferisce a Bologna per amore di un ragazzo. Nel 2007 Camilla chiude quella relazione e per lavoro conosce un appuntato dei carabinieri. I due s’innamorano, vanno a vivere insieme in una villetta e nel 2008 mettono al mondo una bambina.

Il rapporto della coppia s’incrina a causa del comportamento di Claudio che umilia Camilla in continuazione. La donna, stanca della situazione, vuole lasciarlo, così si rivolge a un avvocato per chiedere l’affidamento della bambina.

È il 2 aprile 2011, tra le 6:00 e le 7:00 di mattina, quando Camilla viene uccisa dal compagno con numerosi colpi di forbice e martello. L’uomo, subito dopo l’omicidio, prende la figlia piccola e la porta dai suoi genitori. Poi va a costituirsi dalla Polizia di Faenza. Claudio è stato condannato con rito abbreviato, in via definitiva, a 16 anni di carcere.

CS_A “Quarto Grado” la sentenza della cassazione per Veronica Panarello e le indagini per la morte di Peppe Lucifora


 

Venerdì 22 novembre, alle ore 21.25, su Retequattro, nuovo appuntamento con “Quarto Grado”. In conduzione Gianluigi Nuzzi, con Alessandra Viero.
Il programma a cura di Siria Magri torna sulla morte di Lorys Stival, il bambino di 8 anni di Santa Croce Camerina (Ragusa), ucciso il 29 novembre 2014.
Per il delitto è stata condannata in secondo grado a 30 anni di reclusione la madre Veronica Panarello (la sentenza aveva confermato l’esito del processo di primo grado).
In giornata, con la decisione della Cassazione, è attesa l’ultima parola della Giustizia. La difesa della donna punta su due argomenti: il disturbo della personalità e il concorso di terzi.
Al centro della puntata anche il caso di Peppe Lucifora, il cuoco di Modica trovato senza vita nella propria casa, lo scorso 10 novembre. L’autopsia ha chiarito che l’uomo è stato ucciso ed è morto per asfissia, provocata meccanicamente. Ma le indagini, anche per il mancato ritrovamento dello smartphone del 57enne siciliano, risultano quanto mai complicate.
I RIS di Messina, nei prossimi giorni entreranno nell’appartamento dell’uomo, per cercare nuove tracce, scansionarne il tablet e conoscerne gli ultimi contatti.
Per segnalazioni, sempre attivi centralone e account Facebook e Messenger del programma.
• FACEBOOK e MESSENGER: https://www.facebook.com/quartogrado;
• QUARTOGRADERS:  #quartogrado, per commenti, opinioni, domande;
• INSTAGRAM: @quartogradotv, https://www.instagram.com/quartogradotv;
• MAIL: quartogrado@mediaset.it;
• CENTRALONE: 02/30309010.
Redazione

Disavventura per Marco Carta rinviato a giudizio per concorso in furto aggravato


Marco Carta, non convalidato l’arresto per furto:  Felice, non sono stato io

La notizia è diventata virale in un batter d’occhio, ieri, Marco Carta, ex cantante  di Amici 2007  e vincitore poi del Festival di Sanremo è finito sulle cronache non per meriti artistici ma per una vicenda spiacevole che l’ha visto coinvolto in un tentativo di furto di magliette presso La Rinascente di Milano per un valore di 1.200 euro. A seguito delle indagini della Polizia il cantante è stato poi scagionato dall’infamante accusa anche se   resta comunque imputato  e rinviato a giudizio per concorso in furto aggravato (il processo si terrà a metà settembre) in quanto nella borsa della 53enne  che lo accompagnava sarebbe stata ritrovata la refurtiva e un cacciavite con cui sarebbero state tolte le placche antitaccheggio.

All’uscita del Tribunale, dopo essere stato interrogato Marco Carta ha così commentato l’accaduto ai giornalisti: “Non sono stato io a rubare, per fortuna è andato tutto bene, sono felice di poterlo dire”… “Le magliette –  non ce le ho io, l’hanno visto tutti. Ora sono un po’ scosso”, ha confessato Carta ai cronisti. “Chi li ha rubate? Non mi va di dirlo”.

Nella tarda serata ha poi postato sui social il seguente post:

‘’Un vecchio proverbio diceva ‘male non fare, paura non avere’. Ho continuato a ripetermelo in attesa di vedere il magistrato e ho fatto bene a ripetermelo e ad aver fiducia nella magistratura che ha riconosciuto la mia totale estraneità ai fatti. Sono molto scosso in questo momento e spero e mi auguro con tutto il cuore che la stampa e il web diano alla notizia della mia estraneità al reato di furto aggravato la stessa rilevanza che hanno dato all’arresto. In questi casi quando sai di essere ingiustamente accusato pensi alla tua famiglia e alle persone a te care che leggono notizie e si allarmano e soffrono inutilmente. Vi prego di restituire a loro la serenità che meritano. Sono una persona onesta e certamente non rubo. Grazie ancora e spero mi aiutiate per me e per loro a fare chiarezza’’.
Marco Carta

Redazione

ANTHONY BOURDAIN IL FAMOSO CHEF DI FAMA INTERNAZIONALE E FIDANZATO DI ASIA ARGENTO, TROVATO SENZA VITA


Anthony Bourdain e l amore con Asia Argento

E’ morto suicida a 61 anni lo chef americano Anthony Bourdain. Lo ha riferito la Cnn, per cui lavorava. Si trovava a Strasburgo per una nuova puntata della serie “Parts Unknown”, programma tv sulle cucine e i ristoranti del mondo. A trovarlo senza vita nella sua stanza d’albergo è stato il collega Eric Ripert. La procura francesce ha affermato che si è impiccato. Era legato sentimentalmente ad Asia Argento, che sui social ha condiviso un messaggio accorato:  Anthony ha dato tutto se stesso in tutto ciò che ha fatto. Il suo spirito brillante e senza paura ha toccato e ispirato tante persone e la sua generosità non aveva limiti. Era il mio amore, la mia roccia, il mio protettore. Sono devastata dentro. I miei pensieri sono con la sua famiglia. Vi chiederei di rispettare la loro e la mia privacy“.

Nato a New York Bourdain si era diplomato al Culinary Institute of America e ha poi lavorato per alcuni tra i più famosi ristoranti statunitensi e collaborato con testate come il New York Times, Times, Observer e l’Independent. Dopo la separazione dalla ex moglie, si è legato sentimentalmente ad Asia Argento, che aveva conosciuto proprio durante la lavorazione di una puntata della trasmissione “Parts Unknown”, nel 2017.

Si è definito “sconvolto e rattristato” Gordon Ramsay, il celebre chef britannico,che ha così ricordato e  reso omaggio ad Anthony Bourdain:Ha portato  il mondo nelle nostre case e ha ispirato tantissime persone a esplorare culture e città attraverso il cibo”, scrive la star globale della gastronomia in tv”.

Redazione

“Cirque du Soleil” in lutto: acrobata muore durante esibizione in Florida


Il trapezista francese Yann Arnaud, 38 anni, acrobata del Cirque du Soleil è morto in seguito alle ferite riportate dopo una caduta dal palco di Tampa in Florida dove si stava esibendo con lo spettacolo “Volta”.

Yann Arnaud, 38 anni, l'acrobata del Cirque du Soleil morto dopo una caduta (Instagram)

Yann Arnaud,  è deceduto nella serata del 17 marzo in seguito alla caduta dal palco mentre eseguiva una serie di acrobazioe aeree. A nulla sono servite le procedure di emergenza attivate subito dopo il grave incidente.

La grande famiglia del Cirque du Soleil –  si legge nella nota – è sotto choc e devastata per la tragedia. Yann era con noi da 15 anni ed era amato da tutti coloro che hanno avuto la fortuna di conoscerlo. Nei prossimi giorni e nelle settimane a venire tutti i nostri sforzi saranno concentrati a supportare la famiglia di Yann e gli artisti dello spettacolo “Volta” e a offrire il nostro sostegno per il superamento di un momento così difficile“, ha dichiarato Daniel Lamarre, presidente del gruppo.

Altri due spettacoli previsti a Tampa sono stati cancellati, mentre il Cirque assicura la massima collaborazione alle autorità che indagano sulle circostanze dell’incidente.

Redazione