docu reality

CS_Nudi per la vita


Un docureality per parlare di prevenzione con Mara Maionchi

(none)

Da lunedì 12 settembre approda su Rai 2, in prima serata, ‘Nudi per la vita’, un inedito docu-reality in quattro episodi, con un doppio appuntamento settimanale (lunedì 12 e martedì 13 e, poi, lunedì 19 e martedì 20 settembre).
Il programma avrà come protagonisti un gruppo di sei uomini e di sei donne, personaggi famosi del mondo del cinema, della tv e della musica e dello spettacolo in generale: Memo Remigi; Francesco Paolantoni; Gabriele Cirilli; Gianluca Gazzoli; Gilles Rocca; Antonio Catalani. Corinne Clery; Alessandra Mussolini; Brenda Lodigiani; Elisabetta Gregoraci; Maddalena Corvaglia; Valeria Graci.
Presentato da Mara Maionchi, il programma è una mini-serie emozionante, divertente e molto coraggiosa per gli argomenti affrontati come quelli legati alla salute: Mara, infatti, sostiene da anni, con la sua consueta vitalità e ironia, il tema della prevenzione in virtù della sua storia personale e delle testimonianze dirette e indirette dei dodici protagonisti.
‘Nudi per la vita’ nasce quindi con una ‘mission’ molto seria: sensibilizzare il pubblico alla prevenzione del tumore al seno e alla prostata e lo farà in modo semplice, leggero e, perché no, anche divertente. Il programma, in maniera provocatoria, esorterà il pubblico a non aver paura di ‘esporre’ il proprio corpo a screening medici che possono salvare la vita.
Il docu-reality racconterà la storia della messa in scena di una performance di ballo alla “Full Monty” per gli uomini (dove la curiosità trainerà lo spettatore ben oltre quello che vedrà rappresentato sul palco) e una divertente coreografia per le donne (ispirata al grande teatro di rivista, in una sorta di stile “Moulin Rouge”).
Coordinati dal Direttore artistico e coreografo Marcello Sacchetta (delle due performance di ballo), i dodici protagonisti dovranno preparare nel corso delle quattro puntate un vero e proprio spettacolo ed esibirsi dal vivo, con orgoglio e autoironia, davanti ad un vero pubblico di un celebre teatro milanese, il Franco Parenti.
Nudi per la vita è una produzione Rai Radiotelevisione italiana, prodotta da Blu Yazmine. Un programma di: Andrea Marchi e di Alessandra Guerra, Cristina Limon, Roberto Petrucci, Laura Piazzi, Chiara Iacobelli, Michele Pilloni. Scenografia, Paola Spreafico. Capo progetto Rai: Valeria Destefanis. Produttore esecutivo Blu Yazmine, Stefania Marini. A cura di Simona di Franco. Direttore di Produzione, Matteo D’Arcangelo. Regia, Riccardo Valotti. Regia spettacolo finale, Cristiano D’Alisera.

LE PRIME DUE PUNTATE
Le sei Star maschili, dopo l’incontro nel quartier generale con Mara Maionchi e Marcello Sacchetta, troveranno da subito un certo feeling, tra di loro si creerà immediatamente un’atmosfera scanzonata e divertente.
Memo Remigi sembra essere subito diventato un po’ leader, un po’ mascotte del gruppo, con i suoi 84 anni e la sua vitalità è un esempio per tutti. Certo il ballo non è il suo forte, ma non è il solo ad avere qualche difficoltà. Anche Gianluca Gazzoli e Antonio Catalani ammettono di non essere portati per la danza, mentre Gilles Rocca e Gabriele Cirilli risultano essere degli ottimi ballerini. Francesco Paolantoni invece è convalescente da una frattura alla gamba e naturalmente fatica a sostenere le sessioni di prove quotidiane, ma è tenace e certo non molla.
Quello che unisce tutti però è il messaggio sulla prevenzione del tumore alla prostata che portano avanti e che hanno modo di approfondire in prima persona grazie all’incontro con il Prof. Bernardo Rocco, un urologo di fama internazionale. Tra una esilarante lezione di nuoto sincronizzato (accompagnati dalle Sincronette italiane) pensata per migliorare la loro capacità di muoversi a tempo e un flashmob in un supermercato per testare la loro faccia tosta con un pubblico inconsapevole, le Star durante il loro percorso devono anche imparare a vincere l’imbarazzo di denudarsi davanti ad un pubblico.
Si mettono alla prova sulla passerella del coraggio dove dopo essersi spogliati, mettono a nudo anche la loro anima, raccontando momenti toccanti della loro vita.
Affrontano l’imbarazzo di posare per un servizio fotografico, in cui per la prima volta si mostrano senza veli.
Si avvicina il giorno dello spettacolo e dopo un’esibizione improvvisata in un locale, durante una serata speciale con Mara e Marcello, le Star hanno un momento di crisi. La stanchezza inizia a farsi sentire, ma non c’è più tempo ormai, è arrivato il momento di varcare la soglia del teatro e di esibirsi davanti a 400 persone.
Come andrà a finire? Sarà un trionfo?

CS_Da gennaio “La Caserma”, il nuovo docu-reality targato Rai2 |Una grande sfida per 21 ragazzi tra i 18 e i 22 anni


(none)

Dopo il grande successo de Il Collegio, arriva a gennaio su Rai2 “La Caserma”, uno dei programmi televisivi più attesi della prossima stagione.
Realizzato da Rai2 in collaborazione con Blu Yazmine e basato sul format internazionale “Lads Army”, La Caserma è un mix avvincente tra reality esperienziale e adventure. Una grande sfida per 21 ragazzi fra i 18 e i 22 anni che per sei settimane vivranno in uno scenario particolarmente suggestivo: quello di una caserma di montagna a Levico, in provincia di Trento, set unico a contatto con la natura.
“La Caserma” metterà alla prova la millennial generation, poco raccontata in tv, spesso individualista e meno abituata alle regole della vita di gruppo. La “mission”? Tanta emozione e una straordinaria esperienza di convivenza e crescita personale per i nostri giovani protagonisti.

Redazione

Torna “Il Collegio” e porta i ragazzi nel 1992


Al via la  quinta edizione del docu-reality di Rai2. Voce narrante di Giancarlo Magalli

(none)

Da martedì 27 ottobre, alle 21.20 su Rai2, torna “Il Collegio”, il docu-reality diventato negli anni un cult tra giovanissimi e adolescenti. E propone un salto negli anni ’90. Dopo i successi, i 21 ragazzi che varcano i cancelli della quinta edizione de “Il Collegio” – realizzata in collaborazione con Banijay Italia – si trovano catapultati nel 1992. L’anno in cui molti dei loro stessi genitori hanno frequentato e vissuto la scuola.
Finiti i rampanti anni ’80, con la caduta del muro di Berlino e la fine della guerra fredda, gli anni ‘90 iniziano con grandi euforie, ma anche con la fine delle ideologie, che porta tra i giovani anche un grande senso di smarrimento. Il 1992 è l’anno del multiculturalismo, dell’apertura, del crossover, dei rave del grunge e dell’hip hop, dell’elezione di Clinton, della nascita di internet, dei primi cellulari e del primo sms. Ma è anche un anno drammatico per l’Italia, con i tragici attentati e l’uccisione dei giudici Falcone e Borsellino e degli uomini della scorta. È l’inizio di Mani Pulite, la serie di inchieste giornalistiche che sconvolgerà completamente gli equilibri della politica, con la prima vera affermazione della Lega Nord. La musica dell’epoca sarà la colonna sonora del programma e delle lezioni: il 1992 è l’anno dei Nirvana, di Losing My Religion dei R.E.M ma anche di Ragazzo fortunato di Jovanotti, degli 883 e di Fisico bestiale di Luca Carboni.
La prima novità è la location: lasciato infatti il Collegio Celana di Caprino Bergamasco, i ragazzi scopriranno il Collegio Regina Margherita di Anagni, una struttura imponente, con corridoi pieni di storia, un grande giardino e tanti altri nuovi angoli da scoprire.
La voce di Giancarlo Magalli, che riprende il ruolo di narratore, racconterà e accompagnerà le avventure dei giovani studenti durante tutte le 8 puntate in programma.
Nel cast tante conferme: dal super severo preside Paolo Bosisio alla professoressa di matematica e scienze Maria Rosa Petolicchio, al professore d’italiano Andrea Maggi, a quello di storia e geografia Luca Raina. Gradito ritorno anche per il professore d’inglese David Wayne Callahan e per quello di arte Alessandro Carnevale, mentre la professoressa Valentina Gottlied dall’aerobica degli anni ’80 passa di ruolo e sarà la nuova docente di educazione fisica; il tenore Marco Chingari porterà il bel canto al Collegio nelle lezioni di Educazione musicale. Non a caso, il 1992 è anche l’anno di Pavarotti & Friends. Per la prima volta ci sarà spazio anche per la recitazione con il maestro Patrizio Cigliano.
Durante la serie ci saranno avvicendamenti e ospiti: Roberta Barbiero subentrerà per alcune lezioni di storia e geografia, Carlo Santagostino terrà una lezione di informatica, Carmelo Trainito farà ballare i ragazzi con la breakdance e la psicologa Roberta Sette introdurrà i collegiali all’educazione sessuale.
Ad aprire le porte del collegio e a dare il benvenuto i due sorveglianti: Lucia Gravante e la new entry Massimo Sabet. Grande novità dell’anno sarà la presenza del bidello, impersonato da Enzo Marcelli, che si occuperà di distribuire il materiale scolastico e le merende.
Tra le attività extra ci saranno: una gita con pernottamento sotto le stelle, un’escursione didattica al Palazzo di Bonifacio VIII di Anagni, un’avvincente gara di ballo, dei combattutissimi Giochi della Gioventù, una grigliata in giardino e una festa finale a tema Le Iene, il celebre film di Quentin Tarantino del 1992.
Per tutti i protagonisti rimane invariata la necessità di adattarsi, di obbedire e seguire le indicazioni del preside, dei sorveglianti e del corpo docente.  La severità, l’applicazione delle regole e della legalità sono, infatti, l’immancabile leitmotiv de “Il Collegio”. Senza cellulari, senza mamma e papà, ce la faranno gli adolescenti di oggi a resistere? L’obiettivo è superare l’esame di terza media del 1992. Chi ci arriverà?
IL COLLEGIO 5 è stato girato durante l’emergenza sanitaria e precedentemente al Decreto Legge n. 125 del 7.10.2020. Il rispetto di protocolli, studiati appositamente, ha permesso di raccontare le storie dei ragazzi e di portare a termine il progetto in sicurezza.