Ermal Meta

SMEMORANDA e ZELIG TV presentano ERMAL META, FABRIZIO MORO, GINO STRADA in “MUSICA PER EMERGENCY”.


SMEMORANDA E ZELIG TV

presentano

ERMAL META, FABRIZIO MORO, GINO STRADA IN

MUSICA PER 

IN PRIMA TV ASSOLUTA SU ZELIG TV (CANALE 243 DEL DTT) GIOVEDÌ 7 GIUGNO ORE 21.15

 

Una produzione a cura di Smemoranda in collaborazione con EMERGENCY,

con la partecipazione di Nico Colonna e Gino Castaldo

Musica, diritti umani e solidarietà: Smemoranda e Zelig TV sono liete di presentare in prima TV assoluta su Zelig TV (243 del DTT) “Musica per EMERGENCY” giovedì 7 giugno alle 21.15, una produzione con protagonisti Ermal MetaFabrizio MoroGino Strada e Gino Castaldo, realizzata da Smemoranda in collaborazione con EMERGENCY.

Video Promo di ‘Musica per Emergency’: https://youtu.be/VYr-r9Ue9oU .

A vent’anni da Il mio nome è mai più il singolo di LigaJovaPelù, scritto al tempo della guerra del Kosovo e i cui proventi commerciali furono devoluti a Emergency, un nuovo progetto musicale sosterrà l’Associazione fondata da Gino Strada. Lo annunciano Ermal Meta e Fabrizio Moro nel video che li vede insieme a Gino Castaldo, Gino Strada e Nico Colonna a CASA EMERGENCY, la sede dell’organizzazione a Milano.  I due cantanti cederanno i diritti d’autore della loro Non Mi Avete Fatto Niente a EMERGENCY per portare un contributo a favore di un progetto d’intervento in zone di guerra.

Non sappiamo esattamente cosa fare, ma aiutateci ad aiutarvi” dichiara Moro, mentre Meta spiega come dopo Sanremo, che ha dato moltissima visibilità alla loro canzone, si siano accorti di aver raccontato una storia che non gli apparteneva e “che la cosa più giusta sarebbe stata quella di darla a EMERGENCY e di collaborare con loro, attraverso tutti i proventi che la canzone avrebbe generato”.

“Nelle guerre contemporanee, il 90% delle vittime sono civili. Donne, bambini, uomini, persone come noi, con la sola colpa di essersi trovati nel posto sbagliato al momento sbagliato. EMERGENCY sa bene chi sono: li vediamo ogni giorno nei nostri ospedali. La scelta di Fabrizio ed Ermal, di sostenerci nella sfida quotidiana di promuovere una cultura di pace, ci rende orgogliosi. I due artisti hanno accettato la sfida con autenticità e realismo perché sono convinti, come noi, che un mondo senza guerra è possibile.” spiega Rossella Miccio, Presidente EMERGENCY.

Uno dei primi impieghi di Non Mi Avete Fatto Niente sarà come sigla d’apertura di PROGRAMMA ITALIA, uno dei format di approfondimento di Zelig TV a cura di Smemoranda, per dare voce, in collaborazione con altri partner, a un racconto originale e diretto degli avvenimenti e a quei valori come ecologia, diritti civili, libertà di pensiero, solidarietà, cultura, di cui da sempre lo storico diario-agenda è portavoce.PROGRAMMA ITALIA è realizzato da EMERGENCY in collaborazione con Smemoranda, e sarà in onda da settembre su Zelig TV.

A fianco del progetto musicale, la collaborazione di Meta e Moro con EMERGENCY proseguirà nell’ambito dell’Incontro Nazionale dei volontari di EMERGENCY a Trento (7,8,9 settembre), dove si svolgerà una serata dedicata alla musica a cura dei due artisti.

Redazione

ERMAL META: FOLLA OCEANICA AL CONCERTO DI TIRANA – VIDEO


 Tirana, a Ermal Meta le chiavi della città

Ermal Meta ha ricevuto dal sindaco di Tirana, Erion Veliaj, le chiavi della città nel corso di una cerimonia che si è svolta, venerdì 1° giugno. Il cantante che è nativo di Fier una città che dista 100 km dalla capitale,è stato inoltre invitato ad esibirsi la stessa sera in concerto nella piazza Scanderbeg, la principale di Tirana, in occasione della Festa della Repubblica Italiana in Albania.

Una folla oceanica ha gremito la piazza e ovviamente non mancavano gli ormai famosi lupi, gli attivissimi e fedelissimi fan di Ermal sempre pronti a fargli sentire il calore del loro affetto ovunque si esibisca.

 

Redazione

Eurovision Song Contest 2018 a Lisbona dall’8 al 12 Maggio con Meta e Moro per l’Italia


 

Sono 43 i paesi ammessi alla 63esima edizione dell’Eurovision Song Contest 2018 che si tiene a Lisbona dall’8 al 12 maggio e che si contenderanno un posto nella finale di sabato 12 maggio, trasmessa per l’Italia in diretta su Rai 1 dalle 20.40 con la conduzione di Federico Russo e Serena Rossi.

Le due semifinali di martedì 8 e giovedì 10 maggio andranno in onda in diretta su Rai4 dalle 21.00 con il commento di Carolina di Domenico e Saverio Raimondo.

concorrenti per l’Italia sono come risaputo i vincitori di Sanremo Ermal Meta e Fabrizio Moro  che portano  sul palco di Lisbona l’intensità e l’impegno sociale della loro “Non mi avete fatto niente”. I due hanno già provato sul palco dell’EuroFestival e questo è il primo video rilasciato da ESC.

Redazione

ERMAL META: …non c’è solo gente che lavora, ma anche gente che non lavora, quindi bisogna prendere coscienza che bisogna fare di più”


ermal meta-2Ermal Meta  dal palco di piazza San Giovanni a Roma in occasione del Concertone del 1Maggio celebrativo della Festa del Lavoro ha un pensiero anche per chi tra il pubblico  un  lavoro non ce l’ha:
Essere sul palco del Primo Maggio è importante da una parte per la condivisione musicale con tanti artisti che mi piacciono e che stimo, dall’altra questa è una giornata con un significato importante che festeggia i lavoratori. Ma lì davanti al palco non c’è solo gente che lavora, ma anche gente che non lavora, quindi bisogna prendere coscienza che bisogna fare di più“,   ribadendo il concetto  anche quando alla fine del brano Vietato Morire, aggiunge “soprattutto sul lavoro”. 

A proposito della musica  ricorda invece  il potere che ha di unire: “La musica  è un collante aggregativo, che aiuta le persone a stare insieme” , 
Tra 10 giorni il cantautore rappresenterà l’Italia a Lisbona  all’Eurovision Song Contest insieme a Fabrizio Moro con il quale ha vinto il festival di Sanremo e a tale proposito dice: “Non ho nessuna aspettativa, non ne ho quando si tratta di musica. Cerco solo di comunicare e di far bene”. 

Redazione

Grande successo di Ermal Meta in concerto al Forum di Assago e grandi ospiti sul palco: Elisa, Fabrizio Moro, Jarabe De Pablo e Venditti.


ermal meta-2

Grande successo per il concerto di  Ermal Meta  ieri 28 aprile al Mediolanum Forum di Assago sold out per l’occasione. Il cantante italo-albanese  ha ospitato sul suo palco pieno di luci e colori  artisti del calibro di Elisa Toffoli, Fabrizio Moro, Jarabe de Pablo e Antonello Venditti   con cui ha dato vita a dei duetti che hanno trovato negli applausi del pubblico la risposta entusiasmante e calorosa. Con lui anche la La Fame di Camilla gruppo con il quale l’artista ha iniziato la sua avventura da cantante. I tantissimi fan del cantante si sono scatenati sui social postando foto, video e commenti a riprova che Ermal rappresenti ormai nel mondo musicale e  cantautorale una delle realtà più valide e consolidate.

Questa la scaletta del concerto: Non Abbiamo Armi, Gravità con me, Ragazza Paradiso, Le luci di Roma, Caro Antonello, Che fantastica storia è la vita (con Antonello Venditti), Il vento della vita, Amore alcolico, 9 primavere, Voodoo Love, Volevo dirti, Molto bene, molto male, Vietato morire , Storia di una favola (La Fame di Camilla), Niente che ti assomigli (La Fame di Camilla) Come il sole a mezzanotte (La Fame di Camilla), Piccole cose (che sai ignorare) (La Fame di Camilla), Non mi avete fatto niente (con Fabrizio Moro), Quello che ci resta, Dall’alba al tramonto, Io mi innamoro ancora, Piccola anima, Mi salvi chi può. BIS New York, Odio le favole, Straordinario, A parte te.

E questi i ringraziamenti dell’artista lasciati sul suo profilo social per ringraziare tutti i presenti: “È stata la serata più bella della mia vita. Grazie di cuore ad ognuno di voi. Non lo dimenticherò“.   Lo scatto, condiviso solo nel primo pomeriggio di oggi, ha già conquistato oltre 10 mila like,   numerose condivisioni e commenti dei fan.

Redazione

ERMAL META Torna “single”: “Ho avuto una storia di nove anni e mezzo, Non stiamo più insieme ma i dettagli riguardano solo lei e me”


ermal meta single si è lasciatoErmal Meta è sicuramente uno dei cantanti più in auge al momento, apprezzato dalla critica e dal pubblico, il consenso per lui è unanime e lo consacra oltre che indiscutibile autore, un vero artista talentuoso a 360 gradi.

In una intervista rilasciata a “Vanity FairErmal Meta  ha parlato della sua esperienza ad Amici2018 nel ruolo di giudice  e del suo sforzo di essere quanto più onesto nei giudizi e sincero.  Il cantautore ha rivelato di aver addirittura rinunciato al ruolo di giudice di XFactor per partecipare ad Amici anche se non esclude di partecipare al talent di Sky  in futuro perchè lui non è contro i talent.

Nell’intervista  quando ad Ermal Meta gli è stato chiesto di parlare della sua vita amorosa il vincitore di Sanremo 2018 ha risposto: “Ho avuto una storia di nove anni e mezzo (con Silvia Notargiacomo  speaker radiofonica ndr). Non stiamo più insieme ma i dettagli riguardano solo lei e me”. Adesso il cantautore è concentrato solo sulla musica e non c’è un’altra donna: “Non ho modo né voglia di fare altro”,  ma  ammette di avere un debole per le ragazze divertenti: ‘Se non mi sento stimolato dal punto di vista intellettuale, emotivo, non provo interesse. L’amore? Non ne capisco molto. L’importante è prima essere amici, volersi bene, poi si può costruire qualcosa. Non sopporto la gelosia’.

Nel frattempo il cantante albanese naturalizzato italiano, che sta vivendo almeno dal punto di vista artistico  un momento felice, si sta preparando per il concerto al Forum di Assago che si terrà il 28 aprile poi, grazie alla  vittoria a Sanremo 2018, salirà (insieme a Fabrizio Moro ndr) in rappresentanza dell’Italia, sul palco  dell’Eurovision Song Contest 2018, la più importante manifestazione canora europea che quest’anno si terrà a Lisbona dall’8 al 12 maggio, con il brano che ha vinto Sanremo “Non mi avete fatto niente” riarrangiato per l’occasione.

Redazione

ERMAL META SUL PALCO DEL CONCERTO DEL PRIMO MAGGIO 2018 A ROMA!


image001 (5)

ERMAL META presenterà in anteprima televisiva parte dei brani inclusi nel nuovo album “Non Abbiamo Armi” sul Palco del Concerto del Primo Maggio 2018 a Roma, promosso da CGIL, CISL e UIL e organizzato da iCompany!

Con queste parole il cantautore ha annunciato la sua partecipazione tramite un video messaggio sui social: “Ciao ragazzi, sono molto felice di annunciarvi che ci sarò anche io nel cast del Primo Maggio di quest’anno. Come l’anno scorso, anche quest’anno sono veramente onorato di farne parte. Ci vediamo in Piazza San Giovanni. A presto! Ciao”.

Redazione

13/04/2018 – 21:20 #RAI3: “CYRANO L’AMORE FA MIRACOLI”Tra gli ospiti Ornella Vanoni, Gigi Proietti, Alessio Boni ed Ermal Meta


Nella puntata di “Cyrano. L’Amore fa miracoli”, in onda venerdì 13 aprile alle 21.20 su Rai3, Massimo Gramellini e Ambra Angiolini risponderanno alle domande contenute nelle tante lettere che sono arrivate alla redazione. Ad accompagnarli in questo viaggio nei sentimenti saranno ospiti in studio Ermal Meta e Alessio Boni. Durante la puntata conosceremo tante altre storie, come quella della coppia che ha ricostruito la funivia di Sarajevo, una bellissima favola apparsa sulle pagine dei giornali di questa settimana. Per le storie di amicizia di Malcom Pagani, vicedirettore di Vanity Fair, ci saranno Gigi Proietti con Nicola Piovani e Ornella Vanoni con il jazzista Paolo Fresu.  Concluderà la puntata il racconto commovente della compagna di Dj Fabo, Valeria Imbrogno.
Redazione

Fabrizio Moro/Ermal Meta: “siamo due sopravvissuti, questo ci unisce”


Fabrizio Moro, il cantantautore e vincitore dell’ultimo Festival di Sanremo insieme ad Ermal Meta, in una intervista sul  settimanale DiPiù in uscita lo scorso sabato si confessa e ammette di aver fatto uso di droghe e alcol e per questo di considerarsi un sopravvissuto:

Per anni ho abusato di alcol e droghe. Ho iniziato a 18 anni: con gli amici andavo in discoteca e prendevo pasticche, tipo l’ecstasy, per ‘sballare’. E l’alcol scorreva a fiumi. Poi a 27 anni ho smesso”…Io sono un vigliacco, ho il terrore della morte – spiega Fabrizio Moro – A un certo punto ho iniziato a stare male, mi sentivo debole. Sono andato a fare le analisi del sangue. E i risultati mi hanno spaventato. Quando ho capito che dovevo disintossicarmi, un altro disagio è arrivato: la paura di ammalarmi ha iniziato a condizionarmi. Ero ipocondriaco: non uscivo più di casa se non ero sicuro di andare in un luogo con vicino un ospedale. E pure con le donne avevo problemi. Per paura delle malattie, non volevo più fare l’amore. Ho rinunciato al sesso per un bel po’”, ha confidato.

Moro ha dichiarato inoltre di aver trovato in Ermal Meta un vero amico e un collega ideale. Anche il cantantautore di origine albanese,  al pari di Moro si considera un sopravvissuto e sebbene abbia alle spalle una storia differente caratterizzata da un padre violento sostiene:  “La prima volta che ho cantato il ritornello di Non Mi Avete Fatto Niente ho pensato: “Bastardo, non mi hai fatto niente”. Fabrizio e io siamo due sopravvissuti: questo ci unisce

Testo
Al Cairo non lo sanno che ore sono adesso
Il sole sulla Rambla oggi non è lo stesso
In Francia c’è un concerto, la gente si diverte
Qualcuno canta forte, qualcuno grida, “a morte”
A Londra piove sempre ma oggi non fa male
Il cielo non fa sconti neanche a un funerale
A Nizza il mare è rosso di fuochi e di vergogna
Di gente sull’asfalto e sangue nella fogna
E questo corpo enorme che noi chiamiamo Terra
Ferito nei suoi organi dall’Asia all’Inghilterra
Galassie di persone disperse nello spazio
Ma quello più importante è lo spazio di un abbraccio
Di madri senza figli, di figli senza padri
Di volti illuminati come muri senza quadri
Minuti di silenzio spezzati da una voce
Non mi avete fatto niente
Non mi avete fatto niente
Non mi avete tolto niente
Questa è la mia vita che va avanti
Oltre tutto, oltre la gente
Non mi avete fatto niente
Non avete avuto niente
Perché tutto va oltre le vostre inutili guerre
C’è chi si fa la croce, chi prega sui tappeti
Le chiese e le moschee, gli imam e tutti i preti
Ingressi separati della stessa casa
Miliardi di persone che sperano in qualcosa
Braccia senza mani, facce senza nomi
Scambiamoci la pelle, in fondo siamo umani
Perché la nostra vita non è un punto di vista
E non esiste bomba pacifista
Non mi avete fatto niente
Non mi avete tolto niente
Questa è la mia vita che va avanti
Oltre tutto, oltre la gente
Non mi avete fatto niente
Non avete avuto niente
Perché tutto va oltre le vostre inutili guerre
Le vostre inutili guerre
Cadranno i grattacieli, le metropolitane
I muri di contrasto alzati per il pane
Ma contro ogni terrore che ostacola il cammino
Il mondo si rialza col sorriso di un bambino
Col sorriso di un bambino
Col sorriso di un bambino
Non mi avete fatto niente
Non avete avuto niente
Perché tutto va oltre le vostre inutili guerre
Non mi avete fatto niente
Le vostre inutili guerre
Non mi avete tolto niente
Le vostre inutili guerre
Non mi avete fatto niente
Le vostre inutili guerre
Non avete avuto niente
Le vostre inutili guerre
Sono consapevole che tutto più non torna
La felicità volava
Come vola via una bolla

Redazione

Gabriele Ciampi: “Caso Meta-Moro … “Serve più competenza tecnica nella giuria di selezionatori”.


Interessante intervista a Gabriele Ciampi, musicista italiano attivo a Los Angeles, che quest’anno è stato l’unico giurato italiano dei Grammy Awards, pubblicata dall’Ansa che verte sul Festival di Sanremo 2018 e sul caso Meta-Moro.  

Gabriele Ciampi

”In questa edizione si è molto puntato sui testi e nonostante ci sia una bella orchestra, una via di mezzo tra sinfonica e da camera, suonano solo gli archi e non c’è dialogo tra le varie sezioni. E’ un vero peccato che sia così poco sfruttata, privilegiando invece nelle canzoni la ricerca del testo e una melodia di impianto più commerciale.

La cosa a mio avviso quasi surreale è che i rischi maggiori dal punto di vista musicale li abbiano presi Max Gazzè e Ornella Vanoni. Dovrebbero essere i giovani ad osare di più”.

“(a proposito del caso Ermal Meta-Fabrizio Moro): L’ufficio legale si è espresso, ma certo l’idea del Festival di Sanremo che si distingue da tutti gli altri perché porta in gara un inedito, qui è venuta pericolosamente meno. Ho analizzato gli spartiti delle due canzoni e ‘Non mi avete fatto niente’ aveva 4 o 5 note, del resto per stessa ammissione degli autori, riprese dalla canzone precedente. A mio avviso è un campanello d’allarme da non sottovalutare, perché il brano dovrebbe essere totalmente inedito”.

“Bisognerebbe affiancare ad una giuria popolare una giuria tecnica di 10 elementi, dieci veri esperti musicali, che dovrebbero analizzare a monte sullo spartito, ovviamente insieme al direttore artistico, ogni canzone. Se fosse accaduto questo si sarebbero accorti che in ‘Non mi avete fatto niente’ c’erano quelle note già usate e non ci sarebbe stato nessun caso, semplicemente (Ermal Meta e Fabrizio Moro) non sarebbero stati ammessi. Serve più competenza tecnica nella giuria di selezionatori”.

“Se si punta solo sul testo e non sulle voci e sulla qualità della musica è difficile arrivare a riportare la musica italiana all’estero come dovrebbe fare il festival di Sanremo. Domenico Modugno, che noi ricordiamo per le parole, in realtà è stato un grande innovatore musicale e ha fatto cose che nessuno aveva mai fatto prima”.

“Gli Oscar della musica italiana non si possono limitare ad inseguire la moda, magari puntando su testi a sfondo sociale e politico e basta”.

da Ansa