Eventi

CS_A Torino martedì 25 gennaio il primo passo verso l’Eurovision Song Contest 2022


Passaggio di consegne tra i sindaci di Rotterdam e Torino. A condurre la cerimonia Carolina Di Domenico e Gabriele Corsi

(none)

Martedì 25 gennaio a Torino avverrà il primo passo ufficiale verso il 66° Eurovision Song Contest che si terrà il 10, 12 e 14 maggio. Il passaggio di testimone tra il sindaco di Rotterdam, Ahmed Aboutaleb, e il sindaco del capoluogo piemontese, Stefano Lo Russo, si svolgerà a Palazzo Madama in piazza Castello a Torino martedì 25 gennaio alle ore 12. Da Palazzo Madama a Torino si deciderà, tramite un’estrazione a sorte (Allocation Draw), la composizione del cartellone delle prime due serate che vedranno 36 Paesi competere in due semifinali. Ad essi si aggiungeranno anche i cosiddetti Big Five: Italia, Francia, Germania, Spagna e Regno Unito, il cui accesso alla finale è diretto. 
La cerimonia sarà condotta da Carolina Di Domenico e Gabriele Corsi e sarà possibile seguirla anche in streaming su RaiPlay.it.

redazione

CS_CLAUDIO BAGLIONI: al via su Canale 5, in prima serata, UÀ, da sabato 4 dicembre tre serate-evento di vita vera e arte varia (4-11-18 dicembre)


AL VIA SU CANALE 5

Immagine che contiene testo

Descrizione generata automaticamente

TRE SERATE-EVENTO DI VITA VERA E ARTE VARIA

DA SABATO 4 DICEMBRE 2021 IN PRIMA SERATA

Al via sabato 4 dicembre in prima serata su Canale 5 “Uà – Uomo di varie età”, il lifeshow per la tv scritto, ideato e interpretato da Claudio Baglioni.

Protagonisti delle tre serate, 60 grandi nomi del mondo della musica, dello spettacolo, del cinema, del teatro, della danza, oltre a 70 tra musicisti e performer.

Tre serate-evento uniche e irrinunciabili tra grande musica, coreografie e performance spettacolari, allestite in spazi scenici sorprendenti che cambiano a ogni numero, con racconti evocativi, emozionanti, divertenti e sketch esilaranti.

Gli ospiti si alterneranno su un palco di 1.000 metri quadrati – illuminato da 800 corpi luminosi e valorizzato da più di 200 professionisti di produzione – insieme al padrone di casa Claudio Baglioni, con la direzione artistica di Giuliano Peparini.

Dopo l’esordio di sabato 4 dicembre, “Uà – Uomo di varie età” proseguirà su Canale 5 per altri due sabati, l’11 e il 18 dicembre.

redazione

CS_Venerdì 3 dicembre al Torino Film Festival la masterclass di ELISABETTA SGARBI “ROMAGNA VISTA DALLA LUNA” con Alexandr Sokurov, Extraliscio, Eugenio Lio, Aliona Shumakova; proiezione del filmino inedito “IN AMAZZONIA”


Venerdì 3 dicembre al Torino Film Festival

la masterclass di ELISABETTA SGARBI

ROMAGNA VISTA DALLA LUNA

al Cinema Massimo, ore 14.30

Intervengono Aleksandr Sokurov, Extraliscio,

Eugenio Lio, Aliona Shumakova

Proiezione del filmino inedito “IN AMAZZONIA” (6,30’)

di Elisabetta Sgarbi

Concerto finale EXTRALISCIO

Fotogramma da “In Amazzonia” con gli Extraliscio

Aleksandr Sokurov e Elisabetta Sgarbi

Venerdì 3 dicembre, in occasione del Torino Film Festival, si terrà al Cinema Massimo (ore 14.30) “ROMAGNA VISTA DALLA LUNA”, la masterclass di ELISABETTA SGARBI, motore inesauribile di arte e cultura, fondatrice e Direttrice de La nave di Teseo Editore e del Festival Internazionale La Milanesiana.

Sarà l’occasione per un dialogo con gli ospiti sul tema delle origini, verrà proiettato il filmino inedito “IN AMAZZONIA” (6,30’) di Elisabetta Sgarbi e l’incontro si concluderà con il concerto degli EXTRALISCIO.

«Ricerca, interpretazione, valorizzazione, condivisione. Lo sguardo di Elisabetta Sgarbi sulla Romagna arriva da lontano, dalle sue origini, dalle origini dei suoi genitori. Nel 2009 dedicò il film “Deserto Rosa” all’opera di Luigi Ghirri, presentato alla Mostra Internazionale del Cinema di Venezia nel 2009 (Sezione Orizzonti), addentrandosi nei paesaggi fotografati in cui la presenza umana sembra essere appena svanita, mancata di un soffio dallo sguardo che la cercava, con i commenti di Aleksandr Sokurov (Leone d’oro alla Mostra Internazionale del Cinema di Venezia 2011), letti da Toni Servillo e con le musiche originali di Franco Battiato. Già lì si delineavano due temi che sarebbero diventati significativi per lei negli anni successivi: la terra delle sue origini, l’Emilia Romagna, a cui ha dedicato anche film più recente “Extraliscio – Punk da balera. Si ballerà finché entra la luce dell’alba” (Premio Siae e Premio Fice), e il fiume Po attraversato da una nave in “Deserto rosa”. Quell’immagine che ritorna anche nel recente “filmino” “La nave sul monte”, sulle note dell’omonimo brano degli Extraliscio, presentato all’ultima edizione della Mostra del Cinema di Venezia (nell’ambito di Isola di Edipo e Giornate degli Autori), e nel cortometraggio inedito “In Amazzonia”, girato lungo il Po di Boretto, che viene presentato al TFF in anteprima. La regista dialogherà con Alexandr Sokurov su questa ricerca, interrogandosi sul valore antropologico di questo cinema rarefatto alla ricerca delle nostre origini» Aliona Shumakova.

Interverranno anche Eugenio Lio, filosofo e teologo, da sempre al fianco di Elisabetta Sgarbi come aiuto regia e consigliere eclettico, Aliona Shumakova, critica ed esperta di cinema russo, e la band Extraliscio, prodotta dalla Betty Wrong Edizioni Musicali di Elisabetta Sgarbi, che ha sta portando avanti una rivisitazione della musica folk, non solo romagnola, portandola nei contesti più importanti: il Festival di Sanremo, i Festival più importanti del Cinema Europeo, in libreria e in concerto all’estero.

Redazione

CS_Sono 41 i Paesi del 66° Eurovision Song Contest


(none)

Emittenti pubbliche di 41 Paesi parteciperanno all’Eurovision Song Contest, il più grande evento musicale dal vivo del mondo che si terrà a Torino il prossimo maggio. 

Il 66° Eurovision Song Contest, organizzato dall’European Broadcasting Union (EBU) e dal suo membro italiano Rai, si terrà al Pala Olimpico di Torino il 10, 12 e 14 maggio 2022 e tutte le 39 emittenti partecipanti all’edizione 2021 torneranno l’anno prossimo. A loro si uniranno RTCG del Montenegro e l’emittente nazionale armena ARMTV che ha gareggiato l’ultima volta nel 2019, anno in cui furono ancora 41 i Paesi partecipanti.
Martin Österdahl, supervisore esecutivo dell’Eurovision Song Contest, ha dichiarato: “Siamo entusiasti di avere ancora una volta oltre 40 emittenti in competizione per vincere l’iconico trofeo Eurovision a Torino, il prossimo maggio. Il team della Rai sta lavorando alacremente ai preparativi per accogliere tutte le delegazioni in una nuova città ospitante e garantire che l’Eurovision Song Contest porti il divertimento e lo spettacolo all’avanguardia attesi da quasi 200 milioni di spettatori”.
Simona Martorelli e Claudio Fasulo della Rai hanno aggiunto: “Dopo 31 anni, l’Italia è orgogliosa di ospitare di nuovo l’Eurovision Song Contest! Come Executive Producers, siamo incredibilmente entusiasti di allestire questo straordinario evento e di accogliere delegazioni provenienti da 41 nazioni a Torino il prossimo anno. Soprattutto, crediamo fortemente che l’Eurovision Song Contest ci permetterà di mostrare e condividere la bellezza dell’Italia con un pubblico globale attraverso gli elementi che ci uniscono tutti: musica e armonia”.
Delle 41 nazioni partecipanti, 36 si sfideranno in due semifinali e le 10 canzoni vincitrici di ogni semifinale si uniranno per la Finalissima ai “Big 5”: Francia, Germania, Spagna, Regno Unito e Italia, Paese organizzatore.
L’Italia ha vinto il diritto a organizzare l’evento del prossimo anno durante il Contest del maggio scorso, quando i Måneskin hanno regalato al proprio Paese la sua prima vittoria dal 1990 con la canzone “Zitti e Buoni”.
La Rai ospiterà per la terza volta l’Eurovision Song Contest dopo aver già ospitato l’evento a Napoli nel 1965 e a Roma nel 1991.
Maggiori dettagli sull’Eurovision Song Contest 2022, tra cui lo slogan per l’evento e i dettagli sulla vendita dei biglietti, saranno rivelati nei prossimi mesi. 
Per gli aggiornamenti è possibile consultare Eurovision.tv, @Eurovision su Twitter, Eurovision Song Contest su Facebook, @Eurovision su Instagram e l’app ufficiale Eurovision.

EMITTENTI PARTECIPANTI
I seguenti paesi (e le emittenti membri dell’EBU) parteciperanno all’Eurovision Song Contest 2022 a Torino:
Albania (RTSH)
Armenia (AMPTV)
Australia (SBS)*
Austria (ORF)
Azerbaigian (Ictimai TV)
Belgio (RTBF)
Bulgaria (BNT)
Croazia (HRT)
Cipro (CyBC)
Repubblica Ceca (CT)
Danimarca (DR)
Estonia (ERR)
Finlandia (YLE)
Francia (FT)
Germania (ARD/NDR)
Georgia (GPB)
Grecia (ERT)
Islanda (RUV)
Irlanda (RTE)
Israele (KAN)
Italia (RAI)
Lettonia (LTV)

Lituania (LRT)
Malta (PBS)
Moldavia (TRM)
Montenegro (RTCG)
Paesi Bassi (AVROTROS)
Macedonia del Nord (MKRTV)
Norvegia (NRK)
Polonia (TVP)
Portogallo (RTP)
Romania (TVR)
Russia (RTR)
San Marino (RTV)
Serbia (RTS)
Slovenia (RTVSLO)
Spagna (TVE)
Svezia (SVT)
Svizzera (SRG SSR)
Ucraina (UA:PBC)
Regno Unito (BBC)
 *Associato EBU

Redazione

CS_Lucca Comics & Games: Caterina Rocchi di Lucca Manga School e Riccardo Zanotti dei Pinguini Tattici Nucleari alla Japan Town il 30 ottobre alle 12


Lucca Comics & Games


Caterina Rocchi
di Lucca Manga School e
Riccardo Zanotti
dei Pinguini Tattici Nucleari si raccontano alla
Japan Town
il 30 ottobre alle 12 

– Sala Incontri (primo piano) – area Japan (Lucca Polo Fiere) –

Passione, inclusività e dedizione sono le parole chiave di una delle più importanti scuole di manga italiane e di una delle band più amate d’Italia.

Foto in alta qualità disponibili, mandare una mail a nina@astarteagency.it
…………………………………………………………………….

Caterina Rocchi di Lucca Manga School e Riccardo Zanotti dei Pinguini Tattici Nucleari si raccontano alla Japan Town il 30 ottobre alle 12, per Lucca Comics & Games: un’occasione unica in cui due arti diverse ma unite da una forte passione, si incontrano e si raccontano con alcuni dei loro importanti esponenti.

Tutti, almeno una volta nella vita, abbiamo speso qualche minuto leggendo un manga, o perdendoci nelle puntate della sua versione televisiva. Oggi, anche in Italia si studia in modo approfondito e rigorosamente nipponico la magica tecnica di disegno del Manga, appresa in Giappone e trasportata in Italia nella sua versione originaria dalla giovanissima Caterina Rocchi (aka Pane e Manga) che, a soli 28 anni (e da quando ne ha 17), gestisce una scuola di sua fondazione con ben 16 docenti e forma non solo studenti di ogni età, ma anche i futuri insegnanti.

“Sono partita con l’idea di creare una mia serie manga e ho scoperto strade inaspettate che mi hanno mostrato la mia vera missione. Aiutare gli altri a realizzare i loro sogni mi è sembrato più importante di pubblicare una mia storia, e so di aver fatto la scelta giusta quando ho deciso di dedicarmi completamente alla mia scuola.” (Caterina)

Se Caterina è a capo di una delle realtà di riferimento per la cultura Manga in Italia, Riccardo Zanotti è il leader, l’autore e il compositore di Pinguini Tattici Nucleari, uno dei progetti rivelazione degli ultimi anni e podio di Sanremo 2020 che ha collezionato, con l’ultimo album Fuori Dall’Hype e l’EP Ahia!, un incredibile numero di Tripli e Doppi Dischi di Platino e moltissimi Platino e Oro. E tutti, almeno una volta nella vita, si sono persi in una delle loro incredibili hit.

Lucca Comics & Game: Japan Town 30 ottobre, ore 12, Sala incontri (primo piano), area Japan (Lucca Polo Fiere) con Caterina Rocchi e Riccardo Zanotti.

Caterina Rocchi (aka Pane e Manga) sarà presente con il suo stand e lo staff di Lucca Manga School ogni giorno alle 16 presso l’area Japan con workshop aperti a tutti.
Redazione

CS_AKA 7EVEN: fuori il 29 ottobre il nuovo singolo “6 PM”, già disponibile in pre-save e pre-add, con cui l’artista è pronto a raccontarci un’altra parte di sé.


“7 VITE” 

DOPO AVER ANNUNCIATO L’USCITA DEL SUO PRIMO LIBRO 

DISPONIBILE DAL 23 NOVEMBRE

AKA 7EVEN 

È PRONTO A RACCONTARCI

 UN’ALTRA PARTE DI SÉ  

FUORI IL 29 OTTOBRE IL NUOVO SINGOLO “6 PM

in pre-save e pre-add al link aka7even.lnk.to/6PM

Voglio raccontarvi di quel giorno in cui la musica è diventata la mia migliore amica, la mia stella polare, il mio sogno”. Aka 7even, dopo aver annunciato l’uscita del suo primo libro, è pronto a raccontarci un’altra parte di sé con il nuovo singolo, “6PM (Columbia Records Italy/Sony Music Italy), fuori da venerdì 29 ottobre. Il brano è disponibile in pre-save e pre-add al seguente link: https://aka7even.lnk.to/6PM.

6 PM”, prodotta da Cosmophonix, porta con sé la nostalgia di un amore finito, durato forse troppo poco e che ha il sapore dell’estate già finita. Le lancette dell’orologio non si possono fermare, il tempo scorre ma, per quello che una relazione può dare, per quanto caduca essa sia, vale sempre la pena di essere vissuta. 

“6 PM – commenta Aka 7evenè una power ballad malinconica che racconta la fine di un amore, è una riflessione sul tempo e sul suo ruolo nella vita di tutti noi, nelle nostre relazioni. Ogni fine ha un sapore amaro, ma porta con sé anche tanti ricordi, da ripercorrere e conservare. A fare da sfondo a questo viaggio, un’atmosfera cittadina, quella del traffico delle 6 PM, che ha sostituito l’estate terminata come tutte le cose che durano poco. Proprio come nel libro che potrete leggere tra poco, in 6PM mi sono messo a nudo. Spero che questo brano possa farvi conoscere ancora un’altra sfumatura di me e della mia musica e che vi faccia cantare a squarciagola.”

Se il nuovo brano ci racconta le emozioni racchiuse nel senso di una mancanza, presto sarà possibile conoscere meglio Aka 7even attraverso le pagine di “7 vite”, romanzo edito da Mondadori che sarà disponibile in tutte le librerie a partire dal 23 novembre. Al link https://bit.ly/3p6pRJN è già possibile pre-acquistare una copia autografata del libro, che darà diritto alla partecipazione a un evento online esclusivo! Il 30 novembre 2021 alle ore 17:00 Aka 7even incontrerà infatti i suoi fan in una chat room su Zoom. 

Redazione

CS_Torino ospiterà il 66° Eurovision Song Contest nel 2022


(none)

La città di Torino è stata scelta come città ospitante del 66° Eurovision Song Contest, dopo aver trionfato su altre 16 concorrenti.

L’Italia si è aggiudicata il diritto di organizzare l’Eurovsion Song Contest 2022, dopo che Måneskin hanno regalato al proprio Paese la sua prima vittoria dal 1990 con la canzone “Zitti e Buoni” al Contest dello scorso maggio. La Grand Final dell’Eurovision Song Contest 2022 si svolgerà al PalaOlimpico, una delle arene indoor più grandi d’Italia, sabato 14 maggio con le Semifinali il 10 e 12 maggio.
La Rai, insieme all’European Broadcasting Union (EBU), organizzerà l’evento e formalizzerà i relativi accordi insieme alla Città di Torino nelle prossime settimane.
Torino è stata scelta a seguito di una convincente offerta della città. Un totale di 17 città e regioni italiane hanno gareggiato per ospitare il più grande evento di musica dal vivo del mondo, che ha raggiunto quasi 190 milioni di spettatori in TV e online nel 2021.
Il supervisore esecutivo dell’Eurovision Song Contest Martin Österdahl ha accolto con favore la scelta: “Torino è la città ospitante perfetta per il 66° Eurovision Song Contest. Come abbiamo visto durante le Olimpiadi invernali del 2006, il PalaOlimpico supera tutti i requisiti necessari per mettere in scena un evento globale di questa portata e siamo rimasti molto colpiti dall’entusiasmo e dall’impegno della Città di Torino che accoglierà migliaia di appassionati il prossimo maggio. Questo sarà il primo Eurovision Song Contest che si terrà in Italia dopo 30 anni e, insieme alla nostra emittente ospitante Rai, siamo determinati a renderlo speciale”.
L’Amministratore Delegato della Rai Carlo Fuortes ha aggiunto: “Siamo felici che Torino ospiti la prossima edizione dell’Eurovision Song Contest, il festival internazionale amato da un vasto pubblico in ogni paese. Grazie alla bellissima vittoria di Maneskin, il concorso canoro torna in Italia dopo 31 anni, in una città che ha tutte le caratteristiche per ospitare un evento così prestigioso. La scelta fatta dalla Rai, insieme all’EBU, non è stata facile visto l’altissimo livello delle proposte fatte dalle città concorrenti, che ringrazio per la loro entusiastica partecipazione. Da oggi inizia un viaggio emozionante per la Rai e la città di Torino che ci condurrà a maggio 2022. Una grande sfida per la Rai e per il nostro Paese”.
Anche la Sindaca di Torino, Chiara Appendino, è entusiasta che il Contest si svolga nella propria città nel maggio 2022: “Ospitare l’Eurovision Song Contest 2022 a Torino è, allo stesso tempo, un grande onore e un grande risultato per la nostra città e il nostro Paese. Dopo aver inaugurato una nuova stagione di grandi eventi, Torino sarà un palcoscenico per la musica e la cultura, in un evento internazionale dinamico e inclusivo che coinvolgerà tutta la città. Siamo lieti di rappresentare l’Italia di fronte a un pubblico così vasto e ci stiamo già preparando ad accogliere ospiti da tutta Europa.  Come sempre, saremo pronti”.
L’Italia ospiterà l’Eurovision Song Contest per la terza volta dopo aver già organizzato l’evento a Napoli nel 1965 e a Roma nel 1991.
Ulteriori dettagli sugli spettacoli, i biglietti e gli eventi di accompagnamento saranno rivelati nelle prossime settimane e mesi. Per maggiori dettagli segui i canali ufficiali Dell’Eurovision Song Contest Twitter, Instagram, TikTok e Facebook.

Redazione

CS_Rai1, ultimo appuntamento con “Arena Suzuki ’60 ’70 ’80” Tante superstar della musica con Amadeus dall’Arena di Verona


 

(none)

Sabato 2 ottobre, in prima serata su Rai1, andrà in onda il secondo appuntamento con “Arena Suzuki ’60 ’70 ’80”, l’ultima di due serate evento condotte da Amadeus dalla splendida cornice dell’Arena di Verona, per rivivere tre decenni iconici della musica italiana e internazionale. Questi gli artisti che si esibiranno nel corso della puntata di sabato 2 ottobre: Village People, Gianna Nannini, Raf, Sabrina Salerno, Patty Pravo, Opus, Roberto Vecchioni, Donatella Rettore, Tony Hadley, Peppino Di Capri, Gazebo, Marcella Bella, Fausto Leali, Alphaville. Un cast stellare, artisti leggendari, ricordi indelebili e canzoni simbolo di un’epoca irripetibile torneranno a riecheggiare nell’Arena di Verona. Questi show, che segnano la prima volta di Amadeus alla conduzione sul palco dell’Arena nella “sua” Verona, porteranno il pubblico a rivivere tre decenni emozionanti della musica in Italia, punteggiati dai racconti del padrone di casa, che faranno da filo conduttore durante le serate.
Per “Arena Suzuki ’60 ’70 ‘80” Amadeus tornerà nel ruolo del dj: molte di queste canzoni, infatti, sono le stesse che proponeva nelle serate in discoteca all’inizio della sua carriera e poi in radio. Da una consolle, che sarà uno dei pilastri della scena, Amadeus farà ascoltare il suo repertorio di dj-vocalist, la sua playlist, un meraviglioso diario sentimentale articolato anche dai suoi incontri con gli ospiti.
La serata andrà in onda in contemporanea anche su Radio2, la radio ufficiale dell’evento. 

Redazione

CS_Fino al 31 dicembre 2021 al complesso di Santa Caterina a Napoli “PINO DANIELE ALIVE, LA MOSTRA”, il progetto espositivo nato dalla collaborazione della PINO DANIELE TRUST ONLUS con FONDAZIONE MADE IN CLOISTER e WALL OF SOUND GALLERY. 


“PINO DANIELE ALIVE, LA MOSTRA”
il progetto espositivo multimediale
nato dalla collaborazione con
PINO DANIELE TRUST ONLUS
FONDAZIONE MADE IN CLOISTER
 e WALL OF SOUND GALLERY

FINO AL 31 DICEMBRE 2021
AL COMPLESSO DI SANTA CATERINA A FORMIELLO (NAPOLI)

PINO DANIELE TRUST ONLUS unisce le forze con FONDAZIONE MADE IN CLOISTER WALL OF SOUND GALLERY per celebrare l’indimenticabile artista partenopeo PINO DANIELE con “PINO DANIELE ALIVE, LA MOSTRA”, un progetto espositivo multimediale che resterà a Napoli, presso il complesso di Santa Caterina a Formiello (Piazza Enrico de Nicola, 49), sede della Fondazione, fino al 31 dicembre 2021.                         
L’idea del progetto nasce dalla collaborazione del figlio di Pino Daniele, Alessandro Daniele, e del fotografo Guido Harari.       

All’interno della mostra sarà possibile vedere per la prima volta in grande formato scatti iconici di Pino Daniele, realizzati dai fotografi che lo hanno seguito più da vicino nell’arco della sua carriera. Immagini che hanno caratterizzato le copertine dei suoi dischi storici e fotografie inedite, digitalizzate appositamente per la mostra.           
      
In ordine cronologico si susseguiranno alcuni ritratti giovanili scattati da Lino Vairetti della band Osanna, per passare alle immagini di Mimmo Jodice, Cesare Monti, Guido Harari, Luciano Viti, Giovanni Canitano, Adolfo Franzò, Roberto Panucci, Letizia Pepori.

«Quando entrai per la prima volta nella Fondazione Made in Cloister fu suggestivo e sentii l’esigenza di accendere il mio computer per suonare uno di quei brani strumentali di mio padre dedicati a De Filippo. Vedevo quello spazio come un contenitore multimediale per la diffusione del nostro patrimonio culturale. Un’intuizione che ora si trasforma in qualcosa di concreto con la mostra itinerante ispirata all’installazione museale permanente “Pino Daniele Alive”, realizzata dalla Pino Daniele Trust Onlus all’interno del Museo della Pace di Napoli.» –racconta il co-curatore Alessandro Daniele.

La cornice suggestiva della Fondazione Made in Cloister, grazie alle sue caratteristiche architettoniche, riuscirà a guidare naturalmente il pubblico in un percorso multimediale, alla scoperta degli aspetti più complessi e privati di Pino. Ad arricchire l’esposizione anche oggetti e strumenti cari all’artista, tra gli altri, alcune sue chitarre rese celebri dalle copertine dei suoi dischi, il mandolino utilizzato per le registrazioni di “Napule è” e i fogli scritti di suo pugno con le scalette dei concerti.         
Un soundtrack d’eccezione accompagnerà i passi del pubblico: alcuni brani del repertorio dell’artista saranno presentati in chiave inedita, con stralci audio della sola voce e/o della sola chitarra isolate dal resto degli strumentiA ritmare la dimensione volutamente più intima dell’ascolto, i respiri di Pino Daniele inframezzano le varie esecuzioni.

La mostra sarà anche un contenitore di attività no profit a cura della Pino Daniele TrustOnlus, che, grazie alla collaborazione di SIAE–Società Italiana degli Autori ed Editori, arricchirà il programma con una serie di attività di formazione artistico-musicale, con incontri dedicati ai licei musicali, istituzioni e corsi accreditati dal MIUR AFAM. 

Il primo appuntamento, “SULLE TRACCE DI PINO DANIELE”, si terrà proprio il 18 settembre a partire dalle ore 18:00. Il focus sarà l’analisi stilistica ed armonica delle opere di Pino con ascolti dei multi traccia originali di alcuni celebri brani, con la partecipazione degli studenti dei corsi PopRock del Conservatorio d Musca Giuseppe Verdi di Milano. 

Il progetto prende il nome dall’istallazione museale permanente “PINO DANIELE ALIVE”, che il Museo Della Pace di Napoli ha voluto dedicare a Pino Daniele, aperta al pubblico il 29 Giugno 2016. Il percorso, a cura di PINO DANIELE TRUST ONLUS, è frutto di un’intesa tra l’indimenticabile “mascalzone latino” e il Presidente della Fondazione Mediterraneo Michele Capasso.      

«Questo progetto porta Pino Daniele nella splendida cornice della Fondazione Made inCloister, con una formula insolita e altamente emozionale. Rincorrere le sue dita sulla chitarra, afferrare il volo della sua ispirazione in tracce sonore volte incomplete, ritrovarseli suo viso da scugnizzo dall’adolescenza fino alla maturità in fotografie iconiche e anche molte inedite, sarà un’esperienza intensa e toccante, sia per il suo pubblico che per noi fotografi che lo abbiamo conosciuto e amato.Per noi, per tutti, Pino è e resterà sempre”Alive”, “Vivo”.» — aggiunge il co-curatore Guido Harari.

«Made in Cloister è un progetto di rigenerazione urbana per l’area di Porta Capuana a Napoli, i cui motori sono l’arte contemporanea, il design e le grandi tradizioni artigianali della nostra regione. Nel 2018 abbiamo deciso di includere un programma dedicato alla Fotografia e-dopo la mostra Art Kane, Visionary -insieme a Alessandro Daniele e Guido Harari abbiamo voluto dedicare un grande progetto espositivo a Pino Daniele. E’ la prima mostra itinerante multimediale sull’artista napoletano scomparso nel 2015 ed è stata progettata, in collaborazione con il Pino Daniele Trust Onlus e Wall Of Sound Gallery, con l’obiettivo di raccontare l’anima dell’Uomo in Blues — spiega Davide de Blasio, Fondazione Made in Cloister.

«Come non essere presenti come SIAE con un sostegno concreto per ricordare, a sei anni dalla scomparsa, un autore che ci ha dato tanto? Parole e musica di Pino Daniele hanno accompagnato e accompagnano, come solo una presenza puntuale e discreta sa fare, quarant’anni di storia musicale italiana. Una storia anche sociale, umana, attenta, partecipe. Un grande cantautore e un grande compositore, per questo siamo onorati di essere parte del progetto multimediale che siamo sicuri restituirà dell’amato cantante partenopeo l’anima più delicata e insieme vivace, portandone il messaggio e la lezione anche alle generazioni più giovani» — dichiara Gaetano Blandini, Direttore Generale SIAE.     

Orari d’apertura della mostra: Martedì—Sabato, h 11.00—19.00/Domenica e Lunedì, chiuso. Tariffa unica€ 5.00.

Radio Monte Carlo è la radio ufficiale della mostra.

Redazione

CS_A Voice for Europe/Una Voce per l’Europa, Italia: dall’1 al 3 settembre le finali a Riccione


DAL 1° AL 3 SETTEMBRE INIZIANO A RICCIONE
LE FASI FINALI NAZIONALI
DELLA 53ESIMA EDIZIONE DEL
FESTIVAL INTERNAZIONALE

A VOICE FOR EUROPE

UNA VOCE PER L’EUROPA, ITALIA

Il concorso musicale “Una voce per l’Europa”, presentato dalla Nove Eventi 9E, affonda le sue radici nella storia della musica della nostra splendida nazione. Un concorso di canto che senza mezzi termini rispecchia l’eccellenza della cultura musicale-canora italiana, come dimostrano i grandi nomi citati nei registri storici del festival, e spiega le ali nel vasto territorio Europeo.Anche quest’anno, terminata la fase delle Finali Regionali, verranno selezionati i 24 concorrenti – 12 per la categoria Brani in Lingua Italiana (BLI) e 12 per quella Brani in Lingua Straniera (BLS) – che accederanno alle Finali Nazionali del concorso che si svolgeranno il 1°, il 2 e il 3 settembre a Riccione (RN).Come per le precedenti edizioni, anche per questa edizione il 1° e il 2 settembre si terranno le due Finali Nazionali di categoria per decretare il vincitore della categoria BLS e BLI.La Finalissima Nazionale si svolgerà il 3 Settembre 2021 a Riccione.Al Vincitore di ciascuna Categoria e al Vincitore della Finalissima del Festival sarà offerto un contratto fonografico del brano in gara e relativa promozione via radio/tv/web-tv.
Al Vincitore Assoluto della Finalissima e, quindi, del Festival è attribuita la facoltà di partecipare, non in gara ma quale ospite per l’esibizione, alla Finalissima del Festival Sanremo Rock e Sanremo Trend organizzata da Nove Eventi l’11 Settembre presso il Teatro Ariston di Sanremo.Al Vincitore è attribuita, inoltre, la facoltà di partecipare quale ospite, in data 4/09/21, alla Finale di Miss Reginetta d’Italia, il cui passaggio verrà diffuso in differita su Rete4 a cura di Media Event.La Giuria individuerà, inoltre, i primi cinque concorrenti appartenenti a ciascuna Categoria che sono acceduti alla Finalissima, i quali avranno facoltà di partecipare, per conto di Media Event Srl, all’ International Festival Partner – Gran Galà dei Festival che si terrà in San Marino (Teatro Titano) dal 14 al 16 Ottobre. IL FESTIVAL“A Voice for Europe/Una Voce per l’Europa: Italia” è un concorso canoro per giovani emergenti, è un’opportunità per confrontarsi, stabilire contatti tra i ragazzi, i rappresentanti del mondo dello spettacolo, e offrire la possibilità di crescita.Questo Festival è stato ideato dal cavalier Silvio Giorgetti nel 1968. Le prime edizioni portano il nome di “L’Ugoletta d’Oro”, che lasciò poi il posto a “Voci Nuove” e infine a “Una Voce per l’Europa”. Da inizio anni Ottanta venne promosso sul primo canale TV nazionale con la conduzione, fra gli altri, di Pippo Baudo e rimase in auge per 26 anni.Successivamente venne rilevato da Nove Eventi Srl, attuale organizzatore del Festival, con l’intento di riportarlo al suo antico splendore, si aggiunge al desiderio di renderlo un evento internazionale tra i più importanti nel panorama musicale. A VOCE FOR EUROPE/UNA VOCE PER L’EUROPA: ITALIASito Ufficiale | Facebook
Redazione