ezio bosso

CS_CIAO FRA’ : CONCERTO ACUSTICO IN STREAMING DI OSCAR IN RICORDO DI EZIO “XICO” BOSSO.


CIAO FRA’ : CONCERTO ACUSTICO IN STREAMING DI OSCAR IN RICORDO DI EZIO “XICO” BOSSO

MERCOLEDÌ 15 LUGLIO 2020

ORE 21:30

CIAO FRA’

CONCERTO ACUSTICO DI OSCAR CON LA PARTECIPAZIONE IN VIDEO DI VARI ARTISTI

PER “XICO” EZIO BOSSO A DUE MESI DALLA SUA SCOMPARSA

IN DIRETTA STREAMING DALLA PAGINA FACEBOOK:

https://www.facebook.com/oscarilmod/

dal BLAH BLAH via Po 21 TORINO

Prima, durante e dopo la diretta è possibile donare su questa raccolta fondi attivata da Fondazione Ricerca Molinette in omaggio a Ezio, a sostegno dei progetti di Ricerca oncologica presso l’AOU Città della Salute e della Scienza di Torino.

ALTRI MODI PER DONARE PER LA RICERCA, IN MEMORIA DI EZIO:

👉 Bonifico bancario (IBAN): IT61E0304301000CC0010006509

Beneficiario: Fondazione Ricerca Molinette ONLUS

Causale: “donazione in memoria di Ezio”

👉 PayPal: segui l’apposito link su www.fondazionericercamolinette.it/sostienici/fai-una-donazione/

Causale: “donazione in memoria di Ezio”

NB

L’ingresso al pubblico presso il BLAH BLAH è consentito a sole 30 persone, tramite prenotazione all’indirizzo email mk.no@libero.it

Da sempre legato da amicizia fraterna vera, fin dai tempi degli studi di contrabbasso al Conservatorio, alla militanza negli Statuto e in piazza Statuto Mod, Oscar Giammarinaro omaggia l’amico “Xico” Ezio Bosso, eseguendo in acustico le proprie canzoni, alternate a quelle (in video) registrate appositamente per l’evento, da celebri artisti di musica “pop” italiana che hanno avuto modo di collaborare o anche solo conoscere il grande maestro recentemente scomparso, al quale si auspica venga intitolato il giardino di piazza Statuto, davanti al n°18 di Palazzo Paravia nella sua  Torino.

Redazione

Omaggio a Ezio Bosso Il ricordo del musicista su reti e testate


(none)

Per rendere omaggio a Ezio Bosso e ricordare la testimonianza di grande umanità e il contributo, unico, che il musicista appena scomparso ha regalato all’arte e alla cultura, Sabato 16 maggio, su Radio1, durante “Caffè Europa” (alle 7.35), condotto da Tiziana Di Simone, il musicista verrà ricordato con un passaggio del suo discorso al Parlamento europeo del 26 giugno 2018, mentre la rubrica a cura della redazione cultura “In prima fila” (alle 12.30) gli dedicherà l’apertura.
Domenica 17 maggio, alle 9.25 “O anche no” – il docureality dedicato al sociale e alla solidarietà – ricorderà il maestro Ezio Bosso. In prime time sarà Fabio Fazio con “Che Tempo che Fa”, alle 21.05, a riservargli un ricordo speciale.
L’omaggio al direttore d’orchestra è cominciato già ieri mattina con Rai1 che ha dedicato a Bosso spazi di approfondimento a “Uno Mattina”, “Storie italiane”, “Vieni da me”, “La vita in diretta”. Su Rai2 l’omaggio è stato affidato a “I Fatti Vostri” e “Detto Fatto”. 
In radio, su Radio1 hanno ricordato Bosso con “In Vivavoce” condotto da Ilaria Sotis e Claudio De Tommasi, e nei servizi a cura della redazione cultura in tutte le edizioni dei Giornali radio. Ampio spazio al ricordo del grande artista scomparso, infine, su tutte le Testate Rai.

Redazione

C.S._#RAI3 “Che storia è la musica” Una serata evento con Ezio Bosso


(none)

Nella sconfinata produzione televisiva è molto difficile trovare un segmento non ancora esplorato: c’è voluta quindi una certa dose di coraggio e voglia di sperimentare per realizzare il sogno, a lungo meditato da Ezio Bossodi creare un programma del tutto nuovo, che potesse coniugare la televisione più accessibile alla cosiddetta musica alta. Che storia è la musica dunque è il risultato di questo sogno ed atto d’amore verso il grande repertorio classico e verso tutti coloro che lo sentono inaccessibile, trasposto in televisione dal Maestro insieme ad Angelo Bozzolini, in una serata evento che coprirà la prima e seconda serata di Rai 3 domenica 9 giugno a partire dalle 20.35.

L’idea di partenza è molto semplice e al contempo radicale: innanzitutto obbedire ai tempi televisivi, ma non farvi obbedire Ludwig van Beethoven, le cui sinfonie quinta e settima sono eseguite in tutti i movimenti con l’orchestra della Europa Filarmonica; e poi, raccontare la musica attraverso le metafore della vita e raccontare la vita attraverso la musica, metafora per eccellenza, in un dialogo continuo, orizzontale e democratico, dove tutti sono protagonisti: il Direttore, la sua Orchestra, il pubblico in sala e a casa, i tanti ospiti famosi, provenienti da diverse realtà, che creano un legame ancora più profondo tra la musica d’eccellenza e la prima serata televisiva. Infine Bosso stesso, da sempre lontano dai palchi televisivi, che si mette in gioco senza rete, avendo come unico canovaccio la scrittura musicale beethoveniana e gli stimoli che essa gli trasmette, incontrando per la prima volta sul palco ospiti per lui inusuali ma che con entusiasmo e commozione hanno risposto al quesito su che storia fosse la musica per loro.

Che storia è la musica dunque è una scommessa televisiva, ma soprattutto un lavoro di squadra, dove la vera guida sono le esecuzioni dal vivo della Quinta e Settima sinfonia di Beethoven, curate in ogni singolo dettaglio, a partire dall’eccellenza del suono, per dimostrare ancora una volta la necessità, ma soprattutto l’accessibilità di una musica troppo spesso considerata per pochi, senza che essa venga minimamente tradita o debba piegarsi a codici che non le appartengono.

Il programma televisivo è dunque il racconto di momenti vissuti intensamente, sulla base del pensiero di far la musica insieme, di interazioni spontanee, di fianchi scoperti, di sincerità senza filtri, dove anche l’immensa fatica di dirigere e condurre al contempo di Ezio Bosso non è in alcun modo mascherata o edulcorata.

Il Teatro Verdi di Busseto è stato inoltre rivoluzionato per porre l’orchestra e il suo direttore al centro della platea, così da avere il cuore dello spettacolo avvolto da un’atmosfera intima e famigliare, una casa che pur pensando ai grandi gesti della televisione del passato – da “Non è mai troppo tardi” del Maestro Manzi alle note lezioni di Leonard Bernstein – vuole essere un punto di partenza e soprattutto un’occasione per fare servizio pubblico, con l’obiettivo di raccontare la musica, le sue storie e anche i suoi fedeli operai quasi sempre anonimi, in questo caso i professori d’orchestra della Europa Filarmonica, cioè l’orchestra fondata da Ezio Bosso due anni fa e oggi attiva sotto rinnovata veste e nome. In anteprima, una composizione del Maestro, un piccolo regalo alla platea televisiva della sua musica: In her Name, The Sea Rain, interpretata passionalmente dal violino di Anna Tifu.

Una serata di musica in TV con la speranza che, se in questa occasione il principale protagonista è stato Beethoven, possa ripetersi in futuro per altri grandi musicisti della nostra storia, per amore verso i tanti appassionati che la vivono ogni anno nelle stagioni classiche sparse su tutto il territorio italiano e con la speranza di “togliere la paura” a tanti, tanti altri.
Tra gli ospiti della serata: Luca BIZZARRI, Alessandra FACCHINETTI, Roby FACCHINETTI, Andrea LO CICERO, Nicoletta MANTOVANI, Enrico MENTANA, Alfonso SIGNORINI, Gino STRADA, Anna TIFU, Andrea ZANOTTI e il Coro della Sosat.

Redazione

Online il video di “Unconditioned – Following, a Bird” di EZIO BOSSO, l’antologia ” And the Things that Remain” (Sony Classical) al 1° posto della classifica di iTunes dei dischi più venduti di Classica


 

EZIO BOSSO 

E’ online il video di

Unconditioned – Following, a Bird

https://youtu.be/ScamxB3spGM

Estratto dal dvd dell’antologia uscita per Sony Classical

“…AND THE THINGS THAT REMAIN

Da venerdì 2 dicembre, è online sui canali Youtube e Vevo ufficiali il video in cui EZIO BOSSO si esibisce nella sua celebre composizione “Unconditioned – Following, a Bird” nella nuova versione per violoncello e pianoforte.

Il video, girato al Teatro Sociale di Gualtieri, è estratto dall’antologia “…And the Things that Remain(Sony Classical) che raccoglie in 2 CD più 1 DVD alcuni fra i momenti più significativi delle composizioni e interpretazioni di Ezio Bosso, considerato uno tra i più completi compositori, direttori d’orchestra e interpreti a livello internazionale.

“…And the Things that Remain” continua ad essere al 1° posto della classifica di iTunes dei dischi più venditi di Classica, ed è entrato in Top 20 della classifica TOP OF THE MUSIC FIMI/GfK Italia dei dischi più venduti della settimana (classifiche diffuse oggi da FIMI). Su Spotify lo streaming dei due brani “Rain, In Your Balck Eyes” e “Clouds, The Mind on the (Re)Wind” ha superato 1 milione di streaming.

L’antologia contiene brani registrati da Ezio Bosso a partire dal 2004, precedentemente all’album certificato Oro “The 12th Room”, in veste sia di esecutore al pianoforte che di direttore d’orchestra, e alcune ‘sorprese’ di recentissima registrazione, comprendendo composizioni e interpretazioni che spaziano dal pianoforte solo alla grande orchestra. “…And the Things that Remain” darà così a tutti l’opportunità di avvicinarsi, sia in audio che in video, ai tanti aspetti di una lunga carriera di compositore o, come direbbe lui «scrittore di musica», e di raffinato interprete.

Continua nel 2017 il tour di Ezio Bosso, questi i primi concerti annunciati: il 14 gennaio al Teatro Comunale di Bolzano in concerto in piano solo, il 24 gennaio al Teatro degli Arcimboldi di Milano in piano solo e l’11 febbraio al Teatro Verdi di Pordenone per la rassegna Note Nuove 2016-17.

Redazione

EZIO BOSSO diventa artista SONY CLASSICAL per tutto il mondo


EZIO BOSSO

DIVENTA ARTISTA SONY CLASSICAL

PER TUTTO IL MONDO

EZIO BOSSO, il più poliedrico fra i compositori, direttori d’orchestra e interpreti italiani della sua generazione, ha firmato un contratto pluriennale in esclusiva con Sony Classical.

Dopo aver visitato tante Stanze, Ezio Bosso trova così dimora nella prestigiosa etichetta che, da parte sua, appoggia l’artista in toto, dedicandosi ad un progetto di valorizzazione in tutto il mondo della lunga quanto eclettica carriera dell’artista come compositore, direttore d’orchestra e raffinato interprete.

«Siamo estremamente orgogliosi ed emozionati che Ezio Bosso abbia scelto Sony Music come la sua “casa” professionale – afferma Andrea Rosi, President & Ceo di Sony Music Italy – Siamo pronti a seguire e ad accompagnare il suo incredibile percorso artistico sia in Italia che nel resto del mondo. Per noi è un grande onore e privilegio poter lavorare insieme».

«Quasi non ci si crede, a furia di passare di Stanza in Stanza, la musica a cui appartengo, quella che scrivo, suono, dirigo e interpreto ha trovato una “casa” racconta Ezio Bosso – Una casa bellissima, con un progetto e con persone che credono in me e soprattutto nella musica. Grazie Sony Music. C’è tanto da fare insieme. E abbiamo già cominciato».

 Redazione

 

EZIO BOSSO direttore d’orchestra a La Fenice di Venezia: per la prima volta tutte le prove sono aperte al pubblico


EZIO BOSSO

ezio bosso

TORNA A DIRIGERE IN ITALIA

IL 17 OTTOBRE A LA FENICE DI VENEZIA!

Alla guida dell’Orchestra Filarmonica della Fenice

SERGEJ KRYLOV violino solista 

PER LA PRIMA VOLTA LE PROVE SARANNO APERTE

AL PUBBLICO – DAL 13 AL 17 OTTOBR

EZIO BOSSO, dopo lo straordinario tour estivo in piano solo “The 12th Room Tour”, torna nel suo ruolo naturale di direttore d’orchestra il 17 ottobre al Teatro La Fenice di Venezia, dove dirigerà la prestigiosa Orchestra Filarmonica della Fenice!

Il concerto prevede l’esecuzione di un programma ad hoc, scelto insieme all’orchestra, con musiche di Johann Sebastian Bach (Concerto brandeburghese n.3), Felix Mendelssohn Bartholdy (Sinfonia n. 4 in La maggiore, Op. 90) e dello stesso Ezio Bosso (Concerto per violino No.1 “Esoconcerto”).

Al violino solista si esibirà SERGEJ KRYLOV, considerato uno dei più grandi virtuosi del violino al mondo, musicista eccelso, collega e amico fraterno di Ezio Bosso.

A coronamento della filosofia di Ezio Bosso, che da sempre sostiene che «la musica non è di nessuno ma si fa assieme», le fasi di preparazione del concerto del 17 ottobre saranno aperte al pubblico a partire dal primo giorno di prove il 13 ottobre.

Sarà un’esperienza unica, realizzata per la prima volta in Italia, in cui il compositore e direttore d’orchestra si metterà a disposizione del pubblico che potrà seguire passo per passo la costruzione di un concerto di musica classica immergendosi nell’empatia che si crea tra direttore ed orchestra. Oltre alle prove aperte, sempre a La Fenice si terrà lo “Studio aperto”: un momento di incontro, dibattito, scambio e lezione da vivere con Ezio Bosso per “fare musica assieme”.

Posti limitati, prenotazione obbligatoria inviando una mail all’indirizzo marketing@filarmonica-fenice.it (costo € 30 adulti, € 10 minori di anni 20, il ricavato andrà in sostegno dell’attività della Filarmonica). Un accesso è gratuito per chi è già in possesso del biglietto per il concerto del lunedì sera.

Giovedì 13 ottobre – Prima prova con l’Orchestra Filarmonica della Fenice

dalle ore 20 alle ore 22 circa

Venerdì 14 ottobre – Lo “Studio aperto”

dalle ore 14.30 alle ore 18.30

Sabato 15 ottobre – Prova con l’Orchestra Filarmonica della Fenice

dalle ore 11 alle ore 13.30

e dalle ore 14.30 alle ore

Domenica 16 ottobre – Prova con l’Orchestra Filarmonica della Fenice e Sergej Krylov

dalle ore 12 alle ore 15

Lunedì 17 ottobre – Prova generale in sala concerti, precedenza alle scolaresche

dalle ore 12 alle ore 15 (300 posti)

«Sono felice e preoccupato, sorridente e spaventato – racconta Ezio Bosso – È un vero debutto e al mio fianco avrò uno dei miei più cari amici che già ho avuto modo di definire un eroe del violino: Sergej Krylov. Torno a dirigere un concerto intero e sono orgoglioso che la filarmonica di una città a me cara mi abbia chiesto di fare questo viaggio insieme, lavorando insieme: in fondo, per me sarà la prima volta che li dirigo, per loro sarà la prima volta che si cimenteranno in Mendelsshon e Bosso. Quindi ancora più onorato e responsabilizzato dalla richiesta di lavorare insieme a una delle sinfonie più avvincenti della storia, la famosa italiana di Mendelsshon».

Redazione 

EZIO BOSSO torna a dirigere in Italia, il 17 ottobre al Teatro La Fenice di Venezia! PROVE APERTE AL PUBBLICO


EZIO BOSSO

bo

TORNA A DIRIGERE IN ITALIA

IL 17 OTTOBRE A LA FENICE DI VENEZIA!

Alla guida dell’Orchestra Filarmonica della Fenice

SERGEJ KRYLOV violino solista

PER LA PRIMA VOLTA LE PROVE SARANNO APERTE AL PUBBLICO

 

EZIO BOSSO, dopo lo straordinario tour estivo in piano solo “The 12th Room Tour”, torna nel suo ruolo naturale di direttore d’orchestra il 17 ottobre al Teatro La Fenice di Venezia, dove dirigerà la prestigiosa Orchestra Filarmonica della Fenice!

Il concerto prevede l’esecuzione di un programma ad hoc, scelto insieme all’orchestra, con musiche di Johann Sebastian Bach(Concerto brandeburghese n.3), Felix Mendelssohn Bartholdy (Sinfonia n. 4 in La maggiore, Op. 90) e dello stesso Ezio Bosso(Concerto per violino No.1 “Esoconcerto”).

Al violino solista si esibirà SERGEJ KRYLOV, considerato uno dei più grandi virtuosi del violino al mondo, musicista eccelso, collega e amico fraterno di Ezio Bosso.

«Sono felice e preoccupato, sorridente e spaventato – racconta Ezio Bosso – È un vero debutto e al mio fianco avrò uno dei miei più cari amici che già ho avuto modo di definire un eroe del violino: Sergej Krylov. Torno a dirigere un concerto intero e sono orgoglioso che la filarmonica di una città a me cara mi abbia chiesto di fare questo viaggio insieme, lavorando insieme: in fondo, per me sarà la prima volta che li dirigo, per loro sarà la prima volta che si cimenteranno in Mendelsshon e Bosso. Quindi ancora più onorato e responsabilizzato dalla richiesta di lavorare insieme a una delle sinfonie più avvincenti della storia, la famosa italiana di Mendelsshon».

ezio bosso

L’Orchestra Filarmonica della Fenice, nata nel 2010, è l’associazione dei musicisti del “Gran Teatro la Fenice”. Composta da circa 90 elementi stabili, l’Orchestra ha l’obiettivo di contribuire alla diffusione della musica sinfonica tra il pubblico e sostenere i giovani talenti. Le collaborazioni con Direttori d’Orchestra e Solisti di fama mondiale esibitisi all’interno delle grandi stagioni sinfoniche del Teatro La Fenice costituiscono l’inestimabile patrimonio di esperienze musicali dell’Orchestra, che da queste intende partire e proseguire per proporsi al pubblico nazionale ed internazionale in veste puramente sinfonica.

«La scelta e l’originale accostamento di brani così diversi fra loro, fatta con il maestro Bosso, ha dato vita ad un concerto mai eseguito prima, una sfida musicale e nuova nel suo genere in un luogo come il teatro La Fenice, da sempre ossimoro di tradizione e innovazione – commenta Stefano Pratissoli, primo contrabbasso dell’Orchestra Filarmonica della Fenice – Una sintesi musicale di coerente bellezza che vuole coinvolgere il pubblico e accompagnarlo in un percorso musicale che parte da Bach, caposaldo della musica tonale occidentale, entra negli spazi emotivi propri della visione creativa di Ezio Bosso e arriva  a Mendelssohn, compositore che più di ogni altro sapeva tradurre in musica la dimensione del viaggio. Lavorare a stretto contatto con il direttore e il compositore al tempo stesso del concerto è un’emozione che raramente è possibile vivere, un’occasione in cui fare musica assumerà il significato più ampio».

A coronamento della filosofia di Ezio Bosso, che da sempre sostiene che «la musica non è di nessuno ma si fa assieme», le prove in preparazione del concerto del 17 ottobre saranno aperte al pubblico. Sarà un’esperienza unica, realizzata per la prima volta in Italia, in cui il compositore e direttore d’orchestra si metterà a disposizione del pubblico che potrà seguire passo per passo la costruzione di un concerto di musica classica immergendosi nell’empatia che si crea tra direttore ed orchestra. Oltre alle prove aperte, sempre a La Fenice si terrà lo studio aperto: un momento di incontro, dibattito, scambio e lezione da vivere con Ezio Bosso per “fare musica assieme”. Prossimamente verranno rese note le informazioni per l’accesso e i dettagli. Info: Ufficio stampa – Orchestra Filarmonica del Teatro La Fenice: Roberta Stumpo, Adnkronos Comunicazione Nord Est (roberta.stumpo@adnkronos.com; 049 8774403)

Le prevendite sono disponibili al seguente link:

www.teatrolafenice.it/site/index.php?pag=21&spettacolo=25212&lingua=ita

 

 

 

Redazione

Ezio Bosso, live a Ostuni nella Cava Anfiteatro San Giovanni –


ez

Dopo aver emozionato l’Italia dal palco del Festival di Sanremo con la sua composizione “Following A Bird”, il compositore e direttore d’orchestra Ezio Bosso sta raggiungendo il suo pubblico dal vivo con una serie di intense performance in Piano solo, basate sul repertorio del suo album “The 12th Room” (Incipit/EGEA Music).

Il 17 agosto 2016 Ezio Bosso sarà nella Cava Anfiteatro San Giovanni ad Ostuni (BR) in conclusione della rassegna musicale PianOstuni, manifestazione che ha già ospitato il concerto di Michael Nyman ed una due giorni in città con Rita Marcotulli, Cesare Picco, Un Pianoforte per l’Aquila e molti altri eventi pianistici.

Attenzione: l’evento era stato originariamente programmato nel Foro Boario ad Ostuni, e successivamente è stato spostato alla CAVA ANFITEATRO SAN GIOVANNI sempre ad Ostuni. Si prega di correggere la location dove necessario.

L’evento è organizzato da Bass Culture srl in collaborazione con l’Assessorato al Turismo del Comune di Ostuni.

Infoline 393 9639865 – info@bassculture.it

Prevendita per il concerto di Ostuni disponibile sul circuito Bookingshow
Prevendita online http://bit.ly/1tgmGPf
Ricerca punti vendita http://classic.bookingshow.it/servizi/vendita.asp

Redazione

Il 24 agosto EZIO BOSSO con “Gli 8 violoncelli di Torino” in concerto in piano solo al Gran Teatro all’Aperto Giacomo Puccini a Torre Del Lago Puccini (Lucca)


Comunicato stampa

EZIO BOSSO

Il pianista che ha emozionato l’Italia con l’album certificato oro “The 12th Room

THE 12TH ROOM TOUR

e

IL 24 AGOSTO AL GRAN TEATRO ALL’APERTO GIACOMO PUCCINI

A TORRE DEL LAGO PUCCINI (Lucca)

in occasione del Festival Pucciniano

Con Gli 8 Violoncelli di Torino

 Il 24 agosto EZIO BOSSO si esibirà in concerto in piano solo al Gran Teatro all’Aperto Giacomo Puccini a Torre Del Lago Puccini(Lucca) in occasione del Festival Pucciniano (ore 21.30 – Via delle Torbiere), per una tappa del tour “The 12th Room Tour” che nelle date primaverili ha emozionato 30.000 spettatori in tutta Italia registrando 22 concerti sold out con una media di due standing ovation in ogni tappa

“The 12th Room Tour” è il tour con cui Ezio Bosso presenta l’album certificato Oro “The 12th Room” dando vita ad un dialogo musicale tra il suono dell’ ‘amico’ Pianoforte Gran coda Steinway e gli spettatori, che partecipano agli spettacoli in rapito silenzio.

Questa sarà una tappa straordinaria, in cui si esibirà insieme a “Gli 8 violoncelli di Torino” portando sul palco nuove versioni per pianoforte e celli di brani come “Rain”, “Split”, della suite Bach/Chopin o di uno dei lavori di maggior successo del maestro “6 Breaths”, un viaggio alla scoperta del respiro, delle sue forme e del suo significato, riscritto per l’occasione per la nuova formazione.

 Le prevendite sono disponibili sul circuito Ticketone: http://www.ticketone.it/ezio-bosso-torre-del-lago-biglietti.html?affiliate=ITT&doc=artistPages%2Ftickets&fun=artist&action=tickets&key=1580272%247639520&jumpIn=yTix&kuid=516884&from=erdetaila

 The 12th Room (Incipit/EGEA Music) è un concept album composto da due CD: un primo disco con quattro brani inediti e sette di repertorio pianistico, ognuno dei quali vuole rappresentare metaforicamente le fasi che attraversiamo nella vita, e un secondo disco contenente la Sonata No. 1 in Sol Minore che simboleggia la dodicesima stanza. Il disco, registrato quasi interamente live a settembre 2015 durante i concerti al Teatro Sociale di Gualtieri (Reggio Emilia), è disponibile nei negozi tradizionali, in digital download e sulle principali piattaforme streaming. Subito dopo l’esibizione di Ezio Bosso come ospite al Festival di Sanremo, il disco “The 12th Room” aveva raggiunto la prima posizione della classifica iTunes degli album più venduti in Italia.

Ezio Bosso è un pianista, compositore e direttore d’orchestra nato a Torino. Ha studiato Composizione e Direzione d’Orchestra all’Accademia di Vienna arrivando a dirigere alcune delle più importanti orchestre internazionali come la London Symphony Orchestra, The London Strings, l’Orchestra del Teatro Regio di Torino e l’Orchestra dell’Accademia della Scala. Ha composto musica classica, colonne sonore per il cinema (per “Io non ho paura” di Salvatores, per “Rosso come il cielo” di Bortone), per il teatro (per registi come James Thierrèe) e la danza (per coreografi come Rafael Bonchela) fino a scrivere sperimentazioni con i ritmi contemporanei.

Dal 2011 Ezio Bosso convive con una malattia neurodegenerativa progressiva. Si esibisce con il suo “amico” Pianoforte Gran coda Steinway & Sons della collezione Bussotti-Fabbrini, appositamente preparato sulle specifiche del Maestro da Piero Azzola, e utilizza uno sgabello versatile e di supporto, chiamato “12” e nato dalla collaborazione con l’architetto Simone Gheduzzi di Diverse Righe Studio.

Redazione

DUE DISCHI D’ORO CERTIFICATI DA FIMI PER GLI ARTISTI DISTRIBUITI DA BELIEVE DIGITAL CON 25.000 COPIE VENDUTE: VALERIO SCANU ED EZIO BOSSO


DUE DISCHI D’ORO PER GLI ARTISTI DISTRIBUITI DA BELIEVE DIGITAL SECONDO LE CERTIFICAZIONI FIMI

 VALERIO SCANU CON “FINALMENTE PIOVE” ED EZIO BOSSO CON “THE 12TH ROOM”

RAGGIUNGONO IL TRAGUARDO DELLE 25.000 COPIE VENDUTE

Believe Digital, leader mondiale nella distribuzione e nel marketing digitale, ha contribuito in maniera diretta al raggiungimento dei dischi d’oro certificati da FIMI grazie al lavoro di ottimizzazione delle vendite digitali messo in atto dal proprio team, il più specializzato al mondo.

Digital ha investito in risorse in grado di garantire un supporto professionale e dedicato ad ogni singolo progetto, indipendentemente dal genere musicale, sia sul canale fisico che sul digitale.

Con oltre 25.000 copie vendute, Valerio Scanu conquista il Disco d’Oro per il brano sanremese “Finalmente Piove”.

Il brano, scritto da Fabrizio Moro, dà il titolo al nuovo album di Valerio uscito lo scorso 12 febbraio 2016 di cui Believe gestisce la distribuzione fisica e digitale. 13 tracce prodotte da Luca Mattioni, 8 delle quali portano la firma dello stesso Valerio. Bonus track dell’album, la cover di “Io vivrò (senza te)” di Lucio Battisti, eseguita al Festival di Sanremo.

Dichiara Scanu: «Essere arrivato a Sanremo con la mia etichetta indipendente ed esserci arrivato con un brano e con un progetto discografico come “Finalmente Piove” mi rende orgoglioso ed a prescindere dalle classifiche sanremesi questa Certificazione è la dimostrazione che quello che conta è arrivare alla gente».

Certificazione come Disco d’Oro da FIMI anche per “The 12th Room” del pianista Ezio Bosso; a contribuire al successo anche le straordinarie vendite digitali dell’album. Subito dopo l’esibizione di Ezio Bosso come ospite al Festival di Sanremo, il disco “The 12th Room” aveva raggiunto la prima posizione della classifica iTunes degli album più venduti in Italia mantenendola per circa 2 settimane.

Sulla propria fanpage Facebook, Bosso ha manifestato tutta la propria emozione per questo importante riconoscimento.

Dichiara Luca Stante, Amministratore Delegato Believe Digital Italia: «Vorrei ringraziare per questo risultato tutto il mondo indipendente: etichette ed artisti per la loro fiducia. Un plauso inoltre al nostro incredibile team che con umiltà, professionalità e grande passione si dedica ogni giorno ad ogni progetto, dal più piccolo al più grande. Stiamo applicando con successo il modello virtuoso sperimentato nella distribuzione digitale, anche ai servizi tradizionali: la distribuzione fisica, l’agenzia di web marketing, i diritti connessi ed oggi anche l’attività di etichetta. Ogni anno incrementiamo i risultati e sempre più artisti ed etichette si affidano a noi, considerandoci come una vera e propria multinazionale con la mentalità indipendente».

Oltre a Valerio Scanu e Ezio Bosso da gennaio 2016 diversi i progetti Believe in classifica sia sul fisico che sul digitale tra cui: Irene Fornaciari, Chiara Dello Iacovo, Tre Allegri Ragazzi Morti, I Cani, Marta Sui Tubi, Dj Maestro. Believe Italy registra giornalmente circa 200 release nelle classifiche generali in 85 Paesi nel mondo e 100 tracce giornaliere in 45 Paesi, numeri che crescono ulteriormente per le classifiche di genere con circa 300 release giornaliere nelle classifiche di 40 Paesi e 175 tracce in 35 Paesi in tutto il mondo.

Questo è un risultato molto eloquente della situazione competitiva Italiana e della qualità dell’A&R condotto da Believe in questi anni.

Redazione