festa europea della musica

CARMEN CONSOLI E LE BRIGITTE IL 21 GIUGNO A ROMA IN UN GRANDE CONCERTO PER LA FESTA EUROPEA DELLA MUSICA


sp

FESTA EUROPEA DELLA MUSICA

IL DUO FRANCESE  BRIGITTE E CARMEN CONSOLI

IL 21 GIUGNO A ROMA IN PIAZZA FARNESE 

UN GRANDE CONCERTO GRATUITO CHE CELEBRA L’ARRIVO DELL’ESTATE

E FESTEGGIA IL 60° ANNIVERSARIO DEL GEMELLAGGIO ROMA – PARIGI

car.jpg

Carmen Consoli e Le Brigitte, l’acclamato duo parigino composto da Aurélie Saada e Sylvie Hoarau, arrivano in concerto aRoma il 21 giugno nell’esclusiva cornice di Piazza Farnese per la Festa Europea della Musica.

Nata 35 anni fa a Parigi su iniziativa del Ministero della Cultura Francese, dal 1985 la Festa della Musica arriva in tutta Europa portando nelle strade delle maggiori città europee musicisti, dilettanti e professionisti che da allora, ogni anno, invadono allegramente piazze, stazioni, giardini e musei.

Quello di Piazza Farnese sarà come da tradizione un palco franco-italiano – tutto al femminile – per uno straordinario concerto gratuito che celebra l’arrivo dell’estate e festeggia anche il sessantesimo anniversario del gemellaggio di Roma con Parigi.

Un live imperdibile che fa parte della programmazione della seconda edizione de La Francia in scena, la stagione artistica dell’Institut français Italia e dell’Ambasciata di Francia in Italia.

Per la realizzazione del concerto Edison, main partner, e Ambasciata di Francia in Italia applicheranno per la prima volta Edison Green Music. Un vero e proprio protocollo per gli eventi musicali in grado di ridurne l’impatto ambientale attraverso soluzioni sostenibili. Una linea guida pratica per tutti gli ambiti di produzione di un concerto: dall’organizzazione e promozione dell’evento, alla logistica e mobilità, alla gestione dei rifiuti, per favorire l’adozione di buone pratiche e ottenere importanti e misurabili risultati in termini di risparmio energetico e sostenibilità ambientale.

Le Brigitte sono glamour, chic, affascinanti. Il loro nome è un omaggio a tre importanti B della scena francese: Brigitte Bardot, la cantante e scrittrice Brigitte Fontaine e Brigitte Lahaie, una delle prime stelle del cinema pornografico francese degli anni settante e ottanta. Tre donne molto diverse tra loro, ma legate da un comune senso di autonomia e originalità. Tratti che ben caratterizzano le Brigitte, da sempre impegnate nell’affermazione di una donna poliedrica e multiforme, che rifiuta schemi e nega etichette.

“Le Brigitte incantano il mondo della canzone con melodie evanescenti e un fascino devastante. Un nome al singolare per due donne singolari. Un universo atipico dove nulla è lasciato al caso”. Così Le Figaro le ha definite ed infatti il loro stile unico  si riflette nella loro musica che abbraccia un genere indie folk attraversato da un gusto rétro, contaminato da atmosfere pop, disco e ambienti psichedelici, dove si ritrovano echi orientali, africani e persino reggae.

Il loro primo album, “Et vous, tu m’aimes” (2011) le ha consacrate al successo: con oltre 200.000 copie vendute si aggiudicano il doppio disco di platino e l’anno successivo conquistano il prestigioso titolo di gruppo rivelazione ai “Victoires de la musique”, l’equivalente francese dei  Grammy Awards statunitensi.

Aurélie e Sylvie esplodono sulla scena internazionale: si esibiscono in oltre 250 date in patria e all’estero, viaggiano tra Europa, Asia e Medio Oriente. Il secondo album, A bouche que veux-tu (2014), è una conferma del loro talento che le portanel 2015 in tour in Canada e Usa.

br.jpg

Le Brigitte travalicano il mondo della musica con incursioni nella moda. Diventano muse e modelle del noto stilista Gérard Darel, che le vuole per la campagna primavera estate 2015 e le conferma per quella autunno e inverno 2015-2016,catapultandole tra le eleganti e patinate pagine di Vogue ed Elle, che le descrive come una versione francese di Jackie Kennedy.

Carmen Consoli è un nome che parla da sé con una carriera costellata di primati importanti. E’ stata la prima artista italiana a calcare il palco dello Stadio Olimpico di Roma, l’unica a partecipare in Etiopia alle celebrazioni dell’anniversario della scomparsa di Bob Marley, si è esibita come headliner a Central Park, ha segnato 3 sold out di fila a New York, ha fondato una sua etichetta, si è ispirata a Verga e alla mitologia, ha portato nelle sue canzoni anche l’arabo e il francese. E’ stata la prima donna nella lunga storia del Club Tenco a vincere la Targa Tenco come Miglior Album dell’anno con “Elettra”, è stata nominata Goodwill Ambassador dell’Unicef e Ambasciatrice del Telefono Rosa, ha vinto il premio Amnesty Italia per “Mio zio”.

Di Carmen Consoli Il New York Times ha scritto: “I testi delle sue canzoni sono immaginifici e trascendono vari livelli di comunicazione. Sia che canti di storia, di mito o di vicende personali, la Consoli è sempre estremamente appassionata. La voce può essere fumosa e bassa, decisamente divertita o graffiante di rabbia”

Unicità canora, compositiva e interpretativa e un suono in continua evoluzione valorizzato dalla sua verve di performer grintosa e passionale, 13 album all’attivo (l’ultimo “L’abitudine di tornare” è uscito nel 2015),  centinaia di migliaia di copie vendute in Italia e nel mondo, fanno di Carmen Consoli un’artista fuori da ogni etichetta.

“La Francia in scena”, stagione artistica dell’Institut français Italia, è realizzata su iniziativa dell’Ambasciata di Francia in Italia, con il sostegno dell’Institut français e del Ministère de la Culture et de la Communication, della Fondazione Nuovi Mecenati, della Sacem Copie Privée, della Commissione Europea (Creative Europe) e del Ministero dell’Istruzione italiano dell’Università e della Ricerca – Afam (MIUR – Afam). Edison è main partner del grande concerto de La Festa della Musica.

Toni Verde presenta “Circus in the sky” tratto dall’album Unity


copertina album Toni Verde

Circus in the Sky” è il nuovo singolo di Toni Verde tratto dall’ultimo Album “Unity.

Toni Verde, compositore, musicista, arrangiatore e direttore d’orchestra, ha presentato “Unity” al pubblico, in occasione della 20° Festa Europea della Musica e in anteprima internazionale a Piazza di Spagna a Roma nel Giugno scorso, invitato dall’organizzazione che annualmente mette in scena l’evento nelle capitali d’Europa. Anche in  Circus in the sky Toni riesce a mescolare quell’elettronica futurista che gli ha riconosciuto l’appellativo di guru della musica elettronica da parte  della stampa  internazionale”, con le sue radici mediterranee mai dimenticate e affinate grazie alla lunga esperienza  musicale acquisita in America.

Unity, il nuovo album nasce dalla fusione di più generi musicali e metaforicamente s’ispira all’unione dell’essere con il proprio universo per la creazione di una nuova dimensione, frutto anche di una filosofia di vita che Toni ha letteralmente inventato e seguito sia mentalmente che fisicamente, creando anche un numero considerevole di seguaci affascinati dalla sua coinvolgente personalità. Un artista e un uomo costantemente proiettato “in avanti” fino dai suoi primi esordi giovanissimo nel travolgente movimento musicale progressive come leader di vari gruppi che hanno fatto storia nei gloriosi ‘70

Lo stile apocalittico e simbolista di Circus in the Skyapre la trackl-list del nuovo album a cui fa seguito la dolce melodia in stile neo pop dalle tinte gotiche di “Princess of the Desert“, la pregnante struttura ritmica di“Planet of the White Rabbit, mentre i suoni glaciali di “Dreaming” trasportano l’ascoltatore in una dimensione onirica, di spazi simbolici e sconfinati. Descrivere le atmosfere di una creazione musicale é sempre un compito arduo specialmente quando la parola non trova termini paragonabili alle emozioni dell’ascolto, come In Circus in the sky dove si aggiunge anche una straordinaria sensazione visiva,  tramite il video realizzato proprio sulla scalinata di Piazza di Spagna, in occasione del concerto per la Festa Europea della Musica,  con coreografie aeree mirabilmente interpretate da ballerini impegnati al limite della pura acrobazia, un vero e proprio “Circo nel cielo

L’album, masterizzato da Greg Calbi allo “Sterling Sound” di New York, è prodotto da Giorgia Scanzani su etichetta “Crescendo Recordings”, mentre l’artwork é firmato da Daniela Fusco.

Toni Verde torna sul mercato discografico dopo il successo riscosso lo scorso anno con “The World to Come”, l’album di musica classica, che ha registrato una permanenza di oltre 16 settimane ai primi post della Classic Chart di  iTunes in Italia e nella Top 10 in Usa e UK.