Francesco Renga

NUOVO SINGOLO PER FRANCESCO RENGA “Scriverò il tuo nome”


RENGA.jpgE’ in rotazione radiofonica da venerdì 2 settembre “Scriverò il tuo nome” il nuovo singolo di Francesco Renga scritto insieme a Tony Maiello, Michele Canova e Michael Tenisci, che da il titolo all’album di inediti pubblicato lo scorso aprile ed al tour che lo vedra’ protagonista dell’autunno live in Veneto a Padova. A ottobre infatti  il cantante sarà in concerto nei principali Palasport italiani per presentare per la prima volta dal vivo il nuovo album insieme ai suoi più grandi successi. Saranno quindi cinque gli appuntamenti live per il 2016, Il 15 al Mediolanum forum di Assago a Milano, il 19 alla Fiera di Brescia, il 20 alla Kioene Arena di Padova, il 22 al Palalottomatica di Roma, il 23 al Palaflorio di Bari.

Redazione

“AMICI 14” – FRANCESCO RENGA: “NON ME LA SENTO DI MASSACRARE I CONCORRENTI”


C_4_articolo_2074778__ImageGallery__imageGalleryItem_11_imageIntervistato la settimana scorsa da “Nuovo”, Francesco Renga, voce “sexy”, corposa e maschia di “Vivendo adesso”, “Il mio giorno più bello del mondo” e tante altre “hit” gradite soprattutto al pubblico femminile, in questo periodo presenza fissa ad “Amici14” nella veste inedita di giudice (ruolo che non ama e ha già rifiutato in precedenza altrove), traccia un parallelismo fra il contesto “ostico” in cui ha iniziato a muovere i primi passi da musicista e quello senz’altro più “facilitato” in cui possono mettere in luce le loro qualità i ragazzi che partecipano al “talent” di Maria De FilippiChi vuole fare il mio mestiere deve cominciare proprio dai ‘talent’ televisivi. Oggi le case discografiche non hanno più il coraggio di investire di 20 anni fa e sono i programmi come questo che fanno da trampolino di lancio per chi ha la stoffa e la forza di andare avanti” e dice che se avesse la loro età oggi, non ci penserebbe su due volte a iscriversi. Riguardo al suo modo di intendere la funzione “giudicante” è sua volontà non porsi in maniera troppo “convenzionale” e classica “Giudice è una parola che in realtà non mi piace molto, per questi ragazzi vorrei essere un consigliere e mettere tutta la mia esperienza al loro servizio. Un po’ come un padre vorrei essere colui che suggerisce. Uno che magari ti aiuta a evitare certi errori o, comunque, a viverli in maniera positiva” e infatti sul teleschermo lo vediamo controllato e sobrio (eccettuato quando il suo occhietto “vagabonda” sulle scollature della Ferilli o viene rapito dai volteggianti corpi delle allieve di danza Shaila, ormai fuori dalla scuola, Klaudia e Virgina), bandito qualsiasi scatto o trasporto di collera, fin troppo “politically correct” e “buonista”, dosate e stringate anche le parole, non interminabili monologhi, semplicemente, quando un’esibizione non lo persuade appieno, come nella puntata scorsa una versione di “Imagine” (ndr capolavoro indiscusso di John Lennon) con tutta una parte “rappata” da Briga, il massimo a cui arriva è “Faccio fatica a sentire Lennon su quella cosa lì”, niente a che dividere con le autentiche “docce ghiacciate”,condite, come nel suo stile, da espressioni “molto pittoresche” e dall’effetto “trashissimo”, a cui Loredana Bertè sottopone gli allievi che secondo lei battono la fiacca, non lavorano adeguatamente o non si sanno creare un’identità e una personalità artistica ben definite, appoggiata senza riserve dal coreografo Kledi Kadiu (“preparatore” dei ballerini della squadra dei Bianchi), che, sempre a “Nuovo” ha dichiarato “Sono d’accordo con Loredana … questi ragazzi che aspirano al mondo dell’arte, non vivono abbastanza immersi nella realtà che si sono scelti … non vanno a teatro a vedere gli spettacoli di musica e danza e non sono curiosi”.

maria-1024x696Omaggiata dalle parole di Renga, nell’articolo, la “padrona di casa”, Maria De Filippi, “donna di grande intelligenza e professionalità” al cui appello ha risposto perché, sostiene, è l’unica persona capace di infondergli sicurezza nel suo delicato compito di valutazione delle prove altrui, per lui insolito e particolarmente impegnativo, visto che “le parole sono importanti” (come diceva Ballantini) e hanno un peso considerevole e giudizio eccellente anche sulla trasmissione “Questo è un ‘talent’ che non ti abbandona: a fine programma, i concorrenti non galleggiano senza sapere che fare e Maria è sempre attenta a seguirli e ad accompagnarli nel loro percorso” anche se questa è e rimane una “sua” opinione…

[By Fede]

Francesco Renga il 23 maggio all’Arena di Verona: Ho sentito il desiderio di condividere questo momento meraviglioso con tre artiste, tre grandi amiche


rengaIl 2014 è stato un anno importante per Francesco Renga: fila di sold out nei teatri per lo show di Tempo Reale Tour, importanti riconoscimenti discografici per ‘Tempo Reale’ uscito per Sony Music a marzo che è stato certificato disco di platino e che per oltre quaranta settimane ha dominato la top ten dei dischi più venduti. Il singolo ‘Il mio giorno più bello nel mondo’ ha conquistato il doppio platino. Il 23 maggio 2015 Francesco Renga si esibirà in  un concerto evento all’Arena di Verona, con inizio alle ore 21.00.

Un omaggio al mondo femminile e un concerto-evento che si preannuncia imperdibile: “Per questa mia prima volta all’Arena di Verona non volevo essere solo -racconta Francesco- Ho sentito il desiderio di condividere questo momento meraviglioso con tre artiste, tre grandi amiche. Per ricordare insieme a loro un anno formidabile e un progetto, Tempo Reale, che non finisce mai di darmi soddisfazioni. Tutto è cominciato con Elisa, proseguito con Alessandra, poi ho incontrato la classe, la grandezza, la simpatia di Fiorella. A loro va il mio grazie e a tutte le altre fantastiche donne che hanno amato con me questo Tempo Reale”.

Sicuramente in scaletta ci saranno le canzoni di ‘Tempo Reale’ e in particolare non mancheranno ‘Vivendo Adesso’ scritta da Elisa e ‘L’Amore Altrove’, il brano in cui Alessandra Amoroso e Francesco duettano nel disco con grande armonia ed eleganza. Gli ultimi biglietti disponibili sono in vendita online sul sito ticketone.it.

Francesco Renga arena verona 2015

Gli ultimi biglietti disponibili sono in vendita online sul sito ticketone.it.

FIMI/GfK: negli album primi i Club Dogo – nei singoli unici italiani Renga (14) e Valerio Scanu (20)


club dogo

Pubblicata classifica FIMI/GfK degli album e dei singoli più venduti della settimana (Week 37/14 dal 8 al 14 settembre)  http://www.fimi.it/classifiche_album.php.

Negli album la situazione risulta variata, al  primo posto esordio dei Club Dogo con Non siamo più quelli di Mi Fist  seguiti da Gianluca Grignani con A volte esagero al secondo e dai Modà con Gioia…Non è mai abbastanza che chiudono il podio al terzo.  Ritorna in quarta posizione Francesco Renga con Tempo Reale, mentre sale di due posizioni piazzandosi al quinto posto  Ligabue con Mondovisione;  alla sesta posizione i Coldplay con Ghost Stories, mentre in discesa di una posizione,  al settimo posto troviamo Biagio Antonacci con L’amore comporta, stabili in ottava posizione  Dear Jack  con Domani è un altro film, al nono postoMaroon 5 con V e   a concludere la TopTen la new entry Lullaby and…the ceaseless Roar di Robert Plant  al decimo posto.

Nella Top Ten Singoli:  Stabile al primo posto da 14 settimane  Enrique Iglesias feat. Sean Paul & Descemer Bueno con Bailando segue al secondo posto Lilly Wood & The Prick feat. Robin Schulz con Prayer in C  e al terzo posto sale dalla nova posizione Boom Clap con Charli XCX.  in salita Maps dei Moroon5 alla quarta posizione,  al quinto posto Lovers on the Sun – David Guetta feat. Sam Martin che perde una posizione; Kiesza con Hideaway al sesto; al settimo A Sky Full of Stars dei Coldplay; ottavo Sheppard con Geronimo; mentre alla nona posizione troviamo la new entry Blame di Calvin Harris feat John Newman. Chiude la TopTen singoli Stay with me al decimo.

In una Top20 che parla straniero unici artisti italiani a resistere: Francesco Renga con  Il mio giorno più bello nel mondo in 14ma posizione e Valerio Scanu a 9 settimane dall’esordio in classifica occupa la 20ma posizione  col singolo Lasciami Entrare  che il 12 di settembre  ha ottenuto la certificazione “oro” della Fimi. Segni particolari?  senza passaggi radiofonici. 

MTV AWARDS 2014: i nomi dei cantanti.


Giorgia è rock & sexy in Gucci per il “Senza Paura Tour”Sabato 21 Giugno dal palco del Parco delle Cascine  a Firenze si potrà assistere all’evento più esplosivo dell’anno e si potrà ballare con i migliori performer del panorama musicale, ecco i nomi: Club Dogo, Emis Killa, Francesco Renga, Giorgia, Marracash, Michele Bravi, Moreno, Noemi, Ozark Henry & Francesco Rossi, Rocco Hunt

Giorgia riceverà il premio alla carriera  ma i cantanti nelle varie categorie potranno essere votati  ancora  fino al 20 giugno, i vincitori verranno annunciati il 21 giugno e per rendere la serata ancora più emozionante ci sarà anche la categoria Best Performance, votabile  soltanto durante la diretta via Twitter, per incoronare l’esibizione più   stellare della serata.

Classifica FIMI – Album: Roby Facchinetti in vetta. In Top Ten Renga, Ligabue, Tiromancino e Deleterio


Roby-Facchinetti_Ma-che-vita-la-mia_Cover-album_b-300x300

Classifica FIMI/GfK (Week 12/14)- album e singoli venduti nella settimana dal 17 al 23 marzo 2014.

Top Ten Album 12/14:

  1. Ma che vita la mia – Roby Facchinetti
  2. Symphonica – George Michael
  3. Tempo Reale – Francesco Renga
  4. Mondovisione – Luciano Ligabue
  5. Racine Carèe – Stromae
  6. Gionata – Gionny Scandal
  7. GIRL – Pharrell Williams
  8. Indagine Su Un Sentimento – Tiromancino
  9. Dadaismo – Deleterio
  10. DallAmeriCaruso – Lucio Dalla

 

Top Ten Singoli 12/14:

  1. Happy – Pharrell Williams
  2. Rather Be – Clean Bandit feat. Jess Glynne
  3. Jubel – Klingande
  4. Dannate Nuvole – Vasco Rossi
  5. Changes – Faul & Wad Ad. vs. Pnau
  6. Dark Horse – Katy Perry feat. Jucy J.
  7. Controvento – Arisa
  8. Stolen Dance – Milky Chance
  9. Magic – Coldplay
  10. Tous Les Mêmes – Stromae

 

Per le altre posizioni:

http://www.fimi.it/classifiche_album.php

Qualcosa da dire?

 

 

Carrellata di big al serale di Amici di Maria De Filippi: duetteranno con i cantanti che passeranno il turno.


Gabry-Ponte-ad-Amici-di-Maria-De-Filippi

Prime anticipazioni sul serale di Amici, Maria De Filippi che inizierà il prossimo 29 marzo.   Ritorna come giudice Gabry Ponte e i cantanti che passeranno il turno  potranno duettare con i big: Francesco Renga, Elisa, Emis Killa, Renato Zero,Modà, Emma Marrone,Fedez, Alessandra Amoroso,Moreno, Luca Carboni, mentre sul fronte internazionale previsti: Anastacia, Ricky Martin, Kyle Minogue,  Mary J.Blige,  Bem Harper,  Pharrel.

Analizziamo alcuni ospiti:

Francesco Renga, i Modà e Renato Zero, parteciparono anche  lo scorso anno, si esibirono rispettivamente assieme a Greta Manuzi e Ylenia Morganti, Renga, reduce del festival di Sanremo, i cui pronostici davano per vincitore, ha un disco in  promozione all’interno del quale è contenuto un brano in duetto con Alessandra Amoroso (anche lei ospite ndr), mentre il brano con cui ha partecipato a Sanremo, sempre contenuto all’interno del disco è scritto da Elisa (ugualmente fra gli ospiti ndr) .

Alessandra Amoroso ed Emma Marrone: L’una vincitrice dell’edizione Amici8, l’altra dell’edizione successiva Amici9. Dalla loro uscita dalla Scuola, non hanno mai mancato un’edizione di Amici e di C’è Posta per Te, le due infatti corrono su due binari paralleli, sempre accolte con tutti gli onori ed eccessiva e manifesta enfasi di chi dovrebbe mantenere almeno pubblicamente un assetto “super partes” per il ruolo che ricopre. E se Emma  ha partecipato alla scorsa edizione come coach contrapposta a Miguel Bosèl’Amoroso già dall’anno scorso ha partecipato  in qualità di superospite. Quest’anno entrambe parteciperanno in qualità di “superospite” ma…Alessandra Amoroso, prenotata con largo anticipo, sarà il  direttore artistico nell’edizione di Amici del 2015.

Che dire… binari perfettamente allineati come le idee di chi una volta considerava disdicevole e sminuente partecipare ad un talent e ancor peggio a duettare con chi proveniva da un talent e che ora, in tempi di vacche magre,  sembra andarci addirittura a traino in un evidente scambio di reciproci …”favori”.

Così va il mondo…. quel mondo!

SANREMO 2014 – CALA IL SIPARIO SUL “FESTIVAL” … E FIOCCANO LE POLEMICHE: RENGA, ARISA, “TALENT”, GIURIE (“ARENA di Giletti” E “DOMENICA IN” 23/02/2014)


sanremo-20141-520x292E’appena calato il sipario (sperando che non si inceppino nuovamente gli ingranaggi…) sulla 64esima edizione del “festival” e immediatamente infuriano le polemiche, sia sui “social” che in televisione, è il caso di ieri nella lunga maratona pomeridiana di Rai1 (ore 14.00 – 20.00), in cui, mentre si passava senza soluzione di continuità dall’”Arena” di Giletti a “Domenica in” con Mara Venier, l’unico argomento in grado di “surriscaldare gli animi” degli opinionisti sul palcoscenico dell’”Ariston” è stato il “colpo di scena” di Sanremo 2014, ossia la vittoria, inspiegabilmente sfuggita di mano a Francesco Renga, quando ormai sembrava già sua. Era praticamente “annunciata” da giorni, la prima classifica del televoto lo poneva al posto d’onore e anche gli inviati di “Le amiche del sabato”, a zonzo per la cittadina della Riviera dei Fiori, interpellando a caso i passanti, avevano raccolto un vero e proprio plebiscito di preferenze in suo favore, pochissime le persone che citavano candidati con nomi dissimili. Poi non è chiaro cosa sia accaduto, quando la Littizzetto ha dato lettura della terna destinata a salire sul podio, molta gente dev’essere rimasta con la stessa espressione che ha un pesce congelato appena tolto dal “céllophane”, chi si sarebbe potuto aspettare che a qualificarsi ci riuscisse un Raphael Gualazzi con i suoi ritornelli sottolineati da nitriti equini o un Renzo Rubino di scarsa fama, che balza alla memoria più di tutto per aver massacrato il pianoforte con cui si accompagnava, vista la violenza con cui ne percuoteva la tastiera, neanche stesse adoperando delle mazze e non le dita?e che dire della canzone “sciacquetta” risultata vincitrice,

arisa

“Controvento”, interpretata a fil di voce, senza brio né coloriture personali da un’Arisa abbastanza sottotono, che sicuramente meritava molto di più il premio nel 2012 con “La notte”? Fazio, gongolante, fregandosi le mani, la sera della “finale”, si è così espresso su chi ha conquistato le prime tre posizioni “Tutti tre arrivano da Sanremo Giovani”, imitato di lì a poco dal sindaco di Sanremo, anche lui “tre metri sopra il cielo” dal gaudio “C’è Area Sanremo in concorrenza …” e così dicendo si sono “smascherati” da soli, dopotutto l’Arlecchino si confessa ridendo, questo era il vero intento del “festival” di quest’anno, la controffensiva di un’ipotetica “alta scuola” targata Sanremo, generatrice e promotrice di “qualità” e fucina di nuovi artisti, verso tutto ciò che le è estraneo, “talent” in testa, la sottolineatura del conduttore e del primo cittadino era probabilmente destinata a loro. Ma com’è andata esattamente nei “forum di discussione” domenicali?Da Massimo Giletti, smaccatamente pro-Renga, infatti l’ha voluto sul palco in apertura e dalla Venier, è prevalso il partito “anti-Fazio bis 2014” (non è una legge …) e soprattutto “anti-giuria di qualità”. A seguire qualche opinione sparsa: Cristiano Malgioglio ”Renga la voce più bella fra i cantanti italiani … Arisa uno scandalo” e ancora “Mancava il nazional-popolare, Bertè, Rettore …”, qualcuno ha ricordato che l’assenza di “ex-talent” ha allontanato il pubblico giovane, concordi tutti i giornalisti, da Mariella Venegoni a Mario Luzzatto-Fegiz, ad Alessandra Comazzi, sul livello molto “modesto” dei brani musicali e per Paolo GiordanoIl festival era troppo simile a quello dell’anno scorso … E troppe parolacce (ndr della Littizzetto), una funziona, non di più”, il turpiloquio ha infastidito persino una che non le manda a dire come Mara MaionchiAllusione continua sessuale … disturba”; e anche la commissione giudicante dell’”Ariston”, il cui voto si doveva sommare a quello espresso dal pubblico da casa, è finita sul “banco degli imputati”, principalmente perché ritenuta non sufficientemente preparata in materia di musica, essendo composta in prevalenza, salvo pochi membri, fra cui Paolo Jannacci (ndr musicista come il padre Enzo), da attori e con un presidente regista, Paolo Virzì, opera loro, il vertiginoso “abbassamento della media” di Francesco Renga, tanto benvoluto dal televoto, come hanno rilevato la Venegoni, Adriano Aragozzini (ndr ex “patron” di Sanremo) e Marino Bartoletti “Il popolo italiano è stato per Renga”, un quarto posto “fuori dai giochi”, per il cantante di Brescia (ndr nativo di Udine) che ha rischiato di far “rimettere la faccia” persino al mago dalla pluriennale carriera Giucas Casella, che aveva indicato un pronostico di vittoria che lo ineriva e che finora, ha detto, in tutti i casi precedenti, c’ha sempre azzeccato, non si sa cosa sia accaduto, si stanno cominciando a spegnere i suoi poteri di pre-veggenza o forse non è così e in questo “festival” c’è “dell’altro”?

image

E intanto è notizia di queste ore che il brano di Arisa è stato clamorosamente accusato di plagio. Che ne è, invece, di Renga?Pare stia “affilando le armi” in attesa dell’uscita dell’album, in cui è inserito un duetto nientemeno che con la Alessandra Amoroso, quindi è praticamente in una botte di ferro, garantiti i passaggi in radio, raffica di ospitate da “Mamma Maria”, che benedirà questi “sponsali” (un po’ come “Don Matteo” quelli della Lity e Fazio) artistici, Fimi-Nielsen già prenotata e nuove tappe aggiunte in tutta fretta al “tour” e alla fin fine, state a vedere che riuscirà pure a “farla” sotto il naso a chi non ha creduto in lui? Ride bene chi ride ultimo, allora? No, di questi tempi,ride” soprattutto chi sa di poter contare su molti… “Amici”
[Articolo a cura di Fede]

 

“CHE TEMPO CHE FA?” A SANREMO 2014: MALGIOGLIO INDIGNATO, I SUPEROSPITI, I “BIG” … IN AZERBAIGIAN … E GLI “EX TALENT”?”


sanremo-20141-520x292

Il settimanale “Nuovo” (n. 52 02/01/2014), con una breve inchiesta, ha cercato di “tastare il polso” del gradimento e delle reazioni espressi a botta calda da pubblico e “addetti ai lavori” a proposito del prossimo festival della canzone italiana, il 64esimo per la precisione (18 – 22 febbraio 2014), a pochi giorni di distanza dalla lettura della lista dei partecipanti da parte del conduttore Fabio Fazio e l’autore dell’articolo, a dire il vero, non sembra abbandonarsi a entusiasmi spontanei o toni favorevolmente sorpresi. Ecco chi sono i “big-per-modo-di-dire” che “non convincono” pienamente: Francesco Sarcina, Frankie Hi-Nrg Mc, Giuliano Palma, Renzo Rubino, Riccardo Sinigallia, Raphael Gualazzi, Perturbazione, Cristiano De Andrè, Giusy Ferreri, Francesco Renga, Ron, Antonella Ruggiero, Arisa e Noemi.

Naturalmente, Fazio difende a spada sguainata le sue scelte, dicendo di aver voluto creare un “mix” di “classico e contemporaneità”, scommettendo su pezzi che possano interessare le radio e promettendo “superospiti” internazionali (uno fra tutti, Justin Bieber) e non, per accendere di mondanità le serate della Riviera dei Fiori. Nell’articolo si evidenzia che potrebbe rivelarsi un errore da scontare a caro prezzo l’aver volutamente trascurato l’ ”anima nazional-popolare della kermesse” e quelli che ne sono sempre stati gli interpreti “storici”, infatti proprio alcune “(ex)star di Sanremo” sono impegnate in questi giorni in una serie di esibizioni a Baku, in Azerbaigian, dove sono acclamatissime; qualche nome?Al Bano, Toto Cutugno, Ricchi e Poveri, Pupo, Tony Esposito, Fiordaliso, Ivana Spagna

Il più accanito detrattore del “cast” di cantanti di Sanremo 2014 è Cristiano Malgioglio -professa la sua stima solo per Francesco Renga e Giusy Ferreri-, che rifarebbe interamente alla sua maniera, ammettendo in gara “Rettore, Alice, Oxa, Mango”, più qualche appartenente a quello che definisce “Jurassic Park di successo”, come anche, udite, udite “Giovani artisti provenienti dai talent show (che?non aveva sempre sostenuto il contrario?… come rimangiarsi la parola impunemente)”, mentre su Antonella Ruggiero orfana dei “Matia Bazar” è impietosamente crudele “In versione solista è un’artista fuori mercato”; qualche altro parere: il giornalista Dario SalvatoriI big in gara hanno bisogno del rilancio … a me piacerebbe il contrario, ovvero che il festival potesse trovare forza e giovamento da determinati artisti …”, il paroliere Paolo Limiti “(ndr si riferisce all’edizione 2013) … Quei brani facevano letteralmente schifo. A febbraio 2014 accenderò la tv, ma se nei primi venti minuti ascolterò canzoni orrende, giuro che spegnerò tutto …”, Iva ZanicchiQuando ho letto la lista dei big, in relazione a qualcuno, la prima cosa che ho detto è stata –E chi è questo?- Non avrei escluso gli allievi dei talent, perché ormai –Amici-, -XFactor- e –The Voice- sono una realtà”, le fa eco un’altra cantante, Emanuela VillaI ragazzi dei talent portano un gran numero di telespettatori”, certo, come dimenticare la forza dirompente e liberatoria del televoto, in cui è specializzata soprattutto questa tipologia di pubblico, che sarà quindi privato della soddisfazione impagabile di potersi “sfogare” con la digitazione rabbiosa, nervosa e compulsiva, a mezzo apparecchi fissi e mobili, di numeri telefonici e codici in grado di far volare il più in alto possibile i propri beniamini?come dire “no televoto (a dire il vero ci sarà, ma si può, ragionevolmente, prevederne, quantitativamente, un crollo), no party”.

Tra gli esclusi di quest’anno, nella sezione ”Sanremo Giovani”, la “ex-amiciana” Claudia Casciaro che parla di “Pregiudizio verso chi viene dai talent … Tanti sono convinti che i ragazzi dei talent non siano credibili”, più accomodante il collega Luca Napolitano (ndr finalista ad “Amici8”), che dice di comprendere la volontà di Fazio di ritornare a un Sanremo “pre-talent” “E’solo la prima volta che vengono esclusi i partecipanti dei talent, in particolare di –Amici- (ndr vero è che Noemi e la Ferreri, presenti al festival, si sono fatte conoscere a –XFactor-, stessa categoria di provenienza –talent-, ma ormai ne sono considerate, a tutti gli effetti, affrancate, a differenza di altri), io dico di metterlo alla prova …” e continua “Non succede nulla se per un’edizione mancano –Amici-, -The Voice- e –XFactor-, in particolare i partecipanti degli ultimi anni” a chi avrà alluso il giovane cantautore napoletano? Il 2008, quando nella “scuola” della De Filippi vinse Marco Carta, poi rivelazione di Sanremo 2009 è troppo lontano? E il 2009 quando arrivò secondo Valerio Scanu, poi affermatosi, a sua volta, a Sanremo 2010? Il 2010, quando prevalse Emma Marrone, poi “laureata”, come i predecessori, a Sanremo, nel 2012? Marco Mengoni, primo a “XFactor” nel 2009 e a Sanremo 2013? Non è difficile capire, a questo punto, perché gli “ex-talent” siano avversati su così tanti fronti.

[Articolo a cura di Fede]

Al via il Music Summer Festival … con i soliti “amici” di Maria De Filippi.


Alessia-Marcuzzi_Simone-Annicchiarico_foto-di-Pigi-Cipelli_0036_media

Si chiama Music Summer Festival Tezenis Live e sarà condotto da Alessia Marcuzzi e Simone Annichiarico il programma musicale estivo,la musica torna in piazza quindiun mix tra“Festivalbar” e “il Disco per l’Estate” fortunati eventi musicali dell’estate del passato. Una produzione Fascino di Maria De Filippi, la kermesse canora si svolgerà in quattro puntate che verranno registrate tra il 27 e il 29 giugno e andranno in onda dal 4 luglio ogni settimana su Canale5 e trasmesse in contemporanea radiofonica su RTL.

Tra i Big:  Mario Biondi, Alex Britti, Pino Daniele, Francesco De Gregori, Emis Killa, Fedez, Fiorella Mannoia, Neffa, Negrita, Nek, Nesli, Gué Pequeno, i Pooh, Gianna Nannini, Zucchero, Eros Ramazzotti con Nicole Scherzinger, Biagio Antonacci, Francesco Renga, Antonello Venditti, Max Pezzali, Marco Mengoni, Moreno e Emma. A questi cantanti se ne aggiungeranno altri della scena internazionale.

Mentre tra I giovani vedremo: Bianca Atzei, Alessandro Casillo, Clementino, Coez, Greta, Antonio Maggio, Andrea Nardinocchi, Renzo Rubino e Paolo Simoni.

Sul palco ci sarà spazio anche per la musica dance con il  contest per giovani deejay presieduto da Gabry Ponte e condotto da Angelo Baiguini, speaker di RTL 102.5. Le risate non mancheranno grazie alla comicità dei talenti di Colorado.

La Regia è affidata a Roberto Cenci e Tezenis è il marchio che ha sponsorizzato il concertone all’Arena di Verona di di Alessandra Amoroso ed Emma –  in prima serata su Canale 5.

Insomma diciamola tutta, vedremo sempre i soliti “volti noti” che da un po’ di tempo animano i programmi musicali televisivi, personaggi televisivi e cantanti  tutti gravitanti direttamente o indirettamente grazie alle Agenzie di marketing,  Uffici stampa e  Case discografiche di appartenenza intorno a quella grande “mente” che è Maria De Filippi, attualmente detentrice del “monopolio” della visibilità televisiva in via diretta e indiretta,  grazie alla fitta rete di “Amici suoi” sistemati ovunque nell’Universo televisivo.

E l’Amoroso? Non compare fra i Big, ma siamo certi che a lei come sempre, sarà riservata una partecipazione… speciale!

E voi che ne dite?