informazione

MUSICA LIVE? ELISIR DI LUNGA VITA…


 
Assistere a un concerto ogni 15 giorni allunga la vita di nove anni. E non è un pesce d’aprile…

Una ricerca scientifica ha analizzato come la partecipazione ai concerti possa influire sul benessere e sulla longevità. Secondo lo studio condotto da O2 e Patrick Fagan, professore associato della Goldsmith’s University, assistere a una serata di musica dal vivo una volta ogni quindici giorni aumenterebbe l’aspettativa di vita di ben nove anni. Partecipare ad eventi musicali live avrebbe, inoltre, il potere di influire sul benessere. La ricerca conferma quindi i benefici della musica e del divertimento su corpo e mente. Sono sufficienti appena 20 minuti di concerto per vedere aumentare il benessere del 21% (molto più dello yoga). La ricerca si è svolta tramite test psicometrici e sulla frequenza cardiaca. Ai partecipanti è stato chiesto di sottoporsi ad attività piacevoli e rilassanti, ed è stato rilevato un aumento dell’autostima (25%), dell’empatia (25%) e della vivacità mentale (75%) proprio durante i concerti. Chi assiste ad una performance di questo tipo una volta ogni due settimane presenterebbe anche maggiori livelli di produttività. L’esperto in scienze comportamentali e insegnante della Goldsmith’s University, Patrick Fagan, ha commentato con queste parole i dati emersi dalla ricerca: “La nostra ricerca mostra il profondo impatto dei concerti sui sentimenti di salute, felicità e benessere – con la frequenza quindicinale o regolare. Combinando tutte le nostre scoperte con la ricerca di O2, arriviamo alla prescrizione di un concerto ogni due settimane che potrebbe aprire la strada a quasi un decennio di anni di vita”. Nina Bibby, CMO di O2, ha aggiunto: “Sappiamo tutti quanto è bello vedere la tua band o artista preferita dal vivo, ma ora ne abbiamo la prova. Attraverso i Priority Tickets, i clienti O2 hanno accesso a oltre 5.000 spettacoli dal vivo in oltre 350 sedi in tutto il Regno Unito ogni anno”. (Virgin Radio)

Fonte Musicmap 

Mentana contesta il programma del centrodestra, Berlusconi ribatte: «Ma lei lo sa con chi sta parlando?»


Mentana Berlusconi

E’ successo nel corso della trasmissione Bersaglio mobile su La7Il programma di approfondimento politico condotto da Enrico Mentana. Ospite,  Silvio Berlusconi , che  alle contestazioni del conduttore  sul programma elettorale del centrodestra (flat tax, pensioni minime a mille euro, raddoppio dell’assegno per i disabili ecc.) e alla sua affermazione: «Se le mette in pratica finiamo in bancarotta» ha sbottato: «Ma lei lo sa con chi sta parlando? Sono una persona che ha realizzato cose difficilissime, le pare che verrei a presentare il mio programma se non avessi la matematica certezza che si può realizzare». E poi : «Ma se lei dovesse dare i suoi soldi a qualcuno li darebbe a me o a Di Maio?» . A questa domanda Mentana ha risposto senza esitazione «I miei soldi? Io i miei soldi non li do a nessuno!» , ma Berlusconi incalza: «Ma se ci fosse una legge che lo obbligasse a scegliere?». «No, niente, anche per questo mi astengo», risponde il conduttore. «Chi si astiene fa vincere Di Maio», replica il leader di Forza Italia. Ecco un estratto dalla puntata andatain onda su La7 venerdì 2 febbraio 

COMPACT DISC:   Chiusa l’ultima fabbrica di CD negli USA: è la fine di un’epoca?


   

CDChe sia giunta la fine di un’epoca? I compact disc non verranno più prodotti negli Stati Uniti poiché lo stabilimento di Terre Haute in Indiana, di proprietà della Sony e l’ultimo rimasto attivo nel paese, ha chiuso i battenti. La Sony appalterà la produzione di CD ad altre aziende, tagliando più di 370 posti di lavoro, mentre altri 300 lavoratori si occuperanno della fabbricazione di Blue-Ray e mini disc UHD-100, entrambi destinati al supporto audiovisivo. La catena di distribuzione Best Buy ha già annunciato di rimuovere i CD dai propri scaffali a partire dal primo luglio 2018, dato il declino di questo mercato del 18% nel 2017, mentre verrà mantenuta la vendita di dischi in vinile, che hanno rappresentato il 14% delle vendite di tutti gli album fisici. Una netta inversione di tendenza sta colpendo l’industria musicale statunitense negli ultimi anni: da una parte il declino della produzione di CD, dall’altra la vendita del vinile si è impennata notevolmente negli ultimi 3 anni. Campioni di incassi rimangono i servizi di streaming musicale come Spotify e Apple Music, che hanno accresciuto il numero dei loro abbonamenti di oltre il 60% nel 2017. (Spazio Rock)

Redazione

E’ morto Folco Quilici, documentarista e pioniere dell’ambientalismo


Folco Quilici © ANSA

E’ di qualche ora fa la notizia della scomparsa di Folco Quilici, il grande documentarista, scrittore e ambientalista che aveva raccontato con scritti e filmati il suo amore per il mare e il rapporto tra il mondo marino e l’essere umano. Nato a Ferrara nel 1930, avrebbe compiuto 88 anni il 9 di aprile prossimo, ma è morto all’ospedale di Orvieto dove era ricoverato da qualche giorno.  Il suo “luogo del cuore” erano le isole di «Pontinesia» — così ribattezzate da lui negli anni ‘70 Ponza, Palmarola e Ventotene — quello che definiva «un autentico paradiso terrestre, tra fondali di acqua cristallina, una straordinaria ricchezza di fauna e flora sottomarine, rocce multicolori, piccole baie e spiagge incantevoli, oltre a una posizione strategica vicina a due grandi città, Napoli e Roma».    

Il suo profondo amore per l’uomo: Quilici adorava gli animali, a cominciare dai suoi cani, ma non ha mai pensato che potessero sostituire gli esseri umani.

Poteva passare con la massima tranquillità dall’Hilton di Los Angeles, città che adorava, a una capanna di fango in Congo. Fu amico di Zhou Enlai e di certi capitribù boscimani, pigmei, aborigeni. Aveva il corpo pieno di cicatrici come un esploratore ottocentesco.

Redazione

RAI4 ORE 23:00 #KUDOS “ultimo atto” della stagione.


kudos

Questa sera a partire dalle 23.00 arriva puntuale su Rai4 la decima e purtroppo ultima puntata di KUDOS Tutto passa dal web che chiude la seconda stagione del programma di attualità, cinema, serie tv e temi più propriamente legati a internet che mette in primo piano la rete e le sue dinamiche. La seconda stagione del programma verrà ricordata per l’esordio in qualità di conduttore di Valerio Scanu che dimostrandosi perfettamente inserito nella redazione e a suo agio nei panni di conduttore intervistatore, a fianco di  Giulia Arena e Diletta Parlangeli, ha superato egregiamente la prova. Cantante, imitatore, influencer, conduttore, personaggio televisivo…  ma cosa ci si deve aspettare ancora da Valerio Scanu?  Di sicuro  il concerto di Natale del 16 dicembre al Sinopoli di Roma (Auditorium Parco della Musica) meglio dettagliato nella sua pagina ufficiale: Valerio Scanu – Home | Facebook e poi considerate  le sue innumerevoli risorse … Lo scoprirete solo vivendo..

Redazione

 

EMILIO FEDE : Capita più spesso che le donne cerchino di fare sesso con il regista per avere una parte piuttosto che sia il regista a chiedere del sesso alla donna per darle la parte”.


fede emilio

Emilio Fede noto giornalista e scrittore è intervenuto qualche giorno fa al programma condotto da Roberto Arduini e Andrea Di Ciancio su Radio Cusano Campus, l’emittente dell’Università degli Studi Niccolò Cusano di Roma, e senza peli sulla lingua, tra le altre cose, ha detto la sua sui  casi di denunce di  abusi e violenze sessuali che hanno colpito il mondo del cinema dopo il caso Weinstein, gettando “ombre” e sospetti sulla moralità di alcuni registi anche italiani  fino a ieri dalla fama inappuntabile. Queste le dichiarazioni del giornalista:    “Non capisco tutto questo piagnisteo, a me risulta che se tu non la vuoi dare non la dai. Gli stupri sono un’altra cosa. La signora Asia Argento ha fatto il botto, lei, il personaggio, è improvvisamente diventata la paladina di una restaurazione della dignità femminile. Ma la donna ha già la propria dignità. La donna è amata, la donna è vita. Questa storia qui è diventata una rottura”.

E sul caso Brizzi aggiunge: “Detto fra noi, ma non possiamo anche porre un’alternativa? Possiamo sentire gli uomini che sono stati stuprati? Violentati psicologicamente dalle donne? Guardate che esistono! Io ho sempre rispettato la donna, non ho mai tentato di avere rapporti che non fossero esclusivamente professionali, la donna che ho meno rispettato è stata mia madre e me ne sono pentito, mi faceva fare i lavori domestici, lavare i piatti, per questo ero astioso nei suoi confronti”.

Io ormai con una donna non prendo nemmeno l’ascensore – ha poi proseguito – ho paura che poi vada dai carabinieri a dire che Fede l’ha palpeggiata ed esca l’agenzia che vuole l’ex direttore del Tg4 indagato. Capita più spesso che le donne cerchino di fare sesso con il regista per avere una parte piuttosto che sia il regista a chiedere del sesso alla donna per darle la parte”.

Redazione

AL VIA UNA ASSOCIAZIONE DI GIORNALISTI MUSICALI


IL ‘FORUM DEL GIORNALISMO MUSICALE’ A ROMA: AL VIA I LAVORI PER UNA ASSOCIAZIONE DI GIORNALISTI MUSICALI

IL 23 DICEMBRE AL MONK NELL’AMBITO DI “MEILLENNIALS” (DAL 21 AL 23 DICEMBRE)

Il Forum del giornalismo musicale si sposta a Roma. L’evento, ideato da Giordano Sangiorgi e diretto da Enrico Deregibus, dopo due edizioni di grande successo al Mei di Faenza avrà un appuntamento speciale sabato 23 dicembre nella capitale, nell’ambito della manifestazione “MEIllennials”, che si svolgerà dal 21 al 23 al Monk con i “Premi degli Indipendenti per i giovani”.

Nella mattinata del 23 si svolgerà una assemblea fra tutti gli aderenti al Forum per dare il via ai lavori per la creazione di una associazione di giornalisti musicali, esigenza maturata durante le due edizioni di Faenza. Nell’assemblea di dicembre se ne discuterà delineando le linee guida per uno statuto.

Sono invitati a partecipare tutti i giornalisti interessati a portare il loro contributo, suggerimento o suggestione. Per aderire basta inviare una semplice mail a: enrico.deregibus@gmail.com e in copia a mei@materialimusicali.it .

Non sarà però l’unico momento della tre giorni dedicato al giornalismo musicale. Venerdì 22 infatti nel tardo pomeriggio ci sarà un “Aperitivo social” con un incontro/seminario dedicato ai giovani giornalisti ma aperto a tutti, di Fabrizio Galassi (giornalista, docente e consulente di digital marketing), dal titolo: “Giornalismo digitale: gli algoritmi aiutano a scrivere meglio?”.

Il Forum del giornalismo musicale, un format unico in Italia, ha ospitato nei suoi primi due anni numerose iniziative: tavoli di lavoro, assemblee, lezioni, corsi di aggiornamento professionale, incontri con figure professionali. Ha coinvolto sino ad oggi oltre 200 giornalisti, da quelli delle grandi testate a quelli delle webzine, sino alle radio e tv. Si tratta di una occasione unica per affrontare da molti punti di vista i temi centrali del giornalismo musicale di oggi: il rischio di estinzione, il nuovo ruolo, la carenza di spazi, l’interazione fra media diversi e molto altro.

Nella tre giorni di MEIllennials si terranno incontri, workshop, aperitivi e live e saranno premiati per il Premio Italiano Videoclip Indipendente per i Giovani la band dei Gomma, dalle mani di Fabrizio Galassi e Giuseppe Piccoli, e per il Premio Italiano Musica Indipendente per i Giovani il cantautore Lucio Corsi, dalle mani di Federico Guglielmi e Riccardo De Stefano.

Il progetto è sostenuto da Sillumina con il sostegno di Mibact e Siae.

09/11/2017 – 23:00 #RAI4: KUDOS Cinema, tv, web series e youtuber, tra gli ospiti di Valerio Scanu, Giulia Arena e Diletta Parlangeli, i Manetti Bros


kudos

Cinema, televisione, web series e youtuber al centro della puntata di “Kudos” di giovedì 9 novembre, alle 23.00, su Rai4.  Ospiti di Valerio Scanu, Giulia Arena e Diletta Parlangeli saranno i Manetti Bros, all’anagrafe Antonio e Marco Manetti, una coppia di registi, sceneggiatori e produttori romani noti e attivi sulla scena nazionale da più di 15 anni, portabandiera del cinema italiano “di genere” all’estero.

Lo spazio musicale avrà come protagonista Arnaldo Santoro, in arte Ainè, eclettico cantautore e performer, unico rappresentante del contemporary R&B in Italia, il cui stile abbraccia sonorità nu-soul e hip hop.

In studio anche Jenny De Nucci, una delle più seguite Muser italiane, già protagonista della prima edizione del reality show “Il Collegio”, Daniele Selvitella, conduttore radio e tv, tra i primi creativi ad affermarsi in Italia su YouTube col nickname Daniele Doesn’t Matter, e Simone Trimarchi, giornalista, blogger ed ex campione italiano di videogiochi strategici che ci parlerà del fenomeno “Magic: The Gathering”.

Redazione

#RAI3: REPORT Giovani “contro” anziani e altre storie 06/11/2017 – 21:05


Report, Ranucci ammette: Inchiesta vaccini? Potevamo raccontarla meglio
Pianificare da giovani, pensare per tempo a come ci potremo mantenere quando saremo anziani, ogni paese si prepara a proprio modo. In America molti senior vendono la casa e si trasferiscono in Florida, ci sono intere comunità esclusivamente per gli over 55, vietate ai bambini e con strutture attrezzate per chi ha problemi. In Giappone si sperimentano comunità aperte, finanziate da tutti con l’assicurazione obbligatoria e al posto dei badanti usano i robot. E in Italia? Siamo il paese più vecchio in Europa: nel 2016 la popolazione dei senior (55 – 74 anni) ha superato quella dei giovani adulti (15 – 34 anni) di oltre un milione e mezzo. Chi pagherà le pensioni, le cure sanitarie e l’assistenza all’esercito dei baby boomers in arrivo? Se ne parla a “Report”, il programma di Rai3 condotto da Sigfrido Ranucci, in onda lunedì 6 novembre alle 21.05 su Rai3.
In primo piano anche il mistero della “scatola nera” capace di leggere (e modificare) le nostre vite a colpi di algoritmi; su “Mister Fipronil”, che con il suo Dega16 ha contaminato milioni di uova e messo in crisi l’Europa, bypassando un sistema di controlli; e sulle nuove frontiere della genetica: intervenendo su un embrione è possibile modificare il colore dei capelli di un nascituro, ma anche curare malattie e iniettare geni che lo renderanno immune. Come possiamo capire qual è il limite? E, soprattutto, esiste davvero un limite?
“Report” è anche sul sito http://www.report.rai.it e sui profili social facebook.com/reportrai3 – twitter.com/reportrai3 – instagram.com/reportrai3 – telegram.me/reportrai3.
Redazione

NICOLA PORRO DEBUTTA IN RADIO CON “105 MATRIX”


105matrix

Dalla tv alla radio: lunedì 16 ottobre alle 19 prende il via su Radio 105 la nuova trasmissione di approfondimento giornalistico “105 Matrix”, spin-off radiofonico del programma televisivo di Canale 5. In diretta dagli studi di Largo Donegani a Milano e dal centro di produzione Mediaset del Palatino di Roma, il nuovo programma di Radio 105 sarà condotto da Nicola Porro con la giornalista Greta Mauro e la speaker Valeria Oliveri.

Dal lunedì al venerdì, dalle 19 alle 20, Radio 105 dedicherà un’ora del proprio palinsesto ad attualità, cronaca, politica e costume adattando il linguaggio televisivo di “Matrix” al mezzo radiofonico.

In questa nuova versione del talk show verranno analizzati i fatti principali della giornata con i diretti protagonisti, mentre in perfetto stile 105 gli ascoltatori potranno esprimere le proprie opinioni sul web, attraverso i social di Radio 105 e i numeri telefonici dedicati.

Nicola Porro, vicedirettore del Giornale, conduttore televisivo, giornalista da sempre attivo sui social, con questo programma si avvicina per la prima volta alla radio.

Redazione