lindsey stirling

LINDSEY STIRLING domani 1 luglio al Pala Alpitour – Foyer Grande – Torino e il 2 luglio a Roma Auditorium Parco della Musica


li

Lindsey Stirling,la violinista californiana famosa per i suoi virtuosismi con l’archetto in cosplay, mercoledì 1 luglio sbarca in Italia e si esibirà a TORINO al Pala Alpitour – Foyer Grande  (ore 21) per incantare il pubblico con la sua poliedrica personalità di musicista, compositrice e ballerina.

La sua storia d’amore col violino inizia a 5 anni, Ispirata dagli ascolti classici del padre si avvicina al violino all’età di 5 anni che studierà per 12 anni. A 16 anni con alcuni amici fonda la rock band Stomp On Melvin e, nello stesso periodo, scrive una canzone rock per violino, che le procura la vittoria di due prestigiosi concorsi locali. Nel 2010 partecipa al programma tv “America’s Got Talent”: arriva solo ai quarti, ma lascia il segno nel pubblico.

I suoi video su YouTube diventano un fenomeno virale, totalizzando numeri da record. Nella sua carriera ha inciso un paio di album, fra cui il recente “Shatter Me”, uscito l’anno scorso.

Mormone convinta, nella sua vita ha lottato contro l’anoressia, come descrive nel singolo “Shatter Me”.

Nelle sue performance Lindsey Stirling sperimenta in continuazione, affrontando con il suo violino anche generi come hip hop, dubstep e shuffling. Nel 2012 esce il suo primo album “Lindsey Sterling” che si aggiudica il primo posto nella classifica Classical Album della rivista statunitense Billboard. Il brano “Crystallize” raggiunge l’ottava posizione nella classifica dei video più visti di YouTube, con ben 42 milioni di visualizzazioni. Complessivamente i suoi video su YouTube sono stati visti 700 milioni di volte e Lindsey Stirling ha quasi 7 milioni di utenti iscritti al suo canale.

Per la rassegna Luglio Suona Bene 2015 Lindsey Stirling in concerto,Giovedì 2 luglio alla Cavea dell’Auditorium Parco della Musica, ore 21.

THE SIDH: la giovanissima band di Celtic Modern Music aprirà i due concerti italiani di LINDSEY STIRLING


the sidh

In nomination come miglior album agli “Australian Celtic Music Awards 2014”, vengono scelti come gruppo spalla della giovane violinista statunitense uscita da America’s Got Talent

1/7 TORINO – PALALPITOUR

2/7 ROMA – Cavea dell’Auditorium Parco della Musica

Dopo l’esordio discografico con il precedente lavoro “Follow The Flow” (2012, autoproduzione), accolto molto bene da pubblico e critica, ad aprile 2014 i The Sidh entrano in studio per registrare il secondo disco intitolato “Nitro” per l’etichetta indipendente Artis Records uscito lo scorso ottobre.

Il lavoro si presenta come un intreccio di sonorità Elettroniche/Dubstep e Tradizionali/Celtiche, con accenti melodici squisitamente Pop.

Il flauto irlandese e la cornamusa sono la voce principale, sorretta da basi elettroniche molto potenti, giri di basso sostenuti e muri di chitarre elettriche.

Rispetto al lavoro precedente, in cui i brani sono rivisitazioni tratte dal repertorio tradizionale celtico, le canzoni contenute in quest’album sono tutte scritte ed arrangiate dai The Sidh, con la collaborazione di Jean Charles Carbone (Abnegat Records Studio) nel ruolo di produttore artistico.

DICONO DI LORO

Nitro” sembra essere la prova che, se si vuol provare ad esser originali nel sound, tentare di combinare due generi musicali apparentemente lontani anni luce è un ottimo metodo, con tutte le difficoltà del caso. I Sidh, invece, sono la dimostrazione che questo genere di tentativo riesce bene quando c’è quel pizzico di sana incoscienza e tanto, tantissimo talento. Ed è un esperimento davvero riuscito benissimo […]. Music Map 

[…] nella cifra stilistica di The Sidh ci sia talento e coraggio da vendere, e non è un caso che “Nitro” si sia guadagnato una nomination come miglior album i recenti “Australian Celtic Music Awards 2014”. Blogfoolk

[…] quello che conta davvero è il fatto che i Sidh riescano ancora ad avere l’incoscienza (e coraggio) di tentare altre strade che non siano quelle più consone e già ampiamente attraversate, concentrandosi invece sulla sperimentazione e sulla ricerca di qualcosa, che probabilmente per primo fa divertire loro e di conseguenza poi anche chi li ascolta. Sisco Montalto, Clap Bands Magazine

Si intitola Nitro, un concentrato di Dubstep irlandese, musica celtica in un pop dance elettronico ed elettrico davvero travolgente. Una ricetta vincente quella dei The Sidh. Paolo Tocco, Ok Musik

[…] un lavoro che ridisegna i contorni della musica strumentale in modo personalissimo ed originale; dall’invenzione e dal talento è stato generato un sound dall’apparente impossibile assemblaggio di generi molto differenti tra loro; ma il risultato invece è eccezionale, gradevole, entusiasmante. Alberto Quadri, Quadriproject

Di certo è qualcosa di nuovo, che esce dagli schemi e che porta una ventata di novità nel panorama musicale. L’assenza di parole non pesa assolutamente anzi aiuta a farsi trascinare dal ritmo. Andrea Lucidi, Wikitesti

I The Sidh sono un gruppo giovane, dinamico, sempre alla ricerca di nuove idee e combinazioni musicali, pur non dimenticando le proprie radici. Non lasciateveli sfuggire! Marco Vittoria, Vento Nuovo

Credo che questo quartetto sia davvero frizzante e dotato di una sua energia,oltre di una sua indiscussa originalità:sono sicuro che la band saprà distinguersi in futuro,evolvendo il loro sound in ulteriori sfide musicali,anche perché le qualità tecniche ci sono,oltre all’abilità compositiva. Francesco Lenzi, Audiofollia

Un disco strumentale, ricco di energia fresca e seducente. Un cocktail che unisce il Dub alla musica celtica, condito di chitarre elettriche distorte e quel sapore tradizionale di cornamuse e flauti irlandesi. Gianluca Clerici, Full Song

BIO

The SIDH sono un gruppo giovane, dinamico, sempre alla ricerca di nuove idee e combinazioni musicali, pur non dimenticando le proprie radici. Il loro stile è senza dubbio originale e innovativo.

Il progetto nasce da percorsi individuali attraverso generi musicali diversi e da esperienze acquisite, come gruppo, in anni di concerti che li hanno portati ad affermarsi nel mondo della musica Celtica/Contemporanea. Il risultato ottenuto è una combinazione di attualissima musica celtica ed elettronica, fatta di Whistles e Cornamuse, di Keyboards e percussioni, di beat Hip Hop e Ritmi Dubstep, capace di creare atmosfere dall’inconfondibile sapore di “tradizione futura”.

Nonostante la giovane età, i The SIDH hanno diviso il palco con artisti di fama internazionale quali Carlos Nuñez (Spagna), Hevia (Asturie), Paddy Moloney (Chieftains), Lindsey Stirling (Usa), Barrage (Canada), Athy (Argentina), Flook (Irlanda), Celkilt (Francia), Red Hot Chilli Pipers (Scozia), Etc.. 

La band lavora in esclusiva con la INNOVA Irish Dance Company, Nord Irlanda, famosa Compagnia di danza reduce da Britain’s Got Talent.

Inoltre ha avuto una nomination come miglior album agli “Australian Celtic Music Awards 2014”.

I The Sidh sono: Iain Alexander Marr (Flute), Federico Melato (Piano, Synth, Percussion), Salvatore Pagliaro (Chitarra elettrica), Michael Subet (Basso).

LINDSEY STIRLING la violinista statunitense torna in Italia con due date a Torino e Roma!


lindsey-stirling-bigliettiDopo il “tutto esaurito” registrato lo scorso ottobre a Milano, LINDSEY STIRLING torna a grande richiesta in Italia per due show in città mai toccate finora. La geniale ed estroversa violinista, compositrice e danzatrice  statunitense lanciata da “America’s Got Talent” si esibirà a luglio al Pala Alpitour di Torino (foyer) e alla Cavea Auditorium Parco Della Musica di Roma. Due da non  perdere!
Le date:
1 luglio Torino, Pala Alpitour
2 luglio Roma, Auditorium Parco della Musica – Luglio Suona Bene 2015

Info biglietti: http://www.ticketone.it/lindsey-stirling-biglietti.html?affiliate=ITT&doc=artistPages/tickets&fun=artist&action=tickets&kuid=479479

Per chi non la conoscesse questo un assaggio