lo stato sociale

A Bologna Concerto in Piazza negato a ‘Lo Stato sociale’: “…valore culturale indeguato…”


 lo stato sociale-3-2-2

Diniego della Sopraintendenza per il concerto della band Lo Stato Sociale in programma il prossimo 12 giugno che lasciato senza parole e sconcertata la band.

 Sicuramente non siamo all’altezza di mostri sacri come Lucio Dalla o i Clash che hanno suonato in piazza Maggiore – afferma Alberto Guidetti, uno dei musicisti della band – ma non facciamo male a nessuno. Anche se a qualcuno diamo fastidio“. In fondo facendo musica in modo anche un po’ ‘politico’, come appunto fa Lo Stato sociale, “è normale suscitare antipatie, ma alcune critiche sono anche coccarde da appuntare al petto”. Certo è che “sentirsi dire che il tuo valore culturale è inadeguato può mettere in crisi anche il tuo lavoro – si sfoga Guidetti – con questa band però pensiamo di aver dimostrato che qualcosa lo sappiamo fare…”. 

immagine video-40-71

“Un concerto in piazza, con tante persone che vengono a divertirsi, sarebbe stato un modo di far pace con la città –  sottolinea Guidetti – ci siamo sempre posti in contrapposizione con l’amministrazione comunale, ma nel momento in cui ci hanno chiamato per fare qualcosa insieme, non abbiamo messo veti perchè crediamo che il dialogo sia necessario. E lo è anche per Xm24, Labas e Tpo, il concerto in piazza è una cosa piccola, ma sarebbe un bel segnale, anche per svecchiare questa città. Non si possono sempre e solo dare mazzate sulla cosiddetta movida”.

Parlare di un cambio di location è “prematuro”, anche perchè Palazzo D’Accursio ha 10 giorni per le controdeduzioni. “Credo che si possa risolvere, sono fiducioso”, dice Guidetti. Col Comune ancora non c’è stato un confronto diretto, anche perchè “non è compito nostro – sottolinea – abbiamo un’agenzia che si occupa di questioni organizzative. Noi ci limitiamo a sorprenderci, siamo basiti. Mi sembra più uno sgambetto tra palazzi. Noi però non siamo un palazzo: siamo musicisti, veniamo dalla strada”. 

 Redazione

Lo Stato sociale, primi nella classifica singoli con “Una vita in vacanza” davanti a Meta & Moro


www_internet-Esterne WWW STATOSOCIALE

Una vita in vacanza,   portata al Festival di Sanremo 2018 dal gruppo Lo Stato Sociale, è il singolo più venduto della settimana nella classifica dei singoli compilata dalla Gfk per conto della Fimi.. A circa due settimane dall’uscita, il brano ha già raggiunto quasi 2 milioni di streaming su Spotify e totalizzato oltre 11 milioni di visualizzazioni su Youtube. Lo Stato Sociale  si è piazzato secondo  a #Sanremo dietro Ermal Meta e Fabrizio Moro, che al Televoto hanno praticamente doppiato tutti gli altri.

La classifica dei singoli ribalta il  risultato sanremese, con Meta e Moro  secondi dietro al brano che racconta le trasformazioni del mondo del lavoro. Un brano che ha raccolto fin da subito il consenso del pubblico  e della Sala Stampa radio e tv “Lucio Dalla” che infatti l’ha premiato. Terza classificata al Festival e terza nella classifica singoli Annalisa  con la sua Il mondo prima di te. Completano gli arrivi da Sanremo in top ten al sesto posto della classifica FIMI Ultimo, primo classificato nella categoria “giovani”  con Il ballo delle incertezze, e the Kolors, decimi con l’energica Frida (mai, mai, mai).

Diversa la situazione   nella classifica degli album dove al primo posto entra Ermal Meta con l’album Non abbiamo armi; al secondo posto resta come la scorsa settimana Sfera Ebbasta con il suo Rockstar mentre arrivano, new entry, al terzo posto Parole rumori e anni di Fabrizio Moro e al quarto l’album Peter Pan di Ultimo. Lo Stato Sociale sono sesti con Primati e Max Gazzè nono con Alchemaya.

Redazione

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: