lo zecchino d’oro

CS_”ACCA” è la canzone vincitrice della 62esima edizione dello ZECCHINO D’ORO!


“ACCA”

È IL BRANO VINCITORE DELLA 62ESIMA EDIZIONE

DEL FESTIVAL DI CANZONI PER BAMBINI PIÙ AMATO D’ITALIA!

DSC00479

Una prima serata su Ra1 per la finale del 62° Zecchino d’Oro, che ha visto 2.482.000 spettatori scegliere la musica per bambini e che ha decretato “Acca”, brano di Flavio Careddu, Irene Menna e Alessandro Visintainer interpretato da Rita Longordo – 8 anni, Bussana di Sanremo (IM) – vincere questa edizione.

Dopo una battaglia all’ultima nota, condotta da Antonella Clerici e Carlo Conti, l’ambito premio musicale è stato conferito da una giuria eccezionale: accanto a 20 bambini dai 8 ai 12 anni, hanno ascoltato e votato le canzoni in gara Laura Chiatti, Luciana Littizzetto, Claudia Gerini, Stefano De Martino, Ficarra e Picone e Giovanni Allevi.

Tanti gli ospiti che si sono susseguiti sul palco, dai Les French Twins, gemelli illusionisti, ad Alberto Urso, tenore che ha duettato con il Coro dell’Antoniano diretto da Sabrina Simoni, e Benji & Fede, giovani molto amati dal pubblico che hanno letteralmente incendiato l’Unipol Arena.

Un ospite speciale anche per quanto riguarda la solidarietà, che da sempre accompagna lo Zecchino d’Oro: Gaetano Curreri, che ha donato ad Antoniano il brano “Più amore” per sostenere “Operazione Pane”, campagna attiva fino al 14 dicembre 2019 al fine di sostenere 15 mense francescane che ogni anno mettono in tavola oltre 400mila e aiutano persone e famiglie che vivono in condizioni di grave disagio sociale avviando per loro percorsi di inserimento sociale, sanitario e lavorativo. “Più Amore”, presente nella compilation del 62° Zecchino d’Oro, vede unirsi alle voci di Gaetano Curreri e del Coro dell’Antoniano quelle di Mario Biondi e Amara.

In chiusura di trasmissione, con gli sms inviati al 45588, è stata raggiunta la quota di 120.000 pasti donati.

Redazione

CS_62° Zecchino d’Oro Il festival delle canzoni per bambini condotto da Carlo Conti e Antonella Clerici. In anteprima su RaiPlay


(none)
L’appuntamento annuale con il festival per bambini più amato d’Italia sta per tornare. La 62° edizione dello Zecchino d’Oro sarà in onda per tre appuntamenti pomeridiani condotti da Antonella Clerici, il 4, 5 e 6 dicembre su Rai1 in diretta dagli studi televisivi dell’Antoniano di Bologna. La finale di sabato 7 dicembre, invece, sarà proposta da Rai1 in prima serata, in diretta dall’Arena di Casalecchio di Reno (Bologna), con la conduzione di Carlo Conti e Antonella Clerici, un’assoluta novità per il piccolo schermo, con la direzione musicale del Maestro Peppe Vessicchio, il Coro dell’Antoniano diretto da Sabrina Simoni e la regia di Maurizio Pagnussat.
12 le canzoni inedite in gara – con le quali il repertorio sale a 776 brani – i cui temi vanno dagli animali ai sogni, dalla grammatica alle piccole grandi difficoltà di ogni giorno; 22 gli autori di testi e musiche scelti da una giuria mista di interni dell’Antoniano, Rai e personalità del mondo del giornalismo, della musica e dello spettacolo, tra cui il Maestro Peppe Vessicchio, Io scrittore e cantautore Gio Evan e la youtuber e influencer LaSabriGamer; 16 i piccoli interpreti, con i quali sale a 1034 il numero di bambine e bambini che hanno partecipato alla manifestazione canora dalla prima edizione ad oggi; 11 le regioni d’Italia rappresentate dai solisti scelti tra oltre 5000 bimbi durante lo “Zecchino d’Oro Casting Tour”, che da febbraio ad agosto ha toccato ben 30 città italiane; 65 i bambini del Coro dell’Antoniano, diretto da Sabrina Simoni, che canteranno insieme ai solisti.
Tante le novità nelle puntate pomeridiane.
Prima fra tutte, la conduzione di Antonella Clerici, una superconduttrice che porterà all’Antoniano tutta la sua proverbiale vivacità e la sua esuberante dolcezza di mamma.
Una giuria di ospiti eccezionali affiancherà la tradizionale giuria di bambini tra gli 8 e i 12 anni, con il compito di scegliere, tra quelle in gara, la canzone vincitrice di questa edizione. Una cucina sarà sempre aperta per suggerire la merenda del giorno ai piccoli telespettatori e alle loro mamme.
Torna il Quizzecchino, un piccolo quiz per vagliare la preparazione degli ospiti sulla storia dello Zecchino d’Oro, ma anche un’occasione per rivedere alcuni frammenti delle passate edizioni che sono rimaste nel cuore di molte generazioni di ascoltatori.
Ospiti in trasmissione anche Lampo, Milady, Pilou e Polpetta, ovvero i Buffycats, i quattro protagonisti della serie animata dal titolo 44 Gatti, prodotta dalla Rainbow in collaborazione con Antoniano Bologna e Rai Ragazzi e in onda su Rai Yoyo.
Il 4 dicembre inizia la gara con l’ascolto di sei canzoni. Il 5 dicembre la gara prosegue con l’ascolto delle altre sei. Il 6 dicembre vengono riascoltate le 12 canzoni in gara, in una versione ridotta.
Il 7 dicembre sarà, invece, il giorno della grande finale in prima serata, condotta da una coppia davvero inedita per il piccolo schermo, Carlo Conti e Antonella Clerici che riporteranno in tv tutte le canzoni in gara, cantate dal vivo dinanzi a un pubblico degno delle grandi occasioni.
Ancora una volta, accanto alla giuria dei bambini a votare le canzoni in gara sarà una fantastica ed eterogenea giuria di ospiti, da Giovanni Allevi a Luciana Littizzetto, da Ficarra e Picone a Laura Chiatti, Claudia Gerini, Benji e Fede, Alberto Urso.
Il 62° Zecchino d’Oro promuove la campagna “Operazione Pane”, attiva dal 17 novembre al 14 dicembre 2019, finalizzata al sostegno di 15 mense francescane per garantire 150 mila pasti da gennaio a dicembre 2020, pari a un terzo dei pasti complessivamente erogati in un anno dalla rete di mense che accoglie e aiuta persone e famiglie in condizioni di grave disagio e avvia per loro percorsi di inserimento sociale, sanitario e lavorativo. Attraverso una donazione sarà possibile sostenere le Mense Francescane, donando un pasto a chi non ha da mangiare. L’Antoniano sosterrà anche una realtà francescana che opera ad Aleppo, in Siria, per garantire pasti, ascolto e aiuto alle famiglie che hanno subito il trauma della guerra e che adesso non hanno più nulla.
Per offrire un contributo, basta un sms o una telefonata da rete fissa al numero solidale 45588.
Lo Zecchino d’Oro è sottotitolato per i non udenti alla pagina 777 di Televideo.
Lo Zecchino d’Oro esce dalla Tv e arriva sul web: sul sito www.zecchinodoro.rai.it, dedicato alla 62° edizione e visibile su tutti i device, il pubblico di internet è chiamato ad esprimersi sulla propria canzone preferita. In trasmissione sarà annunciato il brano che raccoglierà il maggior numero di preferenze online.
La trasmissione potrà essere commentata anche attraverso gli hashtag #Zecchino62 e #Zecchinodoro.
La 62° edizione dello Zecchino d’oro sarà disponibile anche su RaiPlay con una pagina dedicata per navigare nella rinnovata piattaforma digitale della Rai fra le canzoni di ieri e di oggi. Su RaiPlay l’utente potrà guardare in diretta e on-demand la trasmissione che andrà in onda su Rai1 dal 4 al 7 dicembre e avrà anche la possibilità di rivedere – già durante lo spettacolo – i video delle esibizioni dei piccoli cantanti e degli ospiti.
Redazione

CS_Il 7 dicembre in diretta dall’Unipol Arena di Bologna la serata finale della 62esima edizione dello “ZECCHINO D’ORO”, in prima serata su Rai 1 con la conduzione di Carlo Conti e Antonella Clerici!


ZECCHINO D_ORO_LOGO_ORIZZONTALE_CMYK (002)

IL 7 DICEMBRE IN DIRETTA

DALL’ UNIPOL ARENA DI BOLOGNA

LA SERATA FINALE DELLA 62esima EDIZIONE DELLO

 “ZECCHINO D’ORO”

il più importante festival delle canzoni per bambini in Italia!

 

IN PRIMA SERATA SU RAI 1

CON LA CONDUZIONE DI CARLO CONTI E ANTONELLA CLERICI

 

Sarà l’Unipol Arena di Casalecchio di Reno (BOad ospitare la serata finale della 62esima edizione dello ZECCHINO D’ORO che si terrà il 7 dicembre e che andrà in onda in prima serata in diretta su Rai 1, con la conduzione di Carlo Conti e Antonella Clerici, la direzione musicale del Maestro Peppe Vessicchio, il Coro dell’Antoniano diretto da Sabrina Simoni e la regia di Maurizio Pagnussat.

Le puntate del 4, 5 e 6 dicembre si svolgeranno, come da tradizione, dagli studi televisivi dell’Antoniano di Bologna, e il pubblico sarà formato esclusivamente da bambine e bambini dai 6 ai 13 anni; la puntata finale di sabato 7 dicembre in diretta dall’Unipol Arena è invece aperta ad un pubblico di ogni età, il cui ingresso è gratuito e vincolato alla richiesta di un biglietto omaggio: per riceverlo via mail è sufficiente compilare il form on line su www.zecchinodoro.org/biglietteria

Il 62° Zecchino d’Oro sostiene la campagna “Operazione Pane”, che sarà promossa tra novembre e dicembre 2019 al fine di sostenere 15 mense francescane garantendo 150mila pasti da gennaio a dicembre 2020.

Redazione

18/11/2017 – 16:40 #RAI1: 60° ZECCHINO D’ORO Dall’Antoniano di Bologna quattro pomeriggi e una serata speciale per il compleanno dello Zecchino


Lo Zecchino d’Oro taglia il traguardo della 60ª edizione, e torna su Rai1 alle 16.40 in diretta dall’Antoniano di Bologna, ogni sabato dal 18 novembre al 9 dicembre. Condotto da Francesca Fialdini con Gigi & Ross, quest’anno vanta la direzione artistica di Carlo Conti.

Proprio Conti condurrà una spettacolare prima serata, l’8 dicembre, per ripercorrere – attraverso le canzoni – i ricordi, i personaggi e i momenti che hanno segnato la storia dello Zecchino d’Oro.
Saranno 12 le canzoni inedite in gara (con le quali il repertorio sale a 752 brani), i cui temi spaziano dalla favola ai social network, 18 gli autori di testi e musiche, 16 i piccoli interpreti provenienti da 10 diverse regioni d’Italia e selezionati dopo un tour che ha attraversato oltre 30 città, 60 i bambini del Piccolo Coro “Mariele Ventre” dell’Antoniano di Bologna diretto da Sabrina Simoni che canteranno insieme ai solisti, per uno Zecchino d’Oro ricco di novità, in questo anno di grandi celebrazioni.
Le quattro puntate saranno così strutturate:
18 novembre – inizia la gara con l’ascolto di 6 canzoni, che saranno votate da una giuria di bambini tra gli 8 e i 12 anni affiancata da 4 giudici di eccezione, che per questa puntata saranno Cristina d’Avena, ospite fisso di questo 60° Zecchino d’Oro, Lino Banfi, Caterina Balivo e Simone Montedoro. Ospiti in trasmissione saranno anche Valter Brugiolo, interprete di Popoff, Thomas, direttamente da Amici di Maria de Filippi, e i protagonisti de “Il Magico Zecchino d’Oro”, musical prodotto in occasione del sessantesimo anniversario della manifestazione canora.
25 novembre – la gara prosegue con l’ascolto delle altre 6 canzoni, che saranno votate da una giuria di bambini tra gli 8 e i 12 anni affiancata da 4 giudici d’eccezione, tra cui Cristina d’Avena. Anche in questa puntata saranno ospiti uno storico interprete dello Zecchino d’Oro, un artista del panorama musicale contemporaneo e i protagonisti di un musical.
2 dicembre – verranno riascoltate tutte e 12 le canzoni in gara, che saranno votate da una giuria di bambini tra gli 8 e i 12 anni affiancata da 4 giudici d’eccezione, tra cui Cristina d’Avena. Anche in questa puntata saranno ospiti uno storico interprete dello Zecchino d’Oro, un artista del panorama musicale contemporaneo e i protagonisti di un musical.
9 dicembre – verranno ascoltate per l’ultima volta tutte e 12 le canzoni in gara, che saranno votate da una giuria di bambini tra gli 8 e i 12 anni affiancata da 4 giudici d’eccezione, tra cui Cristina d’Avena. I voti delle puntate precedenti si sommeranno a quelli di questa puntata, decretando così la canzone vincitrice del 60° Zecchino d’Oro. Anche in questa puntata saranno ospiti uno storico interprete della manifestazione canora, un artista del panorama musicale contemporaneo e i protagonisti di un musical.
Insieme ai bambini del Piccolo Coro “Mariele Ventre” dell’Antoniano di Bologna diretto da Sabrina Simoni, i giovani interpreti saranno anche la voce de “Il Cuore dello Zecchino d’Oro”, il progetto di solidarietà di Antoniano onlus patrocinato da Rai Responsabilità Sociale legato alla trasmissione televisiva che promuove la campagna di raccolta fondi “Operazione Pane”, rivolta alle persone e ai nuclei familiari che vivono in povertà. “Operazione Pane” ha l’obiettivo di rafforzare l’esperienza avviata gli anni precedenti, supportando 14 mense francescane in Italia nell’erogazione quotidiana dei pasti e nelle successive attività di reinserimento per gli ospiti. Attraverso una donazione con SMS solidale al numero 45511, attivo dal 13 novembre al 10 dicembre, sarà possibile sostenere la rete di mense, donando un pasto a chi non ce l’ha.
Le 12 canzoni che concorrono per il 60° Zecchino d’Oro, varie nelle tematiche e nei generi musicali, sono prodotte dal Centro di Produzione dell’Antoniano sotto la direzione artistica del Maestro Peppe Vessicchio.
La regia delle quattro puntate in onda il sabato pomeriggio sarà di Roberto Croce, mentre la regia dello show in onda in prima serata sarà di Maurizio Pagnussat.
Anche RadioRai e RaiRagazzi racconteranno l’edizione numero 60 dello Zecchino. Rai YoYo presenterà le repliche della manifestazione alle 21.55 di venerdì 24 novembre per la prima puntata, del primo dicembre per la seconda, del 7 dicembre per la terza e del 14 dicembre per la finale. Le canzoni in gara della 60a edizione, poi, diventeranno anche quest’anno animate e saranno proposte a partire da domenica 19 novembre, alle 18.55, tutti i giorni su Rai YoYo. Si tratta della 14ª serie delle canzoni animate dello Zecchino d’Oro, realizzate da alcune delle più importanti case di animazione italiane, con la produzione dall’Antoniano, in collaborazione con Rai Ragazzi. Oltre ai 12 brani in gara ci saranno anche due “bonus track”, tra le quali una nuova, emozionante versione animata di “Goccia dopo goccia”.
Rai Radio Kids, invece, da quest’anno sarà la radio ufficiale dello Zecchino d’oro. Nei mesi di novembre e dicembre 2017 molti spazi della sua programmazione saranno dedicati a questo grande e storico appuntamento musicale per i bambini e le famiglie e alla storia delle 60 edizioni dello Zecchino d’oro. Ogni appuntamento su Rai1 sarà replicato da Radio Kids il 22 e 29 novembre e il 6 e 13 dicembre alle ore 18 e le quattro puntate saranno arricchite  dal racconto di Armando Traverso con i pupazzi Lallo il cavallo e Lella la pecorella. Dalla loro  “postazione radio” negli  studi dell’Antoniano di Bologna, i simpatici conduttori realizzeranno una radiocronaca per far vivere ai piccoli radioascoltatori le emozioni e il clima della gara canora e del dietro le quinte del programma. A novembre e dicembre, poi, tutti i giorni alle  8.45, 11.15,13.45 e 18.45 sarà possibile ripercorrere la storia delle 60 edizioni del programma e riascoltare  le canzoni più famose e più amate dal pubblico, e in special modo quelle che sono  diventate cartoni animati prodotti da Rai Fiction. E sempre in questi mesi, tutti i giorni alle ore 8, 11, 14 e 18, andrà in onda “BIG BANG – Speciale Zecchino d’oro 2017”, un programma  interamente dedicato ai concorrenti finalisti e alle canzoni da loro interpretate. Naturalmente sul sito di Radio Kids si potranno riascoltare tutte le   puntate e gli speciali realizzati  dalla radio, si potranno vedere i cartoni animati ispirati alle canzoni dello Zecchino d’oro,  i contenuti extra,  i commenti dei conduttori, le interviste ai protagonisti  e sulle pagine social saranno postati in diretta foto e video dal backstage dell’Antoniano di Bologna.

 Redazione

BEPPE VESSICCHIO RACCONTA LA VERITA’ SULLA SUA ASSENZA A SANREMO E RIVELA CHE SARA’ IL NUOVO PRODUTTORE ARTISTICO DELLO “ZECCHINO D’ORO”


Beppe-Vessicchio.png

La mancanza di Beppe Vessicchio dalle ultime due edizioni del Festival di Sanremo ha fatto tanto chiacchierare i media sugli ipotetici perchè, ma è notizia recente che lo storico direttore d’orchestra sarà il nuovo produttore artistico dello Zecchino d’oro, manifestazione che quest’autunno celebrerà 60anni, in onore dei quali è uscito un  triplo cd che contiene 60 canzoni in versione originale, con tutti i classici come Il pulcino ballerino, Popoff, Quarantaquattro gatti, Il valzer del moscerino, fino a brani più recenti come Il coccodrillo come fa?, Le tagliatelle di Nonna Pina e Quel bulletto del carciofo. Premesso che il direttore artistico del festival dei piccini è Carlo Conti  di cosa si occuperà il Maestro Vessicchio? Lo racconta in una intervista rilasciata a Repubblica.it che riportiamo:

Cosa ha fatto, maestro?

“Ho fatto parte della commissione che ha ascoltato i provini, cioè le canzoni abbozzate, e selezionato le 12 che saranno in gara. Adesso arriva la cosa più difficile, scegliere i cantanti”.

Non funziona al contrario di solito?

“Non allo Zecchino d’oro. Per un motivo semplice: i cantanti hanno le voci uguali, sono tutte voci bianche. Per cui bisogna scegliere il bambino più giusto per ogni brano”.

Lei ha circa l’età di questa manifestazione. Che ricordi ne ha da piccolo?

“Parecchi, ovviamente. Il buon Cino Tortorella che faceva Zurlì, musiche come Fammi crescere i denti davanti e 44 gatti. Certo, di musica non sapevo nulla, ma istintivamente capivo la forza di quelle musiche. Non a caso le ricordiamo tutti, quelle canzoni, perché tutto quel che sopravvive ha un valore indiscutibile, che magari al momento si capisce poco. Un po’ come Bach”.

E che ci azzecca Bach con lo “Zecchino”?

“Musicisti che abbiano fatto la musica di Bach chiamandosi Bach ce n’erano tantissimi, parecchi dei suoi figli anzitutto. Però ci si ricorda solo di lui. Segno che è solo la sua musica quella così forte da meritare di essere ricordata”.

Ma la musica per i bambini è più semplice di quella per i grandi.

vess 

“Lo dice lei. Bisogna dire cose con meno elementi, mantenendo la forma canzone. E rivolgersi a un pubblico di bambini non le leva valore. La semplicità è la cosa più difficile. “Ho impiegato una vita per imparare a dipingere come un bambino”, diceva Picasso”.

C’è differenza tra “Sanremo” e lo “Zecchino”?

“In un certo senso no, perché sono appuntamenti canonici per tutta Italia. Ovviamente cambia il pubblico, ma è un po’ come se fossero feste comandate, tipo Carnevale, Pasqua, Natale. Per me in particolare Sanremo resta il mio giardino preferito”.

Al quale però non si dedica da un paio d’anni. Quest’anno perché aveva scritto con Angelo Carotenuto il libro “La musica fa crescere i pomodori”. Insomma, niente giardino per darsi all’orto.

“E devo dire che pubblicarlo in concomitanza con la gara è stato un grandissimo colpo promozionale, inatteso. Quando si è capito che non sarei andato al festival, mi hanno cercato tutti i giornali, su Internet sono nate sollevazioni popolari che mi hanno fatto estremo piacere perché sono state spontanee. E ho scoperto di essere bipartisan, apprezzato da tutti. Ma la verità su Sanremo è che non mi aveva cercato nessun cantante, me ne sono accorto tre settimane prima, quindi ci sono potuto andare da persona qualsiasi. Un’assenza presenza. E sono stato contento di presentare il libro al teatro del casinò, dove si tenevano le prime edizioni e dove si sono esibiti Modugno, Tenco, Armstrong”.

Trapela nostalgia per un Festival meno baraccone dell’attuale.

“È da tempo un festival della tv, tanto che la Rai paga i discografici quando dovrebbe essere il contrario forse. Però io mi diverto sempre quando dirigo sul podio dell’Ariston”.

Nessun pentimento? Lei è pur sempre l’uomo che ha diretto Scanu in “Per tutte le volte che”, quella del fare l’amore in tutti i luoghi e in tutti i laghi.

sarn“Vede che se la ricorda? Questo deve fare una canzone, farsi ricordare. Poi le assicuro che il provino era davvero bello. Scanu pagò l’essere stato il primo a venire da un talent show. Così come pagò la vittoria, che a volte non fa bene, anzi è un danno. Pensi ai Jalisse, a quanto furono linciati”.

Ma insomma non si è mai vergognato di qualche canzone che ha diretto?

“Le rispondo così: non sempre faccio quel che amo, ma amo sempre quel che faccio”.

Gabbani le è piaciuto?

“Direi che la canzone aveva tutti gli ingredienti che servono per il successo: orecchiabile, divertente, ha fatto discutere, c’era l’invenzione scenica del gorilla. Che altro?”.

Chiudiamo tornando allo “Zecchino”. Quale canzone le sarebbe piaciuto dirigere all’Antoniano?

” Volevo un gatto nero. I gatti sono animali magici. E poi io ho un gatto. Gatto”.

In che senso, scusi?

“Semplice: è un gatto che ho chiamato Gatto “.

Redazione

 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: