Luca Napolitano

Luca Napolitano ritorna con il singolo “Anche Stavolta” che anticipa il terzo album ancora in lavorazione


Ad un anno dal suo successo Ci whatsappiamo del 2016, è uscito venerdì 24 novembre, Anche Stavolta, nuovo singolo di Luca Napolitano che segna il ritorno del cantautore che partecipò ad Amici nell’edizione del 2008 dove arrivò terzo.  Il brano scritto dallo stesso Luca  insieme a Francesco Ciccotti e al maestro Adriano Pennino che ne firma anche gli arrangiamenti, anticipa  il nuovo e terzo progetto discografico, ancora in fase di lavorazione, che prevede 11 brani la cui  pubblicazione è prevista per il prossimo anno.  Il singolo, disponibile in download su Itunes, in tutti gli store digitali e piattaforme streaming. è accompagnato da un videoclip  interamente girato a Roma, nello studio di Cinecittà 3 che utilizza la tecnica del green screen per ricreare un paesaggio lunare, un mistico altrove dai contorni indefiniti, nel quale ambientare i conflitti sentimentali di due giovani apparentemente vicini, ma in realtà, per riprendere le parole dell’artista, “lontani anni luce”.

Luca dà così voce alle speranze e ai sogni dei due protagonisti: lui è pronto a perdonare e ad ascoltare soltanto la voce dei sentimenti mentre lei risponde con freddo distacco, sorda al dolore dell’altro, forse in cerca di qualcun altro da poter amare. Questo è quanto emerge dal coinvolgente ritornello di “Anche Stavolta“.

Link per l’ascolto:

https://open.spotify.com/embed/track/7a2DYkCBj0H4XRLoA3QPcs

 

 

 

Redazione

 

 

 

“CI WHATSAPPIAMO” IL SINGOLO PER L’ESTATE CHE SEGNA IL RITORNO DI LUCA NAPOLITANO


Luca Napolitano - Ci whatsappiamo-kNlH--1280x960@Produzione

Arriva per l’estate 2016 il nuovo singolo di Luca Napolitano,pubblicato l’8 di luglio 2016 il bello dell’ottava edizione di Amici di Maria De Filippi, dal titolo molto social “CI WHATSAPPIAMO”, prodotto dalla Clodio Management. Dopo il successo nel talent-show targato Mediaset, in cui Luca conquista il podio aggiudicandosi il terzo posto, l’artista pubblica il suo primo disco “Vai” ed ottiene il disco d’oro. Nel 2009 viene premiato insieme a Valerio Scanu ed Alessandra Amoroso ai Wind Music Awards per le vendite dell’album “Scialla”, certificato disco multiplatino. Attualmente Luca Napolitano è impegnato in tour anche internazionali ed è amatissimo soprattutto in Svizzera. Il suo nuovo singolo “CI WHATSAPPIAMO” dal sound rock, è un condensato di energia, armonia, grande musicalità, il tutto condito dalla straordinaria grinta interpretativa e la grande vocalità di Luca. Il brano riproduce in maniera semplice ma efficace un nuovo stile di vita, un nuovo modo di vivere e coltivare i sentimenti attraverso i social, il mondo delle chat, ossia ricorrendo ad una delle applicazioni più usate e più famose del momento “WHATSAPP” (Ci whatsappiamo mano nella mano/e abbiamo sempre il T9 nella testa). Tuttavia, a volte può accadere che la differenza tra il virtuale ed il reale sia notevole e questo è quanto emerge dal piacevole e armonico ritornello di “CI WHATSAPPIAMO” (Ci sentiamo/ci messaggiamo /e poi arriva una che non sembri neanche tu). Lasciamoci allora conquistare da quello che sarà di sicuro il tormentone di questa estate e viviamo, con la fantastica voce di Luca Napolitano e il suo nuovo singolo, le emozioni e le sorprese degli amori in chat.

 

Testo 

Sabato sera, un’altra sera che sono a casa solo
vado sul social, apro un profilo e sono come tu mi vuoi
è come ad una festa ma senza avere un contatto, un’emozione
la gente vuole photoshop, la verità fa shock, sono come in una soap

C’è un’applicazione che pensa al posto mio,
sorride al posto mio, fa sesso al posto mio

Ci conosciamo, dai ci vediamo, vogliamo vivere la vita solo a testa in giù
ci whatsappiamo mano nella mano e siamo soli col t9 nella testa
Ci sentiamo, dai ci incontriamo e arriva una che non sembri neanche tu
ci messaggiamo dai che ci selfiamo e per like in più facciamo festa.

Non usi filtri nella tua vita e nemmeno nelle foto
un selfie dice tutto di te, anche un po’ troppo, è inequivocabile
ma se la vita è questa, del virtuale tu dimmi cosa resta,
c’è un giochino semplice, un’applicazione che piange al posto mio
respira al posto mio, fa sesso al posto mio

Ci conosciamo, dai ci vediamo, vogliamo vivere la vita solo a testain giù
ci whatsappiamo mano nella mano e siamo soli col t9 nella testa
Ci sentiamo, dai ci incontriamo e arriva una che non sembri neanche tu
ci messaggiamo dai che ci selfiamo e per un like in più facciamo festa

Chiedi al tuo cuore di leggermi come non ha fatto mai
Ti passo a prendere e tocchiamo insieme il mondo
siamo io e te

Ci conosciamo e ci vediamo, ci piace vivere la vita solo a testa in giù
ci whatsappiamo mano nella mano e siamo soli col t9 nella testa
Ci sentiamo, dai che ci vediamo e arriva una che non sembri neanche tu
ci messaggiamo dai che ci selfiamo e per un like in più facciamo festa


Ci whatsappiamo mano nella mano e siamo soli col t9 nella testa
ci sentiamo, dai che ci incontriamo e arriva una che non sembri neanche tu
ci messaggiamo dai che ci selfiamo, per un like in più, per un like in più, per un like in più

Redazione

“CHE TEMPO CHE FA?” A SANREMO 2014: MALGIOGLIO INDIGNATO, I SUPEROSPITI, I “BIG” … IN AZERBAIGIAN … E GLI “EX TALENT”?”


sanremo-20141-520x292

Il settimanale “Nuovo” (n. 52 02/01/2014), con una breve inchiesta, ha cercato di “tastare il polso” del gradimento e delle reazioni espressi a botta calda da pubblico e “addetti ai lavori” a proposito del prossimo festival della canzone italiana, il 64esimo per la precisione (18 – 22 febbraio 2014), a pochi giorni di distanza dalla lettura della lista dei partecipanti da parte del conduttore Fabio Fazio e l’autore dell’articolo, a dire il vero, non sembra abbandonarsi a entusiasmi spontanei o toni favorevolmente sorpresi. Ecco chi sono i “big-per-modo-di-dire” che “non convincono” pienamente: Francesco Sarcina, Frankie Hi-Nrg Mc, Giuliano Palma, Renzo Rubino, Riccardo Sinigallia, Raphael Gualazzi, Perturbazione, Cristiano De Andrè, Giusy Ferreri, Francesco Renga, Ron, Antonella Ruggiero, Arisa e Noemi.

Naturalmente, Fazio difende a spada sguainata le sue scelte, dicendo di aver voluto creare un “mix” di “classico e contemporaneità”, scommettendo su pezzi che possano interessare le radio e promettendo “superospiti” internazionali (uno fra tutti, Justin Bieber) e non, per accendere di mondanità le serate della Riviera dei Fiori. Nell’articolo si evidenzia che potrebbe rivelarsi un errore da scontare a caro prezzo l’aver volutamente trascurato l’ ”anima nazional-popolare della kermesse” e quelli che ne sono sempre stati gli interpreti “storici”, infatti proprio alcune “(ex)star di Sanremo” sono impegnate in questi giorni in una serie di esibizioni a Baku, in Azerbaigian, dove sono acclamatissime; qualche nome?Al Bano, Toto Cutugno, Ricchi e Poveri, Pupo, Tony Esposito, Fiordaliso, Ivana Spagna

Il più accanito detrattore del “cast” di cantanti di Sanremo 2014 è Cristiano Malgioglio -professa la sua stima solo per Francesco Renga e Giusy Ferreri-, che rifarebbe interamente alla sua maniera, ammettendo in gara “Rettore, Alice, Oxa, Mango”, più qualche appartenente a quello che definisce “Jurassic Park di successo”, come anche, udite, udite “Giovani artisti provenienti dai talent show (che?non aveva sempre sostenuto il contrario?… come rimangiarsi la parola impunemente)”, mentre su Antonella Ruggiero orfana dei “Matia Bazar” è impietosamente crudele “In versione solista è un’artista fuori mercato”; qualche altro parere: il giornalista Dario SalvatoriI big in gara hanno bisogno del rilancio … a me piacerebbe il contrario, ovvero che il festival potesse trovare forza e giovamento da determinati artisti …”, il paroliere Paolo Limiti “(ndr si riferisce all’edizione 2013) … Quei brani facevano letteralmente schifo. A febbraio 2014 accenderò la tv, ma se nei primi venti minuti ascolterò canzoni orrende, giuro che spegnerò tutto …”, Iva ZanicchiQuando ho letto la lista dei big, in relazione a qualcuno, la prima cosa che ho detto è stata –E chi è questo?- Non avrei escluso gli allievi dei talent, perché ormai –Amici-, -XFactor- e –The Voice- sono una realtà”, le fa eco un’altra cantante, Emanuela VillaI ragazzi dei talent portano un gran numero di telespettatori”, certo, come dimenticare la forza dirompente e liberatoria del televoto, in cui è specializzata soprattutto questa tipologia di pubblico, che sarà quindi privato della soddisfazione impagabile di potersi “sfogare” con la digitazione rabbiosa, nervosa e compulsiva, a mezzo apparecchi fissi e mobili, di numeri telefonici e codici in grado di far volare il più in alto possibile i propri beniamini?come dire “no televoto (a dire il vero ci sarà, ma si può, ragionevolmente, prevederne, quantitativamente, un crollo), no party”.

Tra gli esclusi di quest’anno, nella sezione ”Sanremo Giovani”, la “ex-amiciana” Claudia Casciaro che parla di “Pregiudizio verso chi viene dai talent … Tanti sono convinti che i ragazzi dei talent non siano credibili”, più accomodante il collega Luca Napolitano (ndr finalista ad “Amici8”), che dice di comprendere la volontà di Fazio di ritornare a un Sanremo “pre-talent” “E’solo la prima volta che vengono esclusi i partecipanti dei talent, in particolare di –Amici- (ndr vero è che Noemi e la Ferreri, presenti al festival, si sono fatte conoscere a –XFactor-, stessa categoria di provenienza –talent-, ma ormai ne sono considerate, a tutti gli effetti, affrancate, a differenza di altri), io dico di metterlo alla prova …” e continua “Non succede nulla se per un’edizione mancano –Amici-, -The Voice- e –XFactor-, in particolare i partecipanti degli ultimi anni” a chi avrà alluso il giovane cantautore napoletano? Il 2008, quando nella “scuola” della De Filippi vinse Marco Carta, poi rivelazione di Sanremo 2009 è troppo lontano? E il 2009 quando arrivò secondo Valerio Scanu, poi affermatosi, a sua volta, a Sanremo 2010? Il 2010, quando prevalse Emma Marrone, poi “laureata”, come i predecessori, a Sanremo, nel 2012? Marco Mengoni, primo a “XFactor” nel 2009 e a Sanremo 2013? Non è difficile capire, a questo punto, perché gli “ex-talent” siano avversati su così tanti fronti.

[Articolo a cura di Fede]

CHI L’HA (PIU’) VISTO? – MARIO NUNZIANTE: DA “AMICI” … ALL’ALBANIA.


Già, -Chi l’ha (più) visto?- Sorge spontaneo chiedersi che fortuna artistica abbiano avuto i tanti concorrenti avvicendatisi sul palcoscenico di “Amici” apparentemente scomparsi dalla circolazione, fra loro si contano sicuramente le semplici meteore, c’è chi ha continuato faticosamente il suopercorso “in salita” lontano dai riflettori abbaglianti, dallo “showbiz”, dalle più o meno brevi parentesi di celebrità regalate dai “talk show”, dalle trasmissioni “revival” e dai rotocalchi gossippari e chi ha preferito senza indugi giocarsi la carta dell’estero.

Mario Nunziante, Voce senza Voce, intervista-anteprima-600x600-925174

Qualcuno si ricorda di Mario Nunziante? Questo nome non dirà molto ai più, ma ai fedelissimi di “Amici” probabilmente sì, perché si tratta di un giovane cantante-musicista approdato alle avanzate fasi eliminatorie del serale dell’edizione numero 8 della trasmissione – quella, per intenderci, vinta da Alessandra Amoroso e da cui è uscito quel Valerio Scanu destinato a trionfare, a soli 19 anni, l’anno successivo, a Sanremo 2010 – proprio a Mario, oggi 27enne, il settimanale “Nuovo” (n. 50 18/12/2013) dedica un ampio servizio.

Ad “Amici8” aveva legato, al punto da formare un trio affiatatissimo e pressochè inseparabile, con la bionda ballerina Alice Bellagamba e il suo, allora, fidanzato, Luca Napolitano, ai tempi, uno dei “pupilli” di Maria De Filippi, ma lo stesso Mario non poteva sostenere di non ricevere attenzioni e incoraggiamenti da parte della conduttrice, oltre a un trattamento di favore, poi, l’uscita di scena a un passo dalla “finale”.

Da allora, sul bravo ragazzo originario di Crotone è calato il silenzio, interrotto proprio in questi giorni dall’intervista, in cui racconta di aver messo su famiglia, di essere diventato padre e che la sua compagna, cantante a sua volta, Sarah Memmola, già esclusa, in passato, alle selezioni di “Amici”, è stata invece ammessa all’ “X-Factor” albanese e si è trasferita a Tirana, dove, come dice Mario “Sarah ha subito conquistato la regista e la presentatrice della trasmissione, due professioniste molto serie …”.

Per quanto lo riguarda, nega che il “talent” di Canale5 a cui ha preso parte nel periodo 2008/2009 gli abbia spalancato chissà quali porte o sia stato un trampolino di lancio per poter sfondare “Non lo è stato. E’stato un’esperienza che mi ha insegnato tante cose … ed è comunque un’avventura che consiglio perché molto formativa …” Ma a quanto pare non sufficiente per rimanere nel “giro” dello spettacolo, lì ci vuole altro “Quando convinci la gente ad acquistare il tuo disco e a comprare un biglietto per venirti a vedere in concerto, allora rimani nel giro …” Comunque, Mario non si è scoraggiato, nel 2013 ha pubblicato un disco per un’etichetta indipendente e ha avuto l’opportunità di collaborare e duettare, in un singolo, con Pino Mango, l’album è entrato anche nella classifica I-Tunes, per il resto, prosegue “Ho recitato anche nel musical –Blues Brothers- per Tv Klan, emittente televisiva albanese, cantando in inglese e in questi giorni mi sto esibendo in diversi locali di Tirana: faccio un tributo alla musica cantautorale italiana”.

E sulla De Filippi, così “maternamente” prodiga, ad “Amici8”, di sorrisi indulgenti e carezzevoli ed espressioni affettuose di piena approvazione, con cui si “coccolava” tanto spesso la squadra “Nunziante-Napolitano”, Mario si è lasciato forse andare a riconoscenti rievocazioni celebrative
dal vago sapore nostalgico? Nulla, nonostante le domande dell’intervistatrice portassero a qualche riferimento d’obbligo, come si suol dire, un silenzio … “assordante”.

[Articolo a cura di Fede]

Luca Napolitano non si è mai fermato.


Luca nap.

Incredibile, mai avrei pensato di scrivere di lui, ma in passato ho  dedicato articoli  che esulavano da Valerio Scanu a cui questo blog è particolarmente “affezionato” quali, Martina Stavolo, Simonetta Spiri, Jennifer Milani, Cassandra De Rosa, Marco Carta, Alessandra Amoroso, EmmaMarrone, MarcoMengoni e sicuramente altri, ma mai  ho scritto di Luca Napolitano. Luca partecipò all’edizione di Valerio Scanu ed Alessandra Amoroso, pertanto nell’ottava edizione di Amici di Maria De Filippi  insieme a Valerio ed Alessandra a cui aggiungerei anche Alice Bellagamba, e Martina Stavolo ed Adriano Bettinelli faceva parte del gruppetto che si rese “protagonista”  di quell’edizione che fu particolarmente di successo.

Di Luca Napolitano, personalmente mi colpiva lo sguardo e l’attenzione che dedicava alle esibizioni di Valerio Scanu, nonostante all’epoca tra i due non pareva corresse particolare “simpatia” coglievo comunque nel suo sguardo “ammirazione” per quelle esibizioni al limite della perfezione. L’impressione che ne traevo era che ascoltasse per coglierne gli aspetti positivi più che i difetti (opinione personale ndr). Il suo carattere schivo e riservato, poco incline al sorriso gli valse se non ricordo male  l’epiteto comunque benevolo di “Mutrugnone” da parte di Scanu, con cui sembra che i rapporti si siano ristabiliti una volta usciti dal Programma. Ebbene Luca Napolitano seppure anche lui non abbia avuto particolare visibilità o promozioni eclatanti, ha proseguito nel suo percorso continuando ad incidere e ad esibirsi.

Nella sua pagina Facebook molto attiva (conta oltre 100mila “Mi piace”) i suoi fan, attivissimi lo sostengono quotidianamente decantandone le qualità artistiche e caratteriali, l’umiltà e l’impegno ad andare avanti anche lui senza spinte e raccomandazioni di sorta.

Il cantante, sotto etichetta Warner Musica Italy , nel 2009 è uscito con suo primo primo EP  Vai, poi con l’Infinito il secondo album entrambi certificati oro. A distanza di un anno è uscito Di Me poi il quarto album Fino a tre. Col suo tour Luca ha ottenuto un buon successo di pubblico non solo in Italia ma anche in Svizzera Austria e Germania. Al momento Luca sta lavorando al suo quinto album.

Noi stiamo dalla parte di chi lavora spesso in sordina e riesce a stare a galla grazie all’impegno e all’affetto dei suoi fan, chi gode di privilegi e raccomandazioni puo’ tranquillamente godere della pubblicità di altri blog allineati a direttive editoriali dei vari uffici stampa, noi non lo siamo pertanto siamo ancora in grado di dire come la pensiamo nel bene e nel male, piaccia o meno…

E voi Luca lo ricordate?

MARIA DE FILIPPI, I CONCORRENTI, I COLLABORATORI E IL PUBBLICO: “SIAMO UNA GRANDE FAMIGLIA ALLARGATA (E FELICE)”


maria-default

“In epoca di crisi di valori e tracollo e disgregazione dei nuclei familiari, il servizio pubblicato da “Nuovo” (n. 40 10/10/2013 pag, 28), in cui si afferma che le parole d’ordine di Maria De Filippi sono “amicizia” e “famiglia” e si evidenzia il “lato umano”, da lei privilegiato in qualsiasi rapporto con collaboratori, pubblico e concorrenti, in apparenza suona fin dal titolo (ndr è questo: “Qual’è il segreto del successo di Maria?Ricordare che gli amici sono una famiglia”) come un autentico “balsamo” ecc. ecc.” per lo spirito, tanto da lasciare increduli. La “signora della tv che conta” viene descritta, nel prosieguo, come, anticonformisticamente, insofferente allo “star system”, con un popolo di “fedelissimi” che vanno dalla massaia, alle ragazzine, al benzinaio che la considerano, si dice “un’amica di famiglia” e così le si rivolgono per strada, ma non finisce qui, infatti anche nella professione, si sostiene, è lo stesso, “ama circondarsi di persone care”, come il ballerino Kledi Kadiu, da lei lanciato a suo tempo, che ha nuovamente bussato alla sua porta ed è stato benignamente riaccolto in seno all’accademia di “Amici”, dove tornerà in veste di insegnante a partire dal23 novembre e c’è poi Luca Zanforlin, storico autore del programma, che dopo una parentesi lavorativa in Spagna, si appresta a riprendere il posto che gli spetta nel “cast” fisso della conduttrice e anche voci insistenti di loro passati dissapori a quanto pare sono state del tutto fugate, ma avevano già indotto la De Filippi a scendere sul piede di guerra, con tanto di proverbiale sfuriata in diretta “Ci sono i malpensanti. Io non li sopporto. Con Luca lavoro da 12 anni, gli voglio un bene dell’anima”, come si suol dire “Omnia vincit amor” (da Wikipedia: P.V. Marone “Bucoliche”). Ma dalla sua, la “signora del sabato sera” ha altre sue “creature”, un coro unanime e ossequiente, alle quali, a ogni suo passaggio (televisivo) “Ogne lingua devien tremando muta e gli occhi non l’ardiscon di guardare” (ndr Dante Alighieri: “Vita Nova”), eccovi di seguito alcune “chicche”: Giuseppe Giofré, ballerino “Straordinaria … ha visto che piangevo (ah, ma è diventato un vizio ad –Amici-!), si è avvicinata e mi ha abbracciato forte … ho sentito l’abbraccio di mia madre”, Luca Napolitano, cantante “Con i giovani allievi lei si comporta da mamma …”, Leon Cino, ballerino “L’esperienza nella scuola è stata una delle più importanti che io abbia fatto nella vita …”, Anbeta Toromani, ballerina “Le sarò sempre grata perché è stata la prima a offrirmi una seria opportunità”, Lorella Boccia, ballerina “Non finirò mai di dire grazie alla De Filippi. E’una donna speciale”. Ma non è solo idillio e clima da “happy family”, purtroppo esiste anche il rovescio della medaglia, quello che, essendo scomodo e poco esaltante, si tende sempre a respingere o minimizzare, infatti, al di là di un ristretto manipolo di “miracolati” da Maria, esiste, per contro, un esercito incalcolabile di suoi ex-concorrenti che vanno “raminghi e ignudi” per il mondo e non hanno mancato di esprimere le loro rimostranze (fonti: “Televisionando” 30/08/13, che cita anche “Leggo” 2009), tra di loro Toni Propato aspirante cantante della quarta edizione (2004): “Dopo l’esperienza di –Amici- Maria purtroppo non è più a disposizione dei ragazzi – ha detto senza mezzi termini –. È praticamente impossibile riuscire a contattarla. In modo abbastanza brutto si può parlare di rapporto usa e getta”, Luca Dono invece è riuscito a incidere un singolo, prodotto nientemeno che da Eros Ramazzotti, anche lui ha provato a contattare la redazione di “Amici” per proporre delle sue canzoni inedite, ma non ha ricevuto risposta e non è andata diversamente per la cantante Imma Allozzi, che abbandonò volontariamente il programma “Amici è stata un’esperienza forte che mi ha segnato con tanta cattiveria e rabbia… Mi sono sentita ferita; una pedina in un nuovo corso della trasmissione che non mi piaceva più.“ e il cantante Dennis Fantina, allievo del precursore (sempre defilippiano) di “Amici”, “Saranno Famosi”, si è così sfogato “Siamo stati trattati da reietti …” e ancora, fra tanti, Martina Stavolo (ndr “Amici8”) con, ciliegina sulla torta, il brano musicale che intendeva proporre a Sanremo, dal titolo emblematico “Ma quali Amici”, che suscitò scalpore per alcuni passi incriminati, in cui si parlava di sogni infranti, di “streghe” e … di compromessi che creano sconcerto, naturalmente l’elenco degli “scontenti” non finisce qui, ma non è il caso di proseguire. Come mai Maria è stata così diseguale nella distribuzione di oboli e benefici?Forse sarà il caso di cominciare a porre delle riserve sullo spiccato istinto materno che taluni “ex-talent” continuano ad attribuirle, visto che lei stessa, per spegnere le polemiche, in passato, (fonte: “Televisionando” come sopra) aveva rivendicato con decisione il proprio ruolo di “conduttrice” e “non di madre” dei giovani usciti dalla sua trasmissione, salvo smentirsi nel caso di qualche “prescelta”, ma per tutti gli altri, questo è certo, non c’è scampo, quindi  “perdete ogni speranza o voi che entrate” (nella “scuola”).

[Articolo a cura di Fede]