Marracash

MTV Spit, Nerone è il vincitore dell’edizione 2014 del programma dedicato al freestyle


MTV Spit, Nerone è il vincitore dell’edizione 2014 del programma dedicato al freestyle

 Nerone

Milano, 27 ottobre 2014

È Nerone il campione della terza edizione di MTV Spit, il primo programma dedicato alle battle di freestyle tra i più abili mc italiani. Tra i suoni e gli accenti della musica rap, Nerone, milanese classe 1991, si è aggiudicato ieri la vittoria battendo a colpi di rime, punchline e flow i colleghi finalisti Nill e Bles.

Il programma che è diventato un vero e proprio punto di riferimento tra i giovanissimi, è stato condotto da Marracash e durante le quattro puntate ha visto confrontarsi dodici artisti provenienti da tutta Italia. Nel ring a forma di gabbia dove avvenivano le competizioni, Nerone ha superato brillantemente le prime sfide contro Frank The Specialist e Blnkay guadagnandosi così il posto in finale.

Passando attraverso la severa valutazione dei giudici Emis Killa, Gué Pequeno e Max Brigante l’artista ha dimostrato una straordinaria capacità d’improvvisazione e una presenza scenica degna di un professionista affermato. Nerone al momento sta lavorando al suo nuovo disco di prossima pubblicazione.

La selecta di Don Joe (Club Dogo) per la Vogue Fashion’s Night Out


 

 Don Joe (Club Dogo) (1)

Giunge alla sesta edizione Vogue Fashion’s Night Out, la manifestazione dedicata allo shopping e alla moda organizzata da Vogue Italia che negli anni ha riscosso un crescente successo internazionale. Un evento attesissimo dal pubblico di tutto il mondo, tanto che si terrà in ben 32 città, da Shanghai a Rio de Janeiro.

In occasione dell’edizione 2014 il Flagship store Dirk Bikkembergs di Manzoni a Milano, si trasformerà nel palcoscenico di For Music Lovers Only: un party che avrà come protagonista il dj, producer e beat maker più celebre del rap Made in Italy ovvero Don Joe dei Club Dogo.

Dalla musica alla moda il passo è breve e chi meglio del celebre dj e producer Don Joe può essere il trait d’union per rappresentare un connubio di stile, fashion e ricerca musicale. Musicista tra i più attivi della scena rap nazionale, ha da poco firmato tutte le tracce dell’ultimo lavoro dei Club Dogo, tra hardcore rap, pop rap e hip house. Don Joe è sempre in prima linea come guru della scena rap italiana, anche con la Dogo Gang, con Marracash, ma, anche molte tracce dei rispettivi cd solisti dei compagni Gué Pequeno con Bravo ragazzo e Jake La Furia con Musica commerciale.

Durante l’evento si alterneranno ai piatti anche Stefano Fisico ed Alex Roschant. Partner d’eccezione sarà Pioneer, leader mondiale nel settore dell’elettronica e dei prodotti audio-video per la casa, l’auto e il settore professionale dj, che metterà in campo le sue console di ultima generazione per la serata.

 

EMIS KILLA: CANTO LA RIBELLIONE, VI “TORMENTO” CON “MARACANA’ ” E HO GIA’ PRONTO UN “PIANO B”…


emis

Il “rap” continua a mietere consensi qui da noi, tanto da aver “espugnato” da poco persino un “sacrario” intoccabile come l’Arena di Verona e uno dei nomi di punta di questo movimento artistico si chiama Emis Killa (alias Emiliano Giambelli, classe 1989) da Vimercate, alle porte di Milano, la biografia parla di studi non ultimati, madre operaia metalmeccanica e un contesto di quartieri-alveare. A cosa si deve questo pseudonimo?semplicemente Emi è sempre stato il suo diminutivo e la “s” finale, aggiunta in un secondo tempo, ci stava a pennello, Killa deriva da “killer”, in uno “slang” americano mal pronunciato e il gioco è fatto. Ad oggi vanta un album “L’erba cattiva”, del 2012, in classifica per un anno e collaborazioni con Fabri Fibra, Guè Pequeno, Tormento, Marracash, J-Ax, Club Dogo ecc., il 10 aprile corrente, all’”Alcatraz” di Milano, ha ricevuto il disco di platino per il cd “Mercurio” (Carosello Records) e intanto imperversa in radio con il singolo “Maracanà”, che doveva essere la colonna sonora di Sky per i Mondiali di calcio brasiliani 2014, a dirla tutta assai deludenti per l’Italia, che a lui stesso non dispiace si sia trasformato nel “tormentone dell’estate”.

Che tematiche affronta, nelle sue canzoni, il 25enne “rapper”?Fanno fede le sue stesse affermazioni (la fonte è un’intervista recente di Leonardo Iannacci) “Racconto i disagi e forme di ribellione … le ho toccate da vicino … durante l’adolescenza ho sofferto di problemi psicologici e ho cercato un appiglio nella musica … Andavo in giro a far danni. Non posso dimenticare che da ragazzino sono stato arrestato in Svizzera perché riempivo i muri di graffiti (e fa quasi atto di contrizione?non sa, forse che, nell’ambiente, non sei nessuno se non puoi mettere nel curriculum almeno un ‘fermo’ in commissariato? certi idoli ‘leggendari’ della musica, poi, hanno osato molto di più)”. Killa ha fatto anche qualche puntualizzazione di rigore “De Gregori considera noi ‘rapper’ i cantautori del nuovo millennio, definizione che ci fa onore perché viene da un grande della musica … aggiungo però che siamo radicalmente differenti dai cantautori anni ’70, raccontiamo storie di strada, visto che è da lì che veniamo. Loro erano più prigionieri di ideali politici, a me delle ideologie non frega proprio nulla”. Riguardo alla provenienza “verace” dal “ghetto” di molti “rappers” e al loro spessore artistico, Povia, su Facebook, gliene ha dette di tutti i colori, collocandone addirittura una parte nella categoria di suo conio dei “rappami*kia”, le risposte per le rime degli interessati non si sono fatte attendere e Killa è stato fra quelli che hanno replicato in maniera più vibrante.

Il suo futuro vuole immaginarselo così “Mi piacerebbe ripercorrere l’iter artistico di Jovanotti… era partito come noi dal marciapiede, lui come dj e io come freestyle” ma sorprende con la sua uscita successiva “Ho pronto un piano B: la radio” e se il suo idillio con le principali emittenti radiofoniche (attualmente è citato ovunque, sui siti di Radio Italia, 105, Radio Deejay …) perdura immutato nel tempo, c’è da scommettere che qualcuno possa, prima o poi, prenderlo in parola.

by Fede

MTV AWARDS 2014: i nomi dei cantanti.


Giorgia è rock & sexy in Gucci per il “Senza Paura Tour”Sabato 21 Giugno dal palco del Parco delle Cascine  a Firenze si potrà assistere all’evento più esplosivo dell’anno e si potrà ballare con i migliori performer del panorama musicale, ecco i nomi: Club Dogo, Emis Killa, Francesco Renga, Giorgia, Marracash, Michele Bravi, Moreno, Noemi, Ozark Henry & Francesco Rossi, Rocco Hunt

Giorgia riceverà il premio alla carriera  ma i cantanti nelle varie categorie potranno essere votati  ancora  fino al 20 giugno, i vincitori verranno annunciati il 21 giugno e per rendere la serata ancora più emozionante ci sarà anche la categoria Best Performance, votabile  soltanto durante la diretta via Twitter, per incoronare l’esibizione più   stellare della serata.