media

Social Tv: The Voice of Italy al primo posto


Secondo la graduatoria della società di marketing Nielsen, che opera nel campo dei media (tv e social) i programmi con cui gli spettatori hanno maggiormente interagito nella settimana dal 22 al 28 febbraio sono nell’ordine

  • Al primo posto troviamo The Voice of Italy 4 al suo debutto in onda mercoledì 24 febbraio su Rai2, con 140.300 unique audience, 4.859.800 impression, 12.800 unique author e 64.600 tweet.
  • Al secondo posto MasterChef 5 di giovedì 25 su Sky Uno con rispettivamente 132.300, 2.600.000, 9.800 e 42.600.
  • Al terzo C’è posta per te di sabato 27 su Canale 5 con 104.100, 4.500.000, 7.300 e 48.800.
  • Al quarto Ballando con le stelle 11 di sabato 27 su Rai1 con 85.100, 1.500.000, 4.900 e 22.000.
  • Al quinto Baciato dal sole di lunedì 22 su Rai1 con 69.600, 838.000, 3.900 e 16.500.

Redazione

Ultrasuoni di RtL, Radio Italia e RDS fa gridare allo scandalo …


 

tn_shure-BM05-WUltrasuoni è la casa discografica sorta nel luglio del 2010 dall’alleanza tra gli azionisti di tre grandi marchi radiofonici RTL, Radio Italia e RDS , l’etichetta corre a competere con le etichette già esistenti e consolidate, ma parte avvantaggiata perchè può contare sulla distribuzione delle radio. E’ nata  con lo scopo di valorizzare i giovani cantanti ovvero coloro che faticano a inserirsi nel mondo musicale reso selettivo dalle forti  ingerenze delle major, tuttavia alla luce dei fatti Ultrasuoni sembrerebbe rifarsi ad un modello radiofonico americano,  controllato da Clear Channel  i cui creatori non provenendo dal mondo musicale basano il loro approccio   esclusivamente sul “business”  e per quanto riguarda la scelta degli artisti sul criterio  di ” se funziona”, cioè, se aggancia gli ascoltatori alla stazione, mantenendo o aumentando il valore dello spazio pubblicitario. img_mcintosh_MR78_tuner_1972

L’impressione, è supportata dal fatto che Clear Channel semi-monopolista in USA, ha acquisito un ruolo analogo in Italia con l’acquisizione nel 2004 da parte della  Clear Channel Entertainment, che si occupa di spettacoli, delle due principali agenzie italiane che organizzano  eventi live: la Milano Concerti di Roberto De Luca e la Trident Agency di Maurizio Salvadori, assumendo  il controllo sostanziale di un mercato di importanza “centrale” per i musicisti e il mondo della musica in generale, dopo la crisi del mercato del disco, quello appunto degli eventi live.

Va da sè che l’iniziale posizione di forza delle case discografiche ad utilizzare le stazioni radio come veicolo per la promozione dei propri prodotti considerati più profittevoli, si è indebolita davanti allo strapotere “economico” del network radiofonico capace di condurre una continua selezione, attraverso una valutazione che coinvolge in parallelo le stazioni principali,  a determinare settimana per settimana la Top dei brani che funzionano di più e valutati su criteri discrezionali e di “profitto”,  che estendendosi anche alla musica dal vivo, ai concerti e quindi all’altra grande forma di diffusione e promozione, è in grado di condizionare pesantemente i gusti del pubblico, e soprattutto mettere veri e propri ostacoli e veti alla musica di  artisti italiani indipendenti  escludendo   stili che coprono importanti fasce di mercato o perchè a loro “sgraditi” o perchè considerati,  magari per via di un pregiudizio, “potenzialmente” poco interessanti per il pubblico e  gli inserzionisti.

Una politica di mercato discriminante, quindi,  che circoscrive ai cantanti di scuderia la disponibilità di spazi di visibilità e promozione nei grandi media tv e radio in funzione di un regime di monopolio che in dipendenza dell’esistenza di un evidente conflitto di interessi  fatica a passare sotto silenzio e  fa gridare allo scandalo…Uno su tutti la recente “connection” Ultrasuoni -Rtl-Fascino di Maria De Filippi per cui riteniamo inutile argomentare ma che potrebbe trovare  giusta risposta nei fischi ricevuti dall’artista  “prediletta” di Maria De Filippi, Alessandra Amoroso sul campo della partita Fiorentina Napoli, nella finale di Coppa Italia, durante la sua esecuzione dell’Inno di Mameli, a parer nostro fischi molto  significativi che di certo  invitano alla riflessione …

img_tivoli1