MEI

CS_Annunciati i 30 FINALISTI del contest del Primo Maggio NEXT 2020, si sfidano in finale il 18 e 19 aprile, a partire dalle ore 15.00, in diretta streaming su next.primomaggio.net


ECCO I NOMI DEI 30 FINALISTI

Alberto Moscone (Genova) ∙ Asia Ghergo (Civitanova Marche) ∙ Cavalera (Livorno) ∙ Ciehlo (Roma) ∙ Dentro (Parma) ∙ Ellynora (Roma) ∙ Fanoya (Foggia) ∙ Federico Baroni (Rimini) ∙ Folcast (Roma) ∙ Germo (Rho) ∙ Kevin Koci (Sansepolcro) ∙ L’ultimodeimieicani (Genova) ∙ La Scala Shepard (Roma) ∙ Lamine (Roma) ∙ Livio Livrea (Roma) ∙ Lo Straniero (Acqui Terme) ∙ Maru (Bologna) ∙ Matteo Alieno (Roma) ∙ Melga (Taranto) ∙ Michelangelo Vood (Milano) ∙ Missey (Milano) ∙ Nervi (Firenze) ∙ Ophelia (Biella) ∙ Overture (Alessandria) ∙ Santamarya (Viterbo / Roma) ∙ Sebastiano Pagliuca (Montelparo) ∙ Stev-N (Torino) ∙ Stona (Novi Ligure) ∙ Symo (Roma) ∙ Zic (Firenze)

I 30 FINALISTI di Primo Maggio NEXT 2020 sono presenti sul portale:

http://next.primomaggio.net/

Ai 30 finalisti si aggiungono i Romito, selezionati attraverso il contest di Musica contro le mafie.

Le finali si svolgeranno il 18 e 19 Aprile

a partire dalle ore 15, in diretta streaming su

next.primomaggio.net

Nonostante il difficilissimo momento che tutti stiamo vivendo, il contest del Primo Maggio prosegue, seppur con qualche necessario aggiustamento.  Ogni anno, Primo Maggio NEXT conclude le sue selezioni nazionali con una “finale live” attraverso la quale la Giuria di Qualità sceglie i 3 progetti musicali vincitori.

Date le restrizioni dovute all’emergenza sanitaria nazionale in corso, per l’edizione 2020 di NEXT si rende necessario modificare il classico format del Contest.

NEXT 2020: LE FINALI IN DIRETTA STREAMING (18 e 19 aprile 2020)

Le finali di Primo Maggio NEXT 2020 si svolgeranno in diretta streaming.

I 30 finalisti saranno chiamati a reinterpretare il brano in gara da casa propria, in maniera alternativa e compatibile con i mezzi a disposizione.

Le finali verranno trasmesse in diretta sul portale next.primomaggio.net, nei giorni 18 e 19 aprile, a partire dalle ore 15.00.

Gli artisti finalisti partiranno già con i 3 voti assegnati in fase di semifinale dalla Giuria di Qualità (qualità del progetto, qualità della produzione, originalità/riconoscibilità), ai quali si aggiungerà un quarto voto (assegnato dalla stessa Giuria di Qualità) relativo all’esibizione in streaming. 

La media dei 4 voti decreterà la classifica finale e i 3 vincitori di Primo Maggio NEXT 2020.

Nota: i voti assegnati ai progetti semifinalisti (classificatisi dal 150° al 31° posto) dalla Giuria di Qualità del Contest NEXT 2020 sono pubblici e consultabili sul portale next.primomaggio.net.

Per il momento non saranno invece pubblicati i voti relativi ai primi 30 classificati al fine di non condizionare le selezioni finali che si svolgeranno in streaming il 18 e 19 aprile 2020.

L’edizione 2020 di Primo Maggio NEXT ha chiuso la sua fase iniziale registrando il record assoluto di iscrizioni con ben 1785 progetti artistici candidati. Tutte le proposte pervenute sono state ascoltate e valutate dalla direzione artistica del Concerto del Primo Maggio seguendo tre direttrici principali: l’identità/riconoscibilità del progetto, la qualità della proposta, il grado di innovazione rispetto a ciò che già esiste. Sulla base di questi criteri sono stati scelti 150 progetti artistici, poi votati dalla Giuria di Qualità per selezionare i 30 finalisti.

La Giuria di Qualità è composta da Massimo Bonelli (direttore artistico del Concerto del Primo Maggio, presidente giuria), Lucia Stacchiotti (iCompany), Sara Del Caldo (Rai Radio2), Erica Manniello (Rockol), Massimiliano Longo (All Music Italia), Federico Durante (Billboard), Enrico Schleifer (RadUni).

Gli artisti finalisti saranno contattati nei prossimi giorni per ulteriori dettagli.

Vincitori assoluti delle precedenti edizioni del Contest sono stati i La Rua (2015), Il Geometra Mangoni (2016), Incomprensibile FC (2017), La Municipàl (2018) e I Tristi (2019).

Redazione

CS_Le Top Classifiche MEI dell’ultimo mese. Le classifiche dedicate al meglio della produzione musicale indipendente


Le Super Classifiche Top del Mese del MEI 

Indie Music Like • Video Indie Music Like • SuperIndies • SuperLive

Tornano le TOP CHARTS del MEI!

Come ogni mese ecco il meglio dell’Indie italiano!

Torna la prossima settimana Indie Music Like la classifica di tendenza e gradimento più longeva d’Italia, diffusa da centinaia di radio e webzine approdata su Spotify con una playlist del meglio dell’indie italiano. Sul podio di Dicembre per il singolo troviamo Gazzelle, mentre  la Video Indie Music Like con i video indipendenti più cliccati,  vede in testa Ghali.

Arriva poi La SuperIndies, che fra i dischi di alto gradimento vede in testa Gemitaiz & Madman, mentre fra le label vede in testa Maciste Dischi.

La SuperLive trova in testa  il giovane Fulminacci e fra i  Top Club in testa Santeria, mentre fra i Contest è in testa Biennale Martelive e tra i festival l’Uploadsounds Tour.

INDIE MUSIC LIKE
1. GAZZELLE – Una canzone che non so (Maciste Dischi)
2. FRAH QUINTALE – Farmacia (Undamento)
3. GHALI – Flashback (Sto Records)
4. CETTO LA QUALUNQUE feat GUÉ PEQUENO – Io Sono il Re ( Cinevox Record)
5. PSICOLOGI – Ancora sveglio (Bomba Dischi)
6. ACHILLE LAURO – 1990 (Sony)
7. GALEFFI – Cercasi amore (Maciste dischi)
8. MARRACASH – Bravi a cadere (Island)
9. CANOVA – Lento violento (Maciste Dischi )
10. CHECCO ZALONE – Immigrato (Officina Musicale)
11. FRANCESCO GUCCINI – Natale a Pavana (BMG)
12. CLAVDIO – Disneyland Paris (Bomba Dischi)
13. FULMINACCI –   Le ruote, i motori!  (Maciste dischi)
14. ASIA GHERGO – Angeli (Volume!)
15. COEZ – La tua canzone (Carosello)
16. YOUNG SIGNORINO – Burrocacao rosa (Goodfellas)
17. GIORGIO POI – Erica cuore ad elica (Bomba Dischi)
18. GIOVANNI TRUPPI E CALCUTTA – Mia (Virgin)
19. ULTIMO – Quando fuori piove (Honiro)
20. BRUNORI SAS – Al di là dell’amore (Island)
VIDEO INDIE MUSIC LIKE
1. GHALI – Flashback (Sto Records)
2. COEZ – La tua canzone (Carosello)
3. ULTIMO – Quando fuori piove (Honiro)
4. CHECCO ZALONE – Immigrato (Officina Musicale)
5. GAZZELLE – una canzone che non so  (Maciste Dischi)
SUPERINDIES
TOP 10 DISCHI
GEMITAIZ & MADMAN Scatola Nera  (Tanta Roba Label)
ULTIMO Colpa delle favole (Honiro)
COEZ E’ sempre bello (Carosello)
ULTIMO Colpa delle Favole (Honiro Label)
RENATO ZERO Zero il folle (Tattica)
MINA & IVANO FOSSATI Mina Fossati (PDU)
GIANNA NANNINI La differenza  (Charing cross records )
GAZZELLE Punk (Maciste dischi)
RAF & TOZZI Due (La nostra storia) F&P
LIFE IN THE WOODS Life in the Woods  (Contempo Records)
TOP 10 LABEL
MACISTE DISCHI
BOMBA DISCHI
HONIRO LABEL
42 RECORDS
TANTA ROBA LABEL
UNDAMENTO
CAROSELLO
INRI
LA TEMPESTA DISCHI
STO RECORDS
SUPERLIVE
TOP 10 LIVE
FULMINACCI
MEZZOSANGUE
GAZZELLE
GIOVANNI TRUPPI
MURUBUTU
PUNKREAS
EDDA
GIOVANNI SUCCI
MARIANNE MIRAGE
MASSIMO VOLUME
TOP 10 CLUB 
SANTERIA Milano
LOCOMOTIV Bologna
FOLK CLUB Torino
BRAVO CAFFE’ Bologna
MAGNOLIA Segrate (Mi)
ROCK PLANET Pinarella di Cervia (RA)
LATTERIA MOLLOY Brescia
NEW AGE Roncade (Tv)
MONK Roma
MAMAMU’ Napoli
TOP 10 CONTEST
BIENNALE MARTELIVE
ROCK CONTEST
MUSICA CONTRO LE MAFIE
MATERIALE RESISTENTE 2.0
PREMIO BUSCAGLIONE
TOP FESTIVAL
UPLOADSOUNDS TOUR
METALHEADZ FESTIVAL
ARIANO FOLK FESTIVAL WINTER
PASSATELLI IN BRONSO

Redazione

CS_Le Super Classifiche Top del Mese del MEI – Indie Music Like • Video Indie Music Like • SuperIndies • SuperLive


download (2)

Tornano le TOP CHARTS del MEI!

Come ogni mese ecco il meglio dell’Indie italiano grazie al lavoro del mondo del web e on line e ai tanti giornalisti e critici musicali del circuito del MEI!

Torna la prossima settimana, a partire da lunedì 4 novembre la nuova Indie Music Like la classifica di tendenza e gradimento più longeva d’Italia, diffusa da centinaia di radio e tv, web radio e webtv e webzine approdata su Spotify con una playlist del meglio dell’indie italiano e abbinata come ogni lunedì alla Video Indie Music Like.

Sul podio mensile di ottobre per la Indie Music Like arriva Young Signorino, Niccolò Fabi e Gazzelle, mentre per la  Video Indie Music Like troviamo in testa Willie Peyote, Coez e Ultimo. La SuperIndies,  fra i dischi di alto gradimento vede in testa Gazzelle, mentre fra le label  in testa troviamo sempre Maciste Dischi, tra le più innovative, mentre per la SuperLive al top troviamo  i grandissimi Marlene Kuntz reduci da un super tour. Fra i  Top Festival in testa il boom del MEI 25, il Meeting delle Etichette Indipendenti di Faenza giunto alla venticinquesima edizione da record , seguito da Indie Pride e Upload Sounds on Tour, mentre fra i Contest è in testa l’originale Premio dei Premi che quest’anno ha laureato Chiara Effe, seguito dal Premio Bertoli e dal Premio Bianca D’Aponte, mentre tra i Club troviamo davanti a tutti l’Hiroshima Mon Amour di Torino.

La Indie Music Like è anche su Spotify

clicca qui per ascoltare

INDIE MUSIC LIKE
1. YOUNG SIGNORINO – Burrocacao rosa (Goodfellas)
2. NICCOLÒ FABI – Io sono l’altro (Polydor)
3. GAZZELLE – Settembre (Maciste Dischi)
4. ACHILLE LAURO – 1990 (Sony)
5. ULTIMO – Quando fuori piove (Honiro)
6. COEZ – La tua canzone (Carosello)
7. BRUNORI SAS – Al di là dell’amore (Island)
8. FULMINACCI – Tommaso (Maciste dischi)
9. FRAH QUINTALE – Farmacia (Undamento)
10. WILLIE PEYOTE – La tua futura ex moglie (Turet)
11. COLAPESCE & MACE – Immaginario (42 Records)
12. DANTI feat. NINA ZILLI & J-AX  – Tu e d’io (Time)
13. MALIKA AYANE – Wow (Niente aspetta) (Sugar)
14. DENTE – Adieu (INRI)
15. WRONGONYOU – Mi sbaglio da un po’ (Carosello)
16. GIORGIO POI – Erica cuore ad elica (Bomba Dischi)
17. MARIO LAVEZZI feat. FRANCO CALIFANO – Canti di sirene (NAR International)
18. PSICOLOGI – Ancora sveglio (Bomba Dischi)
19. ANGELO BRANDUARDI – Il cammino dell’anima (Lungomare Srl)
20. ANDREA BOCELLI & ELLIE GOULDING – Return To Love (Sugar)
VIDEO INDIE MUSIC LIKE
1. WILLIE PEYOTE – La tua futura ex moglie (Turet)
2. COEZ – La tua canzone (Carosello)
3. ULTIMO – Quando fuori piove (Honiro)
4. ANDREA BOCELLI & ELLIE GOULDING – Return To Love (Sugar)
5. GAZZELLE – Settembre (Maciste Dischi)
SUPERINDIES
TOP 10 DISCHI
GAZZELLE – Punk (Maciste Dischi)
GEMITAIZ & MADMAN Scatola Nera (Tanta Roba Label)
ULTIMO – Colpa delle favole (Honiro)
COEZ – È sempre bello (Carosello)
CALCUTTA – Mainstream (Bomba Dischi)
GIOVANNI TRUPPI – Poesia e Civiltà (Warner Music)
MASSIMO PERICOLO – Scialla Semper (Pluggers)
LIBERATO – Liberato (Idol)
TREDICI PIETRO & MR.MONKEY – Assurdo (Thaurus)
FULMINACCI – La vita veramente (Maciste Dischi)
TOP 10 LABEL
MACISTE DISCHI
HONIRO LABEL
BOMBA DISCHI
TANTA ROBA LABEL
CAROSELLO
42 RECORDS
UNDAMENTO
LA TEMPESTA DISCHI
THAURUS
INRI
SUPERLIVE
TOP 10 LIVE
MARLENE KUNTZ
FAST ANIMALS & SLOW KIDS
GIOVANNI TRUPPI
GINEVRA DI MARCO/CRISTINA DONA’
FULMINACCI
TRE ALLEGRI RAGAZZI MORTI
DARK POLO GANG
GIORGIO POI
CESARE BASILE
BANCO DEL MUTUO SOCCORSO
TOP 10 CLUB 
HIROSHIMA MON AMOUR – Torino
VIBRA – Modena
MAGAZZINI GENERALI– Milano
TEATRO SOCYALE – Ravenna
AUDITORIUM PARCO DELLA MUSICA – Roma
TOP 10 CONTEST
PREMIO DEI PREMI
PREMIO BERTOLI
BIANCA D’APONTE
MUSICULTURA
PREMIO ANDREA PARODI e PREMIO TENCO
TOP FESTIVAL
MEI – MEETING DELLE ETICHETTE INDIPENDENTI 25
INDIE PRIDE
UPLOAD SOUNDS ON TOUR
BAREZZI FESTIVAL
UPLOAD SOUNDS ON TOUR
VOCI PER LA LIBERTA’ IN TOUR

Redazione

C.S._MEI 2019: Fatti di musica indipendente – 4, 5, 6 ottobre a Faenza


MEI 2019: Fatti di Musica Indipendente

4, 5 e 6 OTTOBRE a FAENZA (RAVENNA)

Tre giorni dedicati alla musica indipendente italiana

Questi alcuni degli Artisti Premiati e che si Esibiranno a Faenza:  

MORGAN, NEGRITA, CRISTINA DONA’ E GINEVRA DI MARCO, FULMINACCI, GIOVANNI TRUPPI, RICCARDO SINIGALLIA, TREDICI PIETRO, MARLENE KUNTZ, LORENZO BAGLIONI, VIITO, MòN, PANTA, STRIKE, EDOARDO DE ANGELIS, PAOLO BENVEGNU’, PETRA MAGONI, STREET CLARKS, CANTORI DI CARPINO e molti altri…

GRANDE NOTTE BIANCA DELLA MUSICA INDIPENDENTE

SABATO 5 OTTOBRE

CONVEGNO INTERNAZIONALE DIGITAL DAY

Il 4, 5 e 6 ottobre si svolgerà a FAENZA  (Ravenna)  la nuova edizione del MEI 2019 – Meeting delle Etichette Indipendenti, la più grande manifestazione dedicata alla scena musicale indipendente italiana e che quest’anno celebra i 25 anni dalla sua fondazione.

Nell’anno della sua venticinquesima edizione, il MEI sceglie di dedicare alcuni dei suoi premi e riconoscimenti a importanti figure del mondo della musica: a  DOMENICO MODUGNO  dedica il “Premio dei Premi”, al giornalista  MARIO DE LUIGI  il “Forum del giornalismo”, all’artista  FREAK ANTONI, il “Mei Superstage” e al partigiano faentino  Bruno Neri  il contest “Materiale Resistente 2.0”.

Anche per quest’anno  il MEI che celebra la sua venticinquesima edizione, e prevede nel 2020 una grande festa per i suoi 25 anni e un percorso di 1 anno di avvicinamento con tanti eventi e iniziative, prevede un programma ricco di eventi e grandi ospiti,  che per tre giorni renderanno il centro storico della cittadina di Faenza il fulcro della musica indipendente ed emergente italiana come avviene oramai dal 1995 grazie a una felice intuizione di un gruppo di ragazzi e ragazze formato da Giordano Sangiorgi, Roberta Barberini, Daniele Scarazzati, Giampaolo Ricci e Cinzia Magnani.

Questi i nomi degli artisti premiati in occasione della Notte Bianca del MEI di sabato 5 ottobre dove si esibiranno dal vivo nel Centro Storico di Faenza: a  MORGAN  il “Premio MEI alla carriera”, a  GIOVANNI TRUPPI  il  “Premio PIMI 2019  come miglior artista indipendente”, a  GINEVRA DI MARCO  e CRISTINA DONÀ  il  “Premio Speciale MEI”  per il loro progetto discografico, ai  NEGRITA  il “Premio RADIO Rai Live” per i loro 25 anni di carriera, ai  VIITO  il “Premio “MEI – Exitwell al miglior progetto indie”, a  FULMINACCI  il “Premio Giovani MEI – Exitwell per il miglior esordio indipendente dell’anno” e il “Premio PIVI per il miglior videoclip indipendente dell’anno”, ai  MARLENE KUNTZ  il “Premio Ciampi per i 30 anni di carriera”, a  “TREDICI PIETRO”  il  “Premio Hip Hop Mei”,  a  MARGHERITA ZANIN  il “Premio speciale Indie Music Like” in collaborazione con L’Altoparlante, a  IT’S UP 2U!  il  “Premio MEI al miglior contest italiano” e  ai  MÒN  Premio MEI – ExitWell al migliore gruppo indipendente 2019” e a  IRENE GHIOTTO  il Premio del Festival Anatomia Femminile.

Il Mei vuol dire anche concerti di qualità, all’insegna della migliore musica che il panorama artistico del nostro Paese offre attualmente, quindi non mancheranno diversi appuntamenti dal vivo ed esibizioni che animeranno il borgo faentino per tutto il weekend.  Tra i performer confermati per il 5 ottobre ci sono anche  :  i  vincitori del Concerto del Primo Maggio di Roma  I TRISTI,  i vincitori del Concerto del Primo Maggio di Taranto  LE COSE IMPORTANTI, la pianista e compositrice  GIUSEPPINA TORRE, i cantautori  ROSMY  e  MARCO DI NOIA,  il rapper  PELIGRO,  i  PANTA,  gli  STRIKE  che presenteranno in anteprima la riedizione in vinile di  “Scacco al Re”  (Anfibio Records) e i vincitori Mei Superstage 2018  MARCONDIRO, MEZZAVERA, vincitrice di Lazio Sound, e lo straordinario duo pop classico contemporaneo Duo Bellavista & Soglia, talenti locali scoperti dal MEI.

Venerdì 4 ottobre alle 16 grande apertura del MEI  con le inaugurazioni di alcune mostre:  “Liscio, Gasato On The Pop”  Manifesti & Mirabilia dalla Collezione di  Gianni Siroli,  “I Manifesti”, curata dal collettivo Malleus e la mostra fotografica  “I 100 scatti big del MEI”  a cura di Raffaele Tassinari. Sarà presentato la sera alle ore 21   a Castel Bolognese anche il film “Prima che il gallo canti… il Vangelo secondo Andrea”  presentato dal regista Cosimo Damiano Damato e si terranno le premiazioni dei principali artisti emergenti del territorio faentino.

Sabato 5 ottobre  sarà la giornata dedicata alle “prime volte al MEI”: al Palazzo delle Esposizioni si terrà la prima  Fiera del Disco e degli Strumenti Musicali  che sara’ inaugurata da  Claudio Formisano, Claudio Ricordi, Renato Marengo e Mario Luzzato Fegiz  con presentazioni delle produzioni storiche degli  Strike, degli Alunni del Sole  e del  Napule’s Power con i Cantori di Carpino  e farà il suo debutto alla Galleria della Molinella il primo convegno internazionale  Digital Day, che vedrà la presenza di diversi attori del Digital Music Business provenienti da tutta Europa e da tutto   il mondo: aprira’ il Presidente del Nuovo Imaie  Andrea Micciche’  e tra gli ospiti ci saranno  Tom Deakin,  Direttore di Merlin, Alessandro Pavanello,  per l’Associazione degli Indipendenti in Cina, Lello Savonardo dell’Universita’ Federico II di Napoli per i Digital Day italiani e gli Stati Generali della Musica Emergente  e i rappresentanti di associazioni di indipendenti dei  Balcani, della Spagna, dell’Inghilterra e tanti altri paesi e i rappresentanti della Regione Emilia-Romagna, Regione Lazio, Regione Campania e Comune di Milano per le attivita’ di promozione della musica; per la prima volta verrà, consegnato il  Premio Ciampi, grazie al lavoro dell’artista  Porfirio Rubirosa, dedicato al grande cantautore Piero Ciampi di cui si celebreranno i 40 anni dalla scomparsa, ai  Marlene Kuntz, per i loro 30 anni di carriera e per la prima volta si presentera’ con il cantautore  Edoardo De Angelis,  che  celebra i 50 anni della storica canzone Lella,  la presentazione di un Corso sui  Cantautori del Novecento  insieme al Liceo Torricelli – Ballardini di Faenza. Come di consueto si terra’ per due giorni il  MEI Music Lab, il primo workshop che prepara i giovani artisti sul mercato musicale, con ospiti come  Danila Satragno, Deborah Bontempi, Massimo Benini, Giuliano Biasin, Emanuele Binelli  e tanti altri nomi,   si svolgerà anche il  Forum del Giornalismo Musicale, su idea di  Giordano Sangiorgi, a cura di  Enrico Deregibus, con i principali nomi del giornalismo come  Cinzia Fiorato e Marco Mangiarotti, la rivista  L’Olifante  e la partecipazione dell’AGIMP, la neonata associazione di giornalisti e critici musicali nata al MEI,   la consegna delle  Targhe MEI Musicletter  a cura del giornalista Luca D’Ambrosio, che tra ivincitori vede il documentario sugli  Afterhours  “Noi siamo Afterhours” di  Giorgio Testi, le finali di  MEI Superstage  e del  Premio dei Premi, riconoscimento assegnato ad uno dei vincitori dei premi dedicati ai celebri cantautori scomparsi (Premio Pierangelo Bertoli, Premio Bindi, Premio Graziani – Pigro,  Premio Pansieri, Premio Ciampi, Premio Bianca d’Aponte, Premio Fabrizio De André, Premio Bruno Lauzi, Premio Andrea Parodi, Premio Manente), ideato da Giordano Sangiorgi, presentato da  Enrico Deregibus e  dalla prima vincitrice del contest  Roberta Giallo.  In lizza ci saranno:  Apice  (per il Premio De André),  Valentina Balistreri  (per il Premio Lauzi),  Chiara Effe  (per il Premio Mario Panseri), gli  Estro  (per il Premio Pigro – Ivan Graziani), i  Folk n’ Roll  (per il Premio Manente), i  Frigo  (per il Premio Ciampi),  Francesca Incudine  (per il Premio Bianca D’Aponte),  Giacomo Rossetti  (per il Premio Pierangelo Bertoli),  Micaela Tempesta  (per il Premio Bindi).

Sabato sera a Faenza ci sarà la  Notte Bianca,  durante la quale concerti e premiazioni animeranno tutta la cittadina. L’appuntamento principale è in  Piazza del Popolo,  con i concerti di  MORGAN  e i  NEGRITA. A condurre la serata sarà  Lorenzo Baglioni,  insieme a  Radio Bruno. Tra gli ospiti in ci saranno anche  Tolo Marton,  decano dell’Italian Blues, i Deschema,  come  miglior band autoprodotta all’ultimo Sanremo Giovani  e tantissimi altri nomi che riempiranno la citta’ come  i finalisti di Materiale Resistente 2.0  che vedra’ esibirsi  i Nuju, Sine Frontera, Radio Babylon, Daltrocanto  e tante altre band.  Mentre al Palazzo delle Esposizioni si terra’ l’importante presentazione del progetto  Napule’s Power con i Cantori di Carpino e Francesca Fariello  preceduto da un ricordo di  Paolo Morelli, leader degli Alunni del Sole,  sempre originari di Napoli.  Si suonera’ in oltre 30 punti a Faenza tra i quali all’Osteria della Sghisa con la Festa di Materiali Musicali a cura di Marco Mori con il cantautore  Giuseppe Anastasi  e gli artisti emergenti  Malavoglia, Cesare Isernia, Alessandro Bellati, Martina Maggi, Domenico Barbera, Enrico Zambelli, Capitolo 21, Trio Kaos, Radio Londra  e tanti altri,  al Caffe’ Nove100 con  Sgominare L’Impero, Stefano Gurioli, Luca Benedetti,  all’Ale House Store con  Tolo Marton, Rita Girelli e Fabio Sorti, i MoMa  al Centro San Francesco in un progetto tra musica e ambiente per Friday for the Future, Marco Di Noia  al Museo Carlo Zauli e tanti altri live.

Domenica 6 ottobre  dalle ore 15 ci saranno esibizioni e workshop nel centro storico di Faenza, per la grande chiusura del MEI. Ci sarà la finale del concorso  MEI Superstage  che porta sul palco le migliori novità emergenti del panorama indipendente insieme alle band del circuito “Falla Girare!”   della  Rete dei Festival  e le esibizioni dei vincitori del contest “Giovani Talenti della Terra di Romagna”: Balto, Argento, OOTB, Rosaspina, Silk e Lucertole  sostenuto dalla Regione Emilia Romagna  e il palco centrale  in Piazza del Popolo  dalle ore 15 vedra’ la presenza prestigiosa come ospiti live  di  Paolo Benvegnu’, Petra Magoni  e gli  Street Clarks  insieme a tantissime band emergenti presentate dallaRed & Blue per l’Uniweb Tour.  Verrà premiata anche  Greta  per il miglior videoclip emergente dell’anno insieme a  Fulminacci    vincitore del  “PIVI”,  Premio Italiano Videoclip Indipendente,  coordinato dal MEI  con  Fabrizio Galassi  e  Riccardo de Stefano,  in collaborazione con  Biennale MArteLive – Sezione Videoclip.  Riceverà un riconoscimento anche il vincitore del contest  “Un racconto in pentagramma”,  il concorso per racconti sulla musica in cinque righe quest’anno dedicato al tema  “Quella volta al concerto”,  a cura dello scrittore  Cristiano Cavina. Infine, Piazza del Popolo, Teatro Masini, Piazza Martiri della Liberta’ e Palazzo delle Esposizioni saranno, come sempre, teatro di concerti e musica dal vivo il 5 e il 6 ottobre in un grande week end di grande musica emergente italiana grazie alle proposte che arrivanon dalle etichette discografiche indipendenti di  AudioCoop, dai contest della  Rete dei Festival  e dagli artisti indipendenti associati ad  AIA. Inoltre in tale occasione,   verranno presentati i risultati degli  Stati Generali della Musica Emergente  dopo tre incontri a Roma, Milano e Napoli che hanno cpoinvolto oltre 400 operatori del settore, e dopo le partite fatte per i Mondiali Antirazzisti e per We Love Football, sara’ presentato ufficialmente il progetto per la  NAIA  – Nazionale Artisti Indipendenti Associati che ha gia’ ben figurato in due partite, tra le quali quella contro le Vecchie Glorie del Bologna FC.

Il MEI è la più importante manifestazione dedicata alla scena musicale indipendente italiana che chiude la stagione dei festival estivi.  Fin dalla prima storica edizione, la manifestazione, fondata e diretta da Giordano Sangiorgi, è stata la  piattaforma di lancio della nuova scena indipendente italiana  con artisti che sono diventati pilastri della musica in Italia (tra gli altri  Afterhours, Bluvertigo, Marlene Kuntz, CSI, Pitura Freska, Baustelle, Caparezza, Negramaro, Perturbazione, Marta sui Tubi, Offlaga Disco Pax e tanti altri) e ha premiato emergenti oggi considerati punte di diamante della nuova scena artistica del nostro Paese (come ad esempio,  Ermal Meta, Brunori Sas, Lo Stato Sociale, Ghali, Canova, Calcutta, Zibba, Mirkoeilcane, Le Luci della Centrale Elettrica, Motta, Dente, Colapesce, Cosmo e tanti altri). Tanti sono stati anche gli artisti che hanno mosso i loro primi passi proprio al MEI, come ad esempio  Daniele Silvestri  che nel 1997 allestì un suo stand espositivo e lo scorso anno ha festeggiato 20 anni di carriera, e, più recentemente i  Maneskin, che al MEI di Faenza hanno realizzato una delle loro primissime esibizioni fuori da Roma, solo per citarne alcuni.

Durante i suoi 25 anni di attività, il MEI, insieme a tutte le sue attività live collaterali, ha registrato un totale di oltre  1 milione di  presenze, la partecipazione di  10mila  tra artisti e band dal vivo,  5 mila  realtà musicali coinvolte in expo e convegni e  1000  i giornalisti (più di  100  dal resto d’Europa) che hanno parlato del MEI contribuendo a renderla la più importante vetrina della nuova e nuovissima musica italiana. Per ogni euro pubblico investito sul MEI la citta’ di Faenza ha avuto un ritorno di 7 euro: il MEI è quindi anche un moltiplicatore economico e turistico unico sul territorio. Negli ultimi anni le presenze turistiche sono aumentate del 30%. Si tratta dell’unico festival non televisivo presente quest’anno al Tavolo della Rai su Musica e Sanremo nel servizio pubblico radio e tv.

C.S._MARGHERITA ZANIN VINCE IL PREMIO SPECIALE INDIE MUSIC LIKE AL MEI25 PREMIATA DA MICHELE MONINA


In occasione del MEI 25 sabato 5 ottobre a conclusione del Premio dei Premi al Teatro Masini di Faenza sara’ assegnato un Premio Speciale Indie Music Like  per il disco “Distanza in Stanza” di Margherita Zanin,  per aver riunito gli interventi di alcuni dei più importanti artisti della scena alternative italiana: Appino, Lodo Guenzi, Motta, Mauro Ermanno Giovanardi, Davide Toffolo, Cristiano Godano, Omar Pedrini, Morgan, Riccardo Sinigallia e Pierpaolo Capovilla, tutti amici  presenti al MEI fin dalle prime edizioni e pluripremiati dal MEI stesso. Nell’occasione il Premio sara’ consegnato da Michele Monina per un intervento a favore del Festival dell’Anatomia Femminile che insieme al Premio Bianca D’Aponte, a Lilith Festival, a Onda Rosa Indipendente e altre realta’ prosegue nel suo lavoro di valorizzazione della presenza femminile nella nuova musica italiana.
Distanza in stanza” è un “non-luogo” protetto dove ritrovarsi, cambiare, sintetizzarsi, evolversi, ragionare. Un disco che tratta di tematiche importanti legate all’essere umano. Alle sue stanze, alle sue distanze, alle essenze dei sentimenti e alle altalene di pensieri semplici e profondi, capaci di trasformarci e darci una visione personale sul senso della vita. Tutti riflettiamo la nostra epoca, e le distanze fortunatamente non generano solo conflitti, ma anche riconciliazioni con il nostro Io.
Un concept in cui ogni canzone racconta una stanza in cui vivere emozioni sonore. Nell’ambiente la filodiffusione di un mondo carico di sperimentazione. Ogni stanza ha una chiave per accedervi, che viene rappresentata da una frase, un incipit di accesso, una intro letta da grandi artisti che hanno voluto spalancare la porta: Appino (The Zen Circus), Pierpaolo Capovilla, Mauro Ermanno Giovanardi, Cristiano Godano (Marlene Kuntz), Lodo Guenzi (Lo Stato Sociale), Morgan, Motta, Omar Pedrini, Riccardo Sinigallia, Davide Toffolo (Tre Allegri Ragazzi Morti), oltreché da Lele Battista produttore artistico del disco, che ha dato a “Distanza in stanza” forti identità sonore che Giovanni Versari ha sapientemente amalgamato.

Redazione

C.S._MEI 2019: a TREDICI PIETRO il Premio HIP HOP MEI! Annunciati i vincitori della 7^edizione della TARGA MEI MUSICLETTER.


cid:image001.jpg@01D561B1.D2FC1860

MEI 2019

Fatti di Musica Indipendente

4, 5, 6 OTTOBRE 2019 – FAENZA (RA)

 

Premio “HIP HOP MEI” a TREDICI PIETRO

 

Torna la 7^ edizione della TARGA MEI MUSICLETTER

premio nazionale destinato al giornalismo musicale sul web

 

 Al MEI 2019, che quest’anno si svolgerà il 4, 5 e 6 ottobre a FAENZA (Ravenna), la musica rap e hip hop sarà ancora una volta protagonista. 

Il “Premio Hip Hop MEI, giunto alla sua undicesima edizione va quest’anno a TREDICI PIETRO, dopo aver scoperto negli anni passati artisti come Amir, Nesli, Ghemon, Scienz, Ghali, Claver Gold, Ketama126, Chadia Rodriguez,

Tredici Pietro

Tredici Pietro, uno dei più talentuosi e giovanissimi rapper della nuova generazione, ha da poco pubblicato il suo primo EP “Assurdo”, prodotto da Mr Monkey, e alcuni dei suoi brani come “Tu Non Sei Con Noi, Bro” o “Pizza e fichi” ha superato milioni di ascolti su Spotify e di visualizzazioni su Youtube.

Torna anche la 7^edizione della “Targa MEI Musicletter”, il premio nazionale destinato al giornalismo musicale sul web, ideato dal blogger e critico musicale Luca D’Ambrosio. Per la prima volta i vincitori sono due importanti realtà italiane della Rete in tema di informazione musicale e culturale: Deer Waves vince come “Miglior sito web” e Pensierosecondario come “Miglior Blog personale”, mentre il Premio speciale Miglior documentario musicale italiano” va a “Noi siamo Afterhours” di Giorgio Testi.  La premiazione avverrà alle 16:00 di sabato 5 ottobre presso la Sala delle Bandiere della Residenza Municipale del Comune di Faenza all’interno dell’area della mostra della Nuova Accademia di Belle Arti di Milano sui manifesti realizzati dagli studenti della scuola per il MEI25.

Torna anche quest’anno al Mei25: “Un racconto in pentagramma – concorso di narrativa per racconti in 5 righe”, realizzato da Musicacademy e in collaborazione con la Libreria Moby Dick. Il tema di quest’anno è “Quella volta al concerto”: sarà possibile inviare racconti fino al 15 settembre. La premiazione avverrà durante il Mei e sarà a cura dello scrittore Cristiano Cavina.

Il 6 ottobre sul palco del Mei25 nella piazza centrale ci sarà anche lo spazio di Red&Blue Music Relations, unica agenzia di comunicazione promozione discografica che oltre a lavorare con artisti di fama internazionale, dà spazio d artisti emergenti legati ad etichette indipendenti o addirittura senza contratto, attraverso un fervida attività live. In occasione del Mei25 il presidente Giordano Sangiorgi premierà Red&Blue e UStation, il network delle radio universitarie, per i 5 anni di Uniweb Tour, il live tour acustico in diretta sulle web radio delle principali università italiane pensato ed inventato da Marco Stanzani, presidente di Red&Blue. Tra i presenti anche Samuele Proto, vincitore del DeeJay Contest a Riccione in collaborazione con Radio DeeJay.

Questi i nomi di alcuni dei premiati al Mei 2019: MORGAN (“Premio MEI alla carriera”), NEGRITA (“Premio Radio Rai Live”), RICCARDO SINIGALLIA (“Miglior disco del 2018 – Ciao Cuore”), VIITO (“Premio Mei – Exitwell al miglior progetto indie 2019”), GIOVANNI TRUPPI(“Premio PIMI 2019 come miglior artista indipendente dell’anno”), GINEVRA DI MARCO e CRISTINA DONÀ (“Premio Speciale MEI 2019”) FULMINACCI (“Premio Giovani Mei – Exitwell”), IT’S UP 2U! (“Premio MEI al miglior contest italiano”), MÒN (“Premio MEI – ExitWell al migliore gruppo indipendente 2019”), MARLENE KUNTZ (“Premio Ciampi per i 30 anni di carriera”).

Il Mei vuol dire anche concerti di qualità, all’insegna della migliore musica che il panorama artistico del nostro Paese offre attualmente, quindi non mancheranno diversi appuntamenti dal vivo ed esibizioni che animeranno il borgo faentino per tutto il weekend. I primi performer confermati sono: i vincitori del Concerto del Primo Maggio di Roma, I TRISTI, i vincitori del Concerto del Primo Maggio di Taranto LE COSE IMPORTANTI, la pianista e compositrice GIUSEPPINA TORRE, i cantautori ROSMY e MARCO DI NOIA, il rapper PELIGRO, i PANTA, gli STRIKE che presenteranno in anteprima la riedizione in vinile di Scacco al Re” (Anfibio Records) nel corso della PRIMA GRANDE FIERA DEL DISCO a cura di Music Day Roma e il vincitore Mei Superstage 2018 MARCONDIRO.

Proprio il Mei Superstage tornerà anche quest’anno: le iscrizioni al concorso rivolto agli artisti emergenti, che mette in palio la possibilità di esibirsi sul palco del MEI2019 si sono appena concluse.

In programma anche l’esibizione del vincitore del contest Giovani Talenti della Terra di Romagna, il contest a cura del MEI – Meeting delle Etichette Indipendenti con il sostegno della Legge sulla Musica della Regione Emilia-Romagna.

Al MEI 2019 tornerà anche il FORUM DEL GIORNALISMO MUSICALE: una due giorni diretta da Enrico Deregibus, che anche in questa quarta edizione vedrà giornalisti provenienti da tutte le fonti di informazione (principali testate, webzine, blog, radio, tv e new media) confrontarsi su tematiche e dibattiti legate al mercato discografico italiano. In programma lezioni e workshop con le cantautriciGinevra di Marco e Cristina Donà; Vincenzo Cimino, musicista e membro commissione cultura Ordine dei giornalisti; Federico Durante, direttore di Billboard; Cinzia Fiorato, caposervizio e conduttrice TG1; Marco Mangiarotti, critico musicale, già vicedirettore de “Il Giorno” e Vincenzo Martorella, critico musicale.

Quest’anno il MEI ricorderà anche il grande cantautore PIERO CIAMPI: un’anteprima di quelle che saranno le manifestazioni che si terranno in tutta Italia a partire dal 2020, per ricordare la figura del cantautore livornese a quarant’anni dalla scomparsa, avvenuta il 19 gennaio 1980. In programma l’evento “Piero Ciampi Dentro=Fuori“, con numerosi ospiti.

Quella di quest’anno, sarà un’edizione speciale del MEI in quanto la manifestazione compirà il traguardo dei 25 anni: un quarto di secolo in cui l’evento si è affermato come punto d’incontro naturale tra le realtà che hanno fatto la storia della musica italiana degli ultimi decenni.

Il MEI è la più importante manifestazione dedicata alla scena musicale indipendente italiana che chiude la stagione dei festival estivi. Fin dalla prima storica edizione, la manifestazione, fondata e diretta da Giordano Sangiorgi, è stata la piattaforma di lancio della nuova scena indipendente italiana con artisti che sono diventati pilastri della musica in Italia (tra gli altri Afterhours, Bluvertigo, Marlene Kuntz, CSI, Pitura Freska, Baustelle, Caparezza, Negramaro, Perturbazione, Marta sui Tubi, Offlaga Disco Pax) e ha premiato emergenti oggi considerati punte di diamante della nuova scena artistica del nostro Paese (come ad esempio, Ermal Meta, Lo Stato Sociale, Ghali, Canova, Calcutta, Zibba, Mirkoeilcane, Le Luci della Centrale Elettrica, Motta, Colapesce, Cosmo). Tanti sono stati anche gli artisti che hanno mosso i loro primi passi proprio al MEI, come ad esempio Daniele Silvestri che nel 1997 allestì un suo stand espositivo e lo scorso anno ha festeggiato 20 anni di carriera, e, più recentemente i Maneskin, che al MEI di Faenza hanno realizzato una delle loro primissime esibizioni fuori da Roma.

Durante i suoi 25 anni di attività, il MEI ha registrato un totale di oltre 800 mila presenze, la partecipazione di 10mila tra artisti e band dal vivo, 5 mila realtà musicali coinvolte in expo e convegni e 1000 i giornalisti (più di 100 dal resto d’Europa) che hanno parlato del MEI contribuendo a renderla la più importante vetrina della nuova e nuovissima musica italiana.

Redazione

C.S._MEI 2019 celebra DOMENICO MODUGNO nell’anno del 25° anniversario della sua morte.


MEI 2019

Fatti di Musica Indipendente

4, 5, 6 OTTOBRE 2019 – FAENZA (RA)

MEI 2019 CELEBRA DOMENICO MODUGNO

 

Al MEI 2019 verrà celebrato DOMENICO MODUGNO, nell’anno in cui si ricordano i 25 anni dalla sua scomparsa.

Giordano Sangiorgi, patron del MEI – Meeting delle Etichette Indipendenti – in occasione del Tavolo della Musica riunitosi per il Festival di  Sanremo  nei giorni scorsi in Rai a Roma, ha recentemente avanzato la proposta di dedicare il Teatro Ariston proprio ad uno dei più grandi cantautori nella storia della canzone italiana, anche in previsione della 70° edizione del Festival della Canzone Italiana di Sanremo.

Numerose sono state le adesioni all’iniziativa di Sangiorgi: sui social hanno già dimostrato il loro appoggio il cantautore, musicista e autore Franco Fasano il cantautore Edoardo De Angelis e gli artisti Tueff, Deborah Bontempi, Vittorio Bonetti, Gianni Davoli, la conduttrice Maria Cristina Zoppa e tanti altri che si stanno aggiungendo.

La proposta è  nata durante l’ultima edizione del Premio dedicato a Bruno Lauzi, da parte di una commissione di artisti, giornalisti e discografici che negli ultimi 40 anni ha scritto pagine importanti della musica di casa nostra: Carlo Marrale (musicista fondatore dei Matia Bazar), Alberto Zeppieri (editore e produttore), la giornalista Rosita Marchese e Alessandro Caruso (figlio del Maestro Pippo Caruso).

«Sarebbe un grande segno di rispetto e di innovazione e un meritato riconoscimento che ci auguriamo la Rai raccolga – dichiara Giordano Sangiorgi, Presidente della Giuria del Premio Lauzi – perché’ farebbero entrare prima di ogni cosa la grande musica, il cuore e la passione nel segno del più grande Made in Italy musicale, già dentro la settantesima edizione del Festival di Sanremo ancora prima di cominciare»

Redazione

C.S._Il Mei e gli indipendenti ed emergenti di Audiocoop, AIA, It-Folk e Rete dei Festival: grande soddisfazione per l’apertura della Rai a tutti i protagonisti del settore ad un tavolo sulla musica e sul prossimo Festival di Sanremo 2020.


Il Mei e gli indipendenti ed emergenti di Audiocoop, AIA, It-Folk e Rete dei Festival: grande soddisfazione per l’apertura della Rai a tutti i protagonisti del settore ad un tavolo sulla musica e sul prossimo Festival di Sanremo 2020. Tutte le prime proposte.

Ieri si è svolto il primo positivo incontro indetto dalla Rai per un Tavolo sulla Musica in Rai e sul prossimo Festival di Sanremo.

“Abbiamo espresso il più forte apprezzamento per la novità espressa dalla nuova Dirigenza Rai per questo importante Tavolo per la Musica in Rai e sul prossimo Festival di Sanremoche si apre per la prima volta, dando pari dignità anche alle centinaia e centinaia di piccole etichette discografiche indipendenti ed emergenti che fanno scouting ogni giorno, e quindi saremo al fianco di questo modello di consultazione per uscire dal tradizionale circuito di scouting e lavorare ad una opera di svecchiamento del prossimo Festival di Sanremo e della musica in Rai, mettendo al centro i giovani  e tutte le nuove tendenze musicali che, attraverso principalmente i circuiti della musica indipendente ed emergente e grazie al lavoro e agli investimenti quotidiani delle startup produttive più giovani, oggi sfiorano il 40% del mercato”dichiara Giordano Sangiorgi, patron del MEI – Meeting delle Etichette Indipendenti, presente al Tavolo, manifestazione citatissima in molti interventi come positivo e virtuoso elemento di scouting da 25 anni.
“Un’opera di svecchiamento che deve trovare strade nuove nello scouting” ha dichiarato il promoter Christian Perrotta della Rete dei Festival “Ad esempio utilizzando durante il periodo che va da aprile ad ottobre il ricco circuito dei contest live per emergenti presenti in tutta Italia, lì dove muovono i primi passi gli artisti di qualità che partono dalla gavetta del live, che possono trovare spazi in Rai attraverso il circuito radio e la piattaforma web lavorando così a un nuovo modello di circuitazione dello scouting che permetta di conoscere l’artista non solo attraverso una semplice audizione ma attraverso un suo progetto più ampio in occasione di un confronto live con il pubblico e un incontro coi nuovi mezzi di comunicazione con il pubblico più giovane. La ricca Rete dei Festival, che raduna oltre 100 contest per emergenti e  presente in tutta Italia con contest di altissimo livello qualitativo in ambito pop, rock, canzone d’autore, folk, jazz e tanti altri generi per questo è completamente a disposizione”.
“Tutto questo senza dimenticare la tradizione innovativa che ci ha reso noti in tutto il mondo. Infatti, il 70esimo Festival di Sanremo potrebbe essere l’occasione per intitolare il Teatro Ariston a Domenico Modugno, l’artista di Sanremo piu’ rappresentativo nel mondo e che con Volare ancora rappresenta un volano della musica italiana all’estero e puo’ essere di grande supporto sul mercato internazionale” aggiunge Giordano Sangiorgi. 
 
“Serve infatti una formula che sia fotografia del mercato odierno allargando lo stesso modello anche sugli ospiti italiani e sui giovani, aprendosi a tutti gli stili e i generi capaci di abbracciare principalmente i teenager ma senza dimenticare la necessità di realizzare un format televisivo popolare che coinvolga tutte le generazioni e si applichi a tutte le diversità musicali presenti nel nostro paese, con uno sguardo reale e concreto al mercato internazionale e recuperando  modelli anche di nicchia che possono però imporsi all’estero” ha proseguito Marco Mori per AudioCoop, che rappresenta oltre 150 piccole etichette indipendenti italiane ogni giorno alle prese con lo scouting, segnalando “come il MEI di Faenza, che torna per la sua 25esima edizione dal 4 al 6 ottobre a Faenza, abbia sempre intercettato per primo i nuovi talenti poi apparsi sul proscenio di Sanremo e su altri palchi televisivi poco dopo”. Mentre per i grandi big della musica italiana realizzare, con il Festival di Sanremo, una vetrina che li possa celebrare, in tale importante contesto, con premi alla carriera e altri riconoscimenti di rilievo che valorizzino il loro contributo alla storia della musica e della canzone italiana.
“Assolutamente da apprezzare l’approccio che vede lavorare tutti insieme prima al metodo, poi al concept, poi alla direzione artistica e infine ai nomi per il prossimo Festival di Sanremo”conferma Enrico Capuano, storico musicista dell’Associazione Italiana Artisti guidata da Renato Marengo come proposto dalla Rai “mettendo al centro il progetto, il racconto di Sanremo e poi i nomi e ragionando insieme  su alcune questioni centrali: la selezione dei cantanti e il meccanismo di gara che deve togliere la competizione per valorizzare la qualità e parificando giovani e big e creando una forte anteprima televisiva per i giovani nei mesi precedenti dopo più percorsi tra i quali uno legato al mondo del live capace anche di raccontare le nuove generazioni che producono la nuova cultura musicale del nostro paese; le giurie e le votazioni che devo avere la capacità di essere sempre mixate intrecciando competenza e pubblico allargandole il più possibile nell’area degli esperti, per potere finalmente acquisire anche nuove competenze musicali, e ampliando il più possibile il voto anche alle più giovani generazioni utilizzando ad esempio, oltre ai tradizionali meccanismi,  anche un App per votare oltre al Televoto” conclude l’artista reduce da un tour di successo in Canada.
“Da confermare i duetti che vedano big ed emergenti insieme con nuovi progetti e nuove reinterpretazioni dei brani della musica italiana e magari lavorare insieme anche dopo il Festival di Sanremo a tour con progetti che abbiamo oltre a una forza sul mercato della discografia e dello streaming anche una forza sul mercato del live capace di guardare anche in modo nuovo e concreto al mercato estero” aggiunge Giordano Sangiorgi.
Inoltre, Giuseppe Marasco, coordinatore di It-Folk, ritiene indispensabile una parita’ di trattamento tra tutte le associazioni nella partecipazione degli artisti al Festival di Sanremo e tutto il settore della piccola produzione indipendente ed emergente.
Infine, Giordano Sangiorgi del MEI dopo che si è recentemente tenuto un appuntamento itinerante per gli Stati Generali della Musica Emergente a Roma, Milano e Napoli che ha coinvolto oltre 400 operatori del settore, che saranno sentiti e coinvolti anche sul prossimo Festival di Sanremo 2020 in un percorso partecipativo, è pienamente soddisfatto dell’impostazione fornita al Tavolo di Lavoro dall’Amministratore Delegato Fabrizio Salini, dalla Direttrice di Rai Uno Teresa De Santis, dal Direttore della Comunicazione Rai Marcello Giannotti, dal Capo Struttura Rai per Sanremo Claudio Fasulo e dalla Direttrice di Rai Radio Due Paola Marchesini, di proseguire tale tavolo di lavoro anche su tutti gli altri programmi ed eventi musicali presenti nel palinsesto della Rai per aumentare la ricchezza di proposte mixate ad alti numeri di attenzione e di ascolto, senza dimenticare sempre di voler parlare innovando al massimo numero di utenti, permettendo così a tutte le musiche popolari contemporanee del nostro paese di poter trovare uno spazio adeguato in questo nuova progettualità Rai  trasparente, da vero servizio pubblico nei confronti della musica per attirare nuovo pubblico e nuove platee di ascoltatori attraverso nuovi programmi e nuovi palinsesti musicali più ricchi.  “Un buon primo passo che speriamo prosegua in questa direzione, facendo vedere anche da subito in modo concreto una nuova direzione, mentre al MEI 25 faremo un punto su questi importanti lavori”.