milano

[COMUNICATI] La GABBIANO’S BAND, gruppo formato da 8 ragazzi con disabilità, in concerto domenica 20 maggio a Milano


Gabbianos_MEMO_WEB_A4.jpg

L’area disabilità della cooperativa “Il Gabbiano” in collaborazione

con il laboratorio musicale “Si Può Fare” di Davide Zubani presentano

GABBIANO’S BAND

IN CONCERTO

DOMENICA 20 MAGGIO AL MEMO RESTAURANT DI MILANO

otto ragazzi con disabilità ci dimostrano che imparare a volare #sipuòfare

 

 Domenica 20 maggio la GABBIANO’S BAND, gruppo formato da otto ragazzi con disabilità, sarà in concerto al Memo Restaurant di Milano (via Monte Ortigara 30, ore 21.30 – Ingresso € 15.00 con consumazione). Per la prima volta la band avrà l’opportunità di esibirsi in un importante club milanese con un evento all’insegna della musica e dell’inclusione sociale (#saperevolare #sipuòfare)!

 La Gabbiano’s Band è composta da Simone Pavoni (grancassa), Matteo Massetti (timpano o grancassa), Luca Zanelli (rullante, ride e rototom, timpano), Alessandra Duina (charleston, piatto e tom), Stefano Serventi (cembalo), Agnese Rossini (tom grande), Alessandra Guerreschi(tom piccolo e xilofono), Enrico Mantelli (bonghi e maracas), ragazzi che hanno dimostrato attitudine e passione verso la musica, insieme aDavide Zubani (chitarra ritmica/solista), Anna Tirelli (basso), Mirko Zani (voce), Giulia Luzzeri (chitarra), Lorenzo Geroldi (tromba), Giuliano Cabra (sassofono e armonica), Emma Lupatelli (sassofono). Da sempre il Centro Diurno per Disabili e i Servizi dell’Area Disabilità della Cooperativa “Il Gabbiano” lavorano per migliorare concretamente la qualità della vita delle persone con disabilità, nella consapevolezza che la vera inclusione nasce da un cambiamento culturale. Per raggiungere questo scopo sono stati ricercati canali di comunicazione dal forte impatto emotivo e, ad esempio attraverso l’arte, i ragazzi hanno intrapreso un efficace percorso di sensibilizzazione, come dimostrano i risultati del laboratorio musicale “Si può Fare” di Davide Zubani.

«Credo che la musica sia senz’altro un linguaggio universale capace di tener conto della diversità – commenta Davide Zubani in merito al progetto – Un contenitore all’interno del quale ogni individuo può riuscire ad esprimersi in modo personale, un mezzo attraverso cui persone con disabilità possano scoprire più a fondo se stesse, ottenendo ottimi risultati ed un miglioramento della qualità della vita».

Il laboratorio “Si può fare” è nato nel 2013 dall’incontro con Davide Zubani, il quale, durante i primi due anni, ha lavorato con i ragazzi per avvicinarli alla musica e insieme sono giunti, in modo inaspettato, alla formazione di una vera e propria band. Dalla prima esibizione “Street Live” nel 2015, la Gabbiano’s Band ha all’attivo più di quaranta concerti, nei quali ha raggiunto diverse migliaia di persone. Nel 2016, dopo un anno di concerti dal vivo, il gruppo ha pubblicato il loro primo album, contenente sei tracce, in cui i musicisti hanno rivisitato classici della musica internazionale. In ogni occasione le esibizioni della band hanno creato stupore, curiosità e hanno regalato non solo la possibilità di sperimentare la bellezza dell’arte e della musica, ma anche la condizione per aprire la mente a una realtà che non lascia spazio a preconcetti.

Redazione

ANNA MARIA BARBERA: dopo il grande successo raccolto lo scorso anno, il 19 marzo al Teatro Nazionale di Milano con lo spettacolo “MA VOI.COME STAI?!”


IL PUBBLICO NON MI HA MAI “SCONSOLATA”!

ANNA MARIA BARBERA

AnnaMaria Barbera_foto di Marinetta Saglio

DOPO IL GRANDE SUCCESSO RACCOLTO LO SCORSO ANNO

IL 19 MARZO A MILANO CON LO SPETTACOLO

“MA VOI…COME STAI?!”  

CON IL LEORAVERAJAZZ TRIO

I biglietti sono disponibili su TICKETONE!

Dopo aver conquistato ilgrande pubblico con le sue interpretazioni in tv e al cinema, il 19 marzo ANNA MARIA BARBERA sarà in scena al Teatro Nazionale di Milano con MA VOI…COME STAI?!”, il nuovo irriverente spettacolo in cui tecnologia e società vengono sottoposte all’ironia critica di Sconsolata.

«”La vita è l’arte dell’incontro” dice il poeta de Moraes e, come interprete del mio Tempo, aggiunge l’autrice, sento il dovere di restituire valore all’incontro umano laddove l’era digitale vorrebbe ridurlo a virtuale, spacciandone il surrogato per nutriente con voragini di bulimica solitudine. Nella domanda che il titolo annuncia rivolgendosi al Pubblico, il rispetto per quanto ci portiamo dentro inascoltato, il sentimento per un’umanità sperduta senza il faro della divina direzione, un desto riserbo verso le seduzioni tecnologiche di questa realtà sempre accesa, che spegne a poco a poco la nostra potenza vitale ammalandola di dipendenza e nostalgia, per un’esistenza a cui assistiamo senza poterla sentire profondamente, istintualmente e sacralmente “nostra”».

“MA VOI..COME STAI?” è un’attenzione allo spirito con “spirito”. Una riflessione che diventa dialogo senza rinunciare alla forza liberante di una risata o alle suggestioni musicali del LEORAVERAJAZZ TRIO che accompagna l’artista in un’inedita vocalità.

Benvenuto appuntamento per dirci di Noi! In una programmazione che registra il tutto esaurito, da gennaio le date ancora disponibili per chi desidera ribadire il proprio esserci, sempre più omologati dall’industria e sempre meno considerati nella nostra vibrante unicità.

I biglietti sono attualmente disponibili in prevendita su www.ticketone.it.

 

 Redazione

Renzo Rubino // in concerto a Roma e Milano


rrubino

RENZO RUBINO
presenta
RUBINOLAND
squilibrio e delicatezza

 21 MAGGIO, ROMA
AUDITORIUM PARCO DELLA MUSICA (SALA SINOPOLI )

24 MAGGIO, MILANO
TEATRO DAL VERME

Dopo la partecipazione al Festival di Sanremo con “Custodire” (https://www.youtube.com/watch?v=CXMjXcZD2G0) brano prodotto da Giuliano Sangiorgi, Renzo Rubino presenta un nuovo spettacolo con due concerti il 21 maggio a Roma, all’Auditorium Parco della Musica (Sala Sinopoli), e il 24 maggio a Milano  al Teatro Dal Verme.

Ma vallo a spiegare a tutti che sono del segno dei pesci, innamorato della lentezza, se decido di perdermi mi basta una carezza” queste  le parole che Renzo preferisce del disco  “Il Gelato dopo il Mare” (Warner Music)  uscito il 9 febbraio e prodotto da Taketo Gohara.

Ho sempre considerato la musica uno dei migliori mezzi disponibili per perdersi, lasciarsi andare, ubriacarsi e uscirne intatti. Ed è cosi che sarà questo tour, una favola, un varietà, un viaggio nella mia dimensione” racconta Rubino “Tra la testa e la pancia, ci sono le montagne russe e una ruota panoramica, attraverso la quale, si potrà fare un giro e osservare dall’alto quelli che sono stati i paesaggi più importanti del mio percorso artistico. Non solo il palcoscenico ma l’intera platea diventerà protagonista dello show. Dal Postino fino all’ultima Custodire si affronteranno le diverse stagioni della mia musica colorate da giochi, momenti assurdi, ironia, ilarità e frammenti più intimi.”

Per la prima volta Rubino avrà l’opportunità di tornare indietro e raccontare una storia che inizia quando, all’età di 19 anni, suonava in un night club mentre le signorine si spogliavano, quando il suo ruolo era quello di intrattenere un pubblico inferocito. Quando ha aperto un concerto di Albano Carrisi senza che lui lo sapesse, quando si finse pianista di strada mascherato per ingannare suo padre, all’epoca organizzatore dell’evento, per farsi dare una piazza in cui esibirsi.  Quando il suo legame con la musica era generato dall’inconsapevolezza e la follia.

Non solo musicisti e cantautori” continua Rubinotra i miei idoli ci sono Andy Kaufman, Fiorello, David Letterman, Pippo Baudo. Personalità forti che in qualche modo hanno condizionato il mio modo di essere sul palco. Immagino dunque Rubinoland come un vero e proprio show che avrà come canovaccio il percorso che dal disordine, dal caos e dalla Margarita, attraversa gli amori impossibili fino a giungere alla redenzione e alla ricerca della serenità”.

Sul palco , insieme a Renzo Rubino (voce e piano) ci saranno: Fabrizio Dottori (Legni e tastiere) Matteo Vagnarelli (Ottoni) Andrea Beninati (batteria, percussioni e violoncello), Fabrizio Convertini (Basso, Synths, Chitarra elettrica ).

Il tour di Renzo Rubino  è organizzato da OTRlive e i biglietti dei concerti sono disponibili da oggi in prevendita su www.ticketone.it.

Redazione

CARLA BRUNI presenta dal vivo il suo ultimo album, “FRENCH TOUCH”, in 2 impedibili date: il 6 aprile a MILANO e il 9 aprile a ROMA!


CARLA BRUNI

 20170614_CARLA BRUNI_0803_b (1)

2 IMPERDIBILI DATE IN ITALIA!

PRESENTA DAL VIVO IL SUO ULTIMO ALBUM

“FRENCH TOUCH”

In concerto il 6 aprile a MILANO e il 9 aprile a ROMA

CARLA BRUNI arriva in Italia per presentare dal vivo il suo ultimo album “FRENCH TOUCH” (Verve Records / Barclay / Universal Music France) in 2 uniche date live: il 6 aprile al Conservatorio di MILANO (Sala Verdi) e il 9 aprile al Teatro Sistina di ROMA.

È possibile acquistare in prevendita i biglietti per le date, organizzate da Intersuoni – BMU in collaborazione con Show Bees, sul sito di TicketOne.it e nei punti vendita e prevendite abituali.

FRENCH TOUCH” è il quinto album in studio della cantautrice, una raccolta di cover in lingua inglese prodotte dal leggendario compositore e musicista DAVID FOSTER.

Il disco contiene il primo singolo “ENJOY THE SILENCE” (https://youtu.be/pm3bPZ6W5fw),

una versione intima e nuda del successo del 1990 dei DEPECHE MODE, qualcosa con cui la maggior parte dei musicisti non si confronterebbe, una canzone “che non ha bisogno di una cover”. La nuova versione ha riportato il brano alla sua essenza, unendo chitarra, piano e la voce raffinata di Carla.

Oltre a “ENJOY THE SILENCE”, il disco contiene anche la cover del brano dei Rolling Stones “MISS YOU” (il cui video, diretto da Jean-Baptiste Mondino, è visibile al seguente link https://youtu.be/0garcpH0dY4) e “A PERFECT DAY” di Lou Reed.

Tutte le cover raccolte in questo album sono state rivisitate con quel French Touch impossibile da non riconoscere, con un perfetto equilibrio tra una nuova sensualità e l’appeal del brano originale. Il French Touch è qualcosa di caldo e familiare, di inimitabile come Carla. 

Carla Bruni ha iniziato a scrivere e suonare nel 1997 e il suo primo album “Quelqu’un m’a dit” (Someone Told Me) è stato pubblicato nel2002. Il singolo omonimo estratto dall’album vanta, ad oggi, quasi 40 milioni di stream su Spotify.

Dopo quel disco Carla Bruni ha pubblicato altri 3 album, acclamati dalla critica, che hanno venduto oltre 3 milioni di copie nel mondo tra cui “No Promises” (2007) che conteneva adattamenti di poesie di grandi autori inglesi, “Comme si de rien n’était (As If Nothing Happened) nel 2008 e “Little French Songs” nel 2013.

 Redazione

BLUE NOTE MILANO: da SANTO STEFANO a CAPODANNO in concerto per 6 sere consecutive ANGELS IN HARLEM GOSPEL CHOIR!


BLUE NOTE MILANO

DA SANTO STEFANO A CAPODANNO

IN CONCERTO PER SEI SERE CONSECUTIVE

Harlem-Gospel-Choir1-1038x1038

ANGELS IHARLEM GOSPEL CHOIR

Da martedì 26 a domenica 31 dicembre il BLUE NOTE MILANO (Via Borsieri, 37) ripropone uno degli appuntamenti fissi delle festività natalizie milanesi, il concerto dell’ANGELS IN HARLEM GOSPEL CHOIR, uno dei più importanti cori gospel del mondo.

Fondato nel 1986 da Allen Bailey e formato da alcuni dei migliori cantanti e musicisti delle Black Church in Harlem, l’Angels In Harlem Gospel Choir si dedica da anni a diffondere la cultura afro-americana e la musica gospel così come si suona nelle Black Church. Ribattezzati “Angels in Harlem” dagli U2 in apprezzamento alla loro magnifica interpretazione di “I Still Haven’t Found What I’m Looking For”, hanno alle spalle tour nazionali ed internazionali, che hanno fatto conquistar loro la fama di “Angelic Ambassadors of Harlem”grazie al loro autentico spirito gospel di gioia.

Per le serate di martedì 26, mercoledì 27 e giovedì 28 dicembre gli spettacoli saranno alle ore 21.00 e alle ore 23.00 (apertura porte: ore 19.30), mentre per le serate di venerdì 29 e sabato 30 gli spettacoli saranno alle ore 21.00 e alle ore 23.30 (apertura porte: ore 19.30). Il prezzo dei biglietti acquistati entro le due ore precedenti ogni concerto è di29,00 euro (prezzo “advance”) mentre il prezzo dei biglietti acquistati direttamente all’ingresso dello spettacolo è di 34,00 euro (prezzo “door”). Sono esauriti i biglietti per gli spettacoli delle ore 21.00 di martedì 26, mercoledì 27, giovedì 28, venerdì 29 e sabato 30 dicembre.

Come da tradizione, per la serata del 31 dicembre il Blue Note organizza il grande Cenone di Capodanno, all’insegna della musica dell’Angels in Harlem Gospel Choir, del divertimento e della cucina di classe: lo chef Federico Tronci proporrà infatti un raffinato menù di sei portate. A seguire ci sarà il brindisi e la tradizionale grande estrazione di Capodanno (due sistemi Tivoli Audio, una visita alla cantina Historia Antiqua con degustazione, una Balthazar Historia Antiqua da 12 lt. e una Blue Note Club Membership).

Per chi volesse partecipare al solo brindisi, il Blue Note offre la possibilità dell’ingresso dalle ore 23.00, per assistere alla seconda parte del concerto dell’Angels in Harlem Gospel Choir, brindare al nuovo anno e festeggiare con una selezione di pandori e panettoni dell’Antica Pasticceria Loison e il tradizionale zampone e cotechino di Modena con le lenticchie di Castelluccio.

Redazione

ELIO E LE STORIE TESE: domani il Concerto d’Addio, in gara al 68° Festival di Sanremo


Logo-Elio-Ultimo_2

DOMANI IL CONCERTO D’ADDIO

Elio e le Storie Tese (1) b

al Mediolanum Forum di Assago – Milano (sold out)

IN GARA AL 68° FESTIVAL DI SANREMO

con il brano “Arrivedorci

«nella speranza di arrivare penultimi» 

UN ULTIMO PROGETTO DISCOGRAFICO

UN TOUR D’ADDIO – prevendite aperte da mercoledì

«da consumarsi entro e non oltre il 30 giugno 2018»

 

 ELIO E LE STORIE TESE sono pronti a concludere la loro carriera in grande stile, dopo 37 anni di successi, hit radiofoniche provocatorie e tour imprevedibili!

A tal proposito la band dichiara: «Gli Elio e le Storie Tese si sciolgono veramente? Sì. Non ci hanno ripensato neppure dopo la grande dimostrazione di affetto e interesse nei loro confronti suscitata dalla notizia del loro scioglimento. Hanno davvero deciso di sciogliersi».

Domani, martedì 19 dicembre, al Mediolanum Forum di Assago – Milano (ore 21.00) si terrà il loro Concerto d’Addio (sold out). Sul palco: Elio (voce), Faso (basso), Cesareo (chitarra), Christian Meyer (batteria), Jantoman (tastiere), Diego Maggi (tastiere), Paola Folli (voce) e Mangoni (artista a sé).

«Sarà mica allora che quello del 19 dicembre 2017 al Mediolanum Forum di Assago non è il Concerto d’Addio degli EelST? Sì, e no – afferma la band – Sì: il concerto di domani è davvero il Concerto d’Addio degli EelST. Sarà una grande festa, quasi tre ore di musica, con una scaletta costruita a partire dalle preferenze espresse dai fan, che hanno votato le canzoni sulla pagina Facebook della band. No: non sarà l’ultimissimo concerto degli EelST».

Elio e le Storie Tese saranno in gara con il brano “ARRIVEDORCI” al 68° Festival di Sanremo, il loro quarto e ultimo festival della canzone italiana. Commentano: «Perché, se si sciolgono veramente, vanno in gara al Festival di Sanremo? Per vari motivi. Intanto perché Claudio Baglioni li ha invitati a presentare una canzone. E se gli EelST gliel’hanno mandata è perché, dopo due piazzamenti al secondo posto (1996; 2013) e una rispettabile ma non abbastanza dodicesima posizione nel 2015, si sono voluti regalare un ultimo tentativo di raggiungere l’obiettivo di sempre: arrivare penultimi al Festival di Sanremo. L’inedita “Arrivedorci” è piaciuta. Il percorso verso il diciannovesimo posto è ufficialmente iniziato».

A inizio del 2018 uscirà l’ultimo progetto discografico di Elio e le Storie Tese che conterrà anche il singolo “Licantropo vegano” e l’ultimo inedito, il brano sanremese. Confermano: «Resta quindi solo un’ultima faccenda: adesso ci diranno pure che gli EelST escono con un nuovo e ultimo disco? Eh, beh, sì. Oltre ad “Arrivedorci” per Sanremo, e al singolo uscito ad ottobre, “Licantropo Vegano”, (versione italiana della canzone “Werewolves of London” di Warren Zevon), gli EelST negli ultimi due anni hanno sempre scritto e registrato. Cosa hanno deciso di inserire nell’ultimo disco ce lo faranno sapere presto».

Dal 20 aprile saranno in tour in tutta Italia con il Tour d’Addio, per raggiungere tutti i fan che non sono riusciti a partecipare al Concerto d’Addio.

Queste le date: 20 aprile al Pala George di Montichiari (BS), 21 aprile alla Kioene Arena di Padova, 3 maggio al Pala Alpitour di Torino, 5 maggio al Nelson Mandela Forum di Firenze, 8 maggio all’RDS Stadium di Genova, 10 maggio all’Unipol Arena di Bologna, 12 maggio al Pala Lottomatica di Roma, 14 maggio al Palapartenope di Napoli, 17 maggio al Pal’Art Hotel di Acireale (CT), 19 maggio al Pala Florio di Bari 23 maggio all’RDS Stadium di Rimini

I biglietti in prevendita saranno disponibili online su Ticketone.it da mercoledì 20 dicembre dalle ore 16.00 e nelle prevendite abituali da venerdì 22 dicembre dalle ore 16.00.

Raccontano: «Dopo avere preso atto di quanti avrebbero voluto, ma non hanno potuto, raggiungere Milano per partecipare alla festa al Mediolanum Forum, gli EelST hanno accettato la proposta di organizzare un altro giro di concerti. Un Tour d’Addio, che sarà però “a scadenza”: da consumarsi entro e non oltre il 30 giugno 2018. Con una sorpresa per i fan: il biglietto del concerto del Mediolanum Forum di Assago si potrà riutilizzare per ascoltare gli EelST quando il Tour passerà nella propria città».

Nota dell’organizzazione: quando è stato annunciato il concerto del 19 dicembre al Mediolanum Forum di Assago –  Milano, il Tour d’Addio non era stato programmato; di conseguenza, onde evitare disagi al pubblico proveniente da regioni differenti dalla Lombardia, tutti i residenti extra-lombardi che hanno acquistato il biglietto per il concerto di domani sera avranno diritto ad un biglietto omaggio per una tappa del Tour d’Addio relativamente alla propria regione di residenza, secondo le modalità indicate (info: fepgroup.it).

Redazione

The JIMI HENDRIX REVOLUTION al Teatro Della Luna il 23 marzo – MILANO – Dal 27 novembre sono aperte le prevendite


Immagine The Jimi Hendrix Revolution 

The JIMI HENDRIX REVOLUTION

Una notte per Jimi Hendrix con musica, libri, esposizioni fotografiche e di pittura   

al

Teatro Della Luna – MILANO
Venerdì 23 Marzo

Dal 27 novembre sono aperte le prevendite


Biglietti disponibili su: 
www.ticketone.it

 

 Da Lunedì 27 novembre sono aperte le prevendite per l’emozionante spettacolo – in programma il 23 marzo 2018 al Teatro della Luna di MILANO  che abbraccerà l’intera storia di Jimi Hendrix. Biglietti in vendita nel circuito TicketOnewww.ticketone.it

THE JIMI HENDRIX REVOLUTION, organizzato dall’agenzia di produzione e management We4Show  a new concept for the show, è un viaggio appassionante attraverso le parole, le note e i colori del chitarrista che ha rivoluzionato il mondo della sei corde e del rock.

Uno spettacolo musicale coinvolgente, corredato da dipinti e da brevi racconti che inquadrano i pensieri e l’arte di questo straordinario personaggio. Una band trascinante, un pittore di fama, un celebre sceneggiatore e fumettista in veste di narratore. E ancora, fotografie, quadri, libri, tutto dedicato al chitarrista di Seattle. Non un semplice concerto, ma un’esperienza musicale in cui diverse forme d’arte si miscelano  per raccontare l’indimenticabile genio di Jimi Hendrix, di cui ricorre il 75° compleanno proprio il 27 (Seattle, 27 novembre 1942).

Sul palco salirà uno straordinario trio formato da:  Andrea Cervettovoce e chitarra, (noto frontman, componente del Mito New Trolls e scelto da Brian May per il musical We Will Rock You), Alex “Polipo” Polifrone alla batteria (il Mito New Trolls, Loredana Berté, Enrico Ruggeri, We Will Rock You), e il talentuoso Fausto Ciàpica, basso e voce.

La band interpreta magistralmente l’intramontabile repertorio di The Jimi Hendrix Experience, illustrato dalle scenografie e dalle tele del pittore di fama Franco Ori, che dipingerà dal vivo durante lo showrealizzando un imponente ritratto del chitarrista di Seattle.

Il tutto amalgamato dagli interventi del celebre sceneggiatore e fumettista Giancarlo Berardi (creatore delle serie Ken Parker e Julia), qui eccezionalmente in veste di narratore, curatore dei testi e regista.

Uno spettacolo affascinante, originale e unico nel suo genere, pensato non solo per gli appassionati di chitarra e di Jimi Hendrix, ma per tutti gli amanti della musica e per chi vorrebbe conoscerlo meglio.

Redazione

04 Novembre – Tributo Alessandro Bono con Andrea Mingardi, Mario Lavezzi, Massimo Priviero, Grazia Di Michele…


alessandro bono.jpg
Si terrà sabato 4 Novembre 2017, alle ore 21, il quinto appuntamento di Un amico come me,serata tributo organizzata per ricordare il cantautore Alessandro Bono.
Dopo il sold out dello scorso anno, anche per questa quinta edizione gli artisti chiamati a
ricordare il cantautore milanese si esibiranno nella cornice del Politeatro di Milano, diretto da Gustavo La Volpe e sito in Viale Lucania 18.
La storica band di Alessandro (Pietro La Pietra, Flavio Piantoni e Paolo Saraceno), insieme al noto chitarrista Walter Muto, accompagnerà i tanti artisti che reinterpreteranno le sue canzoni: da Marco Baroni a Francesco Rainero, insieme a Giulia Penza, Adriano Formoso, Francesco D’Acri, Ivano Conti, Marco Martinelli, Kava, Neroluce, Edo Pop e Manuel Puelli che canterà. Oppure no, la canzone con cui Alessandro si è esibito per l’ultima volta al Festival di Sanremo.
Gli ospiti speciali della serata saranno Grazia Di Michele, Andrea Mingardi, Mario Lavezzi, Massimo Morini e Massimo Priviero che, invece, interpreterà una personale versione di Gesù Cristo, forse il brano più famoso di Alessandro.
Nel corso della serata, verranno proiettati interventi–video di artisti che hanno collaborato con Alessandro, tra cui Loretta Goggi, Mariella Nava, Pupo e Red Canzian.
L’organizzazione dell’evento è stata curata da Carla Andreoni, Giulia Benotto, Marco Bergamo e Marco Annicchiarico, in collaborazione con la famiglia di Alessandro.
Proprio in accordo e per volontà della mamma di Alessandro, parte degli incassi della serata verranno devoluti ad ANLAIDS Onlus, sezione Lombarda.
Sarà un’occasione per commemorare uno straordinario artista, da molti a suo tempo definito “il futuro del rock italiano”, cantautore che è stato capace di leggere, con disincanto, tra le pieghe del vivere e di descrivere il disagio di una generazione in cerca della propria.
Redazione

LUCIANO LIGABUE al TEMPO DELLE DONNE, domenica 10 settembre (ore 15.00) al Teatro dell’Arte di Milano (via Alemagna, 6) è uno degli ospiti più attesi


Teatro dell’Arte, domenica 10 settembre ore 15

Luciano Ligabue al Tempo delle Donne

Conversazione con Pasquale Elia e Barbara Stefanelli: il rocker appena tornato sul palco dopo 6 mesi di stop forzato parlerà di musica, di «Made in Italy» e non solo…

Luciano Ligabue, appena tornato «on the road» dopo lo stop forzato per un problema alle corde vocali, è uno degli attesi ospiti del Tempo delle Donne: conversazione con Pasquale Elia e Barbara Stefanelli, domenica 10 settembre ore 15 al Teatro dell’Arte di Milano.

Al momento il rocker di Correggio è impegnato con il tour “Made In Italy – Palasport 2017” che lo vede protagonista nei palasport di tutta Italia per presentare alcuni brani dell’ultimo album “Made In Italy”, oltre ai suoi grandi successi.

“Made in Italy” si intitola anche il nuovo film da lui diretto, in uscita a fine gennaio, con Stefano Accorsi nei panni di Riko, il suo alter ego. Al Tempo delle Donne il Liga parlerà di musica, del suo ritorno sul palco e non solo… Il nuovo tour, ricominciato lunedì scorso, dopo sei mesi di sospensione, dal Palasport di Rimini, fa tappa a Milano (domani e sabato) al Forum di Assago. Nuova la scaletta, come ha raccontato Andrea Laffranchi sul Corriere della Sera (http://iltempodelledonne.corriere.it/2017/notizie/ritorno-ligabue-per-me-tutto-nuovo-c975d432-921b-11e7-a584-742676259d49.shtml). «Per me è tutto “nuovo”. È “nuovo” risalire su un palco a tenere un concerto, sono “nuove” le mie corde vocali, è ancora più “nuovo” mettere nello spettacolo immagini di un film già girato», aveva detto Luciano nei giorni scorsi.

Al Tempo delle Donne, Pasquale Elia e Barbara Stefanelli lo stimoleranno a raccontarsi e dire la sua su svariati temi. L’ingresso è gratuito.

Redazione

ALLIE X la cantautrice canadese per la prima volta in concerto in Italia al Serraglio di MILANO (biglietti disponibili in prevendita).


 AllieX_CollXtionII_iTunes (1)_b

La cantautrice e attrice canadese ALLIE X, nome d’arte di Alexandra Hughes, arriverà per la prima volta a in Italia, per un unico concerto al Serraglio di Milano, il 14 settembre (Via Gualdo Priorato, 5 – apertura porte ore 21.00, inizio concerto ore 22.00 – biglietti: 12 euro + d.p. NOTA: ammissione con tessera Acsi obbligatoria € 5,00).

È possibile acquistare in prevendita i biglietti per il concerto, prodotto e organizzato da Vivo Concerti, su ticketone.it e in tutti i punti vendita Ticketone e nelle prevendite autorizzate.

Il live show sarà l’occasione per vedere per la prima volta dal vivo questa straordinaria cantautrice, prima artista internazionale del roster Sugar, che la pubblica in licenza ed in esclusiva per l’Italia.

Amata da Katy Perry (tanto da postare su Twitter la sua ossessione per il brano “Catch” di Allie X) e coautrice per il giovane artista australiano Troye Sivan (con cui ha scritto il suo album “Blue Neighborhood”), Allie X è una cantautrice canadese che vive a Los Angeles e che trasforma canzoni pop in veri e proprio progetti d’arte, abbinando la propria musica a immagini ricercate e suggestive, in unacontinua ricerca creativa che la porta a essere una delle espressioni più interessanti del panorama pop internazionale.

È inoltre online il video di “PAPER LOVE”, diretto da Renata Raksha per AVA Studios, e visibile al seguente linkhttps://youtu.be/9A6_a-Suv9cIl brano è estratto dall’ultimo album di Allie X, “CollXtion II”, uscito lo scorso giugno.

«CollXtion II parla del processo di “mettere insieme i pezzi” – racconta Allie X – Non si basa solo sulla mia esperienza di vita, il processo stesso di dare forma all’album è stato incredibilmente frammentato. L’attività di scrittura ha comportato lo scomporre brani già completati fino a far rimanere solo alcuni frammenti per poi ricostruire su questi dei brani nuovi da zero. Apparentemente non è mai una cosa facile quando sono coinvolta.

Per me i cubetti [presenti sulla copertina ndt.] sono una rappresentazione accurata del rapporto con il mio corpo. Sono come una bambina che gioca a provare a rimettere tutti i pezzi al loro posto.

Nonostante i miei sforzi però non c’è mai stato un momento in cui tutto era in ordine. Ciononostante ho quest’idea che un giorno esisterà questo capolavoro che creerò dentro di me – ci sarà una pienezza, una felicità ed una bellezza che tutti ammireranno e faranno propria. Non sono fiera di questo, ma la mia mente funziona così. Suppongo di aver fatto mio il concetto di “X” per questo: le possibilità infinite. Anziché provare a riordinare tutti i pezzi di me stessa posso riempire gli spazi vuoti con qualsiasi cosa desideri. Mi permette di essere fragile, debole… mi dà il permesso di essere esattamente quella che sono. Penso ai cubi trasparenti presenti sulla copertina di CollXtion II come a degli “X blocks”.

Il cappello da somaro rappresenta invece la vergogna e la paura. La vergogna che provo riguardo il mio corpo e la mia mente imperfetti. Per un lungo periodo nella mia vita ho provato un forte senso di imbarazzo e vergogna.

X è una verità che non puoi confermare, ma che senti. Dato che nessuno può conoscere nulla per davvero, non vedo problemi a credere in una verità che noi stessi creiamo. Non riguarda il creare discussione o l’essere contraria al sentire comune, riguarda credere in quello che sentiamo giusto per noi stessi».

Questa la tracklist completa di “CollXtion II”: “Paper Love”, “Vintage”, “Need You” (featuring Valley Girl), “Casanova”, “Lifted”, “Simon Says”, “Old Habits Die Hard”, “That’s So Us”, “Downtown”, “True Love is Violent”.

ALLIE X è una cantautrice e attrice canadese basata a Los Angeles. La sua carriera comincia, dopo alcuni anni di formazione tra gli Stati Uniti ed il Canada, con alcune produzioni indipendenti e partecipazioni televisive di rilievo nazionale (“Triple Sensation”, “The Boys in the Photograph”, “King”, “Being Erica”, e “Instant Star” e altre) che la portano a firmare il suo primo vero contratto discografico nel 2014 e ad ottenere di lì a breve con “Catch” (https://youtu.be/ZOKsdQm0JFo) il suo primo posizionamento in classifica alla posizione 55 della Billboard Canadian top 100.

Il 2015 vede la pubblicazione di un EP e del suo primo album “CollXtion I”, che riscuote recensioni entusiastiche da parte della critica e di personaggi chiave dell’industria: Katy Perry è stata una delle primissime supporter di Allie X, tanto da definirsi pubblicamente “ossessionata” dal brano su Twitter.

Lo stesso anno Allie X ha coscritto l’album “Blue Neighborhood” del giovane artista australiano Troye Silvan.

Il 2016 è un anno di sperimentazione che porta l’artista canadese a pubblicare diversi singoli ed a rompere il classico flusso di lavoro legato al concetto di album ed ottenendo un ottimo riscontro sulle piattaforme digitali, con diversi milioni di play sui maggiori servizi streaming.

Nel 2017 esce il suo nuovo disco, “CollXtion II”.

Redazione