musical

C.S._Dal 26 settembre a Milano (Teatro Nazionale CheBanca!) “BALLIAMO SUL MONDO”, il musical con i più grandi successi di LUCIANO LIGABUE, testo originale e regia di CHIARA NOSCHESE!


“BALLIAMO SUL MONDO”

BSM_LOC Verticale b

IL MUSICAL CON I PIÙ GRANDI SUCCESSI DI

 

LUCIANO LIGABUE

TESTO ORIGINALE E REGIA DI

CHIARA NOSCHESE

Chiara Noschese b

 

AL TEATRO NAZIONALE CHEBANCA! DI MILANO

 

DAL 26 SETTEMBRE AL 27 OTTOBRE

BSM Gruppo 4b

 

Prodotto e organizzato da Live On Stage, dal 26 settembre al 27 ottobre andrà in scena al Teatro Nazionale CheBanca! di Milano il musical “BALLIAMO SUL MONDO”, con testo originale e regia di Chiara Noschese e i più grandi successi di Luciano Ligabue!

Protagonisti 13 giovani che in 2 atti e lungo 19 canzoni storiche del Liga si raccontano (e cantano) nell’arco di un decennio da un Capodanno all’altro, da quello alla soglia della maggiore età a quello della maturità 10 anni dopo. Uno spettacolo musicale tutto italiano, una storia inedita e originale, un gruppo di grandi voci, una storia che fa battere il cuore: questo è “BALLIAMO SUL MONDO”.

“La scrittura e la regia di BALLIAMO SUL MONDO, sono stati uno dei ‘viaggi’ più belli della mia vita: mentre scrivevo mi batteva forte il cuore per le sorti dei 13 protagonisti – afferma Chiara Noschese  – La musica di Luciano traghetta, con decisione, nell’emozione… l’emozione di una storia semplice, una storia di tutti e per tutti.”

L’alba del secondo millennio, raccontata da un gruppo di giovani di provincia. Capodanno 1990: una comitiva di amici si riunisce, come ogni giorno, al Bar Mario per festeggiare l’arrivo del primo anno da maggiorenni. Progetti, speranze, amori, passioni ma anche incertezze, paure e vecchi rancori, s’incrociano sullo sfondo della grande festa.

La promessa di ritrovarsi 10 anni dopo nello stesso giorno è l’unico modo per rendere meno tragica e dolorosa la consapevolezza che niente dopo quella notte resterà uguale. È il momento di diventare adulti…

Il decennio che segue cambierà la vita di ognuno, riservando a ciascuno di loro percorsi e realtà inaspettate. Malgrado tutto, la promessa viene mantenuta.

Capodanno 2000: sarà difficile per il gruppo rimettere insieme i pezzi, eppure, ritrovarsi e ricostruire insieme, diventa inaspettatamente l’unica salvezza per tutti… “Perché dopotutto, nella vita, non è obbligatorio essere eroi.”

Le vite dei 13 protagonisti s’intrecciano, scandite dai più grandi successi di Luciano Ligabue, da “Certe Notti” a “Non è tempo per noi”, da “Tra palco e realtà” a “Urlando contro il cielo” e tante altre… tra cui ovviamente “Balliamo sul mondo”, la storica hit del Liga che dà il titolo al musical!

Luciano Ligabue ha contribuito al testo con Chiara Noschese, la produzione e gli arrangiamenti musicali sono di Luciano Luisi.

Orari spettacolo:

Da Mercoledì a Sabato ore 20.45

Sabato e Domenica pomeriggio ore 15.30

Info per acquisto biglietti:

https://www.teatronazionale.it/tutti-gli-spettacoli/balliamo-sul-mondo-il-musical e www.ticketone.it
https://www.facebook.com/teatronazionale
https://www.instagram.com/teatronazionale/

Biglietteria Teatro Nazionale CheBanca!

Via Giordano Rota 1 (ex Piazza Piemonte 12) – 20149 Milano

Aperta da martedì a domenica dalle 14.00 alle 19.00

Infoline 02 00640888 (attiva da martedì a sabato dalle 15:00 alle 18:00)

Servizio SMS e WhatsApp 344 1996621

Per gruppi (min. 10 pax): 02 00640835 – 02 00640859 b2b@teatronazionale.it

“BALLIAMO SUL MONDO”

 

CAST

BOB MESSINI                                  – MARIO

BEATRICE BALDACCINI                – STELLA

MARIO ACAMPA                           – FAUSTO

MARIANNA DALLE NOGARE       – NICOLETTA

BRIAN BOCCUNI                            – ANTONIO

ILARIA DE ROSA                             – CARMEN

MICHELE DE PAOLA                      – MATTEO

MARIACARMEN IAFIGLIOLA       – VALENTINA

LUIGI FIORENTI                              – MICHELE

BRUNELLA PLATANIA                   – BRUNA

YURI PASCALE LANGER                – NICCOLÒ

MIRIAM SOMMA                          – MYRIAM

MATTEO SALA                                – GIANNI

BRANI MUSICALI

Primo atto

                    HO MESSO VIA

         UNA VITA DA MEDIANO

LIBERA NOS A MALO

NON È TEMPO PER NOI

PICCOLA STELLA SENZA CIELO

CERTE DONNE BRILLANO

CERTE NOTTI

VOGLIO VOLERE

BALLIAMO SUL MONDO

Secondo Atto

 

TU CHE CONOSCI IL CIELO

IL GIORNO DI DOLORE CHE UNO HA

SI VIENE E SI VA

POLVERE DI STELLE

L’AMORE CONTA

IL MEGLIO DEVE ANCORA VENIRE

NIENTE PAURA

TU SEI LEI

TRA PALCO E REALTÀ

URLANDO CONTRO IL CIELO

CREDITI

PRODUZIONE: LIVE ON STAGE

TESTO ORIGINALE E REGIA: CHIARA NOSCHESE

CONTRIBUTI AL TESTO: LUCIANO LIGABUE

PRODUZIONE E ARRANGIANGIAMENTI MUSICALI: LUCIANO LUISI

CONSULENZA MUSICALE: GIACOMO LAURI VOLPI

ASSISTENTE ALLA REGIA: ELEONORA LOMBARDO

SET DESIGNER: GABRIELE MORESCHI

SOUND DESIGNER: ARMANDO VERTULLO

LIGHTING DESIGNER: FRANCESCO VIGNATI

 

Redazione

C.S._Sta arrivando in Italia il musical “CHARLIE E LA FABBRICA DI CIOCCOLATO”, dall’8 novembre presso la Cattedrale della Fabbrica del Vapore di MILANO! Biglietti disponibili in prevendita.


      Immagine che contiene clipart Descrizione generata automaticamente

 

Dopo aver raggiunto il più alto incasso settimanale nella storia del teatro inglese

ed essere stato in scena al Theatre Royal, Drury Lane di Londra per quasi 4 anni

 

La Fabbrica di Cioccolato di Willy Wonka arriva in Italia!

IL MUSICAL BASATO SUL ROMANZO DI ROALD DAHL

DALL’8 NOVEMBRE IN SCENA A MILANO

 

RESIDENT PER LA STAGIONE TEATRALE 2019/2020

ALLA CATTEDRALE DELLA FABBRICA DEL VAPORE

per la prima volta completamente trasformata in un teatro!

Biglietti disponibili in prevendita su TicketOne.it

 

Libretto
DAVID GREIG

Musiche
MARC SHAIMAN

Liriche
MARC SHAIMAN e SCOTT WITTMAN

Regia

FEDERICO BELLONE

E con musiche tratte dal film di LESLIE BRICUSSE ANTHONY NEWLEY

Presented by arrangement with Music Theatre International (Europe):  www.mtishows.eu

Dopo aver raggiunto il più alto incasso settimanale nella storia del teatro inglese ed essere stato in scena al Theatre Royal, Drury Lane di Londra per quasi 4 anni, CHARLIE E LA FABBRICA DI CIOCCOLATO”, il musical basato sul romanzo di Roald Dahl, arriva finalmente in Italia!

Dall’8 novembre Milano sarà l’unica città italiana a ospitare lo spettacolo, resident per la stagione teatrale 2019/2020 alla Cattedrale della Fabbrica del Vapore, che per la prima volta in assoluto si mostrerà in un’inedita veste teatrale.

Dopo i successi dei musical di Mary Poppins, Dirty Dancing, Fame, The Bodyguard, è CHARLIE E LA FABBRICA DI CIOCCOLATO” la prossima sfida alla regia di FEDERICO BELLONEche per l’occasione curerà anche la scenografia dello spettacolo.

Prodotto da Wizard Productions (Dirty Dancing nel mondo, Sugar – A qualcuno piace caldoThe Bodyguard – Guardia del corpoFame), questi i performer a salire sul palco: Christian Ginepro nel ruolo di Willy Wonka, i giovanissimi Jeesee (Gregorio Cattaneo)/Alberto Salve/Alessandro Notari(Charlie Bucket), gipeto (Nonno Joe), Simona Samarelli (Mrs. Bucket), Lisa Angelillo (Mrs. Tv), Russell Russell (Mr. Eugene Beauregarde), Fabrizio Corucci (Mr. Oleg Disalev), Stella Pecollo (Mrs. Glup), Annamaria Schiattarella (Nonna Georgina e regista residente), Roberto Colombo (nonno George), Marta Melchiorre (Veruca Disalev), Davide Marchese (Augustus Glup), Michelle Perera (Violetta Beauregarde), Simone Ragozzino (Mike Tv), Donato Altomare (Jerry), Rossella Contu (Cherry), Robert Ediogu (Mrs. Green), oltre ai membri dell’ensemble Andrea Spata (capoballetto), Federica LaganàMary La TargiaPietro MattarelliAntonio OrlerManuel Primerano e Monica Ruggeri.

Il cast si completa con 4 swing (performer in grado di sostituire gli eventuali attori del cast assenti) e 10 musicisti che saranno diretti dal Maestro Giovanni Maria Lori.

I biglietti sono disponibili in prevendita su TicketOne.it e nei punti vendita e nelle prevendite abituali.

Il libretto dello show è di David Greig (autore per la Royal Shakespeare Company), le canzoni di Marc Shaiman e Scott Wittman (Sister ActHairsprayMary Poppins Returns), e Leslie Bricusse (Premio Oscar, The Candy ManVictor Victoria) e Anthony Newley.

CHARLIE E LA FABBRICA DI CIOCCOLATO” ha debuttato con la regia di Sam Mendes (American Beauty, ultimi film di James Bond) nel 2013 a Londra, restando in scena per quasi 4 anni, e raggiungendo il più alto incasso settimanale nella storia del teatro inglese, per poi spostarsi a New York.

Il musical è basato sull’omonimo libro di Roald Dahl (autore per la Disney, per i film di James Bond, e del celebre Matilda) e sui film “Willy Wonka e la fabbrica di cioccolato” del 1971, con Gene Wilder e ritenuto una delle 50 pellicole cult della storia del cinema, e quello del 2005, con Johnny Depp e diretto da Tim Burton, che ha incassato circa 500.000.000 dollari.

Lo spettacolo sarà coprodotto con il Comune di Milano.

Il libro “La Fabbrica di Cioccolato” di Roald Dahl è pubblicato in Italia da Salani.

Redazione

RICCARDO COCCIANTE sui TALENT SHOW: “una volta finito il talent, i ragazzi vengono completamente abbandonati. E rimangono bruciati da quello che hanno fatto” .


cocciante

Ogni tanto qualcuno noto e meno noto si sveglia e dice la sua sui talent. Questa è la volta di uno “notissimo” del mondo musicale, che dopo l’esperienza a The Voice of Italy di qualche anno fa si sciacqua la bocca. A sparare a zero sui talent show è infatti Riccardo Cocciante, come riporta TvBlog, che dalle pagine di Libero spiega il perché si è subito dileguato dopo la prima edizione di The Voice:

“Ho avuto molta pena per i ragazzi di The Voice, dopo tutti gli sforzi fatti, buttati via perché non servivano più. Non l’ho rifatto proprio perché questi interpreti, una volta finito il talent, vengono completamente abbandonati. E rimangono bruciati da quello che hanno fatto. Le case discografiche ormai non investono più, all’epoca ci facevano crescere. Il primo disco non era quasi mai un successo. I ragazzi ora sono scoraggiati, si salvano solo entrando a far parte di una moda, facendo canzoni ammiccanti che possono piacere al primissimo momento”.

Cocciante aggiunge di non essere rimasto in contatto con nessuno dei suoi colleghi coach. ma sottolinea  il “successo” della sua pupilla albanese Elhaida Dani: adesso è Esmeralda nella versione francese di Notre Dame.

Del suo rapporto altalenante con la televisione dice:

“Siamo noi a dover utilizzarla, non a dover essere utilizzati da lei. io non ho bisogno della televisione per esistere. In certi momenti mi piace e in altri per niente. Penso a Sanremo: non bisogna entrare nella trappola di doverlo fare per forza per esserci. Io l’ho fatto una volta e mai più. Non voglio entrare in una macchina che prima o poi ti tritura”.

E coglie la palla al balzo per muovere un critica ad   Elodie di Amici, che all’ultimo Festival ha cantato la cover di un suo brano, Quando finisce un amore:

“Ha scelto una delle mie canzoni più difficili. Sarebbe stato più semplice cantare Margherita o Se stiamo insieme. Ne è uscita bene, ma fossi stato in lei avrei preso un altro pezzo”.

Come dire che a suo parere poteva andare meglio…

Redazione

Malika Ayane è “Evita” – il musical al via oggi da Milano – Altre date


evita.jpg

Malika Ayane impersonerà la moglie di  Juan Domingo Peron. Evita, nel musical di Massimo Romeo Piparo dal 9 novembre al Teatro della Luna di Milano. “Una donna pazzesca, che ha combattuto per i diritti delle donne in politica, ma anche passionale, forte e pericolosa” “Con il musical sono tornata a scuola”, racconta la cantante a Tgcom24.

Una esperiena che alla canante è piaciuta  “da matti”. Il musical è per la prima volta in italiano, con “Don’t Cry for me Argentina” che diventa “Da ora in poi in Argentina” e “You must Love me” che risuona “Stai qui, sii mio”. A gennaio, quando finirà il tour in Italia, Piparo lo porterà in giro per il mondo, stavolta in inglese: “Che bello sarebbe se scegliesse ancora me”, si candida Malika.

“Evita” proseguirà a Genova (Politeama Genovese dal 29 novembre), a Firenze(Teatro Verdi dal 6 dicembre) fino ad approdare a Roma, sul palco del Teatro Sistina, dove lo spettacolo sarà in scena per tutto il periodo delle Festività, a partire dal 14 dicembre (fino al 15 gennaio). Il tour italiano si chiuderà al Politeama Rossetti di Trieste (dal 18 gennaio).

Notre Dame de Paris compie 18 anni e torna in tour con il cast storico


notre.jpgDalla prima del 1998 al Palais des Congrès di Parigi sono passati diciotto anni e nel frattempo Notre Dame de Paris è diventato maggiorenne e ha acquistato fama mondiale. È il musical dei record, quello che nella storia ha avuto più successo: lo testimoniano le migliaia di repliche e i milioni di spettatori che lo hanno ascoltato in sette lingue diverse in decine di paesi. Lo scorso 3 marzo è tornato in Italia con un tour che è partito dal Teatro Linear Ciak di Milano e si concluderà a novembre al Pala Calafiore di Reggio Calabria.

Capolavoro di Riccardo Cocciante, autore delle musiche e Luc Plamondon, autore dei testi, Notre Dame de Paris è stato tradotto in italiano da Pasquale Panella e ha debuttato al Gran Teatro di Roma nel 2002 sotto la guida del produttore David Zard. Nel tour di quest’anno sarà interpretato dal cast storico, composto da Lola Ponce (Esmeralda), Giò Di Tonno (Quasimodo), Matteo Setti (Gringoire), Vittorio Matteucci (Frollo), Graziano Galatone (Febo), Leonardo Di Minno (Clopin), Tania Tuccinardi (Fiordaliso) oltre a trenta tra ballerini, breakers e acrobati. La regia è di Gilles Maheu, le coreografie di Martino Müller, i costumi di Fred Sathal e le scene di Christian Rätz.

Il tema dell’opera, tratto dal romanzo di Victor Hugo, è di estrema attualità; le musiche, tra piani, forti e variazioni raccontano con empatia la storia di Quasimodo; la vocalità degli attori, ineccepibile, definisce i personaggi che interpretano, ne connota i ruoli e gli stati d’animo; i costumi e le coreografie colorano e arricchiscono le scene. L’insieme di questi ingredienti rende Notre Dame de Paris un vero capolavoro.

Queste le tappe ufficiali del tour 2016:

 Milano dal 3 marzo

 Trieste dal 6 a 10 aprile

 Bari dal 13 al 18 aprile

 Napoli dal 20 al 25 aprile

 Eboli 30 aprile e 1 maggio

 Conegliano dal 6 al 8 maggio

 Firenze dal 11 al 15 maggio

 Torino dal 19 al 22 maggio

 Pesaro dal 26 al 29 maggio

 Perugia dal 3 al 5 giugno

 Roma dal 9 giugno

 Parma dal 3 luglio

 Palermo dal 16 al 24 luglio

 Agrigento dal 28 al 30 luglio

 Torre del Lago dal 15 al 19 agosto

 Chieti dal 24 al 27 agosto

 Verona dal 1 settembre

 Reggio Calabria 25 e 26 novembre

by Gianluca Basciu

Ama e cambia il mondo


giuliet

[Articolo a cura di Gianluca Basciu]

Il più grande spettacolo che sia stato prodotto in Italia, forse in Europa”. Così lo definisce il produttore David Zard e così sembra confermare il pubblico che dedica agli artisti una standing ovation di 10 minuti, interrotta soltanto dall’annuncio della morte del compositore Riz Ortolani. Un pubblico che, come ha più volte ricordato lo stesso Zard, è “la vera star”.

È il 23 gennaio. Romeo e Giulietta. “Ama e cambia il mondo” arriva a Milano dopo il debutto all’Arena di Verona lo scorso ottobre. E per lo spettacolo dell’anno è subito sold out. Si tratta della versione italiana (testi di Vincenzo Incenzo) dell’opera Roméo et Juliette, de la haine à l’amour, basata sul celebre romanzo di William Shakespeare e composta dal francese Gérard Presgurvic. Il colossale allestimento scenico (circa 550 mq tra palco e aree tecniche e di backstage) è diretto da Giuliano Peparini e prevede la partecipazione di 45 artisti e oltre 30 tra ballerini e acrobati che indossano gli oltre 300 costumi disegnati da Frédéric Olivier.

Una prima di successo, dunque. Ma non solo. Una prima che ha inaugurato il nuovissimo teatro Linear4Ciak in Piazzale Cuoco, fortemente voluto da Zard per dare a Milano uno spazio culturale e di divertimento. Un teatro tenda da circa 3000 posti, l’unico della città adatto ad ospitare i megashow contemporanei, frutto anch’esso di una perfetta macchina organizzativa targata Zard.

Come si guida questa macchina lo ha raccontato il produttore in occasione di un incontro dal titolo “La produzione dello spettacolo dal vivo in Italia”. Ospite in Bocconi con il figlio Clemente, che si occupa in prima persona del lancio di Romeo e Giulietta, ha intrattenuto gli studenti per oltre tre ore con la descrizione delle procedure tecniche di realizzazione del musical e qualche aneddoto sulla sua pluriennale esperienza, per poi premiarli con un invito alla prima di Milano.

Le repliche termineranno il prossimo 2 marzo, per poi proseguire a Roma, Napoli, Torino, Verona e Firenze. E se tra Romeo e Giulietta la storia ci racconta che sbocciò l’amore, si può dire che un grande amore è sbocciato anche tra il pubblico e l’opera contemporanea.