notizie

DOLORES O’RIORDAN DEI CRANBERRIES: I FUNERALI IL 23 GENNAIO NELLA CONTEA IRLANDESE DI LIMERICK


dolores

 

Come riporta Rockol.it  i funerali privati della “voce” dei Cranberries, Dolores O’Riordan  scomparsa il 15 gennaio  si terranno il prossimo 23 del mese presso la chiesa di Saint Ailbe di Ballybricken, nella contea irlandese di Limerick. Il 21 gennaio  invece la salma sarà esposta nella chiesa di Saint Joseph sempre a  Limerick per chi volesse portare il proprio saluto all’artista,  dalle 14.30 alle 16. La morte della cantante è ancora un mistero e solo l’autopsia i cui risultati arriveranno tra un paio di mesi potrà fare piena luce sulle sue  cause.

Intanto si è venuti a conoscenza di un  nuovo dettaglio sulle ultime ore di Dolores O’ Riordan.Come era già emerso fin dalle prime ore dalla sua prematura scomparsa, la cantante era Londra per una breve sessione di registrazione, che prevedeva la sua collaborazione alla versione definitiva di una cover di Zombie incisa dai Bad Wolves, band metal formata da ex membri di  DevilDriver, In This Moment e God Forbid. Lunedì era appunto prevista una sessione di studio. “Non sappiamo cosa avesse intenzione di fare, se cantare i cori o un duetto”, ha spiegato il cantante Tommy Vext a Rolling Stone.

La band ha deciso di pubblicare la prima versione della cover, quella approvata da Dolores, versando il ricavato in beneficenza. Eccola:

Redazione

 

Valerio Scanu: “Giuro di dire la verità dalla A alla Zia Mary” – Ultra Edizioni – dal 15 marzo in tutte le librerie


fotoscanuGiuro di dire la verità dalla A alla Zia Mary 

di Valerio Scanu

 

 

 

 

 

« Ogni verità passa attraverso tre fasi: prima viene ridicolizzata; poi è violentemente contestata; infine viene accettata come ovvia » 

E’ ufficiale, giovedì 15 marzo 2018 uscirà in tutte le librerie  Giuro di dire la verità dalla A alla Zia Mary  firmato Valerio Scanu che, riga dopo riga, nel passare  in rassegna le  diverse esperienze vissute nel corso della sua carriera, tra successi e delusioni  sviluppa un racconto consapevole e maturo, diretto  e senza filtri che spazia tra personaggio pubblico e privato, condito di aneddoti curiosi e anche inediti.

Redazione

“MADE IN ITALY” (un film di LUCIANO LIGABUE… con STEFANO ACCORSI, KASIA SMUTNIAK dal 25 Gennaio al Cinema


DAL 25 GENNAIO AL CINEMA

DOMENICO PROCACCI

presenta

unnamed (31)

con
STEFANO ACCORSI, KASIA SMUTNIAK
FAUSTO MARIA SCIARAPPA, WALTER LEONARDI,
FILIPPO DINI, ALESSIA GIULIANI,
GIANLUCA GOBBI, TOBIA DE ANGELIS

Prodotto da DOMENICO PROCACCI

Una produzione FANDANGO, ZOO APERTORISERVAROSSA,

EVENTIDIGITALI FILMS in collaborazione con MEDUSA FILM

Una distribuzione MEDUSA FILM

Realizzato con il sostegno della Regione Emilia – Romagna

Realizzato con il sostegno della Regione Lazio
– Fondo regionale per il cinema e l’audiovisivo

made in italy

MADE IN ITALY
“Made in Italy” è una tormentata dichiarazione di amore verso il nostro Paese, raccontata con le parole e la musica di Luciano Ligabue, attraverso lo sguardo di Riko, un uomo onesto alle prese con una vita in cui tutto sembra essere diventato improvvisamente precario: il lavoro, il futuro, i sentimenti.
Ma se a volte rialzarsi non è facile, Riko ha scelto di non darla vinta al tempo che corre: c’è un matrimonio da difendere e riconquistare, ci sono amici su cui contare e una casa da non vendere.
Riko decide di mettersi in gioco e prendere finalmente in mano il suo destino.

Redazione

E’ morta Dolores O’Riordan apprezzata voce dei Cranberries


dolores o'riordan

Lutto inaspettato nel mondo della musica, Dolores O’Riordan, la cantante irlandese del gruppo “The Cranberries“, è morta improvvisamente. Lo ha fatto sapere la sua agente Lindsey Holmes tramite una nota citata dai media irlandesi. Aveva 46 anni e nel 1994 aveva sposato il tour manager dei Duran Duran, Don Burton, padre dei suoi tre figli, dal quale ha divorziato nel 2014 dopo vent’anni insieme.

Negli anni Novanta i Cranberries diventarono molto famosi in tutto il mondo, suonando un rock molto influenzato dalla musica tradizionale irlandese: la voce di O’Riordan, molto riconoscibile e caratterizzata da un forte accento, fu uno degli elementi più apprezzati della band, e tra i più importanti per il suo successo. No Need to Argue è l’album che segna la svolta della band e che nel 1994 vende 16 milioni di copie. Contiene Zombie, sul conflitto in Irlanda del Nord, premiata agli MTV Europe Music Awards, come   migliore canzone dell’anno.

A giugno scorso i Cranberries  hanno annullato il tour europeo: tutti i concerti previsti dal 30 maggio al 30 agosto sono cancellati – annunciava Live Nation spiegando che: “i medici hanno ordinato a Dolores O’Riordan di non riprendere il tour come programmato, affinché possa completare le terapie che sta seguendo e raggiungere una piena guarigione”.

E la band, attesa anche in Italia per cinque date scriveva: “È con enorme dispiacere – che cancelliamo questi concerti. Dolores sta facendo grandi progressi, tuttavia non vogliamo mettere a rischio la sua ripresa. Eravamo entusiasti di essere tornati in tour a condividere la nostra musica con i nostri fan, e non vediamo l’ora di tornare sul palco quanto prima”.

Dolores O’Riordan appena a novembre aveva registrato la sigla del cortometraggio animato Angela’s Christmas, trasmesso su RTÉ 1 (il canale televisivo più seguito in Irlanda ndr)alla vigilia di Natale, mentre sul profilo Fb della band il 20 dicembre aveva scritto  entusiasta: “Ciao a tutti, qui Dolores. Sto bene! Abbiamo fatto il primo giro di concerti dopo mesi durante il fine settimana, ho suonato alcune canzoni alla festa annuale di Billboard a New York. Ci è piaciuto davvero! Buon Natale a tutti i nostri fan!! Xo“.

La cantante della band irlandese  era a Londra per una breve sessione di registrazione. Non sono disponibili al momento ulteriori dettagli. I familiari, distrutti dalla notizia, hanno chiesto il rispetto della  privacy, tuttavia anche  se le cause del decesso non sono state rese note pare che la cantante lottasse da tempo contro un tumore.

Redazione

ISOLA DEI FAMOSI 4: Ecco il cast della nuova edizione del reality condotto da Alessia Marcuzzi


isola-dei-famosi-2018-i-concorrenti-2kgax

Da Giancarlo Scheri, direttore di Canale 5, è arrivata la conferma ufficiale del cast della quarta edizione de  l’Isola dei Famosi che andrà in onda a partire da Lunedì 22 gennaio I concorrenti del reality condotto da Alessia Marcuzzi  sono: Francesco Monte, Eva Henger e Cecilia Capriotti, ci saranno poi anche l’illusionista  Giucas Casella, alla sua seconda partecipazione,  l’ex gieffino Filippo Nardi, la bombastica Francesca Cipriani D’Altorio, l’ex vincitore del “Grande Fratello 5” Jonathan Kashianian e il medium Craig Warwick, l’uomo che parla con gli Angeli. E inoltre, Bianca Atzei che approda all’Isola dopo l’esperienza d “Tale e Quale Show”, Alessia Mancini, ex letterina che manca da un po’ di tempo dalla tv, Nino Formicola, che formava il duo “Gaspare e Zuzzurro”, Nadia Rinaldi, che ha fatto una drastica “remise en forme”, il modello Marco Ferri, figlio dell’ex giocatore dell’Inter, l’influencer Chiara Nasti, Amaurys Perez, l’olimpionico di pallanuoto già protagonista di Pechino Express e Ballando con le stelle, la ex “madre natura “ di “Ciao Darwin” Paola Di Benedetto e la ex tronista Rosa Perrotta.

SuI settimanale Tv Sorrisi e Canzoni, in edicola domani, la prima foto ufficiale dei 17 concorrenti. Nel cast, come opinionisti, dovrebbero esserci (manca la conferma ufficiale) Mara Venier e Daniele Bossari. Inviato dall’Isola sarà Stefano De Martino.

 Redazione

Roberto Vecchioni si scusa con Orietta Berti a nome del Pd


GIU24_ORIETTA BERTI_GAY VILLAGE (3)Probabilmente Orietta Berti nel dichiarare le sue intenzioni di voto grilline a “Un giorno da pecora” su Radio Uno, non si  aspettava un esposto dem a firma di Boccadutri e le conseguenti polemiche. A gettare acqua sul fuoco sull’episodio ci ha pensato Roberto Vecchioni che interpellato sulla vicenda a RepTv, ha immediatamente chiesto scusa a nome del partito alla cantante: “Orietta, tutto il Pd unito attraverso la mia voce, e tu mi conosci e sai che sono sincero, ti chiede scusa – ha detto Vecchioni interpellato dalla stampa sulla vicenda -. È una cosa importante, Orietta è una persona straordinaria, un personaggio notevole. La amo”, ha affermato a conclusione degli interventi durante la presentazione della candidatura di Giorgio Gori per la Regione Lombardia. L’esposto all’Agcom di Boccadutri aveva messo in dubbio anche l’opportunità della partecipazione come ospite fisso della stessa Berti a “Che tempo che fa” di Fazio durante la campagna elettorale. Basteranno le parole di Vecchioni a rasserenare gli animi?         Redazione

Grande successo per il cofanetto del percorso artistico di PINO DANIELE dal 1981 al 1999, pubblicato dal Pino Daniele Trust Onlus e distribuito da Warner Music.


Macintosh HD:Users:bluedrag:Desktop:CS Warner:PRJ-logoColor.jpg

IL COFANETTO DEL PERCORSO ARTISTICO DAL 1981 AL 1999

RACCONTATO IN UN LIBRO DI 72 PAGINE

6CD CON 95 BRANI RIMASTERIZZATI DAI NASTRI ORIGINALI

14 PROVINI, DEMO E VERSIONI ALTERNATIVE MAI PUBBLICATI

+ IL DVD DEL FILM “PINO DANIELE – IL TEMPO RESTERÀ”

Un documento straordinario curato dal PINO DANIELE TRUST ONLUS per WARNER MUSIC Italy

Disponibile anche in versione Light Box Edition su 3 CD

 

È uscito qualche giorno fa “QUANDO”, il cofanetto di Warner Music che racchiude il meglio del repertorio di PINO DANIELE, pubblicato dal 1981 al 1999, documentandone il percorso artistico in un libro di 72 pagine, 95 brani rimasterizzati dai nastri originali e il DVD del film documentario “IL TEMPO RESTERÀ”.

QUANDO è un documento straordinarioil libro di 72 pagine racchiude testi, foto, commenti, rarità, memorabilia e approfondimenti sul percorso artistico di Pino Daniele, esplorato nello spazio temporale di questo progetto; sono presenti inoltre delle trascrizioni musicali per permettere di studiare lo stile chitarristico di Pino e fare pratica sullo strumento con l’ausilio delle basi musicali originali messe a disposizione in questo cofanetto

Le tracce audio incluse in “QUANDO” sono state recuperate dai nastri analogici e digitali originali dei 15 Album di Pino Daniele pubblicati da Warner Music, tra i quali: “VaiMo’-1981“, “Bella ‘Mbriana -1982″ passando da “Non Calpestare i Fiori Nel Deserto – 1995“, “Dimmi Cosa Succede sulla Terra – 1997″ e tanti altri. Quello messo in atto è stato un nuovo e accurato lavoro di rimasterizzazione che ha donato nuova vita sonora a brani incisi più di 30 anni fa, migliorandone il suono senza stravolgerne l’essenza.

Gli archivi Warner arricchiscono questo cofanetto anche con demoprovini e versioni alternative mai pubblicati, versioni in spagnolospecial club remix, dj edition e instrumental mix dell’epoca.

Oltre a 6 CD audio e un libro, “QUANDO” include il DVD del film “PINO DANIELE – IL TEMPO RESTERÀ”, scritto e diretto da Giorgio Verdelli, che ha ottenuto grande successo di critica e pubblico, proiettato per 3 giorni in oltre 270 sale cinematografiche italiane, con oltre 60.000 spettatori, posizionandosi sempre secondo al boxoffice.

“QUANDO” assume una funzione documentaristica grazie alla collaborazione tra Warner Music e l’Ente no profit Pino Daniele Trust Onlus che ha ideato e curato la realizzazione di questo cofanetto, con il proposito di tenere vivo il ricordo di Pino Daniele, diffondere le sue opere, incentivarne gli studi e permetterne una comprensione sempre più vasta, soprattutto alle nuove generazioni.

Redazione

NEWS: VESSICCHIO SARA’ AL FESTIVAL DI SANREMO 2018 – Dirigerà Mario Biondi, Elio e Le Storie Tese e ancora… una ragazza nella sezione Giovani


Contrariamente a quanto affermato nell’articolo precedente, come riporta il Corriere della Sera, il Maestro Peppe Vessicchio sarà al Festival di Sanremo. La notizia che è circolata sul web relativamente all’assenza anche quest’anno del celebre Maestro al Festival di Sanremo sembrerebbe sia stata generata da un equivoco. A spiegarlo lo stesso  Vessicchio: «Claudio Baglioni (direttore artistico e conduttore del Festival, dal 6 al 10 febbraio) ha dato i nomi sabato sera (16 dicembre) e il lunedì successivo mi hanno chiesto: “Andrà a Sanremo?”. Ho risposto che era un po’ presto e che nelle settimane a venire avrei saputo rispondere . Anzi, ho proprio detto: “Se mi chiamano, ci vado. Se non mi chiamano , sparisco. Non voglio trovarmi come l’anno scorso nel mezzo di una questione e di un polverone creato da altri».

Prosegue Vessicchio: «Infatti, dopo qualche giorno dal famoso sabato, mi arrivarono due gradite chiamate. La prima della Sony per conto di Mario Biondi con cui ho già lavorato, la seconda da parte di Elio e le Storie Tese. E francamente , soprattutto questa chiamata, me l’aspettavo perchè ho seguito Elio in tutte le sue escursioni sanremesi, a partire dalla Terra dei cachi. Quindi, come vede, avevo ragione. Chiamarmi due giorni dopo l’uscita del cast era presto per avere certezze. Le telefonate degli artisti arrivano dopo un po’. Anzi, per la precisione, ne è arrivata anche una terza da parte di una ragazza nella sezione Giovani. Mi ha cercato e volentieri la seguirò».

Redazione

FESTIVAL DI SANREMO 2018: Beppe Vessicchio assente per la seconda volta confessa: “Non sono io a non voler andare”


Beppe Vessicchio il direttore d’orchestra più conosciuto dal pubblico del festival di Sanremo non sarà al Festival per il secondo anno consecutivo. A rivelarlo è il settimanale Spy, a cui il maestro ha dichiarato: «Nessuno degli artisti in gara mi ha contattato. Avevo presentato alcuni cantanti, ma non sono rientrati nella rosa finale. Non sono io a non volere andare al Festival». Resta ancora tutto da confermare. Ma se davvero così fosse, avverte Vessicchio nell’intervista rilasciata alla rivista: «Se non dovessi andare mi negherò a tutto e tutti, non voglio stare al centro dell’attenzione».

Nelle ultime parole di Vessicchio si legge un chiaro riferimento a quanto successo lo scorso anno quando sui social si  scatenò  una vera e propria protesta il cui clamore convinse  alla fine Carlo Conti,  a riservargli una poltrona in prima fila. Quest’anno, parrebbe che il Maestro voglia tenersi fuori da qualunque clamore mediatico.

Redazione

Fabrizio Frizzi mostra i segni della sua battaglia.


Combatto per riprendermi…“, aveva scritto su Facebook poche settimane fa e Fabrizio Frizzi sta mantenendo la “promessa”. Come riporta TgCom24,  dimesso dall’ospedale agli inizi di novembre, dopo il ricovero per l’ischemia, che lo ha colpito il 23 ottobre, il conduttore è tornato alla sua vita e presto riprenderà anche il timone della sua trasmissione. Intanto, come si vede negli scatti di Diva e Donna, passeggia per Roma mostrando i segni della sua battaglia e quindi la parte del capo in cui i capelli sono stati presumibilmente tagliati durante il suo ricovero, dove si può notare una lenta ricrescita…

Dal 15 dicembre, come ha annunciato a sorpresa durante “La prova del cuoco” dove è stato ospite di Antonella Clerici, tornerà anche in tv, a condurre il suo show, temporaneamente passato nelle mani del “supplente” e caro amico Carlo Conti.