notizie

È morta a 85 anni la soprano Montserrat Caballé: storico il duetto con Freddie Mercury: VIDEO


Montserrat Caballé, addio all'ultima diva del Belcanto

La soprano catalana si è spenta a 85 anni ieri 6 ottobre. Tra le più grandi cantanti liriche del ‘900 che spaziava da bel canto di Mozart, Rossini, Bellini e Donizetti fino a Verdi e Wagner  sostenuto da una tecnica inossidabile e da una qualità interpretativa unica, la Caballé è stata protagonista anche di memorabili incursioni nella musica pop. Una fra tutte, l’album Barcelona con il leader dei Queen, Freddie Mercury realizzato 1988, il cui brano che dava il titolo all’album diventò l’inno dei Giochi Olimpici del 1992.

 

La cantante è stata insignita di varie onorificenze  tra cui la Medalla d’Or de la Generalitat de Catalunya nel 1982, Premio Principe delle Asturie nel 1991 e Premio National de Musica nel 2003.

Redazione

YOUNG SIGNORINO SI E’ SPOSATO: …Da quando la mia ragazza è entrata nella mia vita tutto è cambiato…


 

Da quando la mia ragazza è entrata nella mia vita tutto è cambiato. Non sono più importanti quelle lì (le droghe, ndr), riesco a fare le mie cose anche senza essere sotto effetto di qualcosa“, per Vice-tutto è cambiato.

a pronunciare queste parole  in un’intervista  è Young Signorino aka Paolo Caputo, (quello di  “mmh ha ha ha” ndr), che  è convolato a nozze in gran segreto  con “certa” Jessica Loren   il 1 di ottobre .

Il giovane trapper di Cesena ha postato, su Instagram Stories, uno scatto della cerimonia. Una foto di un bacio appassionato e una fede al dito, confermano il  matrimonio. Lei in abito bianco e giacca di pelle,  lui in  jeans e maglione scuri. 

Tanti i messaggi di stima e affetto da parte dei fan a cui Young Signorino ha risposto: “Grazie per gli auguri, signorini. Vi voglio bene“.

Redazione

ADDIO a Charles Aznavour, ultimo grande chansonnier


E’ morto Charles Aznavour. Il cantante francese di origini armene, monumento della canzone francese, aveva 94 anni.

Nato a Parigi nel 1924 da immigrati di origine armena, Shahnour Vaghinagh Aznavourian, in arte Charles Aznavour, debuttò a teatro come attore di prosa. Nel dopoguerra, grazie a Edith Piaf che lo portò in tournée in Francia e negli Stati Uniti, si mise in luce come cantautore. Ma il riconoscimento mondiale arrivò nel 1956 all’Olympia di Parigi con la canzone Sur ma vie: uno strepitoso successo che gli permise di entrare nella storia degli chansonnier francesi. Il fatto che Aznavour cantasse in sette lingue gli consentì di esibirsi in tutto il mondo divenendo ovunque famosissimo.

Si esibì alla Carnegie Hall e nei maggiori teatri del mondo, duettando con star internazionali come Nana Mouskouri, Liza Minnelli, Sumiva Moreno, Compay Segundo, Céline Dion e, in Italia, con Mia Martini e Laura Pausini. In Italia per quasi tutte le versioni italiane delle sue canzoni collaborò con il paroliere Giorgio Calabrese. Il suo ultimo concerto nel nostro Paese risale a giugno scorso. All’estero le sue canzoni sono state spesso reinterpretate da numerosi artisti come Elton John, Bob Dylan, Sting, Placido Domingo, Céline Dion, Julio Iglesias, Edith Piaf, Liza Minnelli, Sammy Davis Jr, Ray Charles, Elvis Costello e moltissimi altri. Il suo impegno come cantautore non impedì di battersi da sempre per la causa armena, con un’intensa attività diplomatica che gli è valsa la nomina di Ambasciatore d’Armenia in Svizzera. [f.te Ansa]

Redazione

Sul libro di Nadia Toffa “Fiorire d’inverno” la Fondazione Veronesi scende in campo con alcune precisazioni


Inoltre, in un secondo Tweet, l’organizzazione precisa che l’articolo: “in aggiunta a quanto raccontato da Nadia con la sua personale esperienza   contiene alcune precisazioni scientifiche”.

Sulla pagina di Wired infatti, il giornalista scientifico Gianluca Dotti spiega perché il far passare il cancro come un dono sia “un messaggio scientificamente sbagliato“, in quanto il solo atteggiamento positivo “non è di per sé sufficiente per superare il cancro“. L’articolo perciò,  contrariamente a quanto affermato dalla Toffa, nello specificare che “non tutti i tipi di tumore sono uguali e non tutte le persone si trovano nelle stesse condizioni quando devono affrontare la malattia”,  “ridimensiona” il libro di Nadia, nel rispetto della verità scientifica,  semplicemente a “una bella storia, quindi, che non va presa come un manuale né come un ricettario”.

Redazione

 

Bono il cantante degli U2 in vacanza in Sardegna


bono-con-le-fan-a-buggerru

Non credevano ai propri occhi gli abitanti di Buggerru, piccolo paese sulle coste del Sulcis (Sardegna), quando  questo  pomeriggio  da un ristorante è uscito Bono Vox con la moglie e alcuni amici. Il leader degli U2 è da qualche giorno in vacanza in Sardegna, approfittando di una breve pausa del tour europeo che vedrà la band irlandese di nuovo sul palco sabato 29 a Copenaghen (in Italia arriveranno ad ottobre per quattro date a Milano).

Dopo essere stato ospite al Forte Village di Santa Margherita di Pula, a 40 km da Cagliari (nel lussuoso resort risulta una suite registrata a nome di Davide Evans, The Edge, chitarrista degli U2 ndrBono  è stato visto in barca a Masua, nota località turistica della costa sud occidentale sarda, a pochi passi da Buggerru, il paese scelto per il pranzo.  Nel pomeriggio, prima di salire sul minivan che lo ha riportato in porto, Bono si è intrattenuto con alcuni fan per alcune foto e qualche battuta [f.te Ansa Sardegna].

Redazione

ELEONORA DANIELE: “Finalmente dopo quindici anni di fidanzamento e quattro di convivenza io e Giulio ci sposiamo…


Nozze in vista per Eleonora Daniele  che dopo quindici anni di fidanzamento convolerà a nozze con l’imprenditore Giulio Tassoni, conosciuto nel 2002 ad una festa. A rivelarlo è la stessa conduttrice nel corso di una intervista  rilasciata al settimanale Chi. Le nozze già  annunciate e rimandate nel 2014, nel 2015 e nel 2016, ora sembrano  concretizzarsi: “Finalmente dopo quindici anni di fidanzamento e quattro di convivenza io e Giulio ci sposiamo. Lo faremo in chiesa e io avrò l’abito bianco con lo strascico”.

Eleonora Daniele, 42 anni, ha confessato di essersi finora preoccupata più della carriera che della sua vita privata, soprattutto  dopo la perdita del fratello Luigi, affetto da autismo e deceduto a soli 44 anni nel 2015, per lei un dolore ancora vivo. Tuttavia adesso ritiene sia arrivato il momento di dare una svolta alla sua vita dedicando più tempo a sè stessa e ai suoi affetti  e magari  diventare madre: “Se penso a un figlio? Non si sa mai, ma intanto ora vorrei tornare a dedicarmi di più alla mia vita privata e ai miei affetti”.

 

 

Redazione

 

Loren Del Santo era affetto da anedomia


Risultati immagini per loren del santo

Loren, il figlio di Lory Del Santo scomparso suicida un mese fa anche se la notizia  è venuta alla luce  solo da qualche giorno nel corso di una intervista a Verissimo, era affetto da  «anedonia».

L’anedonia non è una malattia, bensì il segno di un disturbo psichiatrico grave, che può essere depressione maggiore o la fase depressiva del disturbo bipolare.

«Nella diagnosi di depressione maggiore deve essere presente almeno uno di questi due sintomi chiave: deflessione dell’umore e anedonia – spiega  Giancarlo Cerveri, direttore dell’Unità Operativa Complessa di Psichiatria ASST di Lodi -. La deflessione dell’umore è un profondo grado di tristezza, un senso di sofferenza interiore che porta il soggetto a non reagire agli stimoli della quotidianità. L’anedonia invece è l’incapacità di provare piacere per le cose della vita, una sensazione terribile e sconfortante di vuoto. Ogni giorno abbiamo bisogno di cose che ci danno gratificazione e piacere, pensiamo anche solo al caffè di mattina appena alzati: per capire cosa prova chi soffre di anedonia bisogna immaginare che ognuna di queste piccole o grandi cose piacevoli perda totalmente senso. In questo modo tutto è possibile e lo stesso attaccamento alla vita rischia di diventare molto tenue, aumentando il rischio di comportamenti autolesivi. Ci sono anche pazienti depressi che soffrono di anedonia e non presentano deflessione dell’umore».

«Non sempre – sottolinea l’esperto -. Esiste una condizione specifica per alcuni soggetti con patologia psichiatrica e prevenire il rischio suicidario non è semplice. A volte non bastano nemmeno i farmaci».

Redazione

[COMUNICATO STAMPA] Nuovo album ATOMOSFERE


 

 CopertinaDigitale_Atomosfere-small

LUKA ZOTTI

Nuovo album “ATOMOSFERE”

Sonorità ambient da un antico harmonium indiano, da spazi siderali e da strumenti unici realizzati a mano da Luka Zotti, si combinano dilatando i sensi e creando un’atmosfera di ascolto e introspezione.

Il polistrumentista, artista visivo e liutaio LUKA ZOTTI pubblica il suo nuovo album ATOMOSFERE (Soundscapes from the Universe).

Il progetto contiene 11 tracce dalle atmosfere ambient e rilassanti ispirate al Cosmo e alla natura, create in viaggio durante l’ultimo tour estivo tra mare e siti archeologici, e registrate tra i castelli romani, i trulli e gli incantevoli paesaggi marittimi della Puglia. Musica particolarmente indicata per accompagnare momenti di ascolto ed esplorazione interiore, rilassamento, yoga e massaggi.

Anche nella grafica dell’album (curata da Francesca Marcon) troviamo altre espressioni dell’artista che è anche pittore. La copertina è infatti il frutto della fusione di due suoi dipinti meditativi, all’ interno troviamo meravigliose fotografie del suo tour e della location dove è stato ultimato l’album, infine sul retro possiamo apprezzare una foto di Luka che si esibisce dal vivo con la “Tree Pad Key Guitar” (uno degli Strumenti Musicali Unici ideati e creati dall’artista, che incorpora chitarra, tastiera, percussioni, mixer e multieffetto) e un antico harmonium indiano restaurato dal musicista-liutaio.

Il disco è disponibile in versione CD + DIGITAL DOWNLOAD oppure in versione solo DIGITAL DOWNLOAD (mp3 o wav), acquistabili al seguente link lukazotti.bandcamp.com

Questa la track list del disco

  1. Oltre le stelle
  2. Sidereal space
  3. Prana
  4. Microcosmo
  5. Ancestral energy
  6. Tree spirit
  7. Tra terra e cielo
  8. Celestial origins
  9. Samsara
  10. Vimana
  11. Il saluto al Cosmo

 Lunghezza totale 56 minuti

E’ possibile acquistare gli album di Luka in versione digitale e fisica. www.lukazotti.com.

BIO


Luka Zotti è un polistrumentista, artista visivo e liutaio che crea suggestive performance musicali combinando in un suo stile personale ambient, world music, chillout, elettronica.

Progettista e creatore di strumenti musicali unici che fondono arte e liuteria, è ideatore della Tree Pad Key Guitar che incorpora chitarra, tastiera, pad/percussioni e multieffetto.

Luka si esibisce dal vivo come solista o collaborando con musicisti ospiti. Ha inoltre all’attivo progetti in cui fonde la sua musica alla meditazione, al live painting o sue opere artistiche.

Dopo aver collaborato con vari gruppi ed essere stato frontman e co-fondatore della band ON con cui ha realizzato diversi album tra rock, ambient e psichedelia, nel 2007 inizia la carriera solista con l ‘album Colori eMotivi. Nel 2014 esce Forgotten Dream al quale seguono nel 2015 Chillout Experience Vol.1 e Spiritual Meditations. Nel 2016 Chillout Experience Vol.2 viene presentato in anteprima su Radio Monte Carlo e dal vivo con una action painting presso Eataly Smeraldo Milano, nello stesso anno esce anche ZhEN. Nel 2017 pubblica Ambient Experience Vol.1 e nel 2018 Echoes of Colors e l’ultimo lavoro Atomosfere.

Luka si è esibito in numerosi festival e club in tutta Italia, Irlanda, Svizzera, Scozia e Austria.

Come pittore ha tenuto diverse mostre collettive e personali in Italia e all’estero.

Crea anche opere d’arte di Design come le Chitarre Lampada, chitarre acustiche trasformate artisticamente in lampade, e le Specchiere Musicali, specchiere ideate e realizzate a mano con incorporati riproduttori musicali, speaker e luci.

Questa sensibilità artistica consente a Luka di creare musiche e performance dove le diverse forme d’arte possano fondersi, comunicare, interagire.

Nato a Como nel 1977, si è diplomato in Chitarra Elettrica Moderna presso la Civica Scuola di Musica di Desio (MI) con una tesi sulla sonorizzazione di film muti. Ha inoltre un diploma di Maestro d’Arte e Artigiano conseguito presso l’Istituto statale d’Arte di Cantù (Co). Nel 2018 consegue la qualifica di “Istruttore Yoga” con la tesi “Yoga & Musica”.

E’ possibile acquistare gli album e alcune opere d’arte sul sito dell’artista

KISS Si ritirano: in arrivo un ultimo tour prima dell’addio


 

L’annuncio ufficiale è arrivato   attraverso i social della band: i Kiss partiranno per un ultimo tour mondiale, poi smetteranno di suonare insieme. Il pubblico americano l’ha scoperto durante la puntata di America’s Got Talent del 19 settembre, dove la band era ospite. “Tutto quello che abbiamo costruito e conquistati negli ultimi quattro decenni non sarebbe stato possibile senza le milioni di persone che ogni anno, in tutto il mondo, hanno riempito club, arene e stadi”, ha spiegato la band con un comunicato diffuso dopo la diretta. Prima dell’addio, però, un ultimo tour – chiamato “End of the Road World Tour” – di cui non sappiamo i dettagli, date comprese. “Sarà una grande festa per chi ci ha già visto e l’ultima occasione per chi ancora non ci è riuscito. KISS Army, vi saluteremo con un ultimo tour, e con lo show più grande della nostra carriera. Ce ne andremo nello stesso modo con cui siamo arrivati, senza chiedere scusa a nessuno”. (Rollingstone.it)

Redazione

NADIA TOFFA: “FIORIRE D’INVERNO” IN UN LIBRO LA SUA BATTAGLIA CONTRO IL TUMORE


Fiorire d’inverno è il libro in uscita il 9 di ottobre in cui la Iena Nadia Toffa racconta la sua battaglia contro il tumore: “la sfida più difficile della mia vita” dice. Ad anticiparlo è lei stessa in un lungo post sui social che sta facendo il pieno di like:

“Ecco qui Ragazzi, in questo libro vi spiego come sono riuscita a trasformare quello che tutti considerano una sfiga, il #cancro, in un dono, un’occasione, una opportunità”…

ha scritto la Toffa. Affermazioni che hanno provocato però anche delle polemiche da parte di alcuni haters.

:

View this post on Instagram

Ecco qui Ragazzi, in questo libro vi spiego come sono riuscita a trasformare quello che tutti considerano una sfiga, il #cancro, in un dono, un’occasione, una opportunità. A come riuscire a fiorire d’inverno cioè nel periodo più difficile dell’anno. La stagione più fredda quando tutti dormono, non vivono. Stanno chiusi. Aspettano. E come invece abbia scoperto che questo sia diventato il momento più speciale e unico. Una creatura, questo libro, nata nel periodo più difficile della mia vita eppure vi inonderà di gioia. Lo troverete pieno d’amore. “FIORIRE D’INVERNO.perché non ho mai sospeso la vita per la malattia, per il cancro e nessuno dovrebbe farlo. Ecco come ci sono riuscita io. 💪🏻 E se ci sono riuscita IO……CI può riuscire chiunque. Infatti sorrido ogni giorno di più alla vita. Strano eh?! Inaspettato direi. Aspetto di sapere cosa ne pensate della storia mia vita, raccontata in questo libro in cui c’è tutta la mia intimita’ in cui vi apro il mio cuore ❤️ un abbraccio fortissimo dalla vostra N. #buonagiornataatutti #fiorireD’Inverno #inno AllaVita #nonSospendiamo la vita per colpa del #Cancro non diamogliela vinta 💪🏼 #sorridere sempre perché noi siamo più forti. #trasformare il#cancro in un dono è possibile #💪🏻💪🏻 💪🏻 Sono stata messa alla prova con la sfida più difficile della mia vita. Non si sa chi vincerà. Vivendo lo scoprirò controllo dopo controllo tra qualche anno. Chi ha il cancro sa di cosa parlo. 👍🏻 Aspetto di sapere cosa ne pensate della storia mia vita in un libro in cui c’è tutta. non sospendiamo la vita per colpa del Cancro. non diamogliela vinta 💪🏼 dobbiamo sorridere sempre #buonagiornataatutti

A post shared by nadia toffa (@nadiatoffa) on

Redazione

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: