Oasis

OASIS Noel Gallagher annuncia l’arrivo di un album live dei concerti della band a Knebworth


La notte in cui gli Oasis diventarono rock & roll star

Noel Gallagher ha raccontato, in un’intervista ai microfoni di Apple Music Hits, di aver partecipato alla prima visione in anteprima del docu-film che uscirà nei prossimi mesi e racconterà, a ben venticinque anni di distanza, delle due magiche serate degli Oasis a Knebworth Park. Su quel palco, i fratelli Gallagher si esibirono live sulle note di tutti i loro più grandi successi pubblicati fino ad allora, a pochi mesi dall’uscita di “(What’s the story) Morning glory?”. Quelli di Knebworth furono concerti evento per la band che suonò di fronte a più di 280 mila fan.

Dopo essersi detto “Un po’ emozionato” per la storia che il documentario ripercorre, Noel Gallagher ha ammesso di essere al lavoro per regalare ai fan anche una speciale versione album a ricordo delle due serate. Nella tracklist le versioni live in acustico performate a Knebworth nel 1996. Come raccontato dallo stesso Noel ai microfoni di BBC Radio, lo scorso aprile: “Il documentario si focalizzerà su fatti inediti direttamente dall’archivio degli Oasis, filmati e fotografati al tempo dei due leggendari show”. “È davvero assurdo” ha raccontato l’artista di Manchester nella recente intervista a Appel Music Hits. “Mi sono anche un po’ emozionato, guardandolo. Il sound è fantastico. Liam era uno spettacolo. E ovviamente, essendo così vicino a quella band, lo percepisci in modo diverso da tutti gli altri”. Un Noel che mai si era espresso così prima d’ora e che lascia presagire un tentativo di riavvicinamento allo storico fratello con cui formava il duo degli Oasis. Che sia la volta della tanto attesa reunion? Nel frattempo, il cantautore ha continuato così “Tornando indietro e riguardando tutto quello che è stato, eravamo davvero incredibili”.

L’arrivo di un nuovo album dedicato agli Oasis e ai live di Knebworth Park sarà così un’occasione in più per immergersi a 360 gradi nella storia di una delle band più grandi di sempre, ascoltando per la prima volta delle speciali versioni live in acustico di alcune tra le canzoni più belle di sempre. Durante l’intervista offerta ad Apple Music Hits, Noel Gallagher ha svelato poi alcuni dettagli sulla burrascosa fine di una delle rock band più amate di tutti i tempi, in particolare quando, dopo la lite nel backstage del Rock en Sein di Parigi nel 2009, mise definitivamente la parola fine alla collaborazione con il fratello. “Non l’ho scritto io, no” (riferendosi al comunicato che annunciava lo scioglimento del gruppo), “ero così furioso ed era un periodo davvero stressante per me. E, per come sono fatto, ero preparato ad andarmene via senza dire nulla. Ma poi il mio manager mi disse “Non puoi non dire niente ai fan”, ma io pensavo: “Non c’è niente da dire, ormai è fatta”. E così, salii su un volo e me ne andai nel sud della Francia dove poi mi raggiunse Sarah con i bambini. Quando arrivò il mio team, mi dissero “Puoi firmare almeno questo?”. Se avessi dovuto scriverla io quella dichiarazione, chissà quanto ci avrei messo”.

A più di dieci anni dall’accaduto sembra però arrivare ora un tentativo di riappacificazione visto che, proprio dietro il nuovo docu-film su Knebworth Park, c’è ancora una volta la casa di produzione cinematografica “Kosmic Kyte Ltd.” che Liam e Noel hanno fondato insieme all’inizio di quest’anno. (Sky Tg 24)

CS_Noel Gallagher registrerà un album di canzoni inedite degli Oasis… ovviamente senza Liam


undefined

Durante l’intervista nel podcast “Funny How?” di Matt Morgan, Noel Gallagher ha raccontato di aver ritrovato vecchie canzoni degli Oasis e ha in progetto di registrarle, ma senza il fratello Liam, con cui è in continua lite dal 2009, momento dello scioglimento della band. “Ho elencato le canzoni corrette e ce n’erano 14”, ha spiegato l’ex chitarrista degli Oasis, che poi ha aggiunto: “Sono semplicemente finite nel dimenticatoio di vari progetti negli anni. Ho intenzione di registrarle. Alcune sono abbastanza vecchia scuola”. L’artista inglese ha poi raccontato: “Stavo guardando la tracklist e ho pensato: ‘A dire il vero, cazzo, mi approccerei a quella canzone in modo diverso’. È stato molto interessante. Il regalo non è aver trovato gli accordi. Il dono che mi è stato dato è di ricordare tutto. Se suono una canzone una volta ed è in sintonia, rimarrà per sempre. Ovviamente, mi dimentico le piccole cose ma anni dopo aver suonato qualcosa penso: ‘Aspetta, questa è quella melodia che avevo’. Questo è il dono, non la scrittura di canzoni”. Ancora non si sa se Noel richiamerà i vecchi componenti della band per registrare le canzoni, ma di certo non verrà contattato Liam, che era all’oscuro di tutto e si è sfogato sulle pagina dei fan “Oasis Mania Official”: “Sono assolutamente devastato. Svegliarmi leggendo questa notizia questa mattina mi ha già distrutto”. (RadioBruno.it)