porno contor amore

Esce il 1 aprile “Porno contro amore” (Universal Music) è il nuovo album di inediti di Pupo.


popo

Escirà il 1 aprile “Porno contro amore” (Universal Music) è il nuovo album di inediti di Pupo. A undici anni  dal precedente lavoro discografico “L’equilibrista” “Porno contro amore” è il nuovo progetto discografico di Enzo Ghinazzi alias Pupo, un disco che racconta di sè e della sua vita piuttosto movimentata, a volte trasgressiva tra eccessi, cadute e risalite. Dodici canzoni prodotte e arrangiate da Fabrizio Vanni, produttore artistico già al lavoro con i Negrita e Il Cile. Un nuovo viaggio musicale con solide radici nelle sonorità anni ’80 e uno sguardo rivolto verso il futuro.

L’album è arricchito da una sorprendente collaborazione con Il Cile (“Non odiarmi” e “Sei tu”), una canzone, “Per voi due”, dedicata all’amore e alla passione per due donne, “Buon Compleanno” una promessa d’amore che è l’Happy Birthday del nuovo millennio, una versione inedita di “Sarà perché ti amo”, il brano scritto da Pupo e portato al successo dai Ricchi e Poveri nel 1981, e la title-track “Porno contro amore”, una ballata che racconta il dualismo interiore di un uomo diviso tra il sesso e il sentimento.

Attualmente Pupo è impegnato nella realizzazione del videoclip che accompagnerà l’uscita del primo singolo, che sarà diretto da Giuseppe Cruciani, storico conduttore de “La Zanzara” su Radio 24.

In primavera Pupo sarà in tour per una serie di concerti in tutto il mondo: si parte l’11 marzo in Australia da Sidney per poi proseguire il 12 a Melbourne, e il 22 a Odessa in Ucraina. Ad aprile l’approdo in Italia dove Pupo si esibirà nei principali teatri italiani e presenterà i brani del nuovo disco e tutti i suoi più grandi successi. Queste le prime date confermate: 10 aprile Torino – Teatro Colosseo, 11 aprile Milano – Teatro Nazionale, 14 aprile Firenze – Obi Hall, 15 aprile Mestre – Teatro Corso Mestre, 22 aprile Lecce – Teatro Politeama Greco, 26 aprile Napoli – Teatro Augusteo, 27 aprile Roma – Teatro Brancaccio.

Redazione