rai radio2

TV,PEZZOPANE: IO A PECHINO EXPRESS? ASSOLUTAMENTE NO, SE SIMONE VORRA’ POTRA’ ANDARE CON UN AMICO


 

Io a Pechino Express? Assolutamente falso, è un’ennesima invenzione per farsi pubblicità ai miei danni. Simone, il mio compagno, lavora in tv e fa le presenza che ritiene opportune, ma io faccio tutt’altro”. Stefania Pezzopane, senatrice del Pd, oggi a Un Giorno da Pecora, su Rai Radio2, mette fine ai rumors che la darebbero come prossima concorrente del popolare reality insieme al suo compagno Simone Coccia Colaiuta. Qualcuno ha sondato il terreno direttamente con lei per averla tra i concorrenti? “No, nessuno me lo ha chiesto, l’hanno chiesto a Simone, che in caso dovrebbe fare coppia con un’altra persona. Lui farebbe coppia con un amico”. Il suo fidanzato si è appena fatto due tatuaggi sotto gli occhi: una lacrima ed un cuore. Le piacciono? “Si, mi piacciono, sono piccolini”. Vi sposerete nel 2017 all’Aquila in un castello. “Ci sposeremo in un castello, non so se all’Aquila”.

da Redazione UnGiornoDaPecora

TV, DE MAGISTRIS: GOMORRA? NON FOTOGRAFA NAPOLI ATTUALE, COME QUANDO SAVIANO DICE CHE NON C’E’ SPERANZA…(VIDEO)


un giorno da pecora

“Gomorra? La devo vedere, ormai è una serie passata alla storia, un’opera cinematografica di tutto rispetto. La mia opinione è che lì c’è una fotografia unilaterale non corrispondente alla Napoli di oggi, non fotografa la Napoli di adesso”. okLa pensa così Luigi De Magistris, candidato sindaco di Napoli e primo cittadino uscente, oggi al programma di Rai Radio2 Un Giorno da Pecora, condotto da Geppi Cucciari e Giorgio Lauro. C’è chi dice che questi criminali nella serie facciano la parte degli eroi…”E’ un’opera che fa passare nel mondo l’idea che oggi Napoli sia così: ma a Napoli oggi c’è un’esplosione culturale, di energia e anticamorra che non si era mai vista in città”. Insomma, non le piace. “Prima di giudicare bisogna vedere. E’ letteratura unilaterale, come quando Saviano – che spero di vedere presto a Napoli – dice che non cambia mai nulla e non ci sono speranze: se dici così fai passare il messaggio che il malvagio che prevale sempre. Io non penso che sia così”, ha concluso De Magistris a Radio2 Un Giorno da Pecora.

VIDEO / CLICCA QUI PER L. DE MAGISTRIS A RAI RADIO2: https://www.dropbox.com/s/0lixh7fq2l9zvx0/

[Comunicati ‘Un Giorno da Pecora  – Radio2’]

Redazione

PATRIZIA D’ASBURGO LORENA:  MIO MARITO E SANTANCHE’? MOMENTO DOLOROSO DELLA MIA VITA, MIO SILENZIO ASSORDANTE FA RUMORE


 

un giorno da pecoraPatrizia D’Asburgo Lorena, moglie del principe Dimitri, oggi a Radio2 Un Giorno da Pecora ha parlato della presunta relazione di suo marito con Daniela Santanché, di cui si parla molto in questi giorni. Verità o gossip? “Non ho mai parlato di questa storia. E un silenzio assordante fa più rumore di tutta la polveriera che sta venendo fuori ora”. Le fa male leggere tutte queste indiscrezioni, vere o presunte che siano? “Mi addolora il fatto che io ormai non leggo più niente su questa vicenda”. Come si sente? “E’ un momento doloroso della mia vita, però vado avanti”, ha spiegato ai conduttori Giorgio Lauro e Geppi Cucciari.

da redazione ungiornodapecora

MUSICA, VECCHIONI: MIO PEZZO PIU’ BRUTTO? ‘IL TUO CULO E IL TUO CUORE’


un giorno da pecoraLa canzone più brutta che abbia mai scritto? ‘Il tuo culo e il tuo cuore’ non era molto bella, era originale ma non bella”. L’ammissione è di Roberto Vecchioni,che ieri è stato ospite di Un Giorno da Pecora, il programma di #Rai Radio2 condotta da Giorgio Lauro e Geppi Cucciari. Il cantautore ha poi raccontato un aneddoto interessante riguardo un suo pezzo famoso. “Il testo di ‘Luci a San Siro’ non c’entra niente con lo stadio, si riferisce ad una montagnetta vicino a San Siro, il Monte Stella. L’ho scritta dopo che la mia ragazza mi aveva lasciato, appena partito per fare il militare. L’ho scritta piangendo – ha spiegato Vecchioni a Radio2 – digrignando i denti, con la chitarra in camerata”. Qual è il sogno nel cassetto di Roberto Vecchioni? “Mi piacerebbe aprire una cartoleria vecchio stile, con le penne, le carte e tutte quelle cose lì”.

Redazione 

CATERINA CASELLI SI RACCONTA SU RAI RADIO2: DAL 10 APRILE PARTE NESSUNO MI PUO’ GIUDICARE


 

cate

La Caselli, insieme a Giovanni Caccamo, ogni domenica condurrà gli ascoltatori in un viaggio unico attraverso la storia della musica italiana.

Caterina Caselli propone in esclusiva su Rai Radio2 un personalissimo viaggio attraverso la storia della musica italiana, dagli anni Sessanta ad oggi.

Dal 10 aprile, ogni domenica per sei settimane, dalle 15.30 alle 17.00 (e in replica da mezzanotte),Caterina Caselli condurrà con Giovanni Caccamo ‘Nessuno mi può giudicare’, la nuova trasmissione di Rai Radio2 che racconta in modo leggero e coinvolgente i maggiori successi della canzone italiana, attraverso la voce dei suoi protagonisti, curiosità, rivelazioni e aneddoti.

caterina-caselli-giovanni-caccamo-radio-2

Ogni puntata proporrà una divertente sfida musicale tra artisti di generazioni diverse, con due brani musicali che verranno sottoposti al giudizio degli ascoltatori attraverso la pagina Facebook di Rai Radio2.

Inoltre, ogni puntata Caterina Caselli e Giovanni Caccamo incontreranno i grandi compositori e cantautori italiani da Morricone a Guccini, da Elisa a Giuliano Sangiorgi – che racconteranno agli ascoltatori di ‘Nessuno mi può giudicare’ come nasce una hit musicale.

La prima puntata andrà in onda domenica 10 aprile, giorno del 70° compleanno di Caterina Caselli. Si inizierà dagli anni Sessanta, con una sfida al femminile, due donne che a vent’anni sono arrivate al secondo posto del Festival di Sanremo: Caterina Caselli, con ‘Nessuno mi può giudicare’ (brano del 1966 che proprio quest’anno festeggia cinquanta anni) e Francesca Michielin, con ‘Nessun grado di separazione’ presentata a Sanremo 2016, che rappresenterà l’Italia al prossimo Eurovision Song Contest. Ospite d’eccezione della prima puntata, Paolo Conte.

Tempi, generi e stili diversi: perché su Rai Radio2 la musica è un linguaggio che unisce proprio tutti.

da Redazione RaiRadio2

 

 

 

 

 

 

 

 

TV, ROBERTA BRUZZONE: LA D’URSO? NON MI PIACE COME FA CRONACA; LA RAFFAELE? SUA IMITAZIONE HA AVUTO RITORNO DI POPOLARITA’ (VIDEO)


un giorno da pecora Roberta Bruzzone, Virginia Raffaele e la cronaca giudiziaria raccontata da Barbara D’Urso. La Bruzzone ne ha parlato al programma di Rai Radio2 Un Giorno da Pecora, condotto da Giorgio Lauro e Geppi Cucciari. Dopo tante polemiche – hanno chiesto inizialmente i conduttori – ci può dare il suo giudizio definitivo sulla sua imitazione fatta da Virginia Raffaele? “Inizialmente non l’avevo presa bene – ha ammesso a Radio2 la Bruzzone – però devo dire che effettivamente un ritorno di popolarità c’è stato”. Insomma, tutto sommato lei piace. “Tecnicamente mi sembra molto brava, e l’ho vista dalla De Filippi e devo dire mi è piaciuta. Le ho suggerito di non farmi l’accento sardo, perché io sono ligure, e di venire da sola in moto, come farei io“. La Bruzzone ha poi parlato di Barbara D’Urso: “Non mi piace il modo di affrontare la cronaca giudiziaria che ha la D’Urso”. A cosa si riferisce? “Ultimamente ci sono stati casi come la Panarello, in cui c’è stato uno scambio di denaro con alcune persone, sono stati pagati familiari..” Si spieghi meglio. “Ci sono state situazioni che credo dovrebbero stare fuori dalla cronaca giudiziaria”. E’ proprio certa di queste accuse? “Ci sono state intercettazioni che sono state pubblicate, sono gli atti”, ha concluso a Un Giorno da Pecora la Bruzzone.
Redazione 

WEB, RICCARDO LUNA:  RENZI ANNUNCERA’ DOMANI O DOPODOMANI L’ INTERNET DAY ITALIANO PER I TRENT’ANNI DELLA RETE


i sociopatici

Ospite di oggi ai Sociopatici di Rai Radio2 è stato Riccardo Luna, Digital Champion per l’Italia, il profilo ideale per il programma condotto da Andrea Delogu, Francesco Taddeucci e Edoardo Ferrario, che tratta tutti i giorni il tema dell’alfabetizzazione digitale. In occasione dei 30 anni di Internet, Luna ha spiegato che verrà istituita una giornata dedicata: “tra breve, domani o dopodomani, il presidente del Consiglio Renzi annuncerà il primo Internet day italiano. Per dire al paese che in 30 anni siamo arrivati fino a qui, ma nei prossimi tre anni  dobbiamo chiudere la partita con Internet in Italia, e portare la banda ultralarga a tutti. Per questo ci aspettiamo che la Rai si impegni sul piano delle competenze digitali”. In che modo? “Siamo uno degli ultimi paesi nel mondo per Internet perché gli italiani non lo sanno usare o pensano di poterne fare a meno. Negli anni ’60 la Rai si impegnò molto per insegnare agli italiani a leggere e scrivere, oggi dovremmo rifare una cosa analoga, chiaramente con mezzi contemporanei, per alfabetizzare in questo senso”. Luna, ospite di Rai Radio2, ha proseguito: “l’ occasione di questo 30ennale ci può portare a dire: banda ultra-larga a tutti entro 3 anni e la Rai, che ad aprile approverà il suo piano industriale, finalmente un impegno vero, come fanno I Sociopatici, d’altronde”. Quale? “Volete il canone in bolletta? Aiutateci con Internet!”, ha concluso il giornalista a Radio2. Per riascolta l’intervista completa a Riccardo Luna, basta cliccare sul sito su www.sociopatici.rai.it.

 Redazione

RAI RADIO2: HIT PARADE E’ Enrico Ruggeri il nuovo ‘conduttore’


enrico ruggeri

Enrico Ruggeri sarà il nuovo conduttore di ‘Hit Parade’, il programma di Rai Radio2 in cui gli artisti raccontano la musica che hanno più amato, in onda il sabato e la domenica alle 13. Dal 19 marzo al 3 aprile, il rocker si trasformerà in dj e conduttore per raccontare e far ascoltare i brani che gli hanno cambiato la vita, con una playlist unica che raccoglie, semplicemente, la Storia della musica pop e rock internazionale. Qualche nome? Beatles e Rolling Stones, Kinks e Velvet Underground, The Who, Sex Pistols, Clash e Talking Heads. Insieme a loro, Ruggeri non dimenticherà il suo amore per il rock venato di blues di Led Zeppelin e Deep Purple, così come la passione per l’hard rock di Alice Cooper. Riguardo a questo genere, Ruggeri spiega: “l’hard rock è la musica che mi ha aiutato ad uscire dall’adolescenza investendo il mio futuro di rabbia ma anche di tante fortune”. Quando il ‘dj’ Ruggeri parla del rock più intimista e decadente, con artisti come Iggy Pop, David Bowie e Lou Reed, racconta in parte se stesso, con l’amore per la poesia, per le parole e quegli esperimenti fatti in prima persona  coi suoi Decibel. Tutte le playlist degli artisti che hanno condotto Hit Parade, le foto e i video del backstage del programma, saranno disponibili sul sito internet http://www.hitparade.rai.it insieme alle puntate in podcast.

Redazione

MUSICA, VASCO ROSSI: SENZA CURRERI ORA SAREI UN DJ RADIOFONICO, IN FUTURO CONCERTI IN LUOGHI PICCOLI


Il rocker di Zocca si racconta in una lunga intervista rilasciata a Radio2: dopo ‘Vita Spericolata’ non riuscivo più a scrivere. Poi un giorno…

La passione per la radio, che doveva diventare il suo lavoro, la sicurezza che non avrebbe avuto un carriera così lunga perché intimamente “tarato sul morire prima”, il periodo di difficoltà vissuto a seguito di capolavori come ‘Vita Spericolata’ e molto altro: Vasco Rossi  si è raccontato in una lunga intervista rilasciata a Rock and Roll Circus, il programma di Rai Radio2 condotto da Pier Ferrantini e Carolina Di Domenico, nella puntata che andrà in onda stasera alle 21.00. Vasco ha appena pubblicato il film concerto “Tutto in una notte/Live Kom 015”, che sarà nei cinema italiani per tre giorni è che è basato sul concerto del 3 luglio 2015 allo Stadio San Paolo di Napoli. “Questo è un documento particolare – esordisce il cantante a Radio2 – a me spesso piace fissare i concerti in un documento. Questa volta è stato ancora meglio, abbiamo deciso di fare una cosa diversa, dando una sorta di trama facendo una cosa più cinematografica che restituisce comunque ritmo e potenza al concerto”. Il rocker di Zocca ha raccontato poi la sua grandissima passione per la radio, che doveva diventare il suo lavoro: “La radio è stato il mio primo amore e sarebbe stato anche quello definitivo, fare il disc jockey è una cosa straordinaria. Avrei fatto solo radio se non fosse arrivato Gaetano Curreri che mi ha travolto e trascinato per andare sul palco e fare fare un disco!” Oggi Vasco Rossi ascolta ancora radio? “Sono ancora uno che ascolta solo radio, e ascolto solo Radio2, sul serio”. Poi invece iniziò una carriera straordinaria. Te la aspettavi? “Quando ho iniziato non avrei mai pensato di avere una carriera così lunga: ero tarato sul morire giovane”. In che senso? “Quando sono partito, negli anni Settanta – ha detto il cantautore a Rock and Roll Circus – c’era la mitologia secondo cui le rockstar morissero giovani. E io non facevo niente affinché non succedesse, anche se ovviamente non facevo nemmeno il contrario. Diciamo che sono andato avanti così”. E poi? “Poi mi sono ritrovato ad esser ancora vivo, ed è stata durissima: avevo già scritto delle canzoni che mi facevano ritenere completamente soddisfatto del mio lavoro da artista”. A quali pezzi ti riferisci in particolare? “Penso a ‘Siamo solo noi’, per esempio, oppure ‘Vita Spericolata’, che pensavo fosse la ‘canzone della vita’. Tanto che poi, ogni volta che dovevo scrivere e pensavo che ogni pezzo dovesse essere di quel livello, diventava veramente dura, non riuscivo neanche a cominciarla e sono stato tre o quattro anni senza riuscire a scrivere niente”. Che periodo era? “Negli anni Ottanta, un periodo molto duro, fino a verso il 1988. Poi, improvvisamente una mattina, dopo che non avevo dormito, mi sono messo a scrivere per divertimento, e ho iniziato a scrivere quello che mi era successo il giorno prima”. Per esempio? “La ragazza mi ha lasciato è colpa mia”, perché la sera prima era finita la storia. E da quel momento ho ripreso a scrivere, perché ho ricominciato a giocare”, ha detto a Radio2 Vasco Rossi. Sei anche uno degli artisti che vende più dischi. “Già fare musica anche da solo è un piacere, se poi ti pagano anche meglio, ma non è per i soldi che si scrivono canzoni. Mentre è per quello che si va su un palco.Ecco, vorrei chiarire questo: su un palco ci si va perché ti pagano, perché altrimenti io non ci vado su un palco!”, ha scherzato il rocker di Zocca a Radio2. Ultima domanda: vedremo mai Vasco Rossi esibirsi live in un luogo molto piccolo rispetto agli stadio che ormai riempi ad ogni data? “No, affatto, anzi, da un po’ di tempo ne ho una gran voglia. Penso sia una cosa che succederà sicuramente, anche se non so quando”, ha concluso Vasco a Radio2. Per riascoltare l’intervista, basta collegarsi alle 21.00 con Rock and Roll Circus, anche sul sito www.rockandrollcircus.rai.it e sulla pagina Facebook della trasmissionehttps://www.facebook.com/RocknRollCircusRadio2

RAI2: THE VOICE Continua la caccia di nuovi talenti nella terza Blind Audition


the voice

La ricerca di nuovi talenti continua nella terza puntata di “The Voice of Italy”, in onda mercoledì 9 marzo alle 21.15 su Rai2. Dal Centro di Produzione Tv Rai di Via Mecenate a Milano, Federico Russo conduce il nuovo appuntamento dividendosi tra studio e Family Room, dove assiste alle esibizioni dei concorrenti insieme agli amici e ai parenti, che attendono speranzosi il verdetto. Nella terza Blind Audition i 4 coach, Raffaella Carrà, Dolcenera, Emis Killa e Max Pezzali, cercheranno di assicurarsi le voci migliori per rendere il proprio team più competitivo possibile. Ogni artista ha a disposizione 90 secondi per conquistare un posto, esibendosi live con brani italiani ed internazionali accompagnati dalla band dal vivo. Le voci e i team di appartenenza dopo la seconda puntata di “The Voice Of Italy”: Team Carrà: Andrea Palmieri (Roma), iWolf  (Cristina De Vita e Michele Bonfitto, Foggia), Manuel Aspidi (di Livorno vive a Roma), Sorelle Baccaglini (Villanova del Ghebbo, Rovigo), Samuel Pietrasanta (Catania).
Team Dolcenera: Massimo Cantisani (nato a Latronico, Potenza, vive a Roma), Sara Caratelli (Colleferro, Roma), Chiara Granetto (Albaredo D’Adige, Verona), Stephanie Riondino (Genova), Annamaria Castaldi (Olbia), Giorgia Alò (nata a Roma, vive a Londra), Fabio De Vincente (Torino).
Team Killa: William Prestigiacomo (Roma), Giuliana Ferraz (Bollate, Milano), Marta Pedoni (Sassari), Debora Cesti (Milano), Davide Ruda (Alghero), Mariangela Corvino (Foggia).
Team Pezzali: Clara Aceti (Seveso, Monza e Brianza), Claudio Cera (Roma), Kimia Ghorbani (Iraniana, vive a Bologna), Elya Zambolin (Monselice, Padova), Kevin Pappano (Torino), Cristiano Carta (Roma), Aurora Lecis (Samassi, Cagliari), Virna Marangoni (Bergantino, Rovigo). La V-Reporter Angelina interagirà con il pubblico via web, attraverso il sito ufficiale http://www.thevoiceofitaly.rai.it.
Sui social il programma è attivo su: Facebook /thevoiceufficiale; Twitter @THEVOICE_ITALY con gli hashtag #tvoi e per le squadre #teamcarrà, #teamdolcenera, #teampezzali, #teamkilla; Instagram thevoice_italy; Vine @thevoice_italy.e Snapchat TVOI.
Dagli studi di Rai Radio2, radio ufficiale di “THE VOICE of Italy”, Carolina di Domenico, Pierluigi Ferrantini e Antonello Piroso, commenteranno anche questa settimana il programma, ad affiancarli un team di blogger, critici musicali e addetti ai lavori.

Redazione