Rai

C.S._6 agosto, una giornata per Domenico Modugno


Risultati immagini per domenico modugno

A 25 anni dalla scomparsa l’omaggio Rai al grande interprete della musica italiana Domenico Modugno.

Cantante, attore, presentatore, 230 canzoni, 38 film per il cinema e 7 per la televisione, 13 spettacoli teatrali e alcuni programmi televisivi. Vincitore di quattro Festival di Sanremo, milioni di dischi venduti nel mondo. Per tutti lui, il Mimmo nazionale, è Mr. Volare, per quel verso di Nel blu dipinto di blu, canzone vincente di Sanremo 1958.
Una vita vissuta spavaldamente e “pericolosamente”, quella di Modugno, tra tavole teatrali, grandi arene della canzone e la Tv che tanto amava, ricambiato dall’affetto di milioni di spettatori. A 25 anni dalla sua morte, avvenuta il 6 agosto del 1994, Rai rende omaggio al grande e poliedrico artista pugliese con tante iniziative editoriali per ricordarlo in tv, alla radio e con pagine dedicate di Rai Play.
Grande rilievo sarà dato all’anniversario, martedì 6 agosto, su Rai1 con contributi in Unomattina Estate (dalle 7.10), Io e te (alle 14) e La Vita in Diretta Estate (dalle 16.50) mentre il 10 agosto sarà proposta una puntata di Techetechetè Superstarcon una parte dedicata a Mimmo Il Grande Mattatore (20.35) e a seguire il tv movie Volare (22.30) coprodotto da Rai Fiction.
La storia di un mito con le sue luci e le sue ombre, il ritratto di una società e di un’epoca passata ma indelebile, per la regia di Riccardo Milani e con Beppe Fiorello che dà volto e voce al grande cantante. Con lui, protagonisti nel film Rai Kasia Smutniak, Alessandro Tiberi, Cesare Bocci, Gabriele Cirilli, Michele Placido.
Rai Premium proporrà uno dei suoi Speciali: L’uomo che canta: Domenico Modugno (23.15). Lo raccontano la moglie, l’autore Franco Migliacci e l’amico Gianni Minà. Su Rai Movie, invece, andrà in onda il film del 1959 Volare – Nel blu dipinto di blu (9.45), un classico “musicarello” interpretato dallo stesso Modugno, con la regia di Piero Tellini e la sceneggiatura di Ettore Scola e Cesare Zavattini: Turi, accusato di furto, si salva grazie alla testimonianza di una cameriera, suscitando l’ira della fidanzata. Nel cast con il cantante Giovanna Ralli Vittorio De Sica.
Ampia l’offerta di Rai Storia con Il giorno e la storia (ore 00.10 e in replica alle 5.30, 8.30, 11.30, 14 e alle 20.10). Poi il Falqui Show (ore 13): per ricordare Modugno viene riproposta la terza puntata della seconda edizione di Teatro 10, celebre varietà condotto quell’anno (1971) da Alberto Lupo. La puntata ha tra gli ospiti in studio ‘Mister Volare’, che esegue per il pubblico due dei suoi singoli allora usciti da poco: Come stai e La gabbia. A seguire Ieri e oggi (ore 15): Mike Bongiorno ospita in studio Domenico Modugno e Rosanna Schiaffino. Anche il Portale Rai Culturadedicherà al 25esimo anniversario un ampio focus in Homepage. Il Mimmo nazionale sarà ricordato anche nella sezione dello stesso portale Accadde oggi.
Rilievo all’anniversario anche dalle testate Rai, con servizi all’interno delle varie edizioni dei telegiornali. Tg2 Post dedicherà al tema l’intera puntata del 6 agosto.

Anche tutti i notiziari di Radio Rai daranno ampio spazio al ricordo di Modugno e Radio1 renderà omaggio al cantautore pugliese durante tutta la giornata. Le canzoni, certamente, ma anche il suo contributo al rinnovamento musicale italiano. Si comincia con Il mattino di Radio1 (dalle 6 alle 7), in cui Gian Maurizio Foderarolancerà l’impegno del primo canale Rai. Più avanti nella mattinata, mezz’ora di L’estate di Radio1, con clip audio e di brani, sarà interamente dedicata al musicista. Il rapporto tra Modugno e il mare sarà al centro di Radio di Bordo (dalle 12.30 alle 13). A seguire, in Un giorno da gambero (dalle 13.30 alle 15) si parlerà della sua modernità. Nel primo pomeriggio il ricordo di Dario Salvatori in Un disco per l’esteta (in onda dalle 15.30 alle 17) e, nella parte finale di La Radio in comuneUmberto Broccoli ricorderà Modugno con memorie e racconti. Infine, in Notti d’estate (dalle 21 alle 23) si parlerà del suo rapporto e del suo contributo al mondo del teatro.
Isoradio già a partire dalle 00.30, nello spazio Notte Sicura, proporrà ai suoi ascoltatori una programmazione musicale ad hoc. Ricorderà poi Modugno nel corso di tutta la giornata, con l’ascolto dei suoi brani, testimonianze e interviste a personaggi del mondo della musica e dello spettacolo.
Su Radio1 Sport, l’emittente digitale tematica ascoltabile su RaiPlay Radio, all’interno de Il caffè di Radio1 Sport (dalle 16.05) Mario Pezzolla racconterà Modugno e il suo successo all’estero. Sarà invece Rai Radio Live a proporre Meraviglioso Modugno, la serata in musica dedicata al cittadino più illustre di Polignano a Mare, appuntamento del 6 agosto ormai diventato un classico dell’estate pugliese. La serata sarà riproposta on air da Rai Radio Tutta Italianaall’interno del palinsesto estivo del canale. Radio Classica dedicherà a Modugno uno Speciale di In Sala e proporrà inoltre la commedia musicale Rinaldo in campo, su testi di Pietro Garinei e Sandro Giovannini e musiche di Modugno. Infine Radio Techetè trasmetterà una puntata del programma Professione Cantante, realizzata da Adriano Mazzoletti nel 1994, con interviste ed esecuzioni inedite per conoscere la carriera e le canzoni di questo artista unico.

RaiPlay
La puntata integrale di Blitz con Domenico Modugno è visibile su RaiPlay.

Redazione

C.S._Il Mei e gli indipendenti ed emergenti di Audiocoop, AIA, It-Folk e Rete dei Festival: grande soddisfazione per l’apertura della Rai a tutti i protagonisti del settore ad un tavolo sulla musica e sul prossimo Festival di Sanremo 2020.


Il Mei e gli indipendenti ed emergenti di Audiocoop, AIA, It-Folk e Rete dei Festival: grande soddisfazione per l’apertura della Rai a tutti i protagonisti del settore ad un tavolo sulla musica e sul prossimo Festival di Sanremo 2020. Tutte le prime proposte.

Ieri si è svolto il primo positivo incontro indetto dalla Rai per un Tavolo sulla Musica in Rai e sul prossimo Festival di Sanremo.

“Abbiamo espresso il più forte apprezzamento per la novità espressa dalla nuova Dirigenza Rai per questo importante Tavolo per la Musica in Rai e sul prossimo Festival di Sanremoche si apre per la prima volta, dando pari dignità anche alle centinaia e centinaia di piccole etichette discografiche indipendenti ed emergenti che fanno scouting ogni giorno, e quindi saremo al fianco di questo modello di consultazione per uscire dal tradizionale circuito di scouting e lavorare ad una opera di svecchiamento del prossimo Festival di Sanremo e della musica in Rai, mettendo al centro i giovani  e tutte le nuove tendenze musicali che, attraverso principalmente i circuiti della musica indipendente ed emergente e grazie al lavoro e agli investimenti quotidiani delle startup produttive più giovani, oggi sfiorano il 40% del mercato”dichiara Giordano Sangiorgi, patron del MEI – Meeting delle Etichette Indipendenti, presente al Tavolo, manifestazione citatissima in molti interventi come positivo e virtuoso elemento di scouting da 25 anni.
“Un’opera di svecchiamento che deve trovare strade nuove nello scouting” ha dichiarato il promoter Christian Perrotta della Rete dei Festival “Ad esempio utilizzando durante il periodo che va da aprile ad ottobre il ricco circuito dei contest live per emergenti presenti in tutta Italia, lì dove muovono i primi passi gli artisti di qualità che partono dalla gavetta del live, che possono trovare spazi in Rai attraverso il circuito radio e la piattaforma web lavorando così a un nuovo modello di circuitazione dello scouting che permetta di conoscere l’artista non solo attraverso una semplice audizione ma attraverso un suo progetto più ampio in occasione di un confronto live con il pubblico e un incontro coi nuovi mezzi di comunicazione con il pubblico più giovane. La ricca Rete dei Festival, che raduna oltre 100 contest per emergenti e  presente in tutta Italia con contest di altissimo livello qualitativo in ambito pop, rock, canzone d’autore, folk, jazz e tanti altri generi per questo è completamente a disposizione”.
“Tutto questo senza dimenticare la tradizione innovativa che ci ha reso noti in tutto il mondo. Infatti, il 70esimo Festival di Sanremo potrebbe essere l’occasione per intitolare il Teatro Ariston a Domenico Modugno, l’artista di Sanremo piu’ rappresentativo nel mondo e che con Volare ancora rappresenta un volano della musica italiana all’estero e puo’ essere di grande supporto sul mercato internazionale” aggiunge Giordano Sangiorgi. 
 
“Serve infatti una formula che sia fotografia del mercato odierno allargando lo stesso modello anche sugli ospiti italiani e sui giovani, aprendosi a tutti gli stili e i generi capaci di abbracciare principalmente i teenager ma senza dimenticare la necessità di realizzare un format televisivo popolare che coinvolga tutte le generazioni e si applichi a tutte le diversità musicali presenti nel nostro paese, con uno sguardo reale e concreto al mercato internazionale e recuperando  modelli anche di nicchia che possono però imporsi all’estero” ha proseguito Marco Mori per AudioCoop, che rappresenta oltre 150 piccole etichette indipendenti italiane ogni giorno alle prese con lo scouting, segnalando “come il MEI di Faenza, che torna per la sua 25esima edizione dal 4 al 6 ottobre a Faenza, abbia sempre intercettato per primo i nuovi talenti poi apparsi sul proscenio di Sanremo e su altri palchi televisivi poco dopo”. Mentre per i grandi big della musica italiana realizzare, con il Festival di Sanremo, una vetrina che li possa celebrare, in tale importante contesto, con premi alla carriera e altri riconoscimenti di rilievo che valorizzino il loro contributo alla storia della musica e della canzone italiana.
“Assolutamente da apprezzare l’approccio che vede lavorare tutti insieme prima al metodo, poi al concept, poi alla direzione artistica e infine ai nomi per il prossimo Festival di Sanremo”conferma Enrico Capuano, storico musicista dell’Associazione Italiana Artisti guidata da Renato Marengo come proposto dalla Rai “mettendo al centro il progetto, il racconto di Sanremo e poi i nomi e ragionando insieme  su alcune questioni centrali: la selezione dei cantanti e il meccanismo di gara che deve togliere la competizione per valorizzare la qualità e parificando giovani e big e creando una forte anteprima televisiva per i giovani nei mesi precedenti dopo più percorsi tra i quali uno legato al mondo del live capace anche di raccontare le nuove generazioni che producono la nuova cultura musicale del nostro paese; le giurie e le votazioni che devo avere la capacità di essere sempre mixate intrecciando competenza e pubblico allargandole il più possibile nell’area degli esperti, per potere finalmente acquisire anche nuove competenze musicali, e ampliando il più possibile il voto anche alle più giovani generazioni utilizzando ad esempio, oltre ai tradizionali meccanismi,  anche un App per votare oltre al Televoto” conclude l’artista reduce da un tour di successo in Canada.
“Da confermare i duetti che vedano big ed emergenti insieme con nuovi progetti e nuove reinterpretazioni dei brani della musica italiana e magari lavorare insieme anche dopo il Festival di Sanremo a tour con progetti che abbiamo oltre a una forza sul mercato della discografia e dello streaming anche una forza sul mercato del live capace di guardare anche in modo nuovo e concreto al mercato estero” aggiunge Giordano Sangiorgi.
Inoltre, Giuseppe Marasco, coordinatore di It-Folk, ritiene indispensabile una parita’ di trattamento tra tutte le associazioni nella partecipazione degli artisti al Festival di Sanremo e tutto il settore della piccola produzione indipendente ed emergente.
Infine, Giordano Sangiorgi del MEI dopo che si è recentemente tenuto un appuntamento itinerante per gli Stati Generali della Musica Emergente a Roma, Milano e Napoli che ha coinvolto oltre 400 operatori del settore, che saranno sentiti e coinvolti anche sul prossimo Festival di Sanremo 2020 in un percorso partecipativo, è pienamente soddisfatto dell’impostazione fornita al Tavolo di Lavoro dall’Amministratore Delegato Fabrizio Salini, dalla Direttrice di Rai Uno Teresa De Santis, dal Direttore della Comunicazione Rai Marcello Giannotti, dal Capo Struttura Rai per Sanremo Claudio Fasulo e dalla Direttrice di Rai Radio Due Paola Marchesini, di proseguire tale tavolo di lavoro anche su tutti gli altri programmi ed eventi musicali presenti nel palinsesto della Rai per aumentare la ricchezza di proposte mixate ad alti numeri di attenzione e di ascolto, senza dimenticare sempre di voler parlare innovando al massimo numero di utenti, permettendo così a tutte le musiche popolari contemporanee del nostro paese di poter trovare uno spazio adeguato in questo nuova progettualità Rai  trasparente, da vero servizio pubblico nei confronti della musica per attirare nuovo pubblico e nuove platee di ascoltatori attraverso nuovi programmi e nuovi palinsesti musicali più ricchi.  “Un buon primo passo che speriamo prosegua in questa direzione, facendo vedere anche da subito in modo concreto una nuova direzione, mentre al MEI 25 faremo un punto su questi importanti lavori”.

C.S._”Realiti – siamo tutti protagonisti” Tra i concorrenti Elettra Lamborghini, Ghali e Cristina D’Avena


(none)
Torna  mercoledì 24 luglio, in seconda serata, il programma “Realiti – siamo tutti protagonisti“, condotto da Enrico Lucci: cinque inconsapevoli concorrenti si sfideranno nel grande “Truman Show dell’informazione” targato Rai2. Tra i concorrenti vincerà colui che con i propri contenuti social conquisterà il maggior numero di voti da parte della giuria popolare e il favore dei tre saggi in studio: l’attrice e regista Asia Argento, il rapper Luchè e lo scrittore Aurelio Picca. Tra i concorrenti di Realiti, questa settimana, ci sono Elettra Lamborghini, Ghali e Cristina D’Avena. Dietro la porta rossa, Enrico Lucci farà un’intervista speciale a Lello Arena.
Lo show in studio sarà intervallato dai servizi della redazione. L’inviata Antonella Spinelli incontra Denis Dosio, un giovanissimo forlivese che si spoglia su Instagram per attirare più follower. Seguirà un incredibile reportage di Marco Maisano da Castelvolturno, dove la mafia nigeriana ha preso possesso delle piazze di droga e prostituzione. L’inviata Carlotta Balena, infine, parlerà degli Adult Babies: uomini e donne che amano comportarsi e vestirsi da bambini appena nati per soddisfare un bisogno di infanzia perduta.”Realiti – siamo tutti protagonisti” è un programma ideato da Umberto Alezio e co-prodotto da Fremantle e Rai2.

Redazione

C.S._La Rai ricorda la strage di Ustica Una programmazione speciale a 39 anni dall’incidente aereo


(none)

Giovedì 27 giugno, ricorrono 39 anni dalla Strage di Ustica. Nell’incidente aereo, su le cui cause non è mai stata fatta chiarezza, persero la vita 81 persone. Per mantenere viva la memoria delle vittime, anche quest’anno le celebrazioni saranno numerose. La Rai, in linea con la sua missione di servizio pubblico, il 27 Giugno proporrà una programmazione speciale.
Ma il ricordo comincerà già mercoledì 26 giugno, giorno in cui Rai Storia, alle 16.00, manderà in onda “I TIGI a Gibellina- Racconto su Ustica”, il film di Daniele Giudice e Marco Paolini, con la regia di Davide Ferrario.  Sarà proprio Marco Paolini, nella doppia veste di autore e attore, a ripercorrere la tragedia del DC9 Itavia, nella suggestiva ambientazione del Cretto di Burri, a Gibellina, e all’interno di un teatro.
Il 27 giugno primo appuntamento su “Uno mattina estate” che, dalle 7.10, dedicherà un ampio segmento della trasmissione all’Anniversario e alle 08.00, altrettanto farà su Rai3 “Agorà”, il programma condotto da Serena Bortone. Ancora su Rai3, “La grande Storia Anniversari” proporrà, alle 15.15, “Ustica-Verità senza nomi” di Pino Nazio. La puntata ripercorrerà gli eventi che precedettero la tragedia, le indagini svolte e le ipotesi più probabili a cui si è giunti dopo anni di depistaggi: che a far cadere il Dc 9 della compagnia Itavia, sia stato un missile, durante uno scontro tra velivoli militari di diversi paesi, Francia, Stati Uniti e Libia. Tra gli intervistati, il procuratore Generale di Roma, Giovanni Salvi, e il giudice civile Paola Prato Pisani.
“Il giorno e la Storia” ricorderà la Strage di Ustica e le sue vittime a partire da mezzanotte e poi alle 05.30, 08.30, 11.30, 14.00, 20.10. Il 27 giugno 1980, l’aereo di Linea Douglas DC9, appartenente alla compagnia aerea Itavia, esplode nei cieli di Ustica. Ottantuno persone perdono la vita. L’aereo si sarebbe trovato, del tutto casualmente, in un triangolo di cielo interessato da operazioni di guerra e sarebbe stato raggiunto e colpito da un missile. Dopo 20 anni di indagini, migliaia di cartelle di atti istruttori e quasi 300 udienze processuali, la verità sul caso Ustica non è ancora venuta pienamente alla luce.
Anche Rai Cultura Web e Social ricorderà il 39° Anniversario della Strage con uno speciale che ripercorrerà il lungo iter delle indagini, dei depistaggi, delle ipotesi di quello che resta ancora oggi una delle stragi senza colpevoli della storia italiana.
Le testate giornalistiche Rai daranno rilievo all’Anniversario con servizi all’interno delle varie edizioni dei telegiornali. La Tgr Emilia Romagna, ospiterà in studio uno dei rappresentanti dell’associazione vittime della strage che parlerà di un libro realizzato sulla Tragedia, in collaborazione con l’Assemblea legislativa regionale mentre la redazione della Tgr Sicilia curerà un’intervista con uno dei familiari delle vittime della strage. Rai News 24 invece seguirà in diretta le celebrazioni che si svolgeranno a Bologna.

 

Redazione

C.S._”Woodstock, Rita racconta” Tra gli ospiti Donovan, Mario Biondi, Raphael Gualazzi e Karima


(none)

Con un appuntamento speciale, condotto da Rita Pavone, Rai2 celebra i 50 anni della storica tre-giorni di Woodstock dal titolo “Woodstock, Rita racconta”, martedì 25 giugno alle 21.20. Un omaggio a quell’epocale concerto di cui verranno proposte le immagini più emozionanti e coinvolgenti, con le esibizioni di Jimi Hendrix, Janis Joplin, Joe Cocker, Joan Baez, The Who, Creedence Clearwater Revival, Santana, Jefferson Airplane, Crosby, Stills, Nash & Young e altri ancora. Artisti leggendari che suonarono di fronte a mezzo milione di persone, sotto la bandiera della libertà.
Sostenuta dall’energia di una giovanissima band, i “Life in the Woods”, Rita Pavone ripercorrerà la musica e il clima di quei giorni, insieme a tanti ospiti speciali, a partire da  uno dei più grandi cantautori degli anni sessanta, Donovan, e poi Mario Biondi, Raphael Gualazzi, Karima…
La scelta di Rita Pavone come conduttrice non è casuale. Rita Pavone è una ribelle, un’artista che ha pagato in prima persona scelte di vita che, al tempo, in un’Italia ancora in bianco e nero e molto bigotta, non potevano essere comprese e che  l’hanno costretta ad un esilio volontario in Inghilterra e negli Stati Uniti. Rita, proprio nel 1969, è incinta, vive a Londra e guarda al movimento hippie, alle manifestazioni contro la guerra in Vietnam, al flower power e al chiudersi di un’epoca, con  grande partecipazione.
Così, dopo cinquant’anni, stanca della gabbia Amarcord in cui vive il suo personaggio televisivo, Rita può finalmente ricongiungersi al suo grande amore per il rock, per il blues, per la musica e la passione di una stagione di vita di cui abbiamo tutti nostalgia. Finalmente può cantare – e con che voce! –  i Creedence, Janis Joplin, gli Who e lo fa live, in uno show dove la buona musica e il “buon blues” la fanno da padroni e dove dimostra, lei come tantissimi altri, che il rock non fa invecchiare.

 

C.S._The Voice 2019, un’edizione da record. Raggiunto il miglior risultato di sempre sui giovanissimi 15-24 e ottimi risultati sul target 35-64. Oltre 400 giovani talenti hanno partecipato al contest on line di #AXAfortalent


 

Risultati immagini per the voice of italy

Nella sede milanese di AXA Italia, partner di The Voice of Italy, Rai Pubblicità ha presentato insieme al Gruppo assicurativo e al Direttore di Rai2 Carlo Freccero, e alla presenza della conduttrice Simona Ventura e dei quattro coach Gigi D’Alessio, Elettra Lamborghini, Morgan e Gué Pequeno, i risultati delle prime 5 puntate di blind audition precedenti a 1 Battle, Knockout e finale.
L’edizione 2019 prodotta da Rai2 in collaborazione con Wavy, una unit di Fremantle, è diventata un programma outstanding altamente performante su tutte le piattaforme Rai,TV, Radio, WEB con conduzione, giudici e scenografia completamente rinnovati. Questa sinergia crossmediale ha consentito di raggiungere ampie fasce di pubblico, dai giovanissimi a target più adulti con forte potere d’acquisto.
Con una media di 2.3 milioni di individui e uno share dell’11%, il programma ha superato di 1.4 punti percentuali l’edizione dello scorso anno. Sul target “35-65 spendenti 3.0” è arrivato a superare il 14% di share. I 39,4 milioni di video views, totalizzati da Raiplay e dal canale Rai di Youtube, rappresentano il 230% in più verso il 2018.
In particolare, una ricerca qualitativa condotta da Rai Pubblicità per AXA ha confermato il successo della partnership. I circa 500 intervistati con metodo CAWI su piattaforma TOLUNA che hanno visto The Voice quest’anno, hanno un ricordo spontaneo di AXA del 33% rispetto al 30% di un egual numero di individui che non hanno visto il programma. “Una crescita del 10%, afferma il Direttore Marketing e Commerciale di Rai Pubblicità Roberta Lucca, che sale al 43% sulla top of mind, il 14% delle persone non esposte al programma contro il 20% di chi ha visto The Voice”. “L’endorsement positivo raggiunto grazie a The Voice, continua Roberta Lucca, è riscontrato nel miglioramento della percezione di Axa in termini di notorietà, modernità, credibilità e vicinanza al
cliente. Circa il 90% degli intervistati reputa molto coerente la presenza di Axa al programma e quasi l’80% prenderà in considerazione Axa per una prossima polizza assicurativa”.
Un successo che – come mostrano i dati sopracitati – ha ripagato in notorietà e posizionamento la sfida di AXA, ovvero quella di scegliere il talent di Rai 2 per sostenere il lancio della nuova brand promise globale “Know You Can”, ovvero la promessa di essere partner dei propri clienti incoraggiandoli a realizzare i loro sogni, come nel caso dei giovani talenti di The Voice.
L’empowerment, il sostegno della capacità imprenditoriale, della creatività e del talento sono infatti temi chiave per AXA, che ha peraltro affiancato alla partnership del programma il contest on line #AXAfortalent, mettendo in palio per il vincitore la possibilità di postare sui social, nella serata della finale, l’esibizione registrata sul palco di The Voice.
In meno di tre settimane, attraverso Instagram, sono stati raccolti numerosi video, tra cui è stato selezionato il vincitore. La scelta è ricaduta su Michele Sechi, in arte Mike Baker, ventunenne di mamma cinese e papà sardo, https://www.instagram.com/mikexbaker/, che ha convinto la giuria interna sulla base del talento canoro, dell’originalità del brano e della forza comunicativa.
Siamo orgogliosi di aver sostenuto i giovani talenti italiani che cercano di realizzare i propri sogni, al fianco di The Voice of Italy – ha dichiarato Patrick Cohen, Amministratore Delegato del Gruppo AXA Italia. “Il messaggio al centro del talent è il coraggio di credere nelle proprie ambizioni e nelle proprie capacità, con coraggio e determinazione: lo stesso messaggio positivo che è al centro di “Know You Can”, la nostra nuova brand promise. In AXA vogliamo riconoscere il potenziale individuale che c’è in ognuno di noi e portare il nostro impatto sulla collettività, incoraggiando le persone a credere che un futuro migliore è possibile”.

Redazione

C.S._#RAI2: “TheVoice of Italy” I migliori 24 talenti usciti dalle audizioni sul ring per “The Battle”


(none)

Gigi D’Alessio, Elettra Lamborghini, Morgan e Gué Pequeno hanno concluso la fase delle Blind Audition selezionando i Best Six: ora Coach e Voci si preparano per “The Battle”.

Conto alla rovescia per martedì 28 maggio quando, alle 21.20 su Rai2, Simona Ventura darà il via alla “Battle”, portando nel vivo della seconda fase “The Voice of Italy” che vedrà i 24 talenti rimasti in gara sfidarsi a coppie sul ring allestito nello Studio 2000 del Centro di Produzione Tv Rai di via Mecenate a Milano.

Sarà una puntata di scelte importanti per Gigi D’Alessio, Elettra Lamborghini, Morgan e Gué Pequeno. Coppie di concorrenti della stessa squadra, infatti, si esibiranno insieme in “duelli canori”, accompagnati nella performance live dalla band: il coach di riferimento dovrà decidere chi dei due talent sarà il più meritevole e potrà accedere alla fase successiva. Soltanto in 12, 3 per ciascun team, arriveranno alla terza fase, quella dei Knock-out”in onda il 30 maggio 2019.

Queste le Voci che si sfideranno nelle Battle e i team di appartenenza.
Team GigiAndrea Settembre – 17 anni, di Napoli, studente; Domenico Iervolino – 21 anni, nato ad Aversa vive a Ottaviano (NA), studente; Carmen Pierri – 16 anni, nata a Salerno vive a Montoro (AV), studentessa; Sofia Tirindelli – 16 anni, vive a Roma, studentessa;Elisabetta Pia Ferrari – 29 anni, nata a Roma vive a Terracina, consulente; Elisa Gaiotto in arte Eliza G – 34 anni nata a Sacile (PN) vive a Caneva (PN), cantautrice.

Team ElettraMiriam Di Criscio in arte Miriam Ayaba – 22 anni, nata a Desenzano del Garda (BS), vive a Milano, fundraiser; Lisa Cardoni in arte Leslie – 25 anni, nata a Guardiagrele (CH) vive a Milano, impiegata; Andrea Berté – 17 anni, nato a Bergamo vive a Ponteranica (BG), studente; Beatrice Inguscio in arte Trisss – 23 anni, vive a Savigliano (CN), cameriera; Tahnee Rodriguez – 31 anni, vive a Roma, cantante; Greta Giordano – 18 anni, nata a Caserta vive a Pignataro Maggiore (CE), studentessa.

Team MorganNoemi Mattei in arte Naïve – 21 anni di Roma, studentessa; Matteo Camellini – 24 anni di Sassuolo (MO); Viola Bologna in arte Violet – 18 anni, vive a Livorno, studentessa; Dominique Chillé Diouf in arte Diablo – 18 anni nato a Roma vive a Cervasca (CN), disoccupato; Elisa Paschetta in arte Joe Elle  21 anni, vive a Bra (CN), studentessa; Erica Bazzeghini – 20 anni, vive a Varese, studentessa.

Team Gué:Brenda Carolina Lawrence – 21 anni, nata a Cremona vive a Pieve d’Olmi (CR), studentessa; Federica Filannino – 26 anni nata a Barletta vive a Gorizia, studentessa; Josuè Previti  17 anni di Messina, studente; Ilenia Filippo – 24 anni, vive a San Lucido (CS), studentessa; Ilaria Amagour in arte Hindaco – 24 anni, nata a Leonforte (EN) vive a Milano, artista; Francesco Sorrentino in arte Francesco Da Vinci – 25 anni di Napoli, musicista.

Dagli studi di RaiRadio2, radio ufficiale di “The voice of Italy”, i due conduttori d’eccezione Andrea Delogu e Stefano De Martino, come di consueto seguiranno in diretta il programma.

Redazione

#RAI: “The Voice of Italy” Penultima Blind Audition per i team capitanati daGigi D’Alessio, Elettra Lamborghini, Morgan e Gué Pequeno


(none)

La ricerca di nuovi talenti continua e la padrona di casa Simona Ventura dà appuntamento a martedì 14 maggio alle 21.20 su Rai2 con la quarta Blind Audition di “The Voice of Italy”.
Sul palco dello Studio 2000 del Centro di Produzione Tv Rai di Milano, le Voci in gara si metteranno alla prova per conquistare un posto nel team dei coach Gigi D’Alessio, Elettra Lamborghini, Morgan e Gué Pequeno.

Ogni Voce ha a disposizione 90 secondi per dare il meglio di sé ed entrare in uno dei team del programma, esibendosi live con cover di successi italiani e internazionali o un brano proprio, accompagnati dalla band presente in studio. Una prova sempre più competitiva, i posti diminuiscono e per i quattro coach la scelta, basata unicamente sull’ascolto, diventa sempre più dura. Non mancheranno strategie e colpi di scena per riuscire ad aggiudicarsi i talenti migliori.

Queste le voci scelte nelle prime tre puntate, nei quattro team:

Team D’Alessio: Carmen PierriSofia TirindelliRaphael NkerewemDomenico IervolinoCosimo De Leo in arte KokoSofia Sole CammarotaAndrea SettembreMarta Verrecchia in arte MarthaStefano ColliKumi WatanabeElisa Gaiotto in arte Eliza G.

Team Lamborghini: Diana Suppressa in arte Huntress D; Beatrice Inguscio in arteTrisssTess Amodeo Vickery; Miriam Di Criscio in arte Miriam AyabaFilippo CanteleGiorgia La CommareSerena Maria Police.

Team Morgan: Davide VettoriValerio SgargiElisa Paschetta in arte Joe ElleMarco LiottiFrancesco BombaciFelice FalangaErica BazzeghiniKaren MarraNoemi MatteiEmanuela Caputo in arte MorganaMatteo CamelliniDominique Chillé Diouf in arte Diablo.

Team Pequeno: Ilaria Amagour in arte Hindaco; Micaela Foti; Ilenia FilippoMichele Ciliberti e Giuseppe Aprile in arte Mashup LoopJosuè PrevitiAres FavatiIna e Serena Sinani in arte SindollsSophia Murgia.

Dagli studi di Rai Radio2, radio ufficiale di “THE VOICE OF ITALY”, i due conduttori d’eccezione Andrea Delogu e Stefano De Martino, come di consueto seguiranno in diretta il programma.

Ogni giorno tutte le piattaforme social di Rai2 e del programma danno la possibilità agli utenti di entrare nel backstage, non solo durante la messa in onda ma anche nel corso della settimana quando coach e talent si preparano per le performance. Indiscrezioni, approfondimenti e interviste mirate. Dirette social, jam session e interviste pungenti, con divertenti incursioni di Simona Ventura, compongono l’offerta digital, oltre naturalmente alla possibilità di rivedere le clip delle puntate e gli extra sul sito www.thevoiceofitaly.rai.it e sul canale YouTube di The Voice of Italy.

Un filo diretto con i coach e Simona, consente al pubblico e ai fans di interagire e commentare le puntate costantemente attraverso l’hashtag #TVOI

Twitter: THEVOICE_ITALY, 

Instagram: thevoice_italy,

Facebook:Thevoiceufficiale

The Voice, format internazionale TALPA GLOBAL, creato da John de Mol tra i più visti al mondo e in onda in 67 Paesiè prodotto in Italia da Rai2 in collaborazione con WAVY, scritto da: Benedetto Calì, Alessandro Caruso, Angelo Ferrari, Agata Gambuzza, Riccardo Lupoli, Marta Marelli, Francesca Mazzantini, Simone Rossi, Francesca Todaro, Simona Ventura, Cesare Vodani con la collaborazione di Paolo Bordigoni, Marco Matteo, Alessandra Porzio.

Redazione

#RAI2 “The Voice of Italy” Terza blind audition, continua la ricerca “al buio” di nuovi talenti


(none)
La ricerca di nuovi talenti continua con le Blind Audition di “The Voice of Italy”, in onda domani, martedì 7 maggio alle 21.20 su Rai2. Dallo Studio 2000 del Centro di Produzione Tv Rai di Milano, Simona Ventura conduce la terza serata di “The Voice of Italy” dividendosi tra palco e backstage, dove assiste alle esibizioni dei concorrenti insieme agli amici e ai parenti, che attendono speranzosi il verdetto. Gigi D’Alessio, Elettra Lamborghini, Morgan e Gué Pequeno continueranno la sfida per assicurarsi gli artisti migliori da avere in squadra, scegliendoli ‘al buio’ in base alle doti vocali. Ogni Voce ha a disposizione 90 secondi per dare il meglio di sé ed entrare in uno dei team di “The Voice of Italy”, esibendosi live con cover di successi italiani e internazionali o un brano proprio, accompagnati dalla band presente in studio.

Queste le voci scelte nelle prime due puntate, nei quattro team:
Team D’Alessio: Sofia Sole Cammarota; Andrea Settembre; Marta Verrecchia in arte Martha; Stefano Colli; Kumi Watanabe; Elisa Gaiotto in arte Eliza G.

Team Lamborghini: Miriam Di Criscio, in arte Miriam Ayaba; Filippo Cantele; Giorgia La Commare; Serena Maria Police.

Team Morgan: Elisa Paschetta in arte Joe Elle; Marco Liotti;Francesco Bombaci; Felice Falanga; Erica Bazzeghini; Karen Marra; Noemi Mattei; Emanuela Caputo in arte Morgana; Matteo Camellini; Dominique Chillé Diouf.

Team Pequeno: Ilenia Filippo; Michele Ciliberti e Giuseppe Aprile, in arte Mashup Loop; Josuè Previti; Ares Favati; Ina e Serena Sinani in arte Sindolls; Sophia Murgia.

Dagli studi di Rai Radio2, radio ufficiale di “The Voice of Italy”, i due conduttori d’eccezione Andrea Delogu e Stefano De Martino, come di consueto seguiranno in diretta il programma.
Ogni giorno tutte le piattaforme social di Rai2 e del programma danno la possibilità agli utenti di entrare nel backstage, non solo durante la messa in onda ma anche nel corso della settimana quando coach e talent si preparano per le performance. Indiscrezioni, approfondimenti e interviste mirate. Dirette social, jam session e interviste pungenti, con divertenti incursioni di Simona Ventura, compongono l’offerta digital, oltre naturalmente alla possibilità di rivedere le clip delle puntate e gli extra sul sito http://www.thevoiceofitaly.rai.it e sul canale YouTube di The Voice of Italy. Un filo diretto con i coach e Simona, consente al pubblico e ai fans di interagire e commentare le puntate costantemente attraverso l’hashtag #TVOI

Gli account del programma sono:
Twitter: THEVOICE_ITALY,
Instagram: thevoice_italy,
Facebook:Thevoiceufficiale

#RAI2: “Made in Sud” Serata dedicata all’America |OSPITI: il cantante Sal Da Vinci e l’attore Gianni Parisi, tra i protagonisti della quarta stagione di Gomorra.


(none)
Torna lunedì 6 maggio in prima serata su Rai2, alle 21.20, “Made in Sud”. Tra gag e risate, ad accompagnare il pubblico sarà la coppia di conduttori Stefano De Martino e Fatima Trotta, con la partecipazione di Biagio Izzo. Due gli ospiti della puntata: il cantante Sal Da Vinci e l’attore Gianni Parisi, tra i protagonisti della quarta stagione di Gomorra. Alla serie tv ambientata a Napoli sarà ispirata la parodia di Floriana De Martino e Luisa Esposito, mentre Francesco Albanese sarà protagonista della rivisitazione in chiave comica delle serie cult “Il trono di Spade”.
Sul palcoscenico, come sempre, saranno protagonisti i numerosi comici del cast le cui gag e gli sketch saranno ispirati al tema della serata: l’America. A partire dai battibecchi generazionali tra Antonio D’Ausilio e Francesco Paolantoni e dalle vicende del condominio di “Tra- Sit” con I Ditelo Voi, passando per i monologhisti Paolo Caiazzo,  Ciro Giustiniani, Simone Schettino, Antonio Giuliani e Marco Capretti,  i “neo genitori” Arteteca,  Matranga e Minaf, Manu e Luca, Enzo e Sal, la signora “Romilda” Maria Bolignano,  Mino Abbacuccio nei panni dell’ amico degli animali,  il “ parcheggiatore” Tommy Terrafino, Max Cavallari, Mariano Bruno, Gino Fastidio, i Radio Rocket, Emiliano Morana, la” influencer” Roxy Colace,  il professore Enzo Fischetti, e poi ancora Peppe Laurato con Rosaria Miele, Nello Iorio, Ettore Massa e  Peppe Iodice.  Colonna sonora della puntata sarà la musica di Frank Carpentieri, mentre non mancheranno i balletti delle Suddine firmati da Fabrizio Mainini.
 
Redazione