Rai1

CS_Antonella Clerici conduce il nuovo “The Voice Senior” su Rai1 |Da venerdì 27 in prima serata con i coach Loredana Bertè, Gigi D’Alessio, Al Bano e Jasmine, Clementino


(none)

Da venerdì 27 novembre, in prima serata su Rai1, arriva The Voice Senior, una variante over 60 del talent show che ha conquistato più di mezzo miliardo di spettatori in tutto il mondo. Lo show avrà una veste totalmente rinnovata e ricca di grandi novità, a partire dal cast e dal meccanismo del format. 
A tenere le fila delle 5 puntate, arriva alla conduzione Antonella Clerici, volto amatissimo della rete. Con lei i coach Loredana Berté, Gigi D’Alessio, Al Bano e sua figlia Jasmine – che rappresentano il team Carrisi – e Clementino. 
Grandi novità anche nella dinamica di gara di The Voice Senior, che avrà un meccanismo più snello: 3 puntate saranno dedicate alle Blind Auditions, le “audizioni al buio” che sono la cifra del programma: i giudici, di spalle, ascolteranno i concorrenti senza poterli vedere. Sarà solo la loro voce a doverli conquistare e, in quel caso, il coach potrà voltarsi per aggiudicarsi il concorrente in squadra. Se più coach si volteranno, invece, sarà il concorrente a decidere a quale coach affidarsi. 
In questa prima fase gli aspiranti talenti musicali tenteranno di conquistare i quattro coach, ma solo 24 tra loro, 6 per team, arriveranno alla semi finale, il Knock out, quando i talenti di ciascuna squadra si sfideranno fra loro con un cavallo di battaglia. Sarà il coach a decidere stavolta chi far andare avanti nella gara, e solo 2 concorrenti per team accederanno alla spettacolare finale, prevista domenica 20 dicembre.
The Voice Senior è prodotto in Italia per Fremantle da Marco Tombolini ed è figlio di The Voice, format internazionale creato da John de Mol tra i più visti al mondo e in onda in ben 62 Paesi. La regia è di Sergio Colabona.

Redazione

Redazione

CS_”Rita Levi-Montalcini” un film tv per celebrare una donna straordinaria


Giovedì 26 novembre su Rai1 il film di Alberto Negrin con Elena Sofia Ricci

(none)

Elena Sofia Ricci torna su Rai1 per dare volto e anima a Rita Levi-Montalcini nell’attesissimo film di Alberto Negrin, che vuole rendere omaggio alla vita straordinaria di una donna che ha consacrato tutta se stessa alla scienza e al progresso dell’umanità intera.
“Rita Levi-Montalcini” è una coproduzione Rai Fiction-Cosmo Productions EU, in onda in prima visione sulla rete ammiraglia giovedì 26 novembre in prima serata. Il soggetto è di Roberto Jannone, Francesco Massaro e Alberto Negrin che firmano anche la sceneggiatura insieme Monica Zapelli. Ad affiancare Elena Sofia Ricci, Luca Angeletti, nel ruolo di Franco, il collaboratore storico della Levi-Montalcini, Ernesto d’Argenio in quello di Lamberti, Franco Castellano nei panni del Professor Levi, Maurizio Donadoni in quelli del Professor Poli-Richeter e la giovane Elisa Carletti nelle vesti di Elena, una violinista di soli 12 anni che rischia di perdere la vista e che nella narrazione filmica diventa la fiamma che riaccende nella scienziata, ormai alla fine della sua carriera, la voglia di tornare a cimentarsi con il lavoro in laboratorio.
Neurologa, Premio Nobel per la medicina nel 1986, prima donna italiana ad ottenere nel campo della ricerca scientifica il riconoscimento di maggior prestigio internazionale. Un film tv per raccontare un personaggio planetario, donna coraggiosa, determinata, simbolo di intelligenza, eleganza e soprattutto, in un mondo declinato al maschile, del riscatto del ruolo femminile al quale ha contribuito in modo determinante avviando, con il suo esempio e il suo impegno, un cambiamento di portata epocale.
Il film parte dal culmine della carriera scientifica della Montalcini e analizza con sensibilità il dilemma morale che le ha amareggiato gli ultimi anni di attività: l’impossibilità di trovare un’applicazione clinica alla sua scoperta scientifica, il Fattore di Accrescimento Nervoso (NGF). La vicenda di fantasia della piccola Elena, che rischia la cecità, è il pretesto narrativo che consente di mettere in scena la battaglia morale che la grande scienziata ingaggia con se stessa, combattuta tra la paura di fallire e la tentazione di sedersi sugli allori. Rita alla fine accetta la sfida rischiosa di rimettersi di nuovo in gioco quasi al termine del suo prestigioso cammino.
La voglia di portare la scienza verso nuovi traguardi vince sull’orgoglio e sul timore del fallimento e Rita torna in laboratorio, con lo stesso entusiasmo dei suoi giovani collaboratori e con la consueta determinazione. Dimostrando a se stessa che la ricerca e la scienza non si possono fermare, in nome del progresso e del benessere dell’umanità.

Redazione

CS_”Rita Levi-Montalcini” un film tv per celebrare una donna straordinaria|Giovedì 26 novembre su Rai1 il film di Alberto Negrin con Elena Sofia Ricci


(none)

Elena Sofia Ricci torna su Rai1 per dare volto e anima a Rita Levi-Montalcini nell’attesissimo film di Alberto Negrin, che vuole rendere omaggio alla vita straordinaria di una donna che ha consacrato tutta se stessa alla scienza e al progresso dell’umanità intera.
“Rita Levi-Montalcini” è una coproduzione Rai Fiction-Cosmo Productions EU, in onda in prima visione sulla rete ammiraglia giovedì 26 novembre in prima serata. Il soggetto è di Roberto Jannone, Francesco Massaro e Alberto Negrin che firmano anche la sceneggiatura insieme Monica Zapelli. Ad affiancare Elena Sofia Ricci, Luca Angeletti, nel ruolo di Franco, il collaboratore storico della Levi-Montalcini, Ernesto d’Argenio in quello di Lamberti, Franco Castellano nei panni del Professor Levi, Maurizio Donadoni in quelli del Professor Poli-Richeter e la giovane Elisa Carletti nelle vesti di Elena, una violinista di soli 12 anni che rischia di perdere la vista e che nella narrazione filmica diventa la fiamma che riaccende nella scienziata, ormai alla fine della sua carriera, la voglia di tornare a cimentarsi con il lavoro in laboratorio.
Neurologa, Premio Nobel per la medicina nel 1986, prima donna italiana ad ottenere nel campo della ricerca scientifica il riconoscimento di maggior prestigio internazionale. Un film tv per raccontare un personaggio planetario, donna coraggiosa, determinata, simbolo di intelligenza, eleganza e soprattutto, in un mondo declinato al maschile, del riscatto del ruolo femminile al quale ha contribuito in modo determinante avviando, con il suo esempio e il suo impegno, un cambiamento di portata epocale.
Il film parte dal culmine della carriera scientifica della Montalcini e analizza con sensibilità il dilemma morale che le ha amareggiato gli ultimi anni di attività: l’impossibilità di trovare un’applicazione clinica alla sua scoperta scientifica, il Fattore di Accrescimento Nervoso (NGF). La vicenda di fantasia della piccola Elena, che rischia la cecità, è il pretesto narrativo che consente di mettere in scena la battaglia morale che la grande scienziata ingaggia con se stessa, combattuta tra la paura di fallire e la tentazione di sedersi sugli allori. Rita alla fine accetta la sfida rischiosa di rimettersi di nuovo in gioco quasi al termine del suo prestigioso cammino.
La voglia di portare la scienza verso nuovi traguardi vince sull’orgoglio e sul timore del fallimento e Rita torna in laboratorio, con lo stesso entusiasmo dei suoi giovani collaboratori e con la consueta determinazione. Dimostrando a se stessa che la ricerca e la scienza non si possono fermare, in nome del progresso e del benessere dell’umanità.

Redazione

CS_L’impegno Rai per la Giornata del 25 Novembre|Insieme contro la violenza sulle donne. Dipende da te, dipende da tutti noi


(none)

Insieme contro la violenza sulle donne. Dipende da te, dipende da tutti noi. 
È il messaggio che la Rai, nel pieno spirito del Servizio Pubblico, vuole mandare anche quest’anno in occasione della Giornata internazionale del 25 novembre, istituita nel 1999 dall’Assemblea generale delle Nazioni Unite.

Una ricca programmazione dedicata in tv, alla radio e sul web, iniziative collaterali, l’illuminazione della sede di viale Mazzini, il sostegno alle campagne istituzionali italiane ed europee, brevi spot in onda su tutte le reti Rai e sugli account social dei volti Rai, dei programmi e dei canali. Tanti strumenti per un unico scopo: unire pubblico, talent, giornaliste e giornalisti delle testate Rai  e addetti ai lavori in uno sforzo comune, una call to action contro la violenza, ancora più urgente e necessaria in questo periodo così difficile.

Se mediamente su base annua viene uccisa una donna ogni sei giorni, infatti, come riportato nell’ultimo Dossier Viminale, durante il lockdown per l’emergenza coronavirus le donne hanno rappresentato il 75,9% delle vittime di omicidi in ambito familiare-affettivo. Anche per questo, la Rai ha sentito l’urgenza e la necessità di trasformarsi in una vera e propria piazza virtuale per dare forza alla volontà di eliminare la violenza contro le donne, con una mobilitazione coesa promossa dalle Commissioni Pari Opportunità dell’Azienda e con il contributo di Rai per il Sociale.

In occasione della Giornata internazionale, inoltre, Rai Radio1 rilancia la campagna “No women no panel – Senza donne non se ne parla”, in collaborazione con la Rappresentanza della Commissione Europea in Italia e la Commissaria UE Mariya Gabriel, ideatrice dell’iniziativa. Il canale di Rai Radio si impegna dunque ad una equa rappresentanza di genere in tutte le trasmissioni, a valorizzare il talento e le competenze delle donne e degli uomini impegnati egualmente a dare il proprio contributo allo sviluppo civile, economico e culturale del Paese e chiede a tutte le sedi istituzionali, pubbliche, private, al mondo scientifico e mediatico di aderire a questo impegno, inserendo in maniera quanto più possibile paritaria nei convegni, nelle conferenze, nelle commissioni, nei dibattiti radiotelevisivi e sui giornali, presenze femminili e maschili.

Redazione

CS_A “Domenica In” su Rai1, un talk sulla finale di ‘Ballando con le stelle’ Tra gli ospiti Elena Sofia Ricci, Fabrizio Moro e i figli di Ugo Tognazzi


(none)

L’ undicesima puntata di “Domenica In”, in onda domenica 22 novembre dalle 14 su Rai1, in diretta dagli Studi ‘Fabrizio Frizzi’ di Roma e condotta da Mara Venier, si aprirà con un ampio spazio dedicato alla finalissima di “Ballando con le stelle”. Ci saranno in collegamento i 5 giudici: Guillermo Mariotto, Selvaggia Lucarelli, Carolyn Smith, Ivan Zazzaroni e Fabio Canino oltre al vincitore della 15° edizione di “Ballando” e alcuni protagonisti di questa edizione come Alessandra Mussolini e Mikael Fonts, Costantino della Gheradesca e altri che si collegheranno a sorpresa. L’attrice Elena Sofia Ricci sarà in studio per presentare la nuova fiction di Rai1 “Rita Levi Montalcini”, poi Ricky, Gianmarco e Maria Sole Tognazzi saranno in collegamento per ricordare il loro papà Ugo Tognazzi al quale hanno dedicato un libro dal titolo “UGO: la vita, gli amori e gli scherzi di un papà di salvataggio” edito da Rai-Libri. Per la musica, interverrà in studio il cantautore Fabrizio Moro che ha appena pubblicato un nuovo album dal titolo “Canzoni d’amore nascoste” e con la sua chitarra si esibirà in un medley dei suoi successi. Per lo spazio dedicato all’ informazione medico-scientifica, il prof. Matteo Bassetti, infettivologo e autore del libro “Una lezione da non dimenticare”, si collegherà da Genova per fare il punto sulla situazione in Italia in merito ai contagi da Coronavirus, in studio anche il giornalista Bruno Vespa. La regia è di Flavia Unfer.

Redazione

[C.S.]”Vite in fuga”: un family thriller con Claudio Gioè e Anna Valle


Da domenica 22 novembre su Rai1. Da venerdì 20 in anteprima su RaiPlay 

(none)

Un racconto che coniuga il fascino della saga familiare con le atmosfere incalzanti del thriller. In arrivo in prima serata su Rai1 la nuova e avvincente serie “Vite in fuga” sei prime serate, con Claudio Gioè e Anna Valle, Giorgio Colangeli e la partecipazione di Barbora Bobulova, per la regia di Luca Ribuoli. Una coproduzione Rai Fiction – PayperMoon Italia, in onda da domenica 22 novembre e disponibile in anteprima su RaiPlay, con i primi due episodi, da venerdì 20 novembre. Ad arricchire il cast Francesco Colella, Francesco Arca, Vera Dragone, Giovannino Esposito e la partecipazione straordinaria di Ugo Pagliai. Al centro della storia una famiglia come tante: una coppia ben collaudata, con due figli che vive nella tranquillità, riparata dalle certezze conquistate in tanti anni di convivenza. Nessun problema economico, nessun grattacapo con i ragazzi, nessuna frizione coniugale, anzi l’amore e la stima reciproca sembrano per i Caruana il perno focale attorno al quale far ruotare l’intera esistenza. Ma le cose stanno per cambiare. Un improvviso evento tragico li travolgerà tutti mettendo in serio pericolo l’incolumità dell’intera famiglia trasformando le loro tranquille esistenze in “vite in fuga”. 

Redazione

CS_Finalissima per “Ballando con le stelle”su Rai1 ballerina per una note Carolyn Smith


(none)

Gran finale per “Ballando con le stelle 2020”, sabato 21 novembre alle 20.35 su Rai1. Il dance show, condotto da Milly Carlucci con Paolo Belli, per dieci straordinari appuntamenti ha saputo incuriosire, appassionare, catturare l’attenzione del pubblico, ma anche dei milioni di followers, che di settimana in settimana hanno mantenuto #Ballandoconlestelle in testa alla classifica trending topic dei programmi più seguiti e amati dalla rete. Ballerina per una notte sarà, tenace, battagliera, ballerina e coreografa di fama internazionale, da molti considerata un vero “sergente di ferro”. Un esempio di come la danza può andare oltre i limiti della fisicità ed essere una sfida con sé stessi e con la vita. Per la finalissima di questa edizione .

Riflettori puntati su la regina della giuria Carolyn Smith, che sara’ ballerina per una notte. Carolyn si esibirà in un numero realizzato per l’occasione, per festeggiare non solo un’edizione da record, ma anche una ricorrenza “speciale”: i suoi primi 60anni. Durante la serata, non mancheranno i commenti pungenti di Roberta Bruzzone e la presenza del custode del tesoretto Alberto Matano, conduttore di Vita in Diretta.

Dopo settimane di prove interminabili, sfide emozionanti e ballottaggi estenuanti, sette coppie si contenderanno la vittoria: Tullio Solenghi – Maria Ermachkova; Paolo Conticini – Veera Kinnunen; Daniele Scardina – Anastasia Kuzmina; Gilles Rocca – Lucrezia Lando; Elisa Isoardi – Raimondo Todaro; Costantino della Gherardesca – Sara di Vaira. Dopo l’annuncio di Milly Carlucci della positività al Covid di Maykel Fonts, grande attesa per le sorti di Alessandra Mussolini, infatti, solo domani sera si saprà  se al suo fianco ci sarà un nuovo maestro o se nella finalissima ballerà da sola. Tante le prove che affronteranno le coppie in gara per convincere non solo il pubblico a casa, ma anche la temutissima Giuria in studio capitanata da Carolyn Smith, al suo fianco: Guillermo Mariotto, Fabio Canino, Ivan Zazzaroni e Selvaggia Lucarelli. Come al solito non mancheranno i commenti dell’antigiuria composta da: Rossella Erra, Antonio Razzi e Gianni Ippoliti. I Vip in gara nelle loro performance saranno accompagnati dal ritmo della Big Band guidata da Paolo Belli, che come sempre sarà la colonna sonora di questa serata.

Le coppie composte da Barbara Bouchet – Stefano Oradei, Ninetto Davoli – Ornella Boccafoschi, Lina Sastri – Simone Di Pasquale, Rosalinda Celentano – Tinna Hoffman; Vittoria Schisano – Marco De Angelis; Antonio Catalani – Tove Villfor,  eliminate dalla gara nelle puntate precedenti, potrebbero essere tra le vincitrici dei tre riconoscimenti che verranno assegnati nel corso della serata: Il Premio Aiello alla coppia che ha disputato il maggior numero di spareggi; il Premio Paolo Rossi per l’esibizione più emozionante e il Premio Speciale della Giuria alla migliore esibizione in assoluto.

Questa settimana gran finale anche per il torneo Ballando con te” dedicato alla gente comune, ci sarà quindi spazio per stili e balli diversi. A stabilire la vittoria finale del contest: il pubblico da casa, che potrà votare il concorrente preferito attraverso i social (Instagram, Facebook e Twitter). A causa dei protocolli Covid in vigore le esibizioni dei concorrenti sono state registrate nei luoghi di appartenenza. Si sfideranno per la finalissima: Giovanni Lupi e Livia Nulli (Roma), Naima Academy (Genova), The Project Kids (Bergamo), Desiree Zaccaro e Francesco Ficco (Taranto
Per tutti coloro che desiderano avere notizie particolareggiate sulla trasmissione e’ attivo il sito del programma: www.ballandoconlestelle.rai.it dove e’ possibile trovare informazioni sui vip, sui maestri di ballo, sulla giuria e sulle singole puntate della trasmissione.

Redazione

CS_Su Rai1 “Doc – Nelle tue mani”|ULTIMO EPISODIO CON LUCA ARGENTERO E MATILDE GIOLI


(none)

In prima visione assoluta su Rai1, l’ultimo appuntamento con “DOC – Nelle tue mani”, in onda giovedì 19 novembre, alle 21.25, con Luca Argentero, Matilde Gioli, Gianmarco Saurino, Sara Lazzaro e Giovanni Scifoni. Nell’episodio dal titolo “Io ci sono”, le condizioni di Agnese peggiorano rapidamente e Andrea trova l’appoggio di tutto il reparto per cercare di scoprire la malattia di cui soffre. Ma le accuse di un suo coinvolgimento nella falsificazione dei dati sulla sperimentazione farmaceutica che gli vengono mosse rischiano di allontanarlo dall’ospedale definitivamente. 

Redazione

CS_Gli ultimi episodi di “Gli orologi del diavolo”


Su Rai1 con Giuseppe Fiorello e Claudia Pandolfi

(none)

Quarto e ultimo appuntamento con “Gli orologi del diavolo”, la serie tv interpretata da Giuseppe Fiorello, Claudia Pandolfi e Nicole Grimaudo, in onda su Rai1 martedì 17 novembre alle 21.25, che racconta  la vicenda realmente accaduta a Gianfranco Franciosi e liberamente ispirata all’omonimo libro.
Nel primo episodio, a Madeira, il maltempo ritarda l’operazione e accresce l’ansia e la tensione di Marco che esplode quando scopre che suo padre è in punto di morte e lui non può tornare. Il giorno della partenza arriva. Marco riceve le coordinate per raggiungere Aurelio in pieno oceano. L’operazione congiunta tra Italia e Spagna scatta immediatamente e la nave con quattro tonnellate di droga viene requisita, ma Aurelio riesce a fuggire. Tornato in Italia, Marco assiste alla morte del padre e, pur di sfuggire alla sicura vendetta di Aurelio, è costretto assieme a Messia e ai figli di quest’ultima a finire sotto protezione.
Dopo l’ennesimo trasferimento in una nuova località, la crisi tra Messia e Marco esplode. Marco, pur di liberare la donna e la sua famiglia da quella schiavitù, la scaccia fingendo di non amarla più. Solo e, ormai, sull’orlo della follia, viene salvato da Messia che torna per lui. Insieme, decidono di rinunciare alla protezione. Tornati in paese, cercano di vivere una normalità impossibile, circondati dall’affetto dei loro cari. Ma il desiderio di vendetta di Aurelio è forte e capace di spazzare via tutto ciò a cui Marco tiene di più. Solo grazie all’aiuto di Jacopo, suo fratello, Marco riuscirà a salvarsi e a far arrestare Aurelio. L’incubo è finito per sempre. Forse.

Redazione

CS_”Gli orologi del diavolo” su Rai1 con Giuseppe Fiorello e Claudia Pandolfi


Una serie tv ispirata alla vera storia di un “eroe per caso” contro il narcotraffico

(none)

Terzo appuntamento con “Gli orologi del diavolo”, la serie tv interpretata da Giuseppe Fiorello, Claudia Pandolfi e Nicole Grimaudo, in onda su Rai1 lunedì 16 novembre alle 21.25. Una storia di grande impatto emotivo tratta da una vicenda realmente accaduta e liberamente ispirata all’omonimo libro scritto da Gianfranco Franciosi e Federico Ruffo. 
Nel primo dei due episodi, durante il Natale, Aurelio si reca in visita a Marco portandogli come regalo un costoso orologio. Il meccanico lo scaccia in malo modo, ma Aurelio lo avverte: non potrà liberarsi di lui. La polizia italiana lo spinge a continuare la missione ma Marco, che ormai può contare solo su sua figlia, si rifiuta. Si adopera allora per rimettere su il cantiere insieme a i suoi operai ed incontra Messia, una vecchia conoscenza con la quale sembra nascere qualcosa, ma in quel frangente scopre che suo padre, malato di cancro terminale, riceve le pressioni di un camorrista alleato di Aurelio. Così decide di liberarsi dalla morsa del boss, ad ogni costo.
Nel secondo episodio, Marco, che è stato catturato, riesce a imbonire Aurelio che gli concede il suo perdono e lo porta a conoscere la moglie e il figlio che vivono nascosti in una piccola isola al largo della Spagna. Aurelio gli chiede di accompagnarlo in un nuovo carico. L’ultimo, che permetterà a entrambi di ritirarsi. Marco accetta. Mentre esplode l’amore con Messia, il meccanico prepara una barca capace di affrontare l’oceano perché, stavolta, lo scambio di droga avverrà in mare aperto. Mentre suo padre si aggrava, Marco è costretto a partire non prima di aver confessato a Jacopo, suo fratello, e ad Messia la verità, ma non a sua figlia che lo guarda andar via con il cuore a pezzi.

Redazione