Rai2

“Mare fuori” una nuova serie tv su Rai2 |In onda in prima serata da mercoledì 23 settembre. La prima puntata in anteprima su RaiPlay sabato 19


(none)

L’IPM (Istituto di Pena Minorile) di Napoli ospita i ragazzi che sbagliano. C’è chi sbaglia senza volerlo, chi sbaglia con premeditazione e chi pensa che lo sbaglio sia farsi arrestare e non quello di commettere il crimine.
Quando si è adolescenti, il confine tra bene e male è spesso labile, un sottile filo su cui si vuole camminare per mettersi alla prova e soddisfare i propri desideri, senza paura, o senza mostrare di averla.
L’Istituto Minorile è a picco sul mare e ospita 70 detenuti: 50 ragazzi e 20 ragazze. Quando entrano, hanno sempre meno di 18 anni.
Filippo (Nicolas Maupas) è un ragazzo borghese della Milano bene, figlio e studente modello che, in seguito a una notte brava, viene ritenuto responsabile della morte del suo migliore amico. Carmine (Massimiliano Caiazzo) è un ragazzo di Secondigliano che fa di tutto per sfuggire al destino criminale previsto dalle sue origini familiari. La ‘Famiglia’ infatti lo chiama ‘o Piecuro perché vorrebbe lavorare onestamente. Quando però un ragazzo figlio di un clan avverso prova a violentare la sua ragazza, Carmine reagisce in maniera efferata. Edoardo (Matteo Paolillo) è un piccolo grande boss di sedici anni. Ha già un figlio in arrivo dalla fidanzata che lo aspetta fuori, ma si innamora di Teresa, una studentessa che fa volontariato in carcere. Viola (Serena De Ferrari) ha ucciso sua madre senza averne apparentemente motivo e non sembra pentita di quello che ha fatto. Naditza (Valentina Romani) è una ragazza rom che preferisce stare in casa invece che nel campo nomadi dove il padre la vuole dare in sposa a un uomo orrendo.
Insieme ai giovani detenuti ci sono gli adulti che governano il carcere: l’ambiziosa direttrice (Carolina Crescentini), l’appassionato comandante di polizia penitenziaria (Carmine Recano), gli educatori, il cuoco, il barbiere e tutti coloro che ogni giorno cercano di aprire una piccola finestra su un futuro diverso da quello che i ragazzi sono convinti debba essere il loro.
La nuova serie “Mare fuori”, una coproduzione Rai Fiction e Picomedia, prodotta da Roberto Sessa con la regia di Carmine Elia, racconta le loro storie. Sei prime serate in onda su Rai2 da mercoledì 23 settembre e in anteprima su RaiPlay da sabato 19 settembre. Tra minacce, amori, fughe, esami di scuola, partite di pallone, risse, cadute all’inferno e inaspettate resurrezioni si scoprirà che l’IPM ha le sue regole, le sue alleanze, le sue leggi.
Quando vivi in una cella che si affaccia sul mare e quel mare ogni giorno ti regala il vento e i suoi profumi, è molto più difficile dire addio alla libertà.

Redazione

CS_Su Rai2 “Io tu noi, Lucio “racconta Battisti


Un docufilm con Sonia Bergamasco sul cantautore italiano, a 22 anni dalla scomparsa

(none)

Un viaggio nella musica del grande Lucio Battisti.  A 22 anni dalla sua scomparsa, che ricorre il 9 settembre, Rai2 vuole rendergli omaggio mandando in onda, giovedì 10 settembre in prima serata alle 21.20, “Io tu noi, Lucio”,  un docufilm di Giorgio Verdelli.
A guidare gli spettatori nel percorso musicale del più innovativo tra i cantautori e musicisti italiani, attraverso un racconto fatto di voci e testimonianze inattese, sarà l’attrice Sonia Bergamasco.
“Io tu noi, Lucio” sarà un viaggio nell’universo di Lucio Battisti, dagli esordi come chitarrista nei dancing ai trionfi con Mogol, sino agli ultimi dischi con i testi della moglie, in arte Velezia, e del poeta Pasquale Panella. Musicisti, amici e collaboratori racconteranno l’artista inimitabile e l’uomo di rottura che ha abbattuto tutti gli schemi della musica italiana, rivelando tutti i segreti di una personalità complessa, che si celava dietro un’ apparente semplicità musicale, ma che nascondeva, invece,  un produttore meticoloso e che non lasciava nulla al caso. Nel docufilm, saranno Carlo Verdone, Paola Turci, Ron, Eugenio Finardi, Niccolò Fabi, Gianna Nannini, Riccardo Scamarcio, Vasco Rossi, Ermal Meta, Mogol, Geoff Westley, Edoardo Bennato, Mario Lavezzi, Mario Biondi, Renzo Arbore a raccontare suggestioni musicali e poetiche del grande cantautore. E ancora, Tony Cicco, Franco Mussida, Claudio Pascoli, Franco Daldello, Roby Matano, Pietruccio Montalbetti, Alberto Radius, Vince Tempera, Alberto Salerno, Ron, Mara Maionchi,  Claudio Bonivento, Le Vibrazioni, Colapesce, Antonio Di Martino. A fare da collante le straordinarie immagini d’archivio, legate alle sue canzoni, capolavori immortali entrati a pieno titolo anche nel linguaggio comune degli italiani: Ancora tu, Il tempo di morire, Un’avventura, Acqua azzurra, acqua chiara, Il mio canto libero, Emozioni, I giardini di marzo, Anna, La collina dei ciliegi, Io vorrei…non vorrei…ma se vuoi, Sì, viaggiare, Con il nastro rosa, La canzone del sole, Non è Francesca, e tantissimi altri successi.

“Io tu noi, Lucio” con Sonia Bergamasco, è prodotto da Alessandro Lostia per Indigostories ed è scritto e diretto da Giorgio Verdelli.

Redazione

Su Rai2 torna “Stracult live show” Il programma dedicato alla settima arte compie 20 anni


(none)

Torna il programma di cinema più “cult” della tv italiana: da lunedì 7 settembre a mezzanotte su Rai2 Stracult Live Show, condotto, per il quarto anno consecutivo, dal trio composto da Marco Giusti, Fabrizio Biggio e Andrea Delogu.  
Il programma, che quest’anno compie 20 anni, torna al Teatro delle Vittorie, per ora senza pubblico a causa delle restrizioni legate all’emergenza sanitaria.
La storia del cinema, i B-movie, le grandi opere della settima arte, le chicche nostrane e internazionali, le novità in sala e in streaming, le produzioni cinematografiche più originali e bizzarre, il presente e il futuro del cinema al tempo del Covid: di questo e molto altro si parlerà nelle puntate di Stracult Live Show con i principali protagonisti, artisti e artigiani del cinema italiano e internazionale. Non mancheranno anche quest’anno i commenti ironici dei The Pills e di Gmax e i contributi musicali degli Statale 66.
Nella prima puntata, uno spazio speciale dedicato al Festival del Cinema di Venezia: in collegamento dal Lido, Marco Giusti intervisterà attori e registi e racconterà questa 77esima edizione.

Redazione

CS_Torna Musicultura su Rai2 con Enrico Ruggeri


(none)

Grandi nomi della musica italiana ed internazionale, nella meravigliosa cornice dell’Arena Sferisterio di Macerata, per la 31a edizione di Musicultura – Festival della canzone popolare e d’autore in onda su Rai2 il 3 settembre alle 23.40, con la conduzione di Enrico Ruggeri. Tra gli ospiti Massimo Ranieri, Roberto Vecchioni, Asaf Avidan, Tosca,  Salvador Sobral (vincitore dell’Eurovision 2017), Francesco Bianconi,  i Pinguini Tattici Nucleari, e il poeta filastrocchiere Bruno Tognolini. Un grande appuntamento con la musica dal vivo, in particolare con la canzone d’autore e al suo connubio con la parola, la poesia, il teatro… tra grandi successi e performance uniche. Come l’originale cover di “A me mi piace vivere alla grande” di Franco Fanigliuolo che vedrà Enrico Ruggeri e Francesco Bianconi protagonisti di un duetto inedito. Roberto Vecchioni farà suo “Sopra Milano”, un brano di Piero Cesanelli, ideatore del Musicultura Festival, scomparso pochi mesi fa, eseguendolo per la prima volta su un palco.
Anche Massimo Ranieri omaggerà la rassegna che da sempre si impegna nella ricerca e nella valorizzazione dei giovani cantautori, eseguendo il brano “Mia Ragione”, scritto da Fabio Ilacqua, finalista a Musicultura 2007. Da oltre trent’anni il festival della Canzone Popolare e d’autore Italiana (già Premio Recanati) favorisce il ricambio artistico-generazionale attraverso il concorso, sempre attento ai nuovi linguaggi e alla loro capacità di confrontarsi con il patrimonio d’eccellenza della tradizione. Nel corso dello speciale si conosceranno anche i quattro finalisti di questa edizione 2020: Blindur (Napoli), Fabio Curto (Acri, Cs), I Miei Migliori Complimenti (Milano) e Miele (Caltanisetta) e i brani da loro scritti e interpretati, e  e si assisterà all’incoronazione del vincitore assoluto. Una finalissima che giunge al termine di una selezione partita nel novembre scorso da 761 proposte, che ha trovato in Rai Radio 1 una sponda radiofonica e che ha coinvolto l’illustre Comitato Artistico di Garanzia di Musicultura, del quale furono primi firmatari Fabrizio De André e Giorgio Caproni. Il voto del pubblico deciderà l’assegnazione dei 20.000 euro del primo premio assoluto.

CS_Festival di Castrocaro, la finale della 63esima edizione su Rai2 e Rai Radio2|Giovedì 27 agosto in prima serata. Conduce Stefano De Martino


(none)

Sarà Stefano De Martino a condurre, per la seconda volta, la finale della 63esima edizione del Festival di Castrocaro.  L’appuntamento è fissato per giovedì 27 agosto in prima serata su Rai2 e, in contemporanea, su Rai Radio 2. A fare da cornice all’evento, il Padiglione delle Feste di Castrocaro Terme e Terra del Sole.
Le selezioni (che si sono svolte solo online a causa dell’emergenza Coronavirus) sono state superate da 8 ragazzi che nella serata finale cercheranno di entrare nella storia del primo talent della musica italiana, un festival che negli anni ha visto nascere grandi star come Eros Ramazzotti, Zucchero, Nek, Fiorella Mannoia e Laura Pausini. 

Chi riuscirà a seguire le orme di questi artisti amati anche all’estero? Sul palco saliranno Federico Castello in arte Fellow, 20 anni di Asti; Jacopo Ottonello in arte Jacopo, 21 anni di Savona; Laura Fantauzzo, 18 anni di Avezzano (Aq); Le Radici, duo composto da Marco Costanzo e Mario Cianniello, 27 anni entrambi di Napoli; Nadia D’Aguanno, 19 anni di Cassino (Fr); Niccolò Dainelli in arte Daino, 21 anni di Parabiago (Mi); Stefano Farinetti in arte Neno, 21 anni di Torino; i Watt , quartetto composto da Greta Elisa Ravelli Rampoldi, Matteo Ravelli Rampoldi, Luca Corbani e Luca Vitariello di Milano.

Gli otto finalisti hanno superato le semifinali che si sono tenute domenica 5 luglio a Palazzo Pretorio dopo le audizioni in programma nei due giorni precedenti che hanno visto la partecipazione di 42 promesse della musica. Tutte le iscrizioni dei partecipanti alle selezioni sono state gratuite. Tantissime le richieste arrivate tramite i siti del Festival di Castrocaro.  

Nel corso della serata del 27 agosto, il percorso degli 8 finalisti in gara sarà determinato da una giuria composta da 4 artisti della musica italiana.

La 63esima edizione del Festival di Castrocaro è presentata da Arcobaleno Tre in collaborazione con il Comune di Castrocaro Terme e Terra del Sole. 

Redazione

CS_Ultima puntata di “Made in Sud” su Rai2 | Ospiti Enzo Avitabile e Rocco Hunt


 

(none)

Sarà una grande festa, lunedì 20 luglio, alle 21.20, per l’ultima puntata della decima edizione di “Made in Sud”, lo show prodotto da Rai2 in collaborazione con Tunnel Produzioni. Al timone del programma tra gag, musica e risate ci saranno i conduttori: Stefano De Martino e Fatima Trotta insieme a Biagio Izzo con le sue incursioni comiche. Tema della puntata: “Il gran finale”. Ospiti della trasmissione: Enzo Avitabile e Rocco Hunt che canteranno insieme sul palcoscenico dell’Auditorium del CPTV di Napoli. 
Presenti naturalmente anche i due ospiti speciali di questa edizione : Lello Arena e Sal Da Vinci che proporrà al pubblico un medley di canzoni dedicate a Napoli e canterà inoltre il suo ultimo successo “Viento”.
Tantissimi gli artisti che si avvicenderanno sul palcoscenico per portare allegria nelle case e che daranno vita a moltissimi momenti di interazione tra i vari personaggi in un clima di grande allegria:  Paolo Caiazzo, Mino Abbacuccio, Mariano Bruno, Ciro Giustiniani, Enzo e Sal, I Ditelo Voi, gli Arteteca, Maria Bolignano, I Sud 58, I Radio Rocket, Francesco Albanese, Peppe Iodice, Nello Iorio, Matranga e Minafò, I Respinti, Enzo Fischetti,Ettore Massa, Antonio D’Ausilio, Peppe Laurato , Rosaria Miele, Rosario Alagna alias Gianni Lattore, Tommy Terrafino , I Gemelli di Guidonia, Vincenzo De Lucia, le Sex and the Sud, Manu e Luca. 
Musiche di Frank Carpentieri e scenografia firmata Alida Cappellini e Giovanni Licheri, ricca di riferimenti alle città di mare, con una grande nave e un faro posizionati su un lato del palco e la presenza della Sirena Partenope.
Realizzato nel Centro di Produzione Tv Rai di Napoli, prodotto da Rai2 in collaborazione con Tunnel produzioni, “Made in Sud” è un programma di Nando Mormone e Paolo Mariconda. Produttore esecutivo Tunnel Fabio Tassan Pagnochet. Regia di Sergio Colabona.

Redazione

CS_Su Rai2 il divertimento é “Made in Sud”|Ospiti Rocco Hunt e Ana Mena


(none)

Tutto pronto per la quinta puntata di “Made in Sud”,il programma di Rai2 che andrà in onda dall’Auditorium del Centro di Produzione TV di Napoli, lunedì 13 luglio in prima serata. Ad accompagnare i telespettatori tra gag, musica e molte risate, saranno come sempre, i conduttori Stefano De Martino e Fatima Trotta insieme con  Biagio Izzo e le sue incursioni comiche. Il tema di questa settimana sarà “la fatica”.Ospiti della trasmissione: Rocco Hunt e Ana Mena, che canteranno la loro nuova hit “A un passo dalla luna”, brano frutto di una collaborazione internazionale inedita tra l’inarrestabile poeta urbano e la nuova stella del pop latino. Sarà un confronto tra due star amatissime dal pubblico: da una parte il protagonista e autore di alcune delle hit più importanti della storia contemporanea italiana, dall’altra un’artista completa che continua a collezionare grandi successi, con centinaia di milioni di stream all’attivo. Nella puntata tanti altri ospiti sono pronti a salire sul palco di “Made in Sud”: Lello Arena e Sal Da Vinci, ma anche  Paolo Caiazzo, Mino Abbacuccio, Mariano Bruno, Ciro Giustiniani, Enzo e Sal, I Ditelo Voi, gli Arteteca, Maria Bolignano, I Sud 58, I Radio Rocket, Francesco Albanese, Peppe Iodice, Nello Iorio, Matranga e Minafò, I Respinti, Enzo Fischetti, Ettore Massa, Antonio D’Ausilio, Peppe Laurato , Rosaria Miele, Rosario Alagna alias Gianni Lattore, Tommy Terrafino , I Gemelli di Guidonia, Vincenzo De Lucia . Made in Sud è un programma realizzato nel Centro di Produzione Tv Rai di Napoli, prodotto da Rai2 in collaborazione con Tunnel produzioni. La regia è di Sergio Colabona.

CS_Al via su Rai2 la decima edizione di “Made in Sud”|Conducono Stefano De Martino e Fatima Trotta


(none)

La comicità targata “Made in Sud” torna in prima serata su Rai2, da martedì 16 giugno alle 21.20.  Il celebre show, prodotto da Rai2 in collaborazione con Tunnel Produzioni, sarà uno dei primi programmi di intrattenimento a tornare in onda da un grande studio – l’Auditorium del CPTV di Napoli – sempre nel rispetto delle regole anticontagio. Un ricco varietà fatto di comicità, risate, musica, colori e divertimento, che andrà in onda tutti i martedì sera, per sei settimane. Tante le novità e molte le conferme. Al timone del programma ritroveremo Stefano De Martino e Fatima Trotta, e, a fare da spalla ai due presentatori, Biagio Izzo, con le sue incursioni comiche. Per questa edizione il cast sarà impreziosito dalla presenza di Lello Arena e Sal Da Vinci come ospiti fissi e di Enzo Avitabile, ospite speciale in alcune puntate.  
Nel corso della prima puntata interverrà anche il rapper Clementino che duetterà sul palco con Avitabile; il cast del programma renderà poi omaggio ad un grande artista napoletano, Renato Carosone, in occasione dei 100 anni dalla nascita, con un medley delle sue canzoni.
Oltre quaranta gli artisti che in questa stagione si avvicenderanno sul palcoscenico: comici già affermati che proporranno vecchi e nuovi personaggi, ma anche sketch e gag che vedranno l’ingresso in squadra di molti volti nuovi, secondo quella che è sempre stata una delle prerogative della trasmissione. In questa edizione vedremo alternarsi sul palco Paolo Caiazzo, Mino Abbacuccio, Mariano Bruno, Ciro Giustiniani, Enzo e Sal, I Ditelo Voi, gli Arteteca, Maria Bolignano, Manu e Luca, I Sud 58, I Radio Rocket, Francesco Albanese, Peppe Iodice, Nello Iorio, Simone Schettino, Matranga e Minafò, le Sex and Sud, Enzo Fischetti, Uccio De Santis, Ettore Massa, Antonio D’Ausilio, Peppe Laurato, Rosaria Miele, Rosario Alagna, Tommy Terrafino e poi le new entry Piero Salerno, Damiano Terzo, Claudio Di Giovanni, Giuseppe Accetta, I Gemelli di Guidonia, Adel Ahmed, Vincenzo De Lucia, Sara Carannante, Irene Pariota, Rosaria Frenza.
Il tutto condito dalla spumeggiante musica firmata da Frank Carpentieri e inserito nella suggestiva scenografia firmata Alida Cappellini e Giovanni Licheri, ricca di riferimenti alle città di mare, con una grande nave e un faro posizionati su un lato del palco.

“Made in Sud” è un programma di Nando Mormone e Paolo Mariconda,scritto con Francesco Albanese, Gian Luca Belardi, Riccardo Cassini, Francesco Velonà e Ciro Ceruti. Scenografia di Alida Cappellini e Giovanni Licheri. Scenografia di Alida Cappellini e Giovanni Licheri. Regia di Sergio Colabona.

CS_


CS_Apertura regioni e passaporti sanitari a Petrolio Antivirus su Rai2

Tra gli ospiti il presidente dell’Anci Antonio Decaro

(none)

Continua la serie di puntate-inchiesta di Petrolio-Antivirus. Sabato 30 maggio, su Rai2 alle 21.05 si risponderà alle domande sull’apertura delle regioni. L’indice di contagio di ogni zona è il termometro per valutare i rischi degli spostamenti. Ci potremo spostare in sicurezza? Potremo fare le vacanze in regioni diverse da quelle in cui viviamo? Che cosa sono i passaporti sanitari che alcuni Governatori vogliono chiedere ai turisti? E come ci comporteremo invece con gli altri paesi dell’area Schengen? Ci saranno test da fare in ingresso e in uscita e delle quarantene da affrontare, o dalla prossima settimana potremmo circolare tutti liberamente? E ancora: il virus è sempre lo stesso, oppure, come sostengono alcuni scienziati si è indebolito e potrebbe essere meno aggressivo e letale? Cosa ci racconta la scoperta del ceppo di Brescia? Il dibattito tra gli scienziati è più aperto che mai, e intanto si scoprono nuove complicazioni legate alla malattia. Petrolio si interrogherà sulle scelte della politica e le scoperte della scienza, ma anche sulla profonda crisi economica che si sta addensando sul nostro paese. Una crisi a cui anche l’Europa in queste ore sta cercando di dare risposte. Interverranno nel corso della puntata: Giuseppe Remuzzi, direttore Istituto di Ricerche farmacologiche Mario Negri; Matteo Bassetti, infettivologo Ospedale San Martino di Genova; Massimo Andreoni, direttore scientifico della Società Italiana Malattie Infettive; Luca Richeldi, presidente della Società Italiana di Pneumologia; Arnaldo Caruso, presidente della Società Italiana di Virologia; Pierluigi Lopalco, epidemiologo dell’Università di Pisa e Antonio Decaro, presidente dell’Anci.
Petrolio è un programma di Duilio Giammaria, per la regia di Maria Cristina Bordin.

Redazione

CS_Su Rai2 ultimo appuntamento con “Che Tempo Che Fa” di Fabio Fazio|Tra gli ospiti anche la Ministra dell’interno Luciana Lamorgese


(none)

Domenica 24 maggio su Rai2 va in onda l’ultimo appuntamento della stagione 2019/2020 di Che Tempo Che Fa di Fabio Fazio con un’altra puntata di servizio pubblico e informativo ampiamente dedicata all’emergenza Coronavirus, sia nell’appuntamento delle ore 21.00 sia in quello precedente con Che Tempo Che Farà, in onda alle ore 19.15.   
Ospiti della puntata, che vede gli interventi di Luciana Littizzetto, Filippa Lagerbåck, Gigi Marzullo, Mago Forest, Nino Frassica, Ale e Franz, Raul Cremona: la Ministra dell’Interno Luciana Lamorgese; il Presidente del CONI Giovanni Malagò; Simone Inzaghi; Paola Perego; Roberto Saviano, in collegamento da New York; Francesco Piccolo, ora nelle librerie con “Momenti trascurabili vol. 3”; Marco Travaglio; l’economista Carlo Cottarelli; Giampiero Mughini; Enrico Brignano; Carlo Verdelli; Lello Arena; Raphael Gualazzi con una speciale esibizione live.
E ancora, Roberto Burioni; il direttore di Immunodeficienze Virali all’Istituto nazionale malattie infettive Spallanzani di Roma Andrea Antinori; il microbiologo Rino Rappuoli, direttore scientifico della divisione vaccini della GSK di Rosia (Siena).
Prosegue lo spazio con l’aggiornamento dal mondo, con il direttore di Rai News Antonio Di Bella e i corrispondenti Rai Giovanna Botteri da Pechino, Claudio Pagliara da New York, Marc Innaro da Mosca, Iman Sabbah da Parigi e Marco Varvello da Londra.

Redazione