Raphael Gualazzi

23/3/2018 NOTIZIE MUSICALI ANSA: #GUALAZZI, IN GIAPPONE CON ALBUM E LIVE – LORENZO #FRAGOLA ESCE CON UN NUOVO BRANO “BATTAGLIA NAVALE”


Gualazzi, in Giappone con album e live

Dopo aver conquistato l’Europa e aver suonato in Canada e Usa, Raphael Gualazzi sbarca in Giappone con l’album “Best of” (Sugar), una raccolta di successi contenuti nei suoi tre precedenti dischi, e un live nel tempio del jazz, il Blue Note di Tokyo.

“Best of” è la prima uscita discografica in Giappone di Gualazzi: l’album è un viaggio nella sua discografia che attraversa gli ultimi 7 anni della sua musica, da “Reality and Fantasy”, che nella versione remix di Gilles Peterson, nel 2011, entrò nelle classifiche di vendita digitali di tutto il mondo, fino a “L’Estate di John Wayne”, passando per “Liberi o No”, collaborazione con The Bloody Beetroots che gli valse nel 2013 il secondo posto a Sanremo e ancora “Follia d’amore”, che gli portò la vittoria di Sanremo Giovani nel 2011 (Premio della Critica Mia Martini, Premio della Sala Stampa Radio-Tv e Premio Assomusica) e il secondo posto, con la versione inglese “Madness of Love” (presente anch’essa nel “Best of”), all’Eurovision Song Contest.

 Fragola, nuovo brano Battaglia Navale

Battaglia Navale, in uscita il 30 marzo, è il nuovo singolo scritto da Lorenzo Fragola e prodotto insieme a Mace. Il brano anticipa l’album di inediti atteso per aprile (Sony Music) e che arriva a due anni di distanza da Zero Gravity e dopo la fortunata collaborazione con Takagi & Ketra in L’Esercito del Selfie, hit che ha dominato le classifiche della scorsa estate.

MUSICA: AMORE, VITA E PACE SECONDO RAPHAEL GUALAZZI


E’ disponbile in preorder fisico e digitale, su Musicfirst.it e iTunes, “Love Life Peace“, il nuovo album di Raphael Gualazzi, in uscita il 23 settembre su etichetta Sugar. Su iTunes, nella versione digitale, subito disponibili come instant gratification i brani “L’estate di John Wayne”, “Pinzipo”, canzone composta per la colonna sonora della serie tv di successo “Tutto può succedere”, e l’omonima “Love Life Peace”. Le copie fisiche, in cd e vinile, disponibili su musicfirst.it sono tutte autografate dall’artista. “Love Life Peace” nella versione CD uscirà in un esclusivo packaging in 3D che riproduce un pianoforte componibile che come un puzzle tridimensionale si unisce e si incastra in tutte le sue parti.

Torneranno i cinema all’aperto e i riti dell’estate
le gonne molto corte
tornerà Fellini e dopo un giorno
farà un film soltanto per noi

Torneranno i figli delle stelle
non scoppieranno guerre
le facce un po’ annoiate su riviste patinate
ed anche John Travolta per ballare con te

Quello che resta del sole, te lo porto a casa
Stasera ho voglia di cantare, gridare e di abbaiare come un cane

Quello che resta da dire, lo diremo domattina
Stasera ho voglia di cantare, di gridare, di ballare in riva al mare

Torneranno i cinema all’aperto e i dischi dell’estate
le celebri banane di Andy Warhol tornerà
Lupin e farà un colpo eccezzionale per noi

Torneranno i figli delle stelle sui tuoi sedili in pelle
le penne stilo in mano e le vacanze in treno
forse anche Pertini per un poker con John Wayne

Quello che resta del sole, te lo porto a casa
Stasera ho voglia di cantare, di gridare e poi ricominciare

Quello che resta da dire, lo diremo domattina
Stasera ho voglia di cantare, di gridare, di ballare in riva al mare

Quello che resta del sole, te lo porto a casa
Stasera ho voglia di cantare, di gridare di abbaiare come un cane

Quello che resta da dire, lo diremo domattina
Stasera ho voglia di cantare, di gridare, di ballare in riva al mare

Stasera ho voglia di cantare, di gridare e poi ricominciare!

Redazione

“CHE TEMPO CHE FA?” A SANREMO 2014: MALGIOGLIO INDIGNATO, I SUPEROSPITI, I “BIG” … IN AZERBAIGIAN … E GLI “EX TALENT”?”


sanremo-20141-520x292

Il settimanale “Nuovo” (n. 52 02/01/2014), con una breve inchiesta, ha cercato di “tastare il polso” del gradimento e delle reazioni espressi a botta calda da pubblico e “addetti ai lavori” a proposito del prossimo festival della canzone italiana, il 64esimo per la precisione (18 – 22 febbraio 2014), a pochi giorni di distanza dalla lettura della lista dei partecipanti da parte del conduttore Fabio Fazio e l’autore dell’articolo, a dire il vero, non sembra abbandonarsi a entusiasmi spontanei o toni favorevolmente sorpresi. Ecco chi sono i “big-per-modo-di-dire” che “non convincono” pienamente: Francesco Sarcina, Frankie Hi-Nrg Mc, Giuliano Palma, Renzo Rubino, Riccardo Sinigallia, Raphael Gualazzi, Perturbazione, Cristiano De Andrè, Giusy Ferreri, Francesco Renga, Ron, Antonella Ruggiero, Arisa e Noemi.

Naturalmente, Fazio difende a spada sguainata le sue scelte, dicendo di aver voluto creare un “mix” di “classico e contemporaneità”, scommettendo su pezzi che possano interessare le radio e promettendo “superospiti” internazionali (uno fra tutti, Justin Bieber) e non, per accendere di mondanità le serate della Riviera dei Fiori. Nell’articolo si evidenzia che potrebbe rivelarsi un errore da scontare a caro prezzo l’aver volutamente trascurato l’ ”anima nazional-popolare della kermesse” e quelli che ne sono sempre stati gli interpreti “storici”, infatti proprio alcune “(ex)star di Sanremo” sono impegnate in questi giorni in una serie di esibizioni a Baku, in Azerbaigian, dove sono acclamatissime; qualche nome?Al Bano, Toto Cutugno, Ricchi e Poveri, Pupo, Tony Esposito, Fiordaliso, Ivana Spagna

Il più accanito detrattore del “cast” di cantanti di Sanremo 2014 è Cristiano Malgioglio -professa la sua stima solo per Francesco Renga e Giusy Ferreri-, che rifarebbe interamente alla sua maniera, ammettendo in gara “Rettore, Alice, Oxa, Mango”, più qualche appartenente a quello che definisce “Jurassic Park di successo”, come anche, udite, udite “Giovani artisti provenienti dai talent show (che?non aveva sempre sostenuto il contrario?… come rimangiarsi la parola impunemente)”, mentre su Antonella Ruggiero orfana dei “Matia Bazar” è impietosamente crudele “In versione solista è un’artista fuori mercato”; qualche altro parere: il giornalista Dario SalvatoriI big in gara hanno bisogno del rilancio … a me piacerebbe il contrario, ovvero che il festival potesse trovare forza e giovamento da determinati artisti …”, il paroliere Paolo Limiti “(ndr si riferisce all’edizione 2013) … Quei brani facevano letteralmente schifo. A febbraio 2014 accenderò la tv, ma se nei primi venti minuti ascolterò canzoni orrende, giuro che spegnerò tutto …”, Iva ZanicchiQuando ho letto la lista dei big, in relazione a qualcuno, la prima cosa che ho detto è stata –E chi è questo?- Non avrei escluso gli allievi dei talent, perché ormai –Amici-, -XFactor- e –The Voice- sono una realtà”, le fa eco un’altra cantante, Emanuela VillaI ragazzi dei talent portano un gran numero di telespettatori”, certo, come dimenticare la forza dirompente e liberatoria del televoto, in cui è specializzata soprattutto questa tipologia di pubblico, che sarà quindi privato della soddisfazione impagabile di potersi “sfogare” con la digitazione rabbiosa, nervosa e compulsiva, a mezzo apparecchi fissi e mobili, di numeri telefonici e codici in grado di far volare il più in alto possibile i propri beniamini?come dire “no televoto (a dire il vero ci sarà, ma si può, ragionevolmente, prevederne, quantitativamente, un crollo), no party”.

Tra gli esclusi di quest’anno, nella sezione ”Sanremo Giovani”, la “ex-amiciana” Claudia Casciaro che parla di “Pregiudizio verso chi viene dai talent … Tanti sono convinti che i ragazzi dei talent non siano credibili”, più accomodante il collega Luca Napolitano (ndr finalista ad “Amici8”), che dice di comprendere la volontà di Fazio di ritornare a un Sanremo “pre-talent” “E’solo la prima volta che vengono esclusi i partecipanti dei talent, in particolare di –Amici- (ndr vero è che Noemi e la Ferreri, presenti al festival, si sono fatte conoscere a –XFactor-, stessa categoria di provenienza –talent-, ma ormai ne sono considerate, a tutti gli effetti, affrancate, a differenza di altri), io dico di metterlo alla prova …” e continua “Non succede nulla se per un’edizione mancano –Amici-, -The Voice- e –XFactor-, in particolare i partecipanti degli ultimi anni” a chi avrà alluso il giovane cantautore napoletano? Il 2008, quando nella “scuola” della De Filippi vinse Marco Carta, poi rivelazione di Sanremo 2009 è troppo lontano? E il 2009 quando arrivò secondo Valerio Scanu, poi affermatosi, a sua volta, a Sanremo 2010? Il 2010, quando prevalse Emma Marrone, poi “laureata”, come i predecessori, a Sanremo, nel 2012? Marco Mengoni, primo a “XFactor” nel 2009 e a Sanremo 2013? Non è difficile capire, a questo punto, perché gli “ex-talent” siano avversati su così tanti fronti.

[Articolo a cura di Fede]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: