Real Time

Amici15: il ritorno di Stefano De Martino e le new entry: Fabrizio Moro e Natalia Titova


stef

Amici15: Ricomincia  il talent show più famoso della tv e  ideato da Maria de Filippi  ma con delle novità nel suo cast.

Si partirà con Amici 15 Casting che debutterà su Real Time nel corso dei primi giorni di novembre (mentre il talent show ritornerà il sabato pomeriggio a partire dal 21 novembre 2015) . La prima novità è rappresentata dal ritorno di Stefano De Martino, ex allievo della Scuola (nel 2009 ndr), ex fidanzato di Emma Marrone e già ballerino professionista ad Amici nel 2012 e oggi marito “felice” di Belen, che guiderà e farà da supporter agli aspiranti allievi ballerini  insieme a  Marcello Sacchetta dal 2013 apprezzato ballerino professionista ad Amici.

Altra novità ll pubblico la troverà  tra i Professori, due infatti le new entry: il cantautore  Fabrizio Moro che prende il posto da Francesco Sarcina che “lascia” dopo solo un anno  e, tra i maestri di Ballo  di Natalia Titova, moglie di Massimiliano Rosolino che transita direttamente da Ballando Con Le Stelle.

Sul fronte coach, Emma ed Elisa dovrebbero essere riconfermate per il secondo anno consecutivo come alla guida delle squadre bianca e blu per il Serale che debutterà il sabato sera su Canale 5 non prima del mese di marzo 2016.

by Ponyo 

Valerio Scanu ritorna ad Amici13 e si racconta.


valerio-scanu-amici-13-daytime-620x345

Arrivati alle battute finali di Amici13 nel day time su  Real Time di oggi 20 maggio 2014, tempo di verifiche per i quattro finalisti. La Celentano è soddisfatta dell’esibizione improvvisata  di Vincenzo Durevole che si esibisce in un chachacha con Giovanna (sua fidanzata) e della loro intesa al solo sguardo.Poi il ballerino si esibisce in un “assolo” sulle note di Caruso e ancora una volta convince la Celentano che sorride soddisfatta.

Deborah Iurato viene sottoposta ad una prova di intonazione sul brano Empire state of mind che supera brillantemente e si dichiara soddisfatta della sua ritrovata forma fisica  “Mi sento più sicura sul palco”. La Di Michele le chiede qual è il mondo che l’appartiene di più. Lei: “Il rhythm and blues”. E canta Think

Ed ecco Valerio Scanu, il cantante aveva anticipato la sua partecipazione ad Amici,sorprendendo i suoi fan fin da ieri sera lasciando il suo Scanu Mondo in fermento e in trepida attesa come sempre capita ad ogni suo passaggio televisivo. Su twitter non sono mancati  i commenti dei soliti detrattori a cui si è accodato qualche blogger unito ad essi nella mancanza di originalità e ossessiva ripetitività smentita nei fatti e nel contenuto del percorso di Valerio Scanu.

Il cantautore ripercorre la sua esperienza all’interno della Scuola e si emoziona, si intrattiene con i ragazzi delle due squadre, bianchi e blu, in un confronto di esperienze che parla dei  loro esordi canori fin da bambini. Valerio racconta di quando cantò in pubblico per la prima volta la colonna sonora di Titanic all’età di 8 anni , (gli fa eco Deborah: “Anch’io My heart will go on a 10 anni!”). Poi entrambi si esibiscono nel   brano di Celine Dion. Valerio continua il suo racconto a 11 anni faceva  il pianobar e a 12 la sua partecipazione a Bravo bravissimo di Mike Bongiorno che lo consacrò vincitore col brano di Alex Baroni  Cambiare che esegue. A 13 anni Canzoni sotto l’alberoAlessio Bernabei dei Dear Jack  interviene e ricorda quando da piccolo cantava le canzoni dei cartoni animati. Canta un pezzo de Il mondo è mio.

Valerio poi  racconta della sua partecipazione ad Amici8, un racconto dal sapore dolce-amaro, ricorda i provini e il percorso non sempre facile nel talent show di Maria De Filippi e quindi canta il primo inedito ricevuto, Sentimento (certificato platino ndr). Alessio accenna Domani è un altro film, Deborah Danzeremo a luci spente. Ancora Valerio, cita i successi dopo Amici e la vittoria del Festival di Sanremo 2010 con Per tutte le volte che... (canta). Alla fine spiega i motivi che hanno determinato l’abbandono della casa discografica, i rapporti tesi, la mancanza di progettualità  per uno sviluppo artistico che in sostanza si concretizzava nella mancanza di interesse ad investire su lui. Questi i motivi per cui il cantante ha deciso di autoprodursi dando una svolta al suo percorso (attualmente possiede una sua etichetta discografica NatyLoveYou con cui ha prodotto il disco di inediti Lasciami Entrare che ha richiesto un anno di preparazione ndr) . Valerio oggi è soddisfatto di quello che fa tanto che asserisce:  la musica viene prima del business, è tosta ma appagante”.

I prossimi appuntamenti del cantante: http://wp.me/p2K1pn-2jv

“AMICI” 13: PARTENZA SENZA BOTTO (29/03/2014) … MA MARIA NON SI SCOMPONE


Gabry-Ponte-ad-Amici-di-Maria-De-Filippi

Diciamolo, i rotocalchi che annunciavano, con congruo margine di anticipo, la prima puntata di “Amici”, al via sabato scorso, sembravano aver conservato al calduccio il pezzo trionfalistico “standard”, debordante di espressioni iperboliche sul “talent”, confezionato su misura e bell’e che pronto nel cassetto, in attesa di imminente utilizzo e infatti, una volta usciti, hanno dato l’impressione di non aver realizzato altro che dei “copia/incolla” per quanto erano spersonalizzati, uno a caso (“Vero TV” n. 12 01/04/2014) usava questi toni: “Concorrenti di altissimo livello, ospiti straordinari e un inconsueto pizzico di mistero: ecco gli ingredienti della fase serale di –Amici 13-“ e sottolineava il “Record di ascolti (del pomeridiano) dal lunedì al venerdì su Real Time alle 13.50 e il sabato su Canale5 alle 14.10” puntando, sulla fiducia, a “scatola chiusa”, sull’ennesimo “colpaccio” che avrebbe messo a segno la “corazzata De Filippi”, grazie all’introduzione di trovate a sorpresa particolarmente azzeccate e inedite “Proprio in questi giorni, presso gli Studi Elios di Roma, dove si registra la trasmissione (ndr non va in onda in diretta), si stanno mettendo a punto coreografie innovative, fiore all’occhiello di un serale che, ancora prima di cominciare, promette di fare scintille”, sarà andata come anticipato da più fonti?Non esattamente, gli ascolti hanno sicuramente disatteso i pronostici, con un’ ”audience”, di 4 milioni e 600mila telespettatori (21,17%), di poco sopra “Ti lascio una canzone”, 4 milioni e 223mila (18,89%), inferiore alle aspettative che sarebbe lecito nutrire per il ritorno di una delle trasmissioni-pilastro di Mediaset, che, sulla carta, oltretutto, non avrebbe dovuto quasi incontrare concorrenza, visto che la gara canora dei bambini di Antonella Clerici va avanti stancamente e ripetitivamente da troppe puntate e il rischio concreto di un esodo massiccio, se non altro per respirare “aria nuova”, oltre che per curiosità, da parte del pubblico, da Raiuno a Canale5 era certamente molto alto.

Non si può dire, inoltre, che non si fosse “apparecchiata” una puntata coi fiocchi, infatti, senza badare a spese (osiamo supporre assegni a parecchi zeri), si sono calati da subito tutti quelli che nel gioco delle carte si chiamano “i carichi”, che di solito si conservano per il momento più propizio, “superospiti” del calibro del bellone mozzafiato hollywoodiano, fresco di conquista dell’Oscar, Matthew Mc Conaughey, la “star” internazionale della canzone Anastacia (85 milioni di dischi venduti) e poi “divi” popolarissimi di casa nostra, il comico campione di incassi Checco Zalone, i “big” della musica leggera Renato Zero e Fiorella Mannoia e uno dei gruppi “pop-rock” più seguiti e richiesti dai giovani e non solo, i “Modà” eppure qualche meccanismo, alla luce degli esiti tutt’altro che “esplosivi”, non ha funzionato a dovere. Sul Web, gli “habitués” del programma, delusi, ribadiscono che i veri protagonisti dello “show”, i ragazzi della “Scuola” sono relegati a funzione di semplice elemento accessorio e che la centralità dello spettacolo è riservata ad attrazioni internazionali e nazionali, che disperdono inevitabilmente l’attenzione di chi guarda e che fra i concorrenti di quest’anno regna una certa “opacità”. E Maria De Filippi come la vede?non appare impensierita più di tanto (da “Blog.you-ng.it”)

“Sono contenta (ndr si riferisce alla prima puntata) … il sabato sera non c’è esattamente il pubblico più indicato per –Amici- (più o meno lo stesso, in fondo, dell’anno scorso, eppure allora è andata palesemente meglio: sabato 06/04/2013, prima puntata di –Amici12- 5 milioni e 280mila spettatori e share 23,3%). Io cerco di fare un programma che non mi annoi e che non annoi”. Contenta lei … comunque vada, l’ultima parola spetta sempre e solo al telecomando …

 

[Articolo a cura di Fede]

Alessandra Amoroso sarà direttore artistico di Amici nel 2015


maria e ale

Alessandra Amoroso, nella puntata di sabato 15 febbraio di Amici è stata ospite di Maria De Filippi, la salentina, leggermente più in carne e “imbellita” da numerosi tatuaggi, ha cantato il suo terzo singolo “Non devi perdermi” estratto dall’Album “Amore Puro” prodotto da Tiziano Ferro. Maria, questa volta, rilassata e seduta sul divanetto  ha assisto all’esibizione visibilmente orgogliosa e raggiante per scattare subito in piedi a fine esibizione nell’evidente e incontenibile voglia di comunicarle, con largo anticipo e a sorpresa, la promozione a direttore artistico di Amici nel 2015.  “Dai…” risponde l”Amoroso, ma, intanto l’accordo viene sancito  e quindi tacitamente accettato  con una poderosa stratta di mano fra le due, tanto da far immaginare  che la frase  di Maria che ha accompagnato la stretta:   “puoi sempre cambiare idea…” possa essere …una improbabile ipotesi.

Un percorso decisamente “assistito” quello di Alessandra Amoroso che da allieva della Scuola passa a cantante di successo e poi a  direttore artistico di Amici , in  un percorso “unico” che senza false ipocrisie è  sempre stato guidato dall’occhio attento e vigile di Maria De Filippi che perso lo smalto di “Sanguinaria” ha assunto  le vesti protettive, più rassicuranti e umane di “mamma di tutti” e fra tutti, “mamma speciale”  di Alessandra Amoroso.

Che dire allora?...Tanti auguri “mammina” cara…

“SE NON HAI CARATTERE -SEI FUORI!-” PAROLA DI LUCA ZANFORLIN O…. FLAVIO BRIATORE?


zanforlin

In occasione del debutto, dopo 12 anni, del “day time” di “Amici” su Real Time, il suo storico autore, oltre che conduttore di tale striscia quotidiana -oggi della durata di quasi un’ora- Luca Zanforlin (48 anni) è stato intervistato da “Telesette” (n. 3 19-25/01/2014) in merito alle qualità di carattere indispensabili agli allievi della “scuola più famosa d’Italia”, al loro duro lavoro, agli ostacoli e ai disagi più comuni che incontrano e lui non ha avuto esitazioni “Quando arrivano ad –Amici-, abituati a essere considerati nel proprio ambiente delle eccellenze, appaiono sicuri di sé. Il primo trauma è il confronto con gli altri talenti …. ecco perché, durante le due settimane iniziali, scoppiano i drammi. E mentre i veri artisti, di fronte alle difficoltà, si impegnano per emergere, gli altri soccombono …” e ancora “-Amicirappresenta, per gli aspiranti ballerini e cantanti, una finestra temporale che permette di sperimentare la propria personalità e forza caratteriale. E non solo, consente di capire se si è pronti ad affrontare un lavoro che implica sacrificio, imprevisti e audizioni”. Voler spiegare e motivare così successi e insuccessi dei ragazzi, a dire il vero sembra “pertinente” fino a un certo punto con il contesto in cui ci muoviamo, ma stiamo parlando di “Amici” o di “The Apprentice”, di cui è giudice Flavio Briatore, il “talent” per giovani “rampanti” e “carrieristi” pronti per la “scalata al potere”, fra i cui modelli ispiratori non può mancare il disumanizzato e cinico “squalo” dell’alta finanza Gordon Gekko (ndr: personaggio del film “Wall Street” del1987), ai quali si richiedono, essenzialmente, attributi granitici, ego smisurato, sangue freddo, lucidità e spregiudicatezza?Niente di più distante dal mondo artistico in cui intendono inserirsi gli aspiranti concorrenti di “Amici”, ma, in definitiva, quanto può contare avere “carattere” in tale trasmissione?Conta, ma non è prevalente, forse i requisiti da anteporre sarebbero altri e si chiamano “sacro fuoco”, passione, entusiasmo, dedizione e ovviamente, quel dono naturale che, non c’è verso, o lo si possiede o no, va sotto il nome di “talento”, accanto, evidentemente, a una buona dose di determinazione e autostima. E’ricorrente, però, durante la permanenza nella “scuola”, che anche le più tenaci spinte motivazionali e i migliori progetti e propositi che animavano in partenza i ragazzi inizino a vacillare e questo è largamente imputabile agli adulti del “cast” con cui essi si rapportano, che, spesso, non avvertendo il peso dell’enorme responsabilità di lavorare con del “materiale umano” costituito da giovanissimi, con una personalità non completamente formata e “in evoluzione” e ancora non dotati, vista l’età, di un carattere così “temprato” e in grado di resistere a qualsiasi urto, anziché fare loro da scudo e argine nelle occorrenze in cui i concorrenti si confrontano maggiormente con le proprie, giustificabili, fragilità e temporanee inadeguatezze (nessuno di loro è “Superman”), di fatto, invece “stanno a guardare”, oppure fomentano fra loro rivalità e inimicizie e anche certe loro sentenze “trancianti” e implacabili in seno alla giuria giocano un ruolo tutt’altro che trascurabile in questi disagi. E sicuramente non si può dire che giovino ai ragazzi certe dinamiche e meccanismi di gara “spietati”, o ancora di più le “sfide” con i colleghi in cui sono coinvolti, che assai di frequente si risolvono in un vero e proprio “bagno di sangue” e che metterebbero a dura prova chiunque, generando una pressione competitiva sfrenata, un eccessivo stress psicologico e, in qualche caso, crolli emotivi. Ma alla fine del percorso, almeno, il talento autentico, riesce a conquistare la partita? Purtroppo, non sempre, l’impressione è che si cerchi di scoraggiare, sminuire e affibbiare etichette riduttive, difficili da estirpare, anche a tanti ragazzi obiettivamente validi, ma che non sono fra i “prescelti”, in modo da favorire la loro uscita “pilotata” dalla trasmissione in tempi prestabiliti, operazione concordata preventivamente “come da copione”, contro cui nessuna “fermezza” e “incrollabilità di carattere” possedute, né amore sconfinato per la propria disciplina specifica potrebbero nulla.

Marco Mangiarotti è stato, tempo fa, molto duro verso un gruppetto di studenti di “Amici”, a suo avviso, particolarmente ingrati (da “Tv-Blog.it 10/11/2010): “Questo programma vi risparmia 10 anni di gavetta”, non tenendo conto di un dato di fatto, chi esce prima della “finale” se ne va generalmente con le “ossa rotte” (il “talent” non si accontenta di “interrompere il rapporto” unicamente con il “danno”, c’è anche la “beffa”) e faticherà notevolmente a trovare ingaggi, salvo rari casi, d’altra parte, gli stessi “finalisti”, talvolta, non hanno sorte migliore, a questo punto, sebbene sia una strada molto impervia, davvero, di gran lunga, meglio la temutissima “gavetta”, che consente una crescita e una maturazione professionale e personale “step by step”. In chiusura dell’articolo di “Telesette”, Luca Zanforlin sostiene che gli è stato molto difficile “Trovare un equilibrio tra programma (‘Amici’) e realtà” con sufficiente distacco emotivo, tanto che “All’inizio mi portavo a casa i drammi dei ragazzi, con il risultato di annullare me stesso … “. C’è da credergli?

[Articolo a cura di Fede]

Maria De Filippi come Valerio Scanu vs le case discografiche


mariad

Prima di Valerio Scanu anche Maria De Filippi aveva preso posizione contro le case discografiche. In una recente intevista rilasciata a La Repubblica il cantante,  secondo ad Amici e vincitore del Festival di Sanremo 2010, ha dichiarato: “Chiunque acquisti notorietà grazie a un talent show corre il rischio di essere usato o poi gettato via dalle major del disco” spiega. “Ad Amici questo rischio riguarda oltre il 95 per cento dei casi”.

Ed ecco la classica ciliegina sulla torta questa volta ad opera della stessa  Maria De Filippi  che in una  sua intervista rilasciata a Vanity Fair,  nel maggio del 2012, sembra supportare le parole dell’ex allievo della “sua” Scuola:

Ho visto i discografici lavorare male con i ragazzi che alla fine mi sono imposta di seguirli io, personalmente. Li prendevano, li usavano per un paio di mesi e poi li mandavano a casa con un calcio nel culo“, afferma senza mezzi termini la presentatrice. “Cerco di dare ai ragazzi buoni consigli anche contro la volontà delle loro case discografiche. E loro, sapendo che non ho interessi economici, si fidano di me. Non prendo un euro dai loro prodotti discografici e, finchè lo vorranno, io per loro ci sarò. Per me è troppo importante che non finiscano male: non voglio più leggere che li ho mollati”, aggiunge poi la De Filippi. La conduttrice, infine, dice di essere fiera di tanti dei cantanti che ha lanciato lei tramite il suo talent show.

val

Valerio Scanu, conosciuto per non avere peli sulla lingua, ha detto quindi una verità  che trova conferma nelle dichiarazioni di Maria De Filippi, verso la quale invece, il cantante ha sempre avuto parole di riconoscenza e gratitudine inserendola sempre nei ringraziamenti finali durante i suoi concerti. In una recente intervista a Tiscali Valerio le riconosce pure un  tentativo di interessamento nei suoi confronti:

“… anch’io avrei potuto avere l’appoggio di Maria e della sua struttura produttiva se ci fosse stata comunicazione tra lei e la casa discografica. Ma il problema è che a un certo punto i rapporti si sono rotti perché la casa discografica non teneva mai conto di ciò che si era già deciso in precedenza. Così Maria ha alzato le mani e si è messa da parte”.

Peccato, chissà come sarebbe stato il suo percorso sotto la protezione di Maria?  Chissà se il buon Mangiarotti, giornalista assiduo frequentatore della sua Scuola,  avrebbe sostenuto ancora, come è capitato ieri sulle pagine de Il Resto del Carlino, che senza Marco Carta e Valerio Scanu , la vittoria del Festival di Sanremo sarà più vera.

Naturalmente eviteremo di riportare il resto del contenuto dell’articolo,  tenuto conto che la considerazione viene da chi subito dopo la vittoria di Valerio Scanu al festival di Sanremo ha sostenuto nella prefazione al libro Valerio Scanu “Quando parlano di me” di cui è l’autore:

Valerio è tutto fuorchè un bluff “ e ancora: Durante l’anno Maria mi chiese: “Chi ti piace?” Risposi: All’inizio Alessandra, poi ho scoperto Valerio.”Ma è piccolo,non parla mai” obiettò lei con affetto. Puo’ vincere? Io risposi  “Non lo so, ma è intelligente, ironico ha una gran voce. Quindi un futuro”.

E infatti il futuro Valerio Scanu se lo sta costruendo, ma da solo. Lasciata la sua vecchia casa discografica oggi possiede un’etichetta discografica la NatyLoveYou con la quale ha in uscita il 28 di gennaio il primo disco completamente autoprodotto “Lasciami Entrare”  diverso dai precedenti lavori, un popelettronico che accompagna testi per la maggior parte autorali,  orecchiabili e radiofonici e chissà? A questo punto Valerio è libero e …Maria sta sempre là…

Il Day Time di Amici di Maria De Filippi dal 13 gennaio su Real Time


amici13

Come risaputo il pomeridiano  del talent show di Amici13 di Maria De Filippi   “trasloca” a  partire dal 13 di gennaio 2014 da Mediaset a Real Time, la rete del gruppo Discovery Italia al canale 31 del digitale terrestre  con cui la Fascino, compartecipata Mediaset al 50%, ha definito recentemente un’accordo progettualmente mirato alla semplice apertura al mercato e sperimentazione verso nuovi scenari competitivi, in cui il marchio di Amici andrebbe a configurarsi per caratteristiche, come detto in una nota del  gruppo.

Pertanto dal lunedì a venerdì ore 13.50 ,con Luca  Zanforlin voce narrante,   la striscia di Amici del day time andrà in onda su Real time – senza presenza in video di Maria De Filippi che continuerà a mantenere l’esclusiva Mediaset per la diretta del sabato pomeriggio e le puntate di ‘prime time’.

Tuttavia, al di là dei contenuti delle note “ufficiali” del gruppo, di fatto il talentshow più famoso e longevo d’Italia registra attualmente un calo di ascolti e questo, secondo i rumors  che circolano in rete  sarebbe il motivo che causato il taglio spese al programma defilippiano per eccellenza, scelta che avrebbe provocato il “risentimento” dalla storica conduttrice che mediterebbe di “emigrare” al concorrente maggior competitor del Biscione, Rai1.

Il 30  dicembre sono andati in onda i promo di Real Time  nei quali alcuni volti noti della Scuola tra cui le immancabili salentine Alessandra Amoroso, Emma Marrone insieme a Lorella Boccia e Moreno si sono  alternati con gli aspiranti cantanti e ballerini dell’edizione attuale nel rilasciare qualche dichiarazione:  

Emma: La vincitrice della nona edizione del talent show ha sostenuto:

Amici è stato il passo decisivo per poter dire ‘Ciao, sono Emma e voglio fare la cantante per tutta la vita’.

Alessandra: La trionfatrice (a sorpresa ndr) di Amici 8 ha invece spiegato:

Amici è stata una grande esperienza. Ha dato un nome e un cognome alla mia passione: la musica.

Nel promo, come detto, si ascoltano anche frammenti di testimonianze del rapper vincitore  e della ballerina  della dodicesima edizione, che abbiamo visto nella veste di co-conduttrice di Colorado.

Insomma.. sempre la solita minestra! Basterà il passaggio al digitale per risollevare gli ascolti di un programma ormai… stantio?

MOMENTACCIO PER MARIA DE FILIPPI: MORGAN, MEDIASET E….. ALTRI ACCIDENTI impicci, fastidi, seccature, noie, crucci, contrarietà


morgan

Non si direbbe proprio un periodo esaltante, quello attuale, per Maria De Filippi sotto più di un punto di vista. A crearle qualche malumore pare abbiano contribuito le dichiarazioni “shock” che, come segnala la rivista “Nuovo” (n. 51 26/12/2013), Morgan, giudice di “X-Factor”, ha recentemente rilasciato al quotidiano “Il Messaggero” e che la chiamano in causa; il musicista, come di consueto, viene fatto notare, “diretto”, “spavaldo” e senza mezzi termini, ha lanciato il suo pacco-bomba, accusando la conduttrice di aver creato una specie di “monopolio” della musica e della Tv “In giro aleggia un torpore –defilippico- c’è un regime nell’ombra … -Amici- l’ho sempre detto, per me è una baracconata. Ricordo che il mio scandalo (ndr:l’esclusione da Sanremo 2010) è nato dopo un’intervista in cui parlavo male di quel talent. La De Filippi rispose dicendo di non conoscermi …” L’ex leader dei “Bluvertigo” aggiunge che, purtroppo, l’accesso al festival gli sarà sbarrato (anche altri artisti si trovano nelle sue stesse condizioni, non per puro caso) finchè sussisterà questa ingerenza in profondità della signora nell’ambiente musicale. Si attende ora la replica dell’interessata.

maria-default

Ma i grattacapi per la De Filippi non finiscono qui, voltando pagina, sempre su “Nuovo” (n. 50 18/12/2013), numero precedente, si richiamano altre circostanze avverse affrontate ultimamente dalla “regina del talent”, già reduce dalla grande paura per la malattia e successiva convalescenza del marito, oggi fortunatamente fuori pericolo e si tratta delle voci insistenti sugli attriti che la vedrebbero tuttora contrapporsi ai vertici dell’azienda di Cologno Monzese con cui collabora da anni e persino con Piersilvio Berlusconi in persona.

La De Filippi si sarebbe lamentata pubblicamente fin da aprile per i tagli al “budget” riservati alla sua trasmissione-ammiraglia, “Amici”: “-Amici- ha dovuto rinunciare a tre mesi di programma, all’orchestra di42 elementi e alla finalissima all’Arena di Verona in un’ottica di risparmio ….” E per completare il quadro ha concluso “A Mediaset interessa più il format televisivo … logiche non strettamente compatibili con quelle didattiche o musicali … una strategia che comprime un aspetto decisivo per –Amici-: le lezioni…”

Il risultato del fuoco incrociato con la struttura è stato che dopo tredici anni di esclusiva Mediaset, dal 13 gennaio il “day time” di –Amici- sarà trasmesso da una rete concorrente, Real Time, del gruppo Discovery Italia sul digitale terrestre, condotto da Luca Zanforlin, a Canale5 rimarranno solo le dirette del sabato pomeriggio e le puntate del serale. Che le due parti si stiano avviando inesorabilmente verso il divorzio?

E’prematuro dirlo.

E “dulcis in fundo” è di questi giorni la notizia (su “Top”) che una delle storiche “pupille” di Maria, Alessandra Amoroso, si è recata in pellegrinaggio a Medjugorje, ma come, nemmeno lei sa più a che santo, anzi, “santa”, votarsi? Forse è davvero il caso che la De Filippi corra al più presto ai ripari.

Questa è la foto che circola in rete e  testimonia la presenza della salentina nel luogo di pellegrinaggio…

alessandra amoroso-medjugorje-top-anteprima-600x571-986514

[Articolo a cura di Fede]