riciclo

Fantasia senza confini: Quando il riciclo diventa arte


Le forme di espressione dell’arte sono molteplici, in questo blog trattiamo quella “canora” ma oggi , apriamo la giornata con un articolo insolito per il blog dedicato ad una altra forma espressiva dell’arte quella della inventiva, della fantasia applicata al riutilizzo di oggetti di uso quotidiano quali cucchiai e forchette di una giovane mente  che ha fatto del riciclo la sua arte.

  • Giovanni Scafuro è nato a Napoli e ha appreso “l’arte” da una scuola di “bottega” frequentando i laboratori di ceramisti, fabbri e falegnami. L’incontro con Guido Puca, architetto, artigiano e designer  è stato fondamentale per il giovane perito tecnico e per la formazione di disigner  e in particolar modo per lìapprendimento di alcune tecniche di lavorazione manuale di diversi materiali e del loro uso.

Guardare le cose in un altro modo con semplicità ed ironia diventa l’imperativo di Giovanni, che presto apre un atelier in zona Tortona a Milano. La sua filosofia è quella di liberare gli oggetti della quotidianità senza però spogliarli della loro funzionalità, per ricollocarli, brillanti di una nuova vita, nell’uso giornaliero.

E così che le posate si mescolano e si aggrovigliano in un lampadario, una forchetta impugna il coperchio di una biscottiera, un cucchiaio si unisce a dei piattini per formare dei candelabri e un mestolo diviene un delizioso porta fiore.

Ecco alcune sue creazioni:

lampadario

biscottiera

portafiore

candelabri

 

anello

bracciale

ciondolo